Chi c’è dietro Renzi

(Stefano Rossi) – Renzi e i suoi sodali vengono visti come dita in un occhio da coloro dovrebbero essere  alleati. Mentre tutti scrivono che, in caso di crisi si andrà al voto (il partitino renziano potrebbe non superare lo sbarramento), io credo invece che le elezioni siano impossibili mentre tutta (si fa per dire) la popolazione si deve vaccinare.

Renzi, purtroppo, lo ha capito e quindi insiste con le sue squallide richieste. In caso di crisi di governo l’unica soluzione è un governo allargato a FI (Berlusconi ha già dato la sua benedizione) con Salvini e Meloni che continueranno a brontolare senza però mordere. E’ facile che saranno i prossimi a governare, forse.

Ma una domanda ce la dobbiamo fare: perché tutto questo? Come ho tante volte scritto, Conte ha delle colpe peggio del peccato originale. E’ elegante, bello, laureato, preparato, professore universitario, tutte qualità che un politico medio italiano non sa nemmeno cosa siano. E’ chiaro che al fiorentino gli girono un po’. Da quando poi Papa Francesco fa tutto quello che dice il Professore e vanno d’amore e d’accordo, il vaso è pieno. E Renzi proprio non ne può più.

Io mi faccio un’altra domanda. Può uno che ha i genitori agli arresti domiciliari, il cognato invischiato nella triste vicenda dei soldi spariti di Unicef Italia, con la procura di Firenze che chiedeva, ad Unicef Italia, di sporgere denuncia e querela per continuare le indagini anche su di lui, e va a trovare politici in galera pretendere la delega ai servizi segreti? No, chiedo per un amico……..

Ma alla fine, comunque andrà,  a beneficiare del disarcionamento di Conte è il Pd che non può sopportare il successo mediatico del Professore. Una ridimensionata lo vogliono, lo pretendono, lo desiderano come tutto l’oro del mondo.

65 replies

    • lo scarafaggio di Rignano ha un disturbo psicologico.
      Sa che è morto.
      Allora si mantiene vivo, rompendo i kabbasisi a tutti

      Per fare parlare di sé.
      2-3 anni e…..non ricorderemo più chi era

      "Mi piace"

  1. In questo periodo natalizio, volevo esimermi dal commentare le “eroiche” gesta, del porco di rignano dell’arno, con lacche’ al seguito. Ma la bassezza morale di tantissimi esponenti del pd, e lo squallore della cosiddetta stampa ” libera”, mi spinge ad una considerazione, siamo di fronte ad una problematica psichiatrica(l’innominabile)? Ma sarebbe inverosimile tale situazione ( si dovrebbe prendere in considerazione, che altro e più pericoloso virus c’e’in circolazione). Ma purtroppo la verità e’ ben altra, al netto del M5S, negli ultimi vent’anni, la nostra accidia, superficialità, ignoranza al momento del voto, ha generato dei mostri che si sono impossessati, di ogni settore politico economico del Paese usandolo esclusivamente per i loro sporchi interessi. SVEGLIA POPOLO, MALGRADO TUTTO ANCORA UNA PICCOLA SPERANZA DI SALVARE IL PAESE ESISTE. QUESTA GIACE NEL M5S. IL CETO MEDIO , AL QUALE QUESTA ORRIBILE PANDEMIA, HA DATO IL COLPO DI GRAZIA, HA ANCORA LA POSSIBILITA DI RIBALTARE LA PROPRIA SORTE.

    BUON 2021 A CHI ANCORA CREDE E SOGNA UN PAESE MIGLIORE.❤️⭐⭐⭐⭐⭐❤️🇮🇹✌️❤️🥂🎉

    Piace a 1 persona

  2. Tra le “colpe” di Conte c’è anche quella di avere equilibrio psicologico (anche questa merce rara in un politico italiano) è una pazienza di Giobbe.
    P.s.: ah, e di non essere putta…..(finisce con niere).

    Piace a 1 persona

      • @adele,
        Tutti i suoi nemici(cioè tutto il parlamemro e tutti i mass media ) lo avranno già fatto “testare” in tal senso , stai sicura.
        Sarebbe uscito su “chi” un minuto dopo .

        Piace a 1 persona

  3. E ve lo riscrivo per l’ennesima volta, sperando che vi rimanga impresso nella mente.
    È un dato di fatto che i due terzi dei parlamentari del PD nel 2018 fossero stati NOMINATI da Renzi.
    Alcuni, i più squallidi e azzerbinati al capo, lo hanno seguito nella ridicola e fallimentare avventura di itaglia viscida.
    Altri sono rimasti di guardia al Nazareno con ruoli ancora di rilievo, tipo i capigruppo di Camera e Senato.
    La restante truppa e soprattutto LA BASE DEGLI Iscritti deputata ad eleggere organi direttivi e il segretario in un prossimo congresso hanno RIPUDIATO Renzi.
    È tra i più fieri oppositori si possono annoverare alcuni maggiorenni che non hanno alcuna voglia di ritornare a portare acqua con le orecchie al Bomba, tipo Franceschini, Orlando, lo stesso Zingaretti e altri nostalgici dei tempi con Bersani.
    Tra gli iscritti più anziani poi, sono ancora presenti le scorie dell’antica questione morale di berlingueriana memoria.
    Infine c’è una poderosa forza economica, Legacoop, che vede come il fumo negli occhi certi vantaggi accordati dal toscano ad altri gruppi di potere privati.
    Legacoop vuol dire Coop nella Gdo.
    Vuol dire Unipol nelle assicurazioni, che dopo l’assorbimento di Fondiaria Sai è il primo nell’ambito della Rca, controllando la compagnia online Linear.
    Unipol è azionista per quasi l’80% di BPER, che nel corso del 2020 si è ingrandita di brutto, partecipando per ragioni di antitrust, alla spoliazione di UBI dopo la conquista da parte di Intesa.
    Come non ricordare poi tutti i produttori agricoli riuniti in cooperative, presenti sul mercato con marchi famosi, tipo Valfrutta, Yoga, Cantine Riunite e tante altre realtà che riescono a bypassare i grossisti privati, assicurando prezzi sostenibili alla filiera senza ricorrere alla schiavitù degli immigrati?
    Troppe divergenze anche sugli affidamenti degli appalti pubblici, dove la famiglia Toscana con il giglio fradicio ha cercato di giocare addirittura in proprio, vedi Consip.

    Renzi è stato uno spregiudicato arrampicatori che è riuscito ad illudere tanti italiani di essere il nuovo, di portare novità con la rottamazione. In realtà era ed è un pericoloso maneggio e.
    E il rischio più concreto è quello che riesca a formare un governo Verdini, tirando dentro il genero leghista, forza mafia, le PR0STlTUTE radicali e i suoi nominati nel pd.
    Ma per la tradizione di sinistra è un corpo estraneo.

    E in tutto questo manca una voce unica e possente del più grosso gruppo parlamentare, quello del M5S, che se avesse usato oggi tutta quella verve esibita nella precedente legislatura, li avrebbe tutti disintegrato da tanto.
    La sciagurata alleanza col capitone lì ha rintronata, rendendoli una massa di cani da passeggio al guinzaglio.
    L’unico a guadagnarci è stato il pomiglianese, occupato re ingordo e bulimico di poltrone ed elargitore di favori e incarichi verso tanti, troppi, che si ricorderanno di lui a tempo debito.
    Gli altri eletti dopo aver offerto la testa per la decapitazione susseguente al taglio dei parlamentari sono diventati mogi e silenti, in un atteggiamento di indifferente parassitismo nell’attesa della fine legislatura del 2023.
    Ecco perché strategicamente quel provvedimento è stato un errore.
    Si sarebbe ottenuto un risparmio molto più consistente attraverso un taglio lineare delle indennità, rendendo più partecipi i peones desti sti ad abbandonare la giostra dopo un solo giro.

    Giggino invece resterà in sella, come capolista, a stipendio pieno e senza infrangere il regolamento del partito dopo aver fatto ingoiare la nuova regola del mandato zero.
    Così arriverà a fine 2028 col suo nuovo partito personale già pronto e strutturato, con un solido consenso clientelare che ha già cominciato a coltivare.

    Comunque oggi il problema è il Bomba. Dopo bisognerà affrontare il problema giggino, a meno che un nuovo partito di Conte non gli tagli l’erba sotto i piedi.

    "Mi piace"

    • P. S.
      Il provvedimento necessario al fronte del governo Verdini è la reintroduzione della vecchia prescrizione abolita l’anno scorso.
      E naturalmente trovare un sistema sicuro per far danni all’interno della magistratura dopo l’implosione di quello messo a punto dal capro espiatorio Palamara.
      Auguro a tutto il blog, tranne ai troll fascio-legaiolo, un avvincente 2021, di definitiva distruzione di quel mondo parassita.
      Secondo me ci divertiremo a demolire i sovranari e le lobby mafiose e massoniche loro alleate, compresa quella Toscana.
      Il mio sogno segreto è fare il capigruppo parlamentare in modalità teppista istituzionale, provocando continuamente i figli delle fogne della storia. E voterei Padellaro nuovo Presidente della Repubblica.

      "Mi piace"

      • proprio tu parli di clientele??? Non ti bastano i piddini che tanto ti piacciono???

        Scrivi anche cose giuste, ma sei di parte. La meritocrazia delle serracchiani e delle bindi, dei franceschini e delle mogli dei franceschini…dei rutelli…

        Da quale pulpito. Di Maio non mi piace più, sarebbe anche bravo, ma come scrivi pensa solo al suo tornaconto. Peccato solo che il TUO sporco piddi è nei fatti peggio.

        Dire che il m5s è MOSCIO è tutto vero, ma significa negare quello che è il piddi da SEMPRE. Inutile e triste come una birra senza alcool.

        Chi non ha mai fatto una sega, negli ultimi 20 anni, è proprio il tuo schifoso piddi. La RESPONSABILITA’, le chiacchiere sul NULLA col buco dentro, le aperture parlamentari per perder tempo o inciuciare con l’amico delinquente b.

        NON fare niente, TRACCHEGGIARE, TRASTULLARSI…questo è il piddi da sempre. E ora il piddi fa quello che ha sempre fatto, FAR NIENTE, abbracciato com’è a un m5s RINTRONATO e PERSO, smarrito quasi irreversibile.

        Il m5s è molto peggiorato, VERO, tutto vero, ma rimane ancora molto meno peggio del tuo SCHIFOSO piddi.

        Fattene una ragione.

        Per finire: anche a te immagino piaccia e sia piaciuto quell’indegno di napolitano. Perchè tutti i tuoi amici piddini lo ADORAVANO, quell’INDEGNO.

        Piace a 4 people

  4. Cosa volete che ci sia dietro a uno che va a trovare (dove deve stare, cioè in carcere) un DELINQUENTE come verdini????

    Cosa ca@@o volete che ci sia?

    Prova un po’ a immaginare…è difficile.

    Piace a 2 people

    • Auguri lDl0TA.
      È fsi attenzione si 2 MILIARDI di africani che c’invaderanno.
      P. S.
      Attualmente in Africa vivono 1.3 Miliardi di persone, ma la propaganda ignorante del capitone nutre la bufala per renderla più visibile ai suoi rintronato seguaci con i paraocchi.

      "Mi piace"

    • L’unica persona che stimo un po’ è Bersani , ma anche lui responsabile di aver consegnato il PD a Renzi su un piatto d’argento,disse che avrebbe portato un po’ d’aria fresca nel partito e abbiamo visto come è andata a finire! Condivido in pieno il commento di Andrea sul PD anzi è stato perfino troppo gentile,per cui anche se siamo incazzatissimi frustrati e delusi dai nostri amici 5 stelle senza palle che si fanno la cacchina addosso al solo pensiero di perdere lo stipendio, siamo costretti a rivotarli perché con tutti i loro difetti sono infinitamente migliori(dal mio punto di vista) di tutti gli altri!

      Piace a 3 people

      • E di grazia, rivotare chi di preciso?
        Vale ancora il limite dei due mandati o ci siamo ricreati nuovi idoli insostituibili in casa?
        E per vostra info nel 2013, nel 2014 (Pedicini di Foglianise) alle europee e nel 2018 ho votato M5S. E l’ho sempre scritto su questo blog da fine 2018.
        Con me hanno chiuso dopo l’alleanza con la lega fascista. Ho accusato il colpo come una pugnalata alla schiena, perché in campagna elettorale le promesse erano altre. E col senno di poi pure troppe e contraddittorie, per cercare di raccattare voti a dx e sx.
        Quindi HO DIRITTO di criticarli avendo contribuito ad eleggerli.

        Piace a 1 persona

      • Puoi pure criticarli i 5stelle ma il limite due mandati vale ancora; ahhh!! l’alleanza con un altro partito lo dovevi sapere già prima di votarli… se il m5s non arrivava al 40% avrebbe cercato alleanze con chi avrebbe portato avanti il programma del m5s – a causa del rosatellum – Di Maio e Di Battista lo dissero ovunque nelle piazze e in tv in campagna elettorale, poi renzie a nome del pd disse di no, arrivò salvini e te hai chiuso; tranquillo, non è che ci siamo strappati i capelli.

        "Mi piace"

      • è un CIALTRONE anche bersani. E’ un mastica brodo.

        Però è perbene, non ruba. Tipo la bindi. La misero all’antimafia in calabria. Fossi un mafioso pagherei per avere la bindi o bersani all’antimafia. Nei fatti fai quel che ti pare, sono troppo rincoglioniti e cagasotto (loro direbbero pacati) per accoggersi dei traffici di caramelle ai bambini davanti la scuola in pieno giorno, figuriamoci i traffici veri di vagonate di droga, appalti truccati, clientele mafiose, soldi europei sperperati per fare ponti sullo stretto modello renzie…

        bersani e la bindi all’antimafia sono come il panda estinto in iraq durante la guerra, usato come ariete di sfondamento della linea nemica. La croce rossa che fa la guerra.

        bersani sarebbe il marito perfetto della bindi. E la serracchiani la loro figlia. Questo è lo SCHIFOSO piddi da sempre, un comitato CHIUSO di persone che si scelgono quasi come fanno i massoni…e alla fine si assomigliano tutti, pensano le stesse cose, dicono le stesse cose, cioè NIENTE.

        E fanno opposizione alla loro maniera, cioè NON SI OPPONGONO a niente (vedere il caso autostrade per la morte)…

        Peggio del piddi solo quelli che lo votano. Esattamente come lo schifoso energumeno verde e la fascista nana.

        L’unico degno rimane Conte, un gigante, in una cloaca di troppa gentaglia. E infiniti CIALTRONI.

        Piace a 3 people

      • Quando era Ministro dello Sviluppo Economico, Bersani prese €98,000 dalla famiglia Riva, e non risulta che si sia mai chiesto “come mai tanta generosita?” In un paese normale sarebbe bastato questo per non votarlo ne’ ascoltarlo mai piu’

        Piace a 1 persona

      • @Jerome B.
        Comprendo il tuo sdegno.

        Al tempo stesso rammento che l’unica alternativa al governo giallo-verde era il voto – Renzi, ancora segretario, si era dichiarato indisponibile.

        Dopodiché ne avremmo avuto uno nero-azzurro-verde, che si sarebbe trovato a fronteggiare questa pandemia, e _senza_reddito_di_cittadinanza_ a tamponare alcune delle emergenze.

        A questo puntosul m5s sarebbe pesata una responsabilità storica ben più grave che l’aver governato coi legaioli.

        Piace a 1 persona

    • @Pirgopolinice
      Scusa Rob se scrivo tramite te, ma non c’è l’opzione rispondi sotto il commento di Pirgopolinice.
      Vorrei chiarire che Renzi NON ERA IL SEGRETARIO DEL PD, quando si è dichiarato indisponibile al governo col m5s. Il segretario era M. MARTINA che invece sembrava essere interessato.
      Ovviamente, al PRIMO RESPIRO di Renzi, Di Maio si è subito prostrato e rivolto a Salvini, cosa che non smetterò mai di rimproverargli.
      Va bene che gli lecchino i piedi i suoi, ma dal capo dei 5s questo gesto di considerazione è sudditanza psicologica è stato disgustoso e deleterio.
      Al punto che ancora adesso i 5s lo ritengono al centro di tutto, continuano imperterriti ad identificarlo col PD, con Zingaretti, con Bersani, alimentando il loro ODIO verso la qualunque.
      Non so se considerarla ignoranza o protervia o convenienza o FANATISMO, so solo che Jerome ha ragione a specificare continuamente le cose.
      Solo per questo lui, io e la mia amica Paola veniamo considerati PIDDINI, ancora un po’ renziani. 🤮
      E non vi rendete conto che vi coprite di ridicolo.

      Piace a 1 persona

      • @anail ,
        Scusa ma non è chiaro: parlavi di Salvini ma poi dici che “il M5S continua imperterrito a identificarlo col Pd”.

        "Mi piace"

      • No, Mari, parlavo di Renzi!
        Dicevo che Di Maio si è subito versato, appena Renzi si è dichiarato contrario all’accordo, ma Renzi non era più NESSUNO. Il segretario era un altro(Martina), diversamente da ciò che scrive Pirgopolinice, eppure tutti lì a battere i tacchi. Sogno di tornare indietro nel tempo e sentire Di Maio che dice a Renzi: “affogatici con quei popcorn, chi caxxo sei? Io parlo col segretario!” So che non sarebbe servito, perché il pd rigurgitava di renziani, piazzati da lui, ma vuoi mettere la soddisfazione?
        Ancora, qui, si continua ad identificare la blatta schifosa col partito che ha invaso e distrutto e in cui, purtroppo, ha lasciato vari suoi leccapiedi e spie, e il suo nome viene accomunato ai suoi detrattori o addirittura vittime, come Zingaretti e Bersani. È profondamente ingiusto, non smetterò di ribadirlo.

        Piace a 1 persona

      • Sì, mi scuso per l’imprecisione. Ad ogni modo renzi influenzava ancora una grossa fetta del PD, Martina (pare che a Napoli lo chiamino ‘u schiattamuorte! ) non contava niente.

        Piace a 2 people

      • Vero, però la soddisfazione di fargli notare che non era più nessuno e mandarlo affncl, me la sarei presa. Magari ‘u schiattamuorte (… è bellissimo🤣) si sarebbe infogata, sentendosi più importante… Oh, poi finiva comunque così, come scrivo da un’ altra parte, ma vuoi mettere?

        Piace a 1 persona

  5. Vengo da una famiglia di sinistra. Sono sempre stata di sinistra finché non è morto Berlinguer e con lui è morta la sinistra che io idealizzavoi ed è morto tutto quello che la sinistra rappresentava. Per questo, dopo la morte di Berlinguer, sono diventata una no global e poi, undici anni fa, una 5 stelle, perché in questi programmi ritrovavo tutto quello che doveva essere il pensiero della sinistra.

    Per lo stesso motivo odio Renzi e tutto quello che rappresenta.

    Vorrei cominciare l’anno nuovo ricordando la parole di un giusto: Enrico Berlinguer
    Mi chiedo oggi se Berlinguer non avrebbe cacciato come indegni dal suo partito i D’Alema, i Bersani, i Franceschini, i Violante, i Bassolino, i Calearo, le Binetti, i Marra, le Finocchiaro, la Melandri, I Loriero, i Fassino, i Consorte, i Renzi, gli Zingaretti, i De Luca, i Landini…
    E mi rispondo che con questa gente non avrebbe avuto niente a che fare.
    Diceva:
    I partiti di oggi sono soprattutto macchine di potere e di clientela.
    Hanno occupato lo Stato e tutte le istituzioni a partire dal governo, gli enti locali, gli enti di previdenza, le aziende pubbliche, gli istituti culturali, gli ospedali, le università, la Rai tv, alcuni grandi giornali.
    La gravità dei problemi del paese, le minacce sempre incombenti di avventure reazionarie e la necessità di aprire finalmente alla nazione una sicura via di sviluppo economico, di rinnovamento sociale e di progresso democratico rendono sempre più urgente e maturo che si giunga a quello che può essere definito il nuovo grande «compromesso storico» tra le forze che raccolgono e rappresentano la grande maggioranza del popolo italiano.
    Una società più austera può essere una società più giusta, meno diseguale, realmente più libera, più democratica, più umana.
    Ci si salva e si va avanti se si agisce insieme e non solo uno per uno.
    La questione morale esiste da tempo, ma ormai essa è diventata la questione politica prima ed essenziale perché dalla sua soluzione dipende la ripresa di fiducia nelle istituzioni, la effettiva governabilità del paese e la tenuta del regime democratico.
    Noi siamo convinti che il mondo, anche questo terribile, intricato mondo di oggi può essere conosciuto, interpretato, trasformato, e messo al servizio dell’uomo, del suo benessere, della sua felicità. La lotta per questo obiettivo è una prova che può riempire degnamente una vita.
    Pensiamo che il tipo di sviluppo economico e sociale capitalistico sia causa di gravi distorsioni, di immensi costi e disparità sociali, di enormi sprechi di ricchezza.
    Gaber disse: “Qualcuno era comunista perché Berlinguer era una brava persona”.
    Oggi molti hanno cessato di essere del Pd perché nel Pd non riconoscono più brave persone ma gente che si è venduta al grande Capitale (basta pensare agli 89 miliardi regalati alle banche, al tentativo di distruggere lo stato sociale e i diritti dei lavoratori, alle bieca insistenza con cui si chiede il MES), gente che in Renzi ha avuto il suo peggio e che dovrebbe sparire dalla politica italiana, gente rinnegata e traditrice che dovrebbe passare il resto della sua vita a chiedere scusa per le bestialità che ha fatto.

    Piace a 4 people

    • guarda che per SCHIFARE uno come l’amico di verdini puoi venire da qualunque parte, cioè da nessuna in particolare.

      Fa talmente SCHIFO a livello umano e morale (morale MARCIA e distorta come i farabutti) che anche i vermi lo schifano. E i vermi non sono nati nè a sinistra nè a destra. Sono nati nella merda.

      Parlare di odio è improprio. L’odio troppo spesso è l’altra faccia della medaglia dell’amore, dell’attrazione, del sentimento che ti porta anche a riavvicinarti a chi odi, perchè in parte ti piace pure. Devi usare il termine SCHIFO e SCHIFARE con uno così.

      "Mi piace"

    • Capperino viviana!!! Stai raggiungendo vette incredibili
      Mi permetto : lunghissima vita al tuo pensiero e a te che lo. esprimi.
      Viviana for ever non ne sbagli una
      Sono in totale sintonia
      Leggerti di continuo fa bene alla testa e al cuore
      Buon 2021

      "Mi piace"

      • Fabio, leggere “i Bersani” insieme a “i Renzi” è uno sfregio che una cosiddetta di sinistra, di cui non si è mai ex, non può neanche sognarsi di pensare(già l’uso del plurale è disturbante).
        Inficia qualsiasi altro concetto una persona seria possa scrivere.
        A parte che chi “idealizza” e poi CRESCE, dovrebbe rendersi conto del fatto che è L’IDEALIZZARE l’errore e non necessariamente L’IDEALIZZATO, se continua a volare di fiore in fiore in cerca da altri elementi da IDEALIZZARE, andrà incontro a sicure, dolorose delusioni.

        Piace a 1 persona

  6. In realtà “gli girano” pure un pò all’avvocato-professore che non è solo bello ed elegante ma sa anche il fatto suo, e rispetto agli altri ha una cosa ancor più rara, non gliene frega niente di perder la poltrona, tornare a quello che faceva prima non è poi così male, nè mal retribuito, quindi ora qualche sfizio se lo può togliere pure lui, che pare si sia abbastanza scocciato da essere tentato di replicare lo scherzetto della crisi in parlamento, mandando in diretta una bella sculacciata a regola d’arte, e quindi può andare fino in fondo e senza nulla da perdere. Noi, in mezzo a squallidi teatrini dell’ego di personaggetti altrimenti di avanspettacolo, possiamo solo assistere….mentre le nostre vite sembrano andare per conto loro, a prescindere. Buon Anno Nuovo… insieme

    Piace a 3 people

  7. Si Rosi Bindi è proprio una scema qualunque. Una che vuoi all’antimafia che non serve a niente. Mica si è messa contro il candidato presidente del suo partito. E poi tutte le cose che ha fatto all’antimafia, inarrivabile. Ma siete seri? Se domani si candida una persona come Rosi Bindi la voto pure se sta nella lista di fratelli di mafia.
    Su Bersani manco risponno.

    Piace a 1 persona

    • Ma che cos’hanno, questi? Alterano la realtà come i peggiori leghisti, Renzi che era segretario al posto di Martina(leggi più su) , i 101 che non hanno a che fare con Renzi, Bersani e la Bindi fra un po’ delinquenti.
      Sorcini è poco, perlomeno alcuni scatenati.
      E più sono esaltati e fanatici, più vengono considerati grillini… non si accorgono che i loro politici stanno crescendo e loro regredendo, contagiati dal morbo del mojito.

      "Mi piace"

      • Si però l’hanno coltivata loro questa platea.
        Su Chico Forti, ma sei certa? Ti ho mai detto che sono un’appassionata di cronaca nera? Ho sempre avuto i brividi a vedere il nome di Chico Forti per me (a mio modesto avviso ovviamente, non pretendo di saperlo) colpevole.
        La ritengo un’operazione alla 5s che festeggia sul balcone: ci saranno ovunque prigionieri da salvare meno mediatici e più innocenti, ma per qualche motivo sto tizio interessa alla gente e loro ce l’hanno fatta. Mi va bene, perché il fatto che lui abbia fatto 20 anni (più di qualunque condannato all’ergastolo in Italia) e il fatto che una madre ultranovantenne dovrebbe per una legge non scritta rivedere il figlio prima di morire.
        Però la narrazione che tutti seguono è il processo ingiusto, ma non è così, difficile ma ci sono contronarrazioni.

        "Mi piace"

      • Ho seguito vari speciali. Prove inventate, ridicole, polizia che gliel’aveva giurata in precedenza per altre storie, collegamenti illogici, impuntature (si può dire?) del sistema giudiziario. Anche negli stati uniti i giornalisti maggiormente addentro alla cronaca giudiziaria lo considerano innocente… Poi, il Signore lo sa, ma io vado anche a istinto e mi sembra un caso di malagiustizia (anche volontario, peraltro) da manuale.
        Poi ci metto il carico di tutti i vari colpevoli americani prelevati all’estero e “graziati” dallo zio Sam, tipo gli elementi del Cermis, e non glielo lascio, un nostro anche eventuale omicida. Eccheé… almeno vicino ai parenti, ai figli, alla madre… Non so, infatti, se lo libereranno, per ora lo portano qui.
        Intanto, però, questo tanto vituperato c’è riuscito(così come la liberazione dei pescatori in Libia), gli altri CAPACI, neanche con Obama in carica ce l’avevano fatta, mica solo con Trump. E la cosa mi dà molta soddisfazione… sempre tutti lì a vantarsi di ESSERE.

        Piace a 1 persona

      • Sui rapporti con Usa, Cermis ecc non ho nulla da eccepire, ripeto, che la madre possa rivederlo per me è una ragione più che sufficiente anche se nessun codice la prevede.
        Quanto al resto, permettimi (no offense) la polizia che gli e l’ha giurata, collegamenti illogici, e soprattutto prove inventate: questa è la versione che la famiglia ha cercato disperatamente (e legittimamente) di diffondere, poi se ti interessa e se conosci bene i dettagli posso pezzo pezzo farti vedere l’altra faccia della medaglia nascosta ovviamente dalla famiglia. Altrimenti, dopo 20 anni va bene così, un assassino in più o in meno nn ci cambia niente. Credo che almeno all’inizio andrà in carcere, ragion per cui lui non ha mai chiesto la revisione del processo né nulla di tutto ciò, lui chiedeva che si intercedesse per la grazia ai vari presidenti succedutisi, unico modo per tornare libero. E perché chiedeva la grazia??? Vabbé dai, importante che si sbrighino, che la madre lo aspetta.

        Aggiungo che quando si è parlato della sua liberazione su twitter hanno iniziato a parlare delle iene del merito che avrebbero avuto: cioè io non ho mai visto le iene che si occupano di questo caso, ma mi spiego perché sia così conosciuto e soprattutto perché sia conosciuto in una forma così strana. Ma vabbé quello che mi ha colpito di più è che pur di non dare il merito alla diplomazia, guidata o meno da Di Maio, l’italiano di oggi da il merito alle iene. Ma cose da pazzi, ma dimmi tu se non ci meritiamo di morire oggi. Dimmi tu se il pizzicagnolo che faceva il pizzicagnolo senza disquisire della qualunque, cosa che non solo non gli interessava, ma sapeva anche di non poter fare, non è un ricordo meraviglioso della prima e della seconda repubblica.

        Piace a 1 persona

      • I figli mi sembra che siano in Italia, la moglie mi dici che è americana? Oh, non mi ricordo nulla, eh… Eppure non l’ho visto da tanto tempo, all’inizio dell’anno, credo. Lui non me lo ricordo come un traffichino, ma come uno anche famoso in TV, mi sembra… Boh, gua’…sai che cosa mi ricordo, per ovvi motivi? Che la vittima era il figlio del proprietario dell’hotel di Ibiza in cui George💖 ha girato “club Tropicana”, pensa te🤣
        Con tutti questi vivi ricordi, posso senz’altro testimoniare! 🤦‍♀️🤯😆

        "Mi piace"

      • Si brava, quel particolare di Tropicana lo avevo rimosso. Allora: era sposato pure in Italia, ma non mi sembra avesse figli. Comunque la moglie al tempo dell’omicidio era americana, figli americani, lei se ne è andata dalla Florida, lo ha lasciato lì in carcere, se non sbaglio non è mai andata a trovarlo. No, non era famoso per niente, non al pubblico. Un traffichino, sai di quelli che bussano alle porte, ti propongono affari, loro non investono niente, frequentano personaggi disvutibili, niente di enorme. Ma poi ci sono le prove materiali, sono tante cose.
        Comunque tranquilla, non mi serve il link. Lo trovo.

        "Mi piace"

      • Ecco adesso l’ha inviato, nell’altro c’era il link del servizio televisivo delle Iene, che hanno seguito a lungo la vicenda, con un loro inviato, e hanno anche messo in contatto CF coi figli, cresciuti senza mai più vederlo. In effetti sono gli unici che hanno continuato a proporre la sua storia e a spingere per la risoluzione della situazione. Se ben ricordo, in oltre 3 h di filmato, c’è la parte relativa all’inchiesta e quella relativa a interviste varie. Ora ti mando questo post, poi provo a rimandarti il link. Se non ci riesco, su Google basta cercare Chico Forti le iene e ti vengono fuori vari video. Poi fammi sapere se me la sono bevuta, questa volta(di solito sono molto analitica e becco i minimi indizi di pacco). 👋👋

        Piace a 1 persona

      • Noooooooooooooooo Liana, con tutto il bene che ti voglio le Iene no, quasi preferisco Massimino o l’orginale Barbarella. Pensa che non mi sono mai visto il caso Erba, eh sì che era stato ben più tragico di questo, ma le ricostruzioni erano ridicole, ho visto 3 minuti e mai più. Ad ogni modo già una tua frase mi stupisce: “hanno messo CF in contatto coi figli”: ti chiedo, come mai non hanno mai più rivisto il padre? Con chi vivevano? Non è che vivevano con qualcuno che non ha mai difeso il padre? E che non compare nel processo? Già qui puoi vedere una montagna insormontabile: lui ha mentito a lei prima di tutto e lei non ha potuto difenderlo perché sarebbe stata incriminata. Poi non lo ha mai perdonato non per l’omicidio (può darsi, non lo so), ma perché le ha mentito: lo sai come sono gli americani su questo punto. Loro si dimettono per questo, non ci appartiene (a noi italiani), e non solo ai politici, quindi è un po’ distante da noi culturalmente. Pensa a tutte le mogli da noi che si prendono le mazzate convinte di meritarsele. Non è che difendono il marito e basta, proprio si picchierebbero da sole se potessero. Figurati se non gli reggono un alibi o se lo inventano, negli Usa però funziona diversamente.Ma poi sono mille altre le cose, e le ha fornite tutte lui, pensa. Mica è uno spietato serial killer, che ha ricoperto tutte le tracce che ha lasciato, era un traffichino che pensava di farla franca come aveva fatto coi suoi traffici irrilevanti. Comunque ci provo. Non te lo prometto. Ma ci provo. Più che altro vorrei capire come hanno fatto a far credere non agli italiani (cui è bastato vederlo vincitore a telemike per sentenziare la sua innocenza, aldilà di ogni ragionevole e irragionevole dubbio) ma a te che fosse innocente. CIoè vorrei capire cosa ha convinto una come te (aldilà del tuo fiuto, dico proprio quali illogicità ti hanno convinta) e probabilmente anche altri che non sono proprio dei creduloni.

        "Mi piace"

  8. Una cosa è certa: dietto Renzi non vi sono gli elettori, dei quali non gli frega nulla.Sa perfettamente di stare sulle scatole a tutti ,al 98% del corpo elettorale , tranne ai suoi stretti beneficiati.Lui risponde ad altri e da questi altri soggetti “coperti”prende ordini , tipo nel 2016 voler scassinare la Costituzione.Avrebbero saputo ben ricompensarlo .
    Ed è tipico di chi prende ordini poi bulluzzare chi sta sotto di se’ .Quando era segretario del Pd urlava sempre con tutti , li trattava male anche i più anziani .
    Detto questo , un buon medico /terapeuta riconoscerà in lui più di un disturbo di personalità, che possono dare come espressività clinica tutti i suoi comportamenti passati e presenti .
    E questo è un problema a se’ , sovrapposto al precedente .

    Piace a 2 people

  9. IL PIANO FASULLO DI RENZI & C. Viviana Vivarelli.

    Conte ha tracciato un piano di ricostruzione del Paese in 125 pagine secondo 4 linee strategiche: modernizzazione del Paese, transizione ecologica, inclusione sociale e territoriale e parità di genere.
    Il tutto in 52 capitoli di spesa per 126 miliardi
    -vuole snellire a rendere più rapida la giustizia del 40%
    -ridurre le tasse sui redditi della classe medio-bassa
    -aumentare il PIL del 2,3%
    -rendere più verde l’Italia svincolandosi dagli idrocarburi
    Pensa a una piramide con un comitato esecutivo formato da Conte, Gualtieri e Patuanelli, diversi capi-missione con poteri sostitutivi e una squadra di tecnici e chiede il coinvolgimento di parti sociali, categorie produttive e sistema universitario
    La componente verde del piano è la più consistente e assorbirà 74,3 dei 126 miliardi.
    Ci sono 4 aree di intervento.
    La più corposa riguarda l’Efficienza energetica e la riqualificazione degli edifici, così da ridurre i consumi di energia e abbattere la produzione di CO2 che per un terzo è prodotta dagli edifici, adeguandoli anche al rischio sismico. Vuole ammodernare edifici pubblici, scuole, ospedali e uffici.
    18,5 miliardi andranno alle fonti rinnovabili preparando ciò che serve alle auto elettriche w rafforzando il trasporto pubblico locale.
    9,4 miliardi alla tutela del territorio e dell’acqua
    6,3 alle imprese verdi e all’economia circolare, sostenendo la decarbonizzazione
    Una missione riguarda le donne e i giovani, 17,1 miliardi sono finalizzati a far uscire dalla disoccupazione giovani e donne, realizzando la parità di genere (in Italia le donne guadagnano in media il 30% di meno degli uomini, contro le direttive europee), aiutando le madri con scuole e asili e aumentando la competitività del Sud.
    Vuole rafforzare il Servizio civile universale e lottare contro la miseria.
    19 miliardi vanno alla scuola. l’Italia ha la percentuale di laureati più bassa d’Europa e pochi arrivano all’istruzione secondaria.
    Sarà finanziata la ricerca che ora vede i nostri migliori ricercatori prendere la via dell’estero.
    Sarà migliorato il Sistema Sanitario Nazionale rinforzando la sanità di territorio con altri 9 miliardi più quelli previsti per la costruzione di nuovi ospedali e l’ammodernamento di quelli esistenti.
    48,7 +27,7 miliardi andranno alla digitalizzazione, in cui l’Italia è molto indietro, modernizzando e digitalizzando i servizi dello Stato e aumentando la rete
    23 miliardi completeranno i treni veloci, specialmente al Sud così da spostare parte del traffico merci e passeggeri dalla gomma alla rotaia e da mettere in sicurezza strade, viadotti e ponti.

    Renzi ha avuto la faccia di dire che il piano per il Recovery Fund di Conte è “privo di visione e senz’anima”
    Siccome non ha mai detto nulla che non fosse scritto da altri, mi chiedo chi gli abbia suggerito una simile boiata.
    Mi chiedo anche quale sia il Piano sostitutivo di Renzi che è riuscito a mettere insieme solo 13 righe e di cui abbiamo già visto le scelte nel governo precedente.
    Quale sarebbe la sua visione? Quella di un acceso liberismo che privilegia banche e super ricchi e ai poveri taglia stato sociale e diritti del lavoro? La precarizzazione assoluta? L’asservimento alla Troika scegliendo soluzioni, come il MES, che ci farebbero diventare come la Grecia?
    E quale sarebbe la sua visione? Quella del club Bildenberg e delle banche d’affari americane che vorrebbero dettare legge sulla nostra Costituzione e diminuire la nostra democrazia?

    Piace a 1 persona

    • @viviana 15,46
      “Le donne guadagnano IN MEDIA il 30% in meno degli uomini”.
      Nel pubblico impiego pisso assicurare che è impossibile perché i contratti stipulati dallo stato non possono assolutamente discriminare.
      Nel privato è altrettanto assurdo perché non si può -nero su bianco -sancire che la donna in quando tale guadagni meno 30% dell’uomo!
      Anzi la LIttizzetto diceva addirittura il 45%( massi’, abbondiamo..).
      Poi c’è la parolina “in media”, cioè secondo ISTAT , poiché la donna in genere preferisce il part time, nonché’ è poco presente nell’ingegneria e tecnologia , campi che permettono maggiori e più retribuiti sbocchi occupazionali , e inoltre che in generale vi è minore accesso a posizioni apicali e meno dirigenti/manager donne,( e questo è un problema sociologico e di carenza di welfare ) e minore predisposizione a effettuare straordinari per via del la
      Cura familiare , facendo la famosa “media del pollo “, esce fuori una certa percentuale di differenza retributiva.
      Ma detta così a bruciapelo si lascia la sensazione che siano proprio i contratti a sancire nero su bianco che se sei donna guadagni meno .
      Ho ritenuto doverosa tale precisazione.
      Oggigiorno le donne hanno tanti veri problemi , occupiamoci prima di quelli .grazie .

      Piace a 1 persona

  10. renzi è un uomo di paglia, un pr, una marionetta, un uomo immagine, un presentatore.

    Le sue politiche le stabiliscono altri, poi gli mandano un pizzino con su scritto cosa deve dire e fare quel giorno e lui fa l’inchino e esegue, da bravo attore.

    Ormai la maggior parte dei politici )non solo in Italia) è a libro paga di qualcuno che ha molto a cuore i propri interessi e zero quelli del paese, per il centro destra mi pare evidente a tutti i lettori del blog, tranne i troll e gli scemi del villaggio, mentre per il centrosinistra sembra essere meno chiaro purtroppo.

    Chi sono questi golpisti dietro renzi?
    Intanto sono nascosti, direi occulti, poi sono un’organizzazione molto grossa e probabilmente antica e radicata in zona giglio magico, che può contare su magistrati, politici, amministratori, banche e finanza, servizi segreti e media, e con forti appoggi all’estero … tramano, ordiscono, e mirano ad aumentare le posizioni chiave che controllano (ora si dannano per avere la delega ai servizi segreti per esempio), tramite le quali poi esercitano il loro potere.

    Mi sembra abbastanza facile.

    "Mi piace"

  11. X Maristella
    non lo dico solo io
    ma se vuoi fare la scettica su tutto sarà una abitudine tua

    https://www.europarl.europa.eu/news/it/headlines/society/20200109STO69925/divario-retributivo-di-genere-le-donne-guadagnano-meno-degli-uomini-nell-ue

    C’è addirittura chi parla del 45%

    https://www.europarl.europa.eu/news/it/headlines/society/20200109STO69925/divario-retributivo-di-genere-le-donne-guadagnano-meno-degli-uomini-nell-ue

    Come mi danno noia questi pierini che hanno da ridire su tutto!
    Mai una volta che vadano a verificare su google! Obiettano per partito preso
    Forse a far così si sentono più intelligenti. Chi lo sa

    "Mi piace"

    • @viviana,
      Intanto io non ho alcun bisogno di “sentirmi intelligente “.IO.
      Poi , tanto ti sarai agitata appena ti ho messo in dubbio Non il tuo pensiero che è personale , ma la tua fonte e L interpretazione che ne fa il mainstream cui ti sei accodata, che non ti sei nemmeno accorta che mi hai girato lo stesso link sia riferito al 30% sia al 45%!
      Link che avevo già letto, tant’è che se rileggi il mio commento precedente troverai ESATTAMENTE gli stessi concetti che avevo espresso io , e cioè che il gap è dovuto alla più elevata partecipazione delle donne al part time rispetto aGli uomini , (31,3%-8,7%),alle fisiologiche interruzioni di carriera dovute alla maternità (non ci sono donne bioniche ), alla sotto rappresentanza di donne in settori come Scienza e tecnologia a maggiore retribuzione , e le minori posizioni dirigenziali .Sono questi fattori che generano la differenza ,( comunque da eliminare ).
      Detto questo , confermo integralmente quanto espresso nel precedente post .Io non ho profilo Facebook , altrimenti ti invierei privatamente la busta paga mia e di mio marito , dipendenti pubblici, a dimostrazione che a parità di livello abbiamo pari retribuzione , e non può che essere così, perché altrimenti i contratti sarebberoINCOSTITUZIONALI!!!!!
      Non hai l’esclusiva della lettura di Google , cui deve seguire anche una corretta interpretazione di ciò che si legge .
      E’tutto, per oggi .

      Piace a 1 persona

      • È una questione di analisi delle statistiche.. Anche io, ex dipendente, avevo la stessa identica busta paga degli uomini, e mi sono sempre chiesta come giustificassero, altrove, questa discriminazione. Posso credere che queste condizioni possano verificarsi nei privati in nero, ma allora sfuggirebbero alle statistiche.
        Credo che le tue considerazioni spieghino perfettamente l’inghippo.
        Purtroppo l’analisi statistica non è per tutti.
        Ti faccio un esempio. Sul bugiardino di un farmaco che prendo da anni si parla di aumento del rischio di tumore al seno del 50%, su mille casi.
        Ora, uno si spaventa a morte, nel leggere una cosa così.
        Invece significa solo che su 1000, invece che 2 casi, se ne verificano 3 (il 50% di 2=1, quindi 2+1=3). Ma andate affncl!

        "Mi piace"

  12. L’innominabile sta giocando con il fuoco. vuole la crisi, bene lo faccia e non rompesse più le palle. Poi Mattarella deve dare un nuovo incarico a Conte per una nuova maggioranza. Non è proprio immaginabile che ci possono essere Berlusconi PD ecc. Credo fortemente che la maggior parte degli Italiani se ciò accadesse scenderebbe in piazza con i forconi (veri). Nel caso ciò non avvenisse, allora lasciatemelo dire…. che popolo di merda.

    "Mi piace"

  13. Vabbè, il 1° dell’anno ho dovuto ricevere insulti da un fascio troglodita ignorante che si attogherebbe il diritto di parlare a nome del M5s.
    Mi hanno ferito gli attacchi a Rosy Bindi.
    Colei che ebbe il coraggio di dichiarare De Luca un impresentabile.
    Lei che vide uccidere sotto i suoi occhi il Prof universitario di cui era assistente, Vittorio Bachelet, preso alle spalle allontanato da lei e freddato con 7 proiettili calibro 32.
    Nelle parole di tale sedicente pentastellato si celano tutti i limiti di un movimento cresciuto con l’irruenza che mai, storicamente, ha portato lontano.
    Io l’ho votato perché stanco delle bugie, della propaganda berlusconiano e della sua attitudine al crimine dal vertice dello Stato, piegato ai suoi interessi personali con disastrose ricadute sulla popolazione.
    Incoraggiamento dell’evasione, dei crimini finanziari, delle mafie, partecipazione a sanguinose e costose guerre, ipocrisia e dissolutezza dei costumi elevati ad esempio per tutti.
    Io vedevo un PD, quello di Prodi, che aveva al suo interno delle competenze mai più ritrovate nei governi repubblicani. Ma troppo attento a non deragliare dalla forma richiesta dal ruolo istituzionale ricoperto.
    È purtroppo tale educazione era perdente di fronte al cinismo di una banda di criminali.
    Non ho mai voluto che venisse stravolta alcuna istituzione repubblicana, ma semplicemente avere persone competenti al posto giusto per ottenere risultati, come quelli raggiunti dal Prodi I del 1996.
    Crescita del Pil
    Riduzione del deficit
    Avanzo primario al netto degli interessi del bilancio statale
    Rientro del debito pubblico sotto quota 100 rispetto al PIL
    Crescita dell’occupazione
    NIENTE di più, tanto meno voli pindarici ed utopistici.

    Forse non l’ho mai scritto prima, ma un mio bisnonno fu partigiano socialista, uno di quelli che inseguirono e combatterono i tedeschi nella loro ritirata lungo il versante adriatico dell’appennino. Ed è un sentimento che si nutre di sangue il mio antifascismo.

    IL limite del M5s alla fine è stato proprio questo, tentare di unire due visioni OPPOSTE del mondo e della civiltà necessaria per governarli.
    È un falso storico che non esistano destra e sinistra. Il fascismo è sempre stato violenza gratuita, prepotenza, difesa dei più ricchi e benestanti, razzismo, bigottismo, clericalismo, integralismo religioso, maschilismo padronale. E i pessimi soggetti legaiolo a capo srl ministero della famiglia ne sono la prova.
    Anche alcune posizioni antiscientifiche, come quelle dei NO Vax, erano state propagandate da esponenti del M5s, come Barillari, la CUNIAL, la TAVERNA.
    Altri esponenti come Sibilia si sono contraddistinti per il loro complottismo.
    Note di colore che però denotano troppa ignoranza.

    La prima delusione, la più cocente, è stata PER Me l’alleanza con quel partito di cavernicoli e ladroni che è la lega ladrona. Alleanza in cui in tanti si sono trovati a proprio agio, finendo per seguire il capitone.
    Era pacifico che allearsi con lui, storico parassita aduso a certe dinamiche propagandistiche, si sarebbe risolto in una catastrofe.

    Seconda delusione, dopo CINQUE ANNI di opposizione chiassosa e veemente sui social, la mancanza di un piano d’azione dettagliato in campo economico, contraddice do tutte le promesse e la sicumera sfoggiato in campagna elettorale.

    Sui valori fondativi, sulla democrazia partecipativa dal basso, sulla rendicontazione alla base dei meet up dell’attività svolta, dello streaming, si sono perse le tracce. Ed è palese la mancanza di coerenza e il tradimento delle promesse.
    Perché è vantaggioso, in termini di consenso, sparare in alto con le chiacchiere, ma è altamente controproducente se poi non fossi in grado di far seguire i fatti.

    Vogliamo parlare del più abile di tutti ad arrampicarsi al vertice con l’unico e personale fine di gestire il potere?
    Il pomiglianese, quello che ha progressivamente eliminato tutti quelli che avrebbero potuto ostacolarlo, persone che si sporcavano le mani nelle amministrazioni o che cercavano di darsi un’organizzazione minimamente strutturata, e fatti esiliare da lui, TALEBANO delle regole all’inizio, ma oggi ripudiato per mero interesse, come la stronzata del mandato zero.
    Pizzarotti eliminato ma più capace di lui. Favia per aver parlato di dilettanti allo sbaraglio.
    Quest’ultimo, se non ve ne foste accorti, si è messo a capo delle proteste di commercianti e ristoratori bolognesi e in prospettiva emiliani.
    Gode già oggi di un forte consenso e laddove il movimento nacque, Bologna, là oggi si può dire che sia morto.
    Dicevo del pomiglianese, delle sue infornate di amici e conoscenti, dei legami con Grand commis d’etat sulle cui nomine ha messo parola, della sua bulimia di potere all’interno del partito e del governo occupando contemporaneamente, MALE, troppe poltrone.
    Da ministro del lavoro e dello sviluppo è stato semplicemente DISASTROSO.
    Nessuna crisi aziendale risolta e per seguire i vaneggiamenti leghisti sull’uscita dall’euro, ALTRA B0IATA SENZA SENSO, avvio di una recessione tecnica, cioè TRE mesi consecutivi di decrescita del PIL, crollo di investimenti, impennata del debito con crescita dello spread, tutto mentre il compare legaiolo si divertiva a pompare di odio la sua propaganda contro i “nekri” in mare, parte minoritaria del fenomeno migratorio.
    Di Maio è lo stesso personaggio che prima aveva parlato di impeachment per Mattarella, azione legale prevista nei sistemi giuridici anglosassoni, e oggi lo loda ipocritamente ogni qualvolta monta dal Quirinale.
    Di Maio fu colui che col Dibba, pur ricoprendo il ruolo di bi-ministro, andò ad incontrare le frange più violente dei jilet jaunes sul suolo francese. Uno screzio e un affronto mai registrato dalla fine della Seconda guerra mondiale e che condusse il vertice della Republique Francaise a richiamare a Parigi il proprio ambasciatore in Italia. Crisi diplomatica veramente pericolosa.
    Oggi, con la stessa faccia indifferente, va ai vertici internazionali ad accordarsi e accodarsi ai rappresentanti stranieri che attaccava, SENZA UN MINIMO DI PUDORE E VERGOGNA.
    Vogliamo parlare dei vaneggiamenti e della miopia politica della Lezzi. O dell’inadeguatezza al ruolo della Castelli? Di Sibilia? Del clan familiare di Cancellerò, che ha sistemato in ruoli ben retribuiti troppi parenti?
    Dei continui abbandoni, non solo a Roma ma anche nei territori abbandonati a se stessi, dopo l’azzeramento dei meetup?
    E le regole della democrazia interna esercitate, o sarebbe meglio dire, manipolate attraverso la piattaforma digitale NON CERTIFICATA Rousseau, gestita dalla Casaleggio srl, che per tale attività richiede un obolo. E fu questa l’accusa, di arricchimento personale di Casaleggio, che costò l’espulsione del consigliere regionale Favia credo nel 2012.

    Di fianco a tanti buoni propositi nel M5s, è innegabile, esiste un IMBARAZZANTE Dilettantismo e soprattutto un ‘incapacità di coordinamento e organizzazione che dia spazio a qualche critica costruttiva, un allineamento forzato verso il basso per non disturbare l’oligarchia degli eletti della prima ora, a discapito di persone più formate.
    Non è un caso che gli esponenti governativi più autorevoli espressi dal M5S siano stati finora due Esterni, dotati di una propria solida esperienza professionale, cioè il Presidente Conte e il ministro Costa, Generale dei Carabinieri che con le sue indagini portò alla scoperta della Terra dei Fuochi tra Napoli e Caserta.

    Come si fa a votare un partito, fermo restando l’attuale legge elettorale, che garantirebbe il posto innanzitutto al sicuro capolista pomiglianese? Io vorrei che sparisse dalla circolazione per manifesta inadeguatezza, politica nel merito ed organizzativa nel partito per aver tarpato le ali a possibili talenti che resteranno sconosciuti, perché ha preferito dare spazio a chi ha seguito il suo percorso, cioè vicinanza e fedeltà al capo a detrimento del merito, della preparazione, della cultura e del talento.
    Di Maio è un democristiano che se la intende più con un maneggio e qual è il Bomba, che con un prof universitario concentrato sul pezzo come Conte.
    Se quest’ultimo volesse formare un suo partito credo che riuscirebbe a prosciugare gran parte del consenso pentastellato, in alleanza con il PD e la sinistra di Leu.

    Ora fascio, torna alle tue paturnie autocelebrative e utopistiche.
    La politica, come la intendo io, deve essere pragmatica, coerente col messaggio e con risultati misurabili.
    Le chiacchiere vuote e le accuse continue agli avversari hanno il respiro corto se poi non si traducono in risultati concreti.

    Piace a 2 people

    • Io su Di maio non sono per niente d’accordo
      Credo sia un super fenomeno della politica, alla sua età, capace di mediare nel tentativo di provare a Fare non avendo avuto il 51%
      Che i 5s abbiano problemi sul territorio ci può stare, ci vogliono persone
      Come le trovi, disposte ad uno stipendio normale, che dopo 2 mandati debbono trovare un altra occupazione a prescindere che abbiano lavorato bene o male? Le vuoi capaci, colte e laureate?
      Bene chi è disposto a gettare 10 anni della vita per poi tornare a casa a mani vuote? Perché se al secondo mandato si guardano attorno tu sei subito pronto a parlare di inciuci
      Se sei coerente, non avendo il 51% e dovendo scendere a compromessi, che fai? Fai cadere il governo? Perché tu sei dietro alla porta subito a dire venduto.
      Non è facile, hanno due braccia e due gambe come tutti
      Hanno scelto Conte
      Sono onesti, Leali la maggior parte
      La politica è una brutta bestia
      Personalmente sono stratosferici
      Umiltà nel scendere in campo sia con la lega, sia con il pd, solo per provare a fare il bene nostro
      Ci vuole forza e determinazione e se ti concentri a roma, la periferia langue, siamo umani
      Il bilancio per me è molto positivo vedendo i super capaci lombardi
      Massima stima jerome b. Saluti

      Piace a 2 people

      • Cosa devi fare per prima cosa?
        Evitare di promettere provvedimenti e azioni che non sarai in grado di onorare.
        Persone colte e laureate?
        Ma come minimo!!! Andresti ad amministrare pezzi dello Stato, con implicazioni sulla vita delle persone delle tue decisioni. Lavoro delicato e che richiederebbe un minimo di conoscenza delle complessità da affrontare. Invece ci si vanta quasi del proprio dilettantismo imbarazzante, esibito con surreali interventi in aula o nelle interviste ai media, soprattutto televisivi.

        Dovresti dedicare 10 anni della tua vita alla politica e poi tornare indietro a mani vuote?
        Ohibò, te l’ha ordinato qualcuno di impegnarti in quel compito?
        Non dovrebbe essere un impegno civico?
        Perché altrimenti diventerebbe un lavoro attraverso il quale passare in colpo solo da disoccupati nullafacenti o che sopravvivono di espedienti a super privilegiati benestanti, per grazia ricevuta attraverso la lotteria delle clickarie o, aspetto surreale e miserabile, per vicinanza e fedeltà a qualche autonominatosi campetto.
        Cioè alla fine diventano espressione di quella politica parassita e autoreferenziale che promettevano, a chiacchiere e con regole, di voler abbattere. Alla fine sostituire per prenderne il posto.

        Nelle amministrazioni locali gli eletti, dopo aver amministrato, tornano a casa, a svolgere i loro lavori che spesso avevano continuato ad esercitare in maniera ridotta, tranne che per realtà demografica ente più importanti.
        Ed è questo uno spunto per selezionare la classe dirigente.
        Invece di assistere all’indecoroso e osceno assalto alla diligenza in tempo di elezioni politiche nazionali, sarebbe opportuno inserire una barriera all’ingresso, consistente nell’obbligatorieta’ di provenienza da esperienze negli enti locali Comunali, propedeutica al salto successivo in regione e poi in parlamento. Si eviterebbe di imbarcare cani e porci ignoranti da mantenere come schiacciabottoni.
        Ovvio che i primi a saltare dovrebbero essere gli oligarchi della prima ora che, senza essersi MAI sporcati le mani, decidono dell’altrui vita politica attraverso una scienza infusa che ha fatto di loro delle divinità.
        Ancor più ovvio che per procedere bisognerebbe ripristinare una partecipazione dal basso, con alcuni accorgimenti volti ad evitare i precedenti errori. Cioè la formazione di gruppi di pressione e voto alle clickarie, eleggendo infiltrati, rappresentanti di altri interessi che si basano su un largo consenso, memori dell’esperienza di Quarto, a Napoli.
        Come? Chiamando chi si propone ad amministrare NON NEL SUO COMUNE.
        Si perderebbe il contatto con il territorio? Non è detto se fossero presenti i meet up.
        Di sicuro si creerebbero degli amministratori esperti e non dei portavoce di burattinai nascosti.

        Infine la tua difesa aprioristica di Di Maio è IRRICEVIBILE. Non c’è stato nessuno a contrastarlo e successivamente a controllarlo. Gli si è delegato un potere TOTALE E IMMERITATO.
        La storia non viene scritta con i se e con i ma. La storia è il lavoro che hai lasciato al tuo passaggio. Nel suo case errori ed orrori imbarazzanti. Ed ogni qual volta si fosse levata una voce critica questa è stata tacitata e mediaticamente massacrata per ridurla al silenzio, espellendola o costringendola a dimettersi. Tipo la Nunes e la Fattori.
        In compenso Di Maio aveva prescelto, alla faccia degli attivisti, personaggi come paragone, caiata presidente del potenza calcio, ed altri che gli si sono rivoltato contro, perché corpi estranei.
        Sull’infornata nei ministeri e nelle partecipate di amici del suo territorio meglio stendere un velo pietoso. Un insulto al merito perché frutto di una mentalità tipica dei clan.
        E l’abbandono della partecipazione attiva sui territori ha prodotto ovunque disastri in termini di consensi alle amministrative. Che naturalmente si ribalteranno inevitabilmente pure sulle prossime politiche a livello nazionale.

        E chi è L’UNICO RESPONSABILE di tale disastro se non colui che ha avvocato e concentrato su di sé tutto il potere?
        Si fosse trattata di una società privata, gli azionisti avrebbero accompagnato l’incapace amministratore alla porta, a furia di massaggi del suo didietro con la punta delle scarpe.
        Invece leggo ancora di ringraziamenti e insostiuibilita’ del soggetto.
        È ovvio che pure su questo blog scrivano soggetti abilitati al ruolo di propagandisti. Lecito e necessario al vertice per tastare il polso all’opinione pubblica. MA INUTILE.
        Perché sarebbe proprio il vertice politico da cambiare.
        Comunque trattasi di argomenti che descrivo ma non mi appassionano.
        Vedremo se è come si evolverà un eventuale partito di Conte.
        Il M5S lasciato ancora nelle mani di Di Maio è un’esperienza da accantonare.

        "Mi piace"

    • D’accordo su quasi tutto, ma su Di Maio non sarei così critica. Forse pecco di ingenuità e mi sono sfuggite molte cose, ma i suoi mi sono sembrati errori dovuti all’inesperienza e ora lo sto apprezzando per la sua capacità di sostenere con calma anche l’assalto dei media, cosa non da poco, e per aver risolto il caso di Chico Forti che era stato bypassato da tutti i suoi tanto capaci predecessori.
      Sul caso Mattarella, ti confesso che, non dico sul chiedere l’impeachment, che era una vera stronzata, mi trovavo d’accordo sul fatto che il presidente della repubblica italiana non potesse entrare nel merito della politica, all’atto della nomina dei ministri, ma solo delle qualità morali etc etc(non mi ricordo bene) del candidato ministro. Quindi, che ci fosse un'”esondamento” istituzionale da parte di Mattarella, per me era evidente, a prescindere dalla comprensibile paura del presidente per la deriva antieuropeista che si prospettava all’orizzonte (anche se poi non credo che Savona avrebbe dato corso alla cosa). Comunque inscrivo questi atteggiamenti di Di Maio, compreso l’entusiasmo per i gilet gialli (dopotutto anche Macron non ha lesinato sgarri), che non condivido, occhio, negli errori di gioventù e ne apprezzo il riconoscimento ‘postumo’.
      Ora è maturato, anche grazie a quegli “scrammenti” (termine sardo, intraducibile con una sola parola, prob derivante da “ammentos”, ricordi=scottature che ti segnano e che non ti fanno mai più ripetere l’errore), mi sembra più posato e riflessivo.
      Di tutte le manovre per il potere che denunci sono all’oscuro, quindi taccio.
      Su Rosy Bindi e il governo Prodi 1 sfondi un portone aperto, compreso il fatto che certi autoproclamatisi grillini, ma in fondo fasciolegaioli, dovrebbero andare a gettare fango altrove.
      Purtroppo, pare che anche qui, grande delusione, chi grida di più abbia ragione: non solo il SarsCov2 genera contagio.

      "Mi piace"

  14. Ho letto ora il commento di Fabio e la tua risposta.
    Comprendo ed in parte condivido la visione “romantica” della politica di Fabio.
    Sicuramente, sia io che lui abbiamo osservato meno da vicino di te le manovre accentratrici di LDM, sia per lontananza territoriale, che per distanza politica (io da anni voto Leu e mi interesso ai 5s dalla loro nascita come osservatrice esterna e simpatizzante, ma non mi sono addentrata più di tanto nei “meandri” delle varie vicissitudini).
    Forse siamo anche meno esigenti e rigorosi di quanto lo sia tu, comprendendo che il mondo della politica è difficile, come la vita peraltro.
    Non tutto è chiaro, lineare, semplice come nei propri pensieri e desideri. La realtà comprende anche lo sporcarsi le mani, cercando di lavorare il più onestamente e coerentemente possibile.
    Io ti apprezzo molto, Jerome, credo che tu lo sappia, ti confesso che rido molto anche quando ti arrabbi e spari parolacce a raffica.
    Ci sono cose più volgari delle parolacce, secondo me. Ci sono la cattiveria, l’odio, la presunzione, il rancore, la violenza vera.
    Ma anche l’intransigenza, a volte, avvelena la vita e fa vedere solo i lati negativi delle persone.
    Forse a volte è meglio, non dico sbagliare e chiudere gli occhi, ma cercare di empatizzare con le persone, provare ad intuirne le difficoltà, gli inciampi, le difficoltose correzioni, anche i difetti… siamo tutti sulla stessa scala, in fondo, gradino più, gradino meno.
    Scusa la svolta filosofica, capodanno mi ispira, evidentemente… 😉😆
    Buon anno, Jerome caro👋😘

    "Mi piace"

    • Ed io Anail ti sposo in pieno..
      Sono molto molto meno colto di voi
      Jerome b. Come altri ti ringrazio leggervi è un onore
      Mi capita di fare un preventivo di €2650000,00
      Luogo del lavoro Verona, sede titolare Trento
      Mia azienda di Ascoli
      Dopo tre mesi (fine luglio, il preventivo era di aprile) il cliente chiama: fabio vieni su e firmiamo
      Chiamo il mio superiore( ing. X) controlla, verifica e predispone giorno incontro
      Informo tutti, il cliente, il mio titolare, che mi rassicura, avendo un impegno ad ischia dell’ ing x, e partiamo
      Dalle 10 del mattino alle 16 del pomeriggio il mio tecnico( ing. X) litiga con il tecnico del cliente (ing. Y)
      Io non mi capacito: come si può litigare per un plinto!!! La differenza è di circa € 60000,00 su un preventivo di €2.650.000,00
      Ebbene jerome b. I due ingegneri non hanno ceduto( nel frattempo il costo del materiale, da aprile ad agosto si era aperto un vantaggio mio di € 600.000,00)
      Il cliente esterefatto mi guarda e mi dice alle 16: fabio lascia stare non sei serio, non puoi fare un preventivo e poi quando io accetto pretendi una modifica del prezzo. Saluti
      Torno ad ascoli dopo ferragosto per assistere ad una sfuriata del mio titolare contro ing. X da fare cadere i muri, e porgere le dimissioni
      Molto tempo dopo, un amico imprenditore di milano : fabio impara i tecnici devono stare lontanissimi dagli affari, la vita reale è un altra cosa, a loro tu devi dare responsabilità e € 10.000,00 al mese stop
      Se tu fossi andato a pranzo e ti fossi portato una bella escort, parlato di sport, avresti firmato in due secondi
      E nessun titolare d’azienda avrebbe stracciato un contrato nullo in quanto firmato da una parte non legale.
      La politica è una brutta bestia, va bene la cultura, va bene la laurea ma ricorda che devi decidere( ci vuole furbizia, scaltrezza, fermezza, determinazione, umiltà,) che il libro non insegna) non devi mai perdere di vista l’obiettivo, che è il bene degli altri, e hai costantemente davanti a te tantissime lobby che pretendono tutte!!
      Rimango un tuo accanito lettore jerome b.
      Saluti

      "Mi piace"

  15. Dietro di lui c’è il vuoto. Si è stufato di guardare Il suo 2% nei sondaggi dalla prospettiva di governo. Ora lo vuol guardare dalla prospettiva dell’opposizione. Dopo lo guarderà dalla prospettiva di casa. Pertanto il governo Conte non cadrà perché un numero congruo di senatori di iv resterà a sostenerlo

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...