Mes, il 5S Raduzzi: “È stata una Caporetto, Crimi si dimetta”

(adnkronos.com) – “È stata una Caporetto. La risoluzione di oggi, che non ho votato, manda Conte a firmare una terribile riforma del Mes! Una riforma che potenzia il Mes come istituto per gestire le prossime crisi finanziarie (che ci saranno). Una riforma che inserisce gli stessi identici parametri del Patto di stabilità – che da bipolari vorremmo cambiare in un futuro indefinito – per discriminare chi potrà avere accesso migliore o peggiore alle linee di credito. Una riforma che dal 2022 cambierà il quadro normativo di tutti i nuovi titoli di stato (oltre 400 miliardi all’anno) rendendo più facile una sua eventuale ristrutturazione (taglio nel suo valore)”. E’ il j’accuse del deputato M5S Raphael Raduzzi, che su Facebook spiega le ragioni del suo dissenso.

“Una riforma del Mes – che da programma dovevamo smantellare – contro cui tutto il Movimento si era espresso in maniera contraria fino a qualche mese fa con innumerevoli post e prese di posizione a partire dall’ex capo politico. Non era un voto su Conte ma sulla riforma del Mes che già avevamo bloccato”, attacca il pentastellato, chiedendo un passo indietro del reggente grillino: “Vito Crimi dovrebbe dimettersi immediatamente da un ruolo che non è il suo per un errore così madornale che, con un’inversione a 180 gradi, rischiamo di far pagare caro a tutti ed in primis al nostro Movimento”.

6 replies

  1. Sempre a parlare di Caporetto, come se il successo di Vittorio Veneto appartenesse a un altro popolo.
    Disfattista!

    "Mi piace"

    • @paolo diamante Roma,
      sarebbe il caso di tenere in caldo certe considerazioni…!
      magari dopo che la cicala italia con 2,5milioni di miliardi di debito, in aumento.., sarà obbligata dai teutonici e da altri, che pensano di essere “formiche”, non solo a chiedere la “ristrutturazione del debito” con la conseguenza che farà la stessa fine della grecia…!
      svendita di quel che resta del patrimonio pubblico, probabilmente le “mani dei creditori” nei conti correnti dei cittadini che già fin da ora sono supercontrollati e super bloccati con gli obblighi a non poter prelevare senza valide giustificazioni… – chissà come mai forse perché sanno che i creditori per garantire il debito devono averre “mano libera nel “prelevare” dalle tasche degli italiani che non possono prtare i capitali allestero…??? – (com’è già avvenuto con il bail-in delle banche fallite…) dimezzamento dei salari e delle pensioni agli onesti che pagano le tasse, ecc, ecc…!!!
      ti é mai venuto da chiederti: “come mai le industrie private portano la gestione amminstrativa e contabile delle loro azienda…???
      buona fortuna e sonni sereni caro paolo…!
      ma forse é parlare vano poiché da come scrivi probabilmente a te non toccherà…!!!

      "Mi piace"

      • errara corrige:
        “come mai i prenditori e i magnager portano la gestione amminstrativa e contabile delle loro aziende all’estero…”???

        "Mi piace"

      • Esatto, salveranno le banche tedesche coi soldi degli italiani (meno male erano cicale).
        In tutta l’Europa, non esiste un altro Paese così prono alla kulona.
        Sono nauseato. Peggio di così…
        E poi ci si meraviglia se India, Brasile, Egitto, Somalia e tutti i “patner” europei ci prendono a calci in culo.
        Con un governo così (non metterò più il maiuscolo, trattandosi di sporchi traditori) è OVVIO!!

        "Mi piace"

  2. “… come mai…portano la gestione contabile e amministrativa all’estero?” Bisogna vedere quale estero: in India costa molto, molto di meno, ma a me risulta che valga altrettanto. Le grandi aziende non producono più : fanno lavorare sub fornitori cinesi o di altri Paesi del Terzo Mondo, ottengono prodotti infimi, fanno i SOLDI VERI con la speculazione finanziaria. Debito e credito hanno perso il loro valore lessicale poiché si sovrappongono confondendosi. A me pare che le sue pessimistiche considerazioni facciano il paio con le ottimistiche illusioni economiche sui BRICS che leggemmo un 15 anni fa su tutti i giornali, così come sull’ineluttabilità dell’avanzata dell’ISIS bloccata da Putin.

    "Mi piace"