PD, LEU, IV, una buona volta sulle cartelle esattoriali

(Stefano Rossi) – Da molto tempo Salvini e Meloni hanno proposto una pace fiscale; FI si è timidamente accodata a questa iniziativa. Il motivo, che alcuni chiamano populismo spicciolo, è dovuto al fatto che la pandemia ha spazzato via un mondo intero fatto di imprese, società, investimenti, prospettive future. Chi non è d’accordo spesso non ha nulla da perdere, come chi ha uno stipendio ed una pensione al riparo dal covid maledetto.

Da più parti si dice che il centro sinistra è il partito delle tasse, che sono contrari ai condoni, che non difendono le partite iva. Per un attimo azzeriamo tutto e andiamo ai fatti con nomi e cognomi. Il sottosegretario al ministero del Lavoro, Maria Cecilia Guerra, di Leu, dice a proposito di una pace fiscale: “È una cancellazione, quindi ancora peggio di un condono”. Nel 2013, Maria Cecilia Guerra e Carlo Calenda (sottosegretario nel governo Letta, che oggi twitta che la pace fiscale è un condono) facevano parte del governo di Enrico Letta sostenuto anche dai vari Fratoianni, Bersani e tutti quelli che oggi non vogliono il condono con il mantra “le tasse vanno pagate”. Il governo di Enrico Letta decise di fare un condono fiscale non a favore dei cittadini in difficoltà bensì a favore delle società che gestiscono il business delle slot machine per 2,5 miliardi di euro. Ripeto DUE MILIARDI E MEZZO DI EURO!!!

Qui non c’è tempo di narrare quella pazzesca storia processuale, basti sapere che un governo di centro destra privatizzò un settore e diede concessioni senza poi preoccuparsi di scrivere norme stringenti per il controllo di queste infernali macchinette, buone solo per gli ebeti, poi i governi successivi, di centro sinistra, continuarono a brancolare nel buio senza mai porre rimedio ad un settore dove il confine tra il lecito, l’illecito e le varie criminalità non sono labili ma shakerate, ma erano quelli bravi, quelli competenti. Rimane il fatto che queste slot hanno truffato milioni di babbei perché non erano collegate al circuito di controllo e, quindi, oltre a truffare lo Stato, potevano facilmente essere manomesse per le vincite. Poi un giorno la Corte dei Conti avviò delle indagini e, in primo grado, aveva condannato (sentenza n. 214/2012)

10 società concessionarie e alti dirigenti del ministero delle Finanze (che il governo Monti ha poi riconfermato nell’incarico, ma anche qui zitti tutti perché erano i tecnici bravissimi) al pagamento all’erario per 2,5 miliardi di imposte non pagate per non aver collegato le slot al sistema centralizzato per verificare le vincite e, quindi, l’incasso.

Poco dopo arrivava Enrico Letta a palazzo Chigi il quale doveva decidere se richiedere coattivamente i soldi o attendere l’appello e poi forse il giudizio di Cassazione. Quindi, lo Stato, che evidentemente è il primo che non si fida del suo sistema giudiziario, è sceso a compromesso con queste società affinché rinunciassero all’appello esigendo solo il 30% della somma in sentenza. Alcune società hanno preferito accordarsi e pagare la miseria richiesta, altre hanno invece fatto appello. Ma quello che qui interessa è il modus operandi di questi politici di sinistra.

“Definizione agevolata del pagamento” hanno chiamato il condono con queste società che hanno truffato il fisco. Oggi, invece, che la definizione agevolata serve ai cittadini stremati, distrutti, scassati da una pandemia che ha spazzato via un mondo intero, fallite e chiuse milioni di aziende ed esercizi commerciali, azzerate vite e prospettive, lo chiamano condono.

Ma questi di sinistra ci sono o ci fanno? Agevolano i miliardari e frenano quando si trovano i cittadini naufragati? Vuoi vedere che se tutti quelli che devono pagare le cartelle facessero una colletta per raccogliere un milione di euro e donarlo alle fondazioni dei politici alla fine dal condono si parlerebbe di “agevolazione finale per emergenza covid”?

Se funziona, perché no?

8 replies

  1. “un governo di centro destra privatizzò un settore”
    Berlusconi, Bossi, Fini che incassarono un bel pò di soldi dai concessionari col tacito accordo che poi a loro volta si sarebbero rivalsi sui “clienti”, molte società di gambling erano e sono inflltrate o gestite dalla malavita.
    il governo Letta nel 2013 da chi era sostenuto e coperto oltre che da Napolitano?

    Piace a 1 persona

  2. Io non capisco bene il senso dell’articolo né ritengo importante farlo. È rivolto a fatti del passato mentre la porcheria, la solita porcheria, la sempreterna porcheria avviene oggi.
    Un altro altro condono si farà alle spalle di chi paga tutto e a favore di chi paga poco o niente.
    La solita italietta da quattro soldi.
    Destra, sinistra, centro, mezzo centro, simil centro e quei cavolo di sindacati nel mezzo a sbrodolare del nulla.
    Ecco dove viviamo nel Paese degli asini di San Pistillo; dove tutto è una farsa.

    "Mi piace"

    • @Rosario
      Egregio, il provvedimento stesso è una farsa. Riguarderebbe cartelle esattoriali, multe non pagate, bollo auto dal 2000 al 2015. Se in 15
      anni il fisco non è riuscito a recuperare NULLA significa che erano soldi di persone ( vive /defunte) senza auto, case, stipendi, pensioni che non è stato materialmente possibile” aggredire”cioè confiscare, ipotecare, bloccare. Quei crediti sono carta straccia, NON ESISTONO. Stiamo qui a giocare sulle cifre, sui redditi, sui limiti quando si sa benissimo che sono INESIGIBILI. È un’altra colossale CAXXTA per distrarre dai problemi veri.

      "Mi piace"

  3. Ma che pezzo di 💩💩💩 questo giornalista.
    CHIARAMENTE FASCIO LEGAIOLO.
    Adesso chiama in corredo la sinistra per decisioni DI DESTRA di dieci anni fa.
    METTIAMO IN CHIARO LE COSE OGGI.
    Il capitone sciacallo e la fascio coatta peracottara a rotelle Vorrebbero UN CONDONO FISCALE, IPOCRITAMENTE DEFINITO PACE🌈🌈, PER sanare, NON GLI ULTIMI DUE ANNI INFICIATI DIRETTAMENTE O PER TRASCINAMENTO SUI FLUSSI DI CASSA DAL COVID.
    NO!!
    Loro vorrebbero estendere la misura a tutto il pregresso credito vantato dall’agenzia delle Entrate VERSO GLI EVASORI.
    E CHI IN TUTTO QUESTO TEMPO AVESSE REGOLARMENTE PAGATO LE TASSE SAREBBE STATO UN FESSO?
    Criminali, questo siete voi a destra. Ogni occasione è buona per premiare i furbi. È pure grazie alla loro disonestà che sono venuti a mancare i fondi altrimenti destinati a migliorare la sanità pubblica.
    Hanno a loro carico gran parte dei morti da Covid questi assassini.
    MA VOTANO. E I LORO VOTI GIÀ SI SA CHE STRADA IMBOCCHERANNO.

    P. S.
    Perché non hai scritto che pure Jijino si è sintonizzato sulle stesse frequenze del capitone?
    Il liberalmoderato si muove sempre più verso DESTRA, in ricordo della sua appartenenza al Fronte della gioventù da studente liceale.

    "Mi piace"

    • Egregio Jerome, non vale la pena che ti in…quieti. Ti invito a dare un’occhiata alla mia risposta Rosario, qui su. Tutta questa storia è una presa per i fondelli. Sono somme che non si riuscirà mai a recuperare. Più che un condono è l’ammissione dell’inciviltà di molti Italiani e dell’impossibilità del Fisco di agire sul serio.

      "Mi piace"

    • E tu per tener fede alla tua cojonaggine fascio legaiola dimostri di non aver capito un caxxo.
      Oh, babno di minkia, si sta parlando di condoni, che cosa c’entra Biden?
      Scommetto che tu sei un altro esaltato nostalgico del palazzinaro ultra indebitato, quello che ha favorito una strage da Covid in America.
      Più o meno come la lega ladrona in Lombardia.
      Che delinGuente. 🤭🤭🤭🤭🤫🤫🤫🤫😂😂😂🤣🤣🤣🤣

      "Mi piace"

  4. evasione fiscale miliardaria e i responsabili incapaci di porvi rimedio stanno al loro posto?
    forse pure pagati due volte: una dallo stato e l’altra dalla lobby degli evasori che probabilmewnte li pagano pure di più dello stato?
    se non si cacciano via quei complici ne si annidano nello stato non se ne viene fuori…!!!

    "Mi piace"