Mario Draghi santo subito

(Tiziano Zarantonello – tpi.it) – Estate 2016. Mi sto lavando i piedi con l’unico rubinetto disponibile sulla spiaggia pubblica di Jesolo quando improvvisamente realizzo che quello a fianco a me è Mario Draghi. Estroverso, alla mano, una persona del tutto diversa da quella che dipingevano i giornali dell’epoca. Molto simile a quella che dipingono i giornali di oggi.

Mi spiegò che, pur avendo ricevuto in comodato d’uso un castello dalla Bce, non rinunciava certo a qualche giorno sulla “mitica Riviera Adriatica”. Ecco, questo per me è Mario.

Immaginatevi la gioia allo stato liquido quando ho saputo che il nuovo Ceo dell’Italia sarebbe stata una persona del genere. Un amico. Discreto, misurato. Fottutamente misurato. Non dà mai di matto.

È sposato, gli piacciono le donne, ma se un uomo è bello lo dice senza problemi. Evita la mondanità ma se è a una festa non si mette certo a rompere i coglioni. Non ha i social ma nel caso incontrasse Zuckenberg saprebbe riconoscerlo, e dirgliene quattro se necessario.

Gli piace il buon vino, ai Mondiali ha sempre tifato italiano. Evelyn, la sua domestica, non ha dubbi: “Signor Draghi persona molto pulita“.

Gira tra i rider romani un aneddoto tutt’altro che falso: se le sue amate polpette gli arrivano caldissime anziché tiepide, di mancia lascia buoni del tesoro francese. E una polpetta.

Questo per quanto riguarda il lato più privato. Il lato pubblico tutti credono di conoscerlo e invece ma quando mai. Chi voleva assoggettarlo a una precisa ideologia ha sempre fallito. È vicino alla scuola del socialismo cattolico liberal house-progressive; si rifà alla tradizione di Federico Caffè in economia e a quella del Masaccio quando dipinge. Esatto, dipinge.

Quando nel 2004 una donna femen gli saltò addosso al grido di “no alla dittatura della Bce”, Draghi neutralizzò all’istante il suo fanatismo con un “d’accordo, parliamone”. Adesso quella signora è guarita e Draghi ha fatto il suo nome per il ministero delle Pari Opportunità.

Riconciliatore seriale, saprebbe portare pace anche tra un’anatra e un cane. Sbaglia chi lo paragona a Monti. Nella danza della politica lui è un pezzo unico: se Monti è Carmen Russo, Draghi è Roberto Bolle. Se Mario Monti è stato un dignitoso thè in polvere, Draghi è il Ciobar dopo che hai fatto l’amore.

Avete presente quella sensazione in cui non capisci bene quale sia la soluzione ai tuoi problemi e allora provi con tutto, con il blocco degli sbarchi, con il Mes, con i viaggi in Arabia Saudita, con i navigator e solo alla fine realizzi che è Mario?

Ecco, in questo dilemma esistenziale c’erano impantanati tutti i partiti e tutti gli elettori. E invece era solo voglia di Mario. Che finalmente siede alla destra di Mattarella e che ha ricordato ai politici, ai giornalisti, ai miei contatti Facebook quanto avesse ragione Fabri Fibra quando urlava cosa ti manca? Tranquillo ce l’ho io qua.

In molti chiedono a noi nuovi ultras perché non abbiamo parlato prima: bella raga, perché non sempre è facile ascoltare i propri sentimenti. Spesso si ha paura di non essere ricambiati. E invece l’Italia è il Paese che ama, e siamo sicuri che aprirà il parlamento come una scatoletta di tonno, Mario. Con le ruspe o con il Mes, o sputando sul Mes, chissenefrega, ma preservando questo senso di unità che avevamo perduto.

Ben venga dunque perdere la verginità da servo encomio se lo si fa lodando l’unica vergine che ha saputo placare il drago Renzi. Va esaltato con abnegazione, con passione, senza badare troppo al proverbio che consiglierebbe di porre un freno a questa nostra abbondante bava perché è una cazzata, che ne uccide più la lingua che la spada.

22 replies

  1. Tiziano Zarantonello ci ha svelato che i limiti al servilismo, che noi credevamo umanamente invalicabili,
    possono essere superati con l’impegno, la dedizione e, naturalmente, la naturale predisposizione.
    Confesso che sono arrivato alla fine di questa incredibile elegia aspettandomi di trovare una frase che
    denunciasse ia sua vera natura sarcastica perché non potevo credere che un Carneade qualunque,
    un ultimo arrivato, pur allevato e allenato nella Premiata Scuderia Mentana, potesse scrivere sul serio
    quello che ha scritto, stracciando così ogni record precedente di piaggeria.
    Mi sono dovuto ricredere.
    San Draghi non ha ancora ricevuto l’aureola e già è stato assiso alla desta di Dio Padre Onnipotente.
    Se fossi nei panni del Creatore comincerei a preoccuparmi.
    Se tanto mi dà tanto basterà qualche altra settimana e SuperMario gli sfilerà il Trono Celeste da sotto
    i Celesti Glutei e gli chiederà, soavemente e rispettosamente, di mettersi in coda per un giro di
    consultazioni.
    Lui non fa favoritismi.

    Piace a 1 persona

    • Aloysius, riporto le tue parole:
      “Confesso che sono arrivato alla fine di questa incredibile elegia aspettandomi di trovare una frase che
      denunciasse ia sua vera natura sarcastica perché non potevo credere che un Carneade qualunque,
      un ultimo arrivato, pur allevato e allenato nella Premiata Scuderia Mentana, potesse scrivere sul serio
      quello che ha scritto, stracciando così ogni record precedente di piaggeria.”

      Grazie per aver scritto ESATTAMENTE quello che ho pensato.
      Sono ancora incredula.
      Vergogniamoci per lui.

      Piace a 1 persona

      • Adri, mi stai dicendo che era satira? Dal link non si capisce, anche se riconosco l’articolo sulla Moratti. Cavolo, ma un accenno LO DEVE FARE, anche minimo, almeno alla fine… mica tutti sanno chi è. E comunque, chi è? Mi fido del fatto che tu lo conosca… e tiro un sospiro di sollievo.
        La bava era troppa… ecco, magari l’accenno alla propria bava poteva essere una spia, ma insomma… deve darci più soddisfazione, la prossima volta! 😉

        "Mi piace"

      • Anail
        è tutta una canzonatura
        ma ti sembra che Draghi vada a Jesolo d’estate che è una bolgia dantesca, per questo “mitica Riviera Adriatica?
        e si metta tranquillamente a conversare di cose personali con un pischello?
        l’ha scritto imitando e parodiando il Medium Unico
        è tutto inventato

        "Mi piace"

      • Eh, saperlo che era un pischello🤣… Sulla bolgia, figurati se io, da sarda, non sono rimasta sconvolta dalla imprescindibile “mitica riviera adriatica”, ma del resto tutti i gusti… infatti mi dicevo, ma lo vedi in spiaggia due minuti e nasce l’amore? Aspettavo un cenno sino alla fine, anche minimo, invece niente, ma mi fido, meglio una lingua in meno…
        Comunque, ci stupiamo più di qualcosa, Adri? Ma li senti? Non è che siano molto meno lecchini, quelli che parlano seriamente…
        Ora sta passando che il Governo sia caduto perché non è riuscito a sostenere la crisi per mancanza di competenza (non per colpa di Renzi, sostenuto da Mattarella). Questo, Lilly.
        Questa fantomatica Competenza, che invece Draghi possiede sull’INTERO scibile Umano, è un CONCETTO UNIVERSALE che mi urta sempre di più, ogni volta che lo ripetono. Secondo questo ragionamento, se uno è competente nella neurochirurgia, può tranquillamente dedicarsi all’ingegneria nucleare e all’astrofisica.
        Ovviamente D, secondo il circo, ha competenza in TUTTI i ministeri e ha anche la capacità politica di mettere insieme anime diverse, Leu e Lega, magari… (non lo sopporto🤬)
        Il suo governo prescinderà dai nomi. Farà tutto lui. Basta la parola: Draghi.
        Mah. Sono proprio curiosa di vedere, ma è certo che qualsiasi cosa succeda, la grancassa suonerà una musica bellissima…

        "Mi piace"

      • @adriano58
        Caro Adriano, i troll ci sono sempre stati e fanno, più o meno bene, il loro sporco lavoro.
        Però mi pare che tu faccia un torto, spero dettato più dalla stizza di trovarti
        in disaccordo con persone che condividono la tua visione politica che da una
        reale convinzione, tacciandole di essere così facilmente manipolabili da
        arrivare addirittura a farsi annebbiare il cervello.
        Si tratta, molto più semplicemente, di attribuire diverso e maggior peso alle
        motivazioni (che non puoi negare ci siano… e pesanti!) a favore di uno svincolarsi
        dal “bacio della pantera” piuttosto che a quelle, anch’esse valide, che ci spingerebbero
        ad accettare di continuare a donare il poco sangue che c’è rimasto a chi sappiamo
        essere, per trentennale carriera e azioni, un Venerabile esponente di una insaziabile
        stirpe di vampiri.
        Tu propendi per la seconda soluzione, ma non penso affatto che la tua scelta sia stata
        in qualche modo influenzata da ciò che scrivono i troll dilettanti che infestano ogni sito
        di discussione e commenti oppure da quelli professionisti, lautamente pagati, che infestano
        il cosiddetto Circo Mediatico.

        "Mi piace"

      • Anail
        io non mi fido di Draghi e di chi lo ha spinto fin lì
        ed è per questo che il M5S deve esserci e votare anche contro se qualcosa non gli piace
        ma deve esserci, oramai sanno come funziona

        Piace a 1 persona

      • Sono d’accordo.
        Ah, Adriano, ho riletto l’articolo.
        🤣😆Ma ceeerto…le polpette pagate in buoni del tesoro francese, Roberto Bolle, il ciobar, la gioia allo stato liquido(!!), liberal house-progressive, questa nostra abbondante bava…
        Era davvero troppo😆👍🏻

        "Mi piace"

      • @adriano58
        Tu dici?
        Su tpi.it ?
        Uhm… può anche darsi.
        Ma se si trattasse di un articolo satirico come tu dici, da leggere all’incontrario,
        allora bisogna dire che l’ironia è talmente ben nascosta e mascherata da essere
        scoperta solo andando a ricercare in rete gli “antefatti” dell’autore.
        Ma si può?
        Non siamo già abbastanza bombardati da notizie fasulle, distorte, “melmose” per
        doverci sobbarcare anche la fatica di spalare montagne di merda per trovarci sotto
        una piccola perla e scoprire poi che, magari, la perla non c’é né c’è mai stata?

        Piace a 1 persona

    • Piero
      sull’annebbiamento la mia era una battuta
      riguardo alle motivazioni
      io so per esperienza che se non sei presente dove si decide non conti un bel niente
      cosa vogliono fare ancora, l’aventino?
      quali leggi hanno ottenuto dal 2013-al-2018?
      ora in gioco ci sono soldi da impiegare, li lasciamo tutti a loro? o si deve aspettare il 2023 e sperare?
      il riferimento ai troll è voluto
      il M5S aveva come unico canale informativo il web, ora neanche più quello

      Piace a 1 persona

    • Piero
      non essere malmostoso
      io non ci sono cascato perchè conosco jesolo
      siamo tutti maldisposti per come sono andate le cose
      ma non farti venire il mal di fegato
      le cose non sono ancora definite

      Piace a 1 persona

  2. Io poi non ho capito una coda: ha già fatto esiste che metterà molte donne, almeno la metà della squadra .Ma non doveva essere il governo dei “migliori”? Non stiamo sul filo del rasoio? Che importa il “numero di donne”i?I migliori possono essere tutte donne, o tutti uomini , o 50% e 50%, o 20-80,% 90-10%?
    Allora rischio che a un ministero importante sieda una donna solo perché devono rispettare la “riserva”?
    È essenziale ciò che hanno tra le orecchie, non tra le gambe!
    Allora perché non metà biondi e metà bruni, meta’ cattolici e metà buddisti. metà meridionali e metà settentrionali ( si , stiamo freschi, vedrete!)
    Non mi piace questa storia , non mi piace proprio .

    "Mi piace"

  3. Beh… so che ve ne sono, capaci di scrivere “socialismo cattolico liberal house-progressive” restando serii, ma non credo che questo fosse il caso.

    Eddai, almeno lui!

    "Mi piace"