L’ambiente e la scelta più difficile

(Gaetano Pedullà – lanotiziagiornale.it) – Grillo aveva chiesto a Draghi un impegno concreto, e questo è arrivato con l’annuncio alle associazioni ambientaliste di un super ministero per la transizione ecologica. Una novità che fonde in un’unica strategia tutte e cinque le stelle del Movimento (per chi non ricordasse: acqua, ambiente, trasporti, connettività e sviluppo). Così oggi gli attivisti che voteranno sulla piattaforma Rousseau dovranno fare bene i conti con la loro identità, sapendo chi è Draghi e che il prezzo da pagare è di governare insieme a Berlusconi, Renzi e Salvini, cioè il peggio della politica italiana degli ultimi decenni.

L’alternativa è stare alla finestra, mentre il nuovo ministero andrà a un tecnico magari gradito al Partito degli affari, quello che l’unica cosa in cui è bravissimo a riciclare sono potere e quattrini. In gioco ci sono infatti una settantina di miliardi provenienti dall’Europa (tanti ne sono destinati dall’attuale Recovery Plan) oltre alle risorse ordinarie che gli Esecutivi di Giuseppe Conte hanno aumentato quanto si è potuto, consentendo al ministro Costa (lo stesso in entrambi i governi) di far partire vaste bonifiche ambientali con il decreto Terra dei fuochi, il decreto mare, la limitazione delle trivelle e da ultimo il Superbonus del 110% per le opere edilizie di consolidamento antisismico e per il risparmio energetico.

Tutto questo potrà essere moltiplicato con disponibilità finanziarie finora impensabili, e dunque è comprensibile lo sforzo del fondatore e degli esponenti di punta del Movimento nel chiedere agli attivisti di non disperdere questa occasione. Un appello fatto alla testa e non alla pancia di chi ha dato tanto per una forza politica che avrà tanti difetti, ma di sicuro non la mancanza di memoria sulle privatizzazioni selvagge gestite negli anni ’90 dal Presidente del Consiglio incaricato, per non parlare dei tradimenti dei due Mattei, che per motivi di bottega hanno fatto cadere due volte un premier di innegabile capacità come Conte, grazie al quale oggi abbiamo un mucchio di risorse comunitarie da impiegare. Soldi che rischiano di finire nella mangiatoia dei soliti noti. Signori a cui non pare vero che oggi il Movimento si faccia da parte, lasciandoli liberi di tornare ad arraffare.

17 replies

  1. Sono daccordissimo con Gaetano, di fatto diventa il Ministero che gestisce il Recovery Fund..un super ministero con dentro ambiente, infrastrutture, lavoro..

    Piace a 1 persona

    • Beh se è un Ministero così importante i 5stelle dovrebbero spendere una persona di rilievo tipo Conte che tra l’altro aveva detto di essere interessato alla transizione ecologica

      Piace a 1 persona

      • Tony 1

        Parlate di ministeri e di incarichi.
        Dei TEMI tacete.
        La partitocrazia ha vinto ancora, ora ha assunto nuove sembianze, le vostre.
        Quando il M5S avrà completato la trasformazione, ci saranno molti militanti del posto fisso che si saranno imboscati. Altri militanti interessati non ce l’avranno fatta, avranno leccato e tifato gratis (per un militante interessato è una esperienza terribile, da cui potrebbe non riprendersi più). Gli ultimi, militanti un po’ rincoglioniti ma in buona fede, si accorgeranno che non hanno remato per la rivoluzione ma per una forma ancora più ottusa e ipocrita di restaurazione.
        Cambiare tutto per non cambiare niente.

        Così come guardo i TG per vedere a che livello infimo è caduta l’informazione, leggo i vostri commenti qui per vedere a che livello è caduta la cosiddetta “militanza” che in genere è costituita dagli italiani più ipocriti e famelici.

        Se dipendesse da me vieterei per legge l’iscrizione ad un partito. L’unica militanza dovrebbe essere quella delle idee in cui si crede, anonima come dovrebbe essere una donazione.

        Io vi conosco!

        L’ECOBONUS scritto coi piedi (informatevi, chiedete alle imprese del settore) e la parallela richiesta di un MINISTERO senza parlare di TEMI se non in termini molto generali, mi hanno definitivamente convinto di non votare più il M5S.
        E’ una cazzo di truffa. L’ho iniziato a pensare da tempo, ma ho sempre pensato che la militanza (quella vera) avrebbe indotto i vertici a salvare le apparenze, mi sbagliavo.

        Vi rendete conto che da Maggio 2020, da quando diffusero la notizia che ci sarebbe stata una detrazione del 110%, le imprese del settore, che per quanto piccole devono installare almeno 4 impianti al mese per tenersi in piedi, non hanno più installato nulla dalla fine del primo lock down!!

        MA VI RENDETE CONTO!!???

        I contratti che le imprese avevano fatto sottoscrivere ai clienti disposti ad usufruire del 50% (detrazione prevista per una normale ristrutturazione), sono stati rescissi dai clienti stessi non appena hanno saputo dell’Ecobonus: tanto lo stato me lo regala, in più se ho i soldi guadagno anche il 10%. Hanno addirittura sacrificato l’acconto versato, tanto ci guadagno lo stesso.

        CHIARO FIN QUI?

        Ma l’ECOBONUS, poiché è una legge scritta malissimo perché soggetta a numerose interpretazioni, non ha prodotto un beneamato cazzo in termini di energie rinnovabili e risparmi energetico.

        HA PRODOTTO SOLO UN GIRO IMPRESSIONANTE DI CARTE.

        Ogni volta che lo scrivo, sentissi mai una replica ben argomentata, solo tifo ignorante (e quindi o IDIOTA o INTERESSATO, tertium non datur).

        Molte imprese del settore stanno rinunciando a proporre l’ecobonus (anche perché, in caso di un errore, il rischio è che il cliente finale paghi l’intera spesa che pensava fosse totalmente gratis. Ed è un errore probabile in una giungla legislativa).

        MA SU QUESTI ARGOMENTI NON VI SIETE MAI PREOCCUPATI DI SAPERE SE ERANO VERI O FALSI.
        NON SIETE MAI ENTRATI NEL MERITO DEL DISCORSO.
        MA PERCHE MAI NON ENTRARE NEL MERITO DELLE COSE? SEMPLICE, PERCHE’ SIETE TIFOSI DEL CAZZO! TUTTO QUI.

        ALTRIMENTI SARESTE INTERESSATI AL MERITO DELLE COSE, NON ALL’ESITO DELLE PARTITE PARTITICHE.

        Quindi gli argomenti scomodi, come i vecchi politicanti di merda, li evitate, glissate su questioni scomode perché non sono funzionali al vostro tifo di merda!!

        E poi qui qualcuno ha la faccia da culo di dare del TROLL proprio a me.
        Rileggetevi tutti i miei post da due anni a questa parte, non c’è una incoerenza. Non voglio dire che sto nel giusto né che rimango sempre della stessa opinione, ma non la cambio a seconda di dove tira il vento come fate voi.

        I vostri post, che rappresentano il vostro pensiero, se li mettessi in fila sembrerebbero scritti da persone diverse.

        La coerenza del proprio modo di ragionare è l’unica cosa che distingue il TROLL da un commentatore onesto.

        E molti militanti sono i TROLL per eccellenza.

        INFORMATEVI DEFICIENTI, chiedete ai piccoli imprenditori del settore:
        1) da quando è stato annunciato l’ecobonus quanti impianti hai realizzato?
        2) da quando sono stati emanati i decreti attuativi quanti impianti hai realizzato col 110%?
        3) da quando sono stati emanati i decreti attuativi quanti impianti hai realizzato col 50%?

        Scoprirete che i pochi impianti fotovoltaici installati sono stati realizzati col 50%.

        AVETE BLOCCATO IL SETTORE CON UNA LEGGE SCRITTA A CAZZO DI CANE!!

        E ADESSO CHIEDETE UN MINISTERO, PER FARCI COSA SE NON SAPETE SCRIVERE LE LEGGI?
        SE LE LEGGI SONO SBAGLIATI STANZIARE I SOLDI NON SERVE AD UN CAZZO!

        La conoscete la storia del ““programma nazionale 10.000 Tetti fotovoltaici”.
        Uno sperpero di denaro pubblico che non si è trasformato in kWh di energia pulita ma in mangiatoie pubbliche e private.

        ANDATE AFFANCULO!

        "Mi piace"

    • E posso chiederti che cosa ci farete, col superministero?

      Fammi un esempio di una proposta di legge utile in materia?

      E una volta che l’hai fatta, se sei in grado di sapere cosa serve al settore, chiediti pure a che cazzo serve un megaministero se non per elargire poltrone e incarichi di potere… e qualche bel posto fisso a qualche militante plaudente.

      Al settore servono leggi ben scritte, se non sono in grado di scriverle, come è accaduto con l’ecobonus, a che cazzo serve un ministero?

      Per gestire un gruzzolo? Vi basta sapere che ci penserà Bebbe.

      "Mi piace"

  2. E no!!! caro Pedulla, se vince il si il m5s governa con pd leu e con gli altri voti “al buio” di iv fi e centristi vari.

    "Mi piace"

  3. Oggi segno sul calendario che Pedullà si è ravveduto.
    Poi potremmo parlare dei temi per cominciare a sviscerarli.
    Cosa che l’adepto medio ignorante non è capace di fare perchè prevale in lui il tifo acritico e di appartenenza con i paraocchi.

    STIAMO PARLANDO DI TANTI MILIARDI CHE SE BEN USATI E NON RUBATI INCIDERANNO SUL FUTURO DEGLI ITALIANI, ACCOMPAGNANDOLI IN UNA TRANSIZIONE VERSO UNA NUOVA ECONOMIA CHE, IN PROSPETTIVA, POTREBBERE RENDERE PIU’ RICCA LA NAZIONE.

    Si è posto un quesito ai militanti iscritti senza approfondire il motivo del contendere. Semplicistica richiesta di condivisione delle scelte col nano pedo mafioso, col bomba e con la puttana fasciolegaiola.
    Ma cosa comporti una transizione GREEN NESSUNO LO HA DETTO O SCRITTO.

    Piace a 1 persona

    • @JEROME B.

      Te lo spiego io che cosa serve Jerome nel settore, serve pochissimo.
      Le energie rinnovabili e i sistemi di accumulo oramai si vendono da soli, bastava (se si voleva incentivare il settore portare la detrazione dal 50% al 65%, come è per le pompe di calore).

      L’economia di scala ha abbattuto i costi di moduli, inverter, batterie grazie al Conto Energia (non a caso Made in UE), anche se in Italia nella prima stesura era stato scritto a cazzo di cane dal Governo Berlusconi: incentivava non “l’energia fotovoltaica prodotta” (come è stato nelle successive versioni del Conto Energia) ma solo l’energia fotovoltaica prodotta ed autoconsumata: il risultato quale è stato? Che i proprietari di impianti fotovoltaici, in quel periodo, accendevano i condizionatori e lasciavano le finestre aperte!!
      Uno sperpero di energia pulita e denaro pubblico.

      CAPITO CHE SCIATTERIA?
      E’ CAPITATA UNA COSA ANALOGA CON l’ECOBONUS.
      Ma anziché ragionare sulle criticità dell’Ecobonus, hanno chiesto il mega ministero, sulle criticità hanno taciuto.
      OMERTOSI COME MAFIOSI DI MERDA!

      Se non ci fosse stato l’ECOBONUS, avremmo lavorato, non ci sarebbe stata tutta questa burocrazia incomprensibile e contraddittoria, il cliente una percentuale minima del 35% sul costo dell’impianto l’avrebbe pagata e mi sembra pure giusto, non è mica una CAZZO DI CASA POPOLARE un impianto fotovoltaico. E di tutti questi soldi ne usufruiranno pure i ricchi, che non verseranno un centesimo per i loro interventi MASTER e SLAVE.
      I SOLDI SPESI SI DEVONO TRASFORMARE IN KWH PULITI, altrimenti sono soldi buttati.

      La qualità di una legge in materia la riconosci dal rapporto SOLDI SPESI / KWH PULITI PRODOTTI.

      TI SEI INFORMATO JEROME SU I DANNI PRODOTTI NEL SETTORE DA QUESTO CAZZO DI ECOBONUS?
      Ma non chiedere a quel coglione di tuo cugino, prova a parlare con una impresa del settore, una a caso!
      Cerca di farti una idea precisa, ti interessi di economia è dovrebbe esserti facile.

      SOLO TIFO E CLEINTELE, CHE POLITICA DI MERDA!
      SONO NAUSEATO.

      "Mi piace"

      • @andreaex
        Si Andrea, mi sono informato sul superbonus 110%.
        Ho il vantaggio di un cugino ingegnere che sta seguendo la materia in modo professionale PER LAVORO.
        Avendo la necessità di cambiare gli infissi esterni della mia abitazione avevo chiesto approfondimenti già nel corso del 2020.
        Lui mi ha consigliato di restare fermo fino all’uscita dei Decreti attuativi. E oggi ci siamo.
        La legge parla innanzitutto della possibilità di finanziare più interventi che abbiano come fine il risparmio energetico.
        E puoi intervenire ad esempio con la sostituzione degli infissi, come nel mio caso, SOLO DOPO un intervento con tecnologie “TRAINANTI”, tipo un cappotto termico esterno, una caldaia a condensazione o una pompa di calore.
        A questi potresti allegare altri lavori di rinforzo per usufruire SEMPRE del rimborso al 110%.
        I pannelli fotovoltaici verrebbero accettati per le pompe di calore, che sono elettriche e lavorano comprimendo un gas come un normale condizionatore a doppia fase, caldo/freddo.
        Se invece tu i panneli li volessi installare per produrre energia elettrica da rimettere in rete quando è in eccesso e non la usi, con sconto in bolletta, il bonus scenderebbe al 55-65%.

        Io non lo vedo come una truffa. E c’è la Borsa a testimoniarmelo.
        Non so se tu abbia conoscenza, anche attraverso la pubblicità che passa su molte tv private regionali, della società SCIUKER, produttrice di infissi.
        Questa ha stipulato tantissimi contratti di fornitura infissi esterni per condomini, perchè gli amministratori hanno proposto di fare lavori con cappotto esterno, elemento trainante, vernici speciali, cambio delle caldaie e naturalmente degli infissi. Visto che per i beneficiari E’ gratis.
        Bene, sappi che Sciuker in borsa IL 16/3/2020 VALEVA 0,60 cent ad azione.
        Oggi 11/2/2021 vale 5,50€ ad azione. Cioè il suo valore è cresciuto di NOVE VOLTE IN UN ANNO.
        1.000€ investiti allora oggi ne valgono 9.000. E 10.000 ne valgono 90.000.
        TUTTO GRAZIE AL SUPERBONUS.

        Ma la transizione verso un GREEN Economy proposta dal Recovery Plan propone tante altre cose.
        E NESSUNO NE PARLA.

        P.S.
        Per caso lavori nel settore delle energie rinnovabili?

        "Mi piace"

    • @Jerome B.

      Lavoro nel settore da oltre 10 anni, collaboro con le imprese del settore, occasionalmente anche del nord.

      Sei male informato Jerome, stasera se non sono troppo stanco replico, il cantiere ora chiama.

      "Mi piace"

      • @andreaex
        Sono parte in causa e senza garanzie NON MI MUOVO.
        E oggi so come muovermi. Lo stanno facendo in tanti, non vedo perchè non possa sfruttare l’occasione anch’io.

        "Mi piace"

      • JEROME B.

        Certo che devi approfittarne, ci mancherebbe che io ti dissuada dal fare cose che ritengo utili per la società e per le mie tasche.
        Ho detto forse il contrario?
        Hai letto quello che ho scritto?

        Se tu ti interessi di economica, questo settore, strategico anche dal punto di vista economico, dovresti approfondirlo.

        "Mi piace"

  4. Un paio di giorni fa è uscita una nuova Guida delle AdE, altre precisazioni che contrastano con quanto precisato precedentemente.

    Un’altra guida, cazzo!!

    Sono mesi che le imprese del settore non fanno altro che leggere sta merda scritta coi piedi e non riescono ad installare un fottutissimo impianto a parte qualche rarissima, e del tutto trascurabile, eccezione.

    "Mi piace"

  5. @Jerome B.

    Lavoro nel settore da oltre 10 anni, collaboro con le imprese del settore, occasionalmente anche del nord e del sud.

    Sei male informato Jerome, stasera se non sono troppo stanco replico, il cantiere ora chiama.

    "Mi piace"

  6. La cosa buffa di tutta questa vicenda è che io, dopo essere stato messo in mobilità da una impresa privata poi fallita (allora ero informatico, quindi metalmeccanico: anche questa assurdità un giorno qualcuno dovrà spiegarmela), mi sono avvicinato alle rinnovabili proprio grazie ai post di Grillo.

    Ma allora parlava di leggi e strategie, ora parla di MINISTERI.
    Sull’ECOBONUS, sui suoi effetti nefasti, non ha detto nulla.

    SONO BARI!
    Nemmeno un cenno di autocritica.
    Chi si fida ciecamente di questi, è più baro di loro.
    .

    "Mi piace"

    • Si, è una autentica bufala.
      Parla con le imprese del settore. L’Ecobonus ha quasi ucciso le imprese che si occupano di rinnovabili.
      Ora l’unica cosa che si spera, visto che i nodi burocratici sembrano quasi tutti sciolti, è che finalmente si ricominci a lavorare.
      Altro che numeri a cazzo.
      Dispiace constatare che anche il M5S aggiusta la realtà a proprio uso e consumo.

      E comunque anche se negli ultimi due mesi ci fosse stato questo incremento di cui parli (numeri che contrastano con la realtà vera, quelle che le imprese toccano con mano da diversi mesi), ciò non toglie che l’effetto del 110% è stato quello di annichilire il 50%.
      Poiché con 110% nel 2020 non si è lavorato, il risultato è stato il blocco del settore per interi mesi.
      Se poi distruggi il settore, un incremento del 376% non è niente, è 375 volte in più di niente.
      Fanno pure i furbi con le statistiche.

      "Mi piace"