Chiudiamo scuole e città ma nessuno ha il coraggio di parlare dell’obbligo vaccinale contro il Covid

(Luca Telese – tpi.it) – È proibito discutere di vaccino anti-Covid obbligatorio? Stiamo iniziando una campagna vaccinale universale, emergenziale, planetaria e accelerata, ma sembra che nel dibattito sopravviva un curioso tabù. Nessuno discute di obbligo vaccinale. Abbiamo chiuso scuole, teatri, città, contato migliaia di morti: ma sembra che nessuno voglia turbare le coscienze di quella rumorosa minoranza di massa (che viene definita “No vacs”) e di una zona grigia di scettici che prolifera intorno a questo nucleo irriducibile.

Gli stessi che si sono dimostrati spietati fino al liberticidio, nelle misure di contenimento, ripetono questo strano mantra pseudoliberale: “Non possiamo costringere nessuno”. Altri addirittura dicono: “Sarebbe giusto, ma la via migliore è la persuasione”. Ma perché se imponiamo costrizioni a tutti, se accettiamo senza battere ciglio che siano danneggiate vite e attività economiche, se saturiamo terapie intensive e devastiamo intere filiere senza guardare in faccia a nessuno, perché di grazia, dovremmo usare tutte queste cautele con i no Vacs e i loro adepti?

Già oggi – per fortuna – suggeriamo alla popolazione dieci vaccinazioni, tra cui il noto vaccino combinato esavalente, che protegge da difterite-tetano-pertosse-poliomielite-epatiteB-haemophilus influentiae, e il trivalente, che protegge da morbillo-parotite-rosolia e varicella. Queste vaccinazioni sono obbligatorie e, se non effettuate, comportano l’impossibilità di iscrivere il bambino al nido o alla scuola materna e il pagamento di multe da parte dei genitori. Per quale motivo dovremmo adottare un trattamento diverso con il Covid è un mistero.

Tra il 1939 ed il 1962, prima dell’introduzione della vaccinazione di massa, ogni anno in Italia venivano segnalati in media circa tremila casi di poliomielite paralitica, con un picco di 8.300 casi nel 1958. A partire dai primi anni sessanta, l’incidenza della malattia si è drasticamente ridotta proprio per effetto della vaccinazione di massa. L’ultimo caso in Italia da virus selvaggio si è verificato nel 1982. Essendo l’uomo l’unico ospite del virus, attraverso la vaccinazione è possibile ottenere la sua scomparsa. Tuttavia, finché la malattia sarà presente anche in un unico Paese del mondo, esisterà un rischio di importazione del virus e quindi di contrarre nuovamente l’infezione. Per questo motivo continuiamo a proteggerci anche contro un virus meno diffuso, con il vaccino. Domanda: per quale motivo non dovremmo tutelarci contro un virus pandemico, mentre c’è una epidemia il corso? E perché se – in linea di principio – abbiamo già dei vaccini obbligatori, dovremmo rifiutare l’idea di imporre un vincolo contro il virus che (oggi) è più pericoloso?

Ovviamente non parlo ai no vacs, parlo agli altri. Se la collettività paga una prezzo enorme (economico, logistico umano) per vaccinare una intera popolazione, bisogna prendere una misura drastica: o si vaccinano tutti, oppure bisogna capire che chi non si vaccina non può avere gli stessi diritti né le stesse libertà di chi si vaccina. E può avere limitazioni – ad esempio -nell’accesso al trasporto collettivo. Soprattutto di fronte ad un virus che – come ci spiega la variante inglese – muta molto velocemente bisogna accettare una misura drastica. O saremo più veloci di lui, oppure per molto tempo dovremo rinunciare alla vita civile come l’abbiamo conosciuta fino ad oggi. Di questo, forse, dovrebbe discutere il Parlamento. Sarebbe un dibattito alto, forse drammatico. Ma come minimo utile, qualunque fosse il suo esito.

8 replies

  1. Parlare di obbligo vaccinale ADESSO non è proibito. È solo da coglioni, scusate il francesismo. Ci vorranno mesi e mesi per vaccinare le persone e per un bel pezzo anche chi vorrebbe vaccinarsi subito dovrà aspettare il suo turno. Vediamo come viene percepito il vaccino dalla popolazione, poi se sarà il caso se ne parlerà a settembre. Ovviamente è un sacrosanto diritto dei privati di pretendere il certificato di vaccinazione: spero lo facciano aerei e palestre, tanto per cominciare. Io se dovessi scegliere tra una compagnia aerea o una palestra che pretende l’obbligo e una che non lo pretende ovviamente sceglierei la prima.

    Piace a 2 people

  2. Un vaccino sviluppato in fretta e furia e già approvato a tempo record dalle autorità saitarie, quando normalmente si impiegano anni, che livelli di sicurezza può dare? Chi vuole fare da cavia si accomodi.

    "Mi piace"

  3. Perchè non metterlo obbligatorio? Forse perchè è sperimentale e gli effetti a lungo termine potrebbero essere peggiori della malattia (ci sono parecchi casi simili in medicina) e dunque non tutti i cittadini devono essere obbligati a fare da cavia?
    Ma poi se il vaccino rende immuni perchè dovete rompere a chi non se la sente di farlo? Per fortuna vivo all’estero e conosco persone che vivono in Germania, a quanto sembra non si sognano neanche di metterlo obbligatorio. So che persino alcuni medici non vogliono farlo.

    "Mi piace"

  4. Pregasi gli “AFFERMAZIONISTI” di saltare a piè pari il commento: grazie!

    «”Loretta Bolgan, Harvard Medical School di Boston. “Alterazioni epigenetiche e infertilità”

    “…un rischio gravissimo di reazione avversa fatale; il pericolo di reazioni autoimmuni, di malattie gravi a carico del sistema nervoso; la possibilità che si verifichino alterazioni epigenetiche, ovvero capaci di modificare l’espressione dei geni. Infine, l’ipotesi che possa essere attaccato il sistema riproduttivo con lo spettro dell’infertilità”.

    “Sono sempre stata per la libertà vaccinale e terapeutica, ma questa volta sono assolutamente contro l’autorizzazione del vaccino. Non è stato rispettato alcun principio di precauzione. La popolazione farà da cavia”.

    “La sperimentazione animale è stata condotta con il ceppo originario del virus, non con quello attuale. Il rischio è quello di iniettare materiale genetico senza una sperimentazione certa. Faccio un esempio. Il frammento con materiale genetico entra nella cellula e viene tradotto in proteina dal sistema ribosomale. Teoricamente dovrebbe restare a livello di citoplasma. Il rischio è che questo RNA non si trasformi solo in proteina, ma anche in DNA a doppia elica e che venga portato all’interno del nucleo, producendo effetti imprevedibili.

    Il vaccino viene creato per produrre anticorpi, ma non è sterilizzante, cioè non evita l’infezione e la trasmissione del virus. Ci stanno dicendo che è efficace al 95% ma contesto questo dato: si tratta della capacità di formare anticorpi vaccinali, ma nessuno garantisce che sia protettivo. Fino a prova contraria la persona può comunque infettarsi ed essere contagiosa. Sostengono che la persona venga protetta dalla malattia, ma non lo sappiamo perché hanno scelto modelli animali che non hanno sviluppato la complicazione”.»

    https://www.affaritaliani.it/coronavirus/vaccino-covid-si-rischia-una-reazione-avversa-fatale-711866.html

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...