M5s, la stoccata di Casaleggio: “Spero non attacchino Rousseau per abbattere la regola dei due mandati”

Il presidente dell’Associazione che gestisce la piattaforma digitale del Movimento auspica che i mancati pagamenti a Rousseau non abbiano l’intento di portare a una revisione delle regole grilline, come il limite del secondo mandato

(open.online) – Domani, 12 aprile, saranno passati cinque anni dalla morte di Gianroberto Casaleggio. Ai microfoni di Lucia Annunziata, Davide Casaleggio, presidente dell’Associazione Rousseau, ha esordito parlando del padre: «Il suo pensiero era centrato sull’uomo, pensava che ci fosse bisogno di un nuovo umanesimo, olivettiano per quanto riguarda le aziende. E anche un umanesimo tecnologico, con le macchine che aiutano l’uomo e non lo sostituiscono. E un umanesimo ambientale ed ecologico». «Mio padre – ha continuato il presidente di Rousseau – non pensava di fondare un movimento politico, ma era indignato dai fatti che leggeva, essendo un grande lettore. Si indignava per questi fatti perché erano determinati da interessi diversi da quelli dei cittadini: da Paesi stranieri o addirittura interessi personali. Il Movimento 5 stelle non aspirava ad arrivare al governo, è stata un’evoluzione naturale».

Arrivando alle questioni attuali, e dunque alla fase di rottura che stanno vivendo i 5 Stelle dell’associazione Rousseau, Casaleggio ha fornito la sua versione di ciò che sta accadendo: «C’è un grande dibattito su grandi tematiche politiche, che è anche giusto ci sia. Altra questione è entrare nel merito delle regole e mettere in difficoltà finanziaria Rousseau per mettere sul tavolo il terzo mandato o le candidature dal basso». Un’accusa, neanche troppo velata, ai vertici del Movimento. «Penso che oggi c’è stato un intento di mettere in difficoltà finanziaria Rousseau e spero che il motivo non sia quello di mettere sul piatto le regole che hanno caratterizzato il Movimento. A pensare far male si fa peccato ma…», ha ribadito il presidente dell’associazione che gestisce la piattaforma digitale dei grillini.

«Penso che non sia la direzione giusta che il Movimento diventi un partito, con un’organizzazione dell’altro secolo – ha detto, in chiusura, Casaleggio -. Mio padre ha sempre pensato ai 5 Stelle come movimento, ben diverso dall’organizzazione di partito del Novecento. Forse non sono più di attualità neanche i movimenti. Oggi si parla di platform society. È il momento, per il Movimento, di virare nella direzione giusta – ha concluso – verso una struttura di movimento olocratica, dove il potere è diffuso su tutta l’organizzazione».

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

13 replies

    • L’erede, il nuovo guro: È il momento, per il Movimento, di virare nella direzione giusta – ha concluso – verso una struttura di movimento olocratica, dove il potere è diffuso su tutta l’organizzazione».

      “In un’impresa che pratichi l’olocrazia, il lavoro si distribuisce in ruoli che si aggiornano di frequente. In questo modo, gli impiegati hanno piena autonomia per decidere come sviluppare le proprie funzioni a meno che la preferenza non danneggi i colleghi.

      Olocrazia , applicata alla politica – “La partecipazione diretta al governo di tutti quanti indistintamente i cittadini”

      Perfetto per Italia, la soluzione finalmente ,tutti insieme indistintamente

      "Mi piace"

      • @Tracia

        Ti consiglio vivamente di pensare alla tua di MERDA. Che non ti bastano 12 camion con cassone per trasporti eccezionali per rimuoverla tutta.

        Parlaci del TUO SILENZIO in salsa feccia piddina su quel massone di lotti and company, prima di insegnarci la SOLUZIONE FINALE per l’italietta.

        Il tuo silenzio non fu a noi MAI così tanto caro. E comunque obbligatoriamente più apprezzabile rispetto alle tue stronzate FARSESCHE, sparate con troppa superficiale disinvoltura, considerando la sintesi finale: il tuo ridicolo sproloquiare alla cazzo di cane su supercazzole molto più grandi di te.

        "Mi piace"

    • Casaleggio si riferisce alla OLOCRAZIA non alla OCLOCRAZIA

      OCLOCRAZIA – Predominio politico delle masse, che fanno valere le proprie istanze con agitazioni di piazza imponendosi sul potere legittimo e sulla legge stessa; secondo Polibio, in cui appare per la prima volta il termine, la forma degenerata della democrazia.

      OLOCRAZIA – La partecipazione diretta al governo di tutti quanti indistintamente i cittadini.

      "Mi piace"

  1. C’è bisogno anche delle utopie per migliorare l’umanità.Se per crescita s’intende divenire un partito con le caratteristiche conseguenti meglio restare “immaturi” e continuare a coltivare i valori che ci hanno contraddistinti.

    "Mi piace"

  2. x Andrea

    Questa frase non è mia ,ma di un uomo, non vale naturalmente per tutti ,ma per te e perfetta:

    “Dio ha dato agli uomini sia un pene che un cervello, ma purtroppo non abbastanza sangue per poterli irrorare entrambi
    contemporaneamente”

    LEU – please

    "Mi piace"

    • per me che tu sia leu oppure feccia piddina, sempre boldrini o lotti sei.

      Scegli chi sei tra lotti o boldracca.

      La coscienza è la tua, NON la mia.

      p.s
      Siete “laici” e nemmeno avete la decenza di rispettare il nome di Dio invano, però inorridite per una parolaccia. MI FATE ORRORE. MI FAI ORRORE. Se quella frase la scrivi sulla carta igienica prima di pulirtici il culo fai più bella figura. Perchè quello è il senso che ha.

      "Mi piace"

  3. Sempre ridicola rimane la tesi, l’Italia, non è un azienda.Le parole pesano ma se nessuno le capisce pesano come una piuma.Torno a occuparmi della costruzione di dardi e cerbottana? Finché sopravvivono cittadini che hanno sperimentato la tracotanza e la violenza […], essi stimano più di ogni altra cosa l’uguaglianza di diritti e la libertà di parola; ma quando subentrano al potere dei giovani e la democrazia viene trasmessa ai figli dei figli di questi, non tenendo più in gran conto, a causa dell’abitudine, l’uguaglianza e la libertà di parola, cercano di prevalere sulla maggioranza; in tale colpa incorrono soprattutto i più ricchi. Desiderosi dunque di preminenza, non potendola ottenere con i propri meriti e le proprie virtù, dilapidano le loro sostanze per accattivarsi la moltitudine, allettandola in tutti i modi. Quando sono riusciti, con la loro stolta avidità di potere, a rendere il popolo corrotto e avido di doni, la democrazia viene abolita e si trasforma in violenta demagogia […] Ricorda qualcosa o qualcuno? Un lapsus?

    "Mi piace"

    • Si esatto, ITALIA non è azienda ,ma qualcuno propone l’dea di gestire lo stato con una struttura olocratica

      "Mi piace"