Renzi ora accusa i pm “da ribalta”. Poi ricatta Conte: “Senza noi è ko”

(di Wanda Marra – Il Fatto Quotidiano) – L’inchiesta Open è “un assurdo giuridico” , ha creato “un danno pazzesco” a Italia Viva. Che è “decisiva” per la durata del governo e della legislatura. Appare in diretta Facebook poco dopo le 15 Matteo Renzi, da una terrazza di Roma, per la terza assemblea del partito che ha fondato un anno fa, convocata via Zoom (in streaming va solo il suo intervento, il resto è chiuso al pubblico). Assemblea convocata da tempo e non rimandata dopo che l’ex premier ha saputo di essere indagato, insieme a Maria Elena Boschi e a Luca Lotti per finanziamento illecito ai partiti in relazione ai fondi gestiti appunto da Open, la fondazione che organizzava la Leopolda.

L’appuntamento di ieri diventa un “One man show”. Del fu Giglio Magico, Lotti è restato nel Pd, Boschi non interviene. Renzi parte dalle elezioni americane e dal vincitore, Joe Biden: “Ho avuto la fortuna e la possibilità di incontrarlo in più di un’occasione”, dice. Tanto da ricevere il racconto sul pizzaiolo del Delaware che lo accompagnava durante le sue prime campagne elettorali. Su Open sceglie la teoria del complotto. “Un anno fa stavamo puntando al 10% nei sondaggi e avevamo centinaia di migliaia di euro di finanziamento”. E poi? “Un pm di Firenze manda 300 finanzieri a casa di 50 persone per bene per chiedere se hanno contribuito alla Leopolda o alla fondazione Open: e certo che hanno contribuito, tutto alla luce del sole. Quella vicenda ci ha causato un danno pazzesco”. Il riferimento è alle perquisizioni della Guardia di Finanza del novembre 2019. Si tratta della stessa linea difensiva scelta in Senato, lo scorso dicembre, quando Renzi citò Aldo Moro e Bettino Craxi per sostenere che la magistratura aveva fatto un’invasione di campo, volendo decidere “cosa è un partito e cosa no”. Un anno dopo sembra passata un’era geologica e non solo per il Covid che ha cambiato il panorama mondiale. Iv si è dimostrata un’operazione fallimentare, il suo leader non può giocarsi molto altro che la carta del ricatto nei confronti del governo. Le parole sull’inchiesta sono meno fiammeggianti di allora. E peraltro si fanno forza con quanto stabilito dalla Cassazione, che a fine settembre aveva accolto il ricorso di Marco Carrai (già indagato) contro il sequestro di documenti e pc.

Dice Renzi: “Ci sono dei magistrati a cui la ribalta mediatica piace più che il giudizio di merito. La Corte di Cassazione, nel giudicare il sequestro preventivo fatto quella mattina di novembre, ha totalmente annullato il provvedimento, dando anche un chiaro segnale ai pm dell’accusa”. Insomma, “mi sarei aspettato una lettera di scuse e invece è arrivato un avviso di garanzia, che mi riguarda”. Poi annuncia una specie di dream team per la difesa di ciascun indagato: “La professoressa Severino per Maria Elena Boschi, il professor Coppi per Luca Lotti, il professor Di Noia per il dottor Carrai e il professor Caiazza per il sottoscritto”.

Ma è in realtà la parte politica del suo intervento quella a cui l’ex premier tiene di più. Con relativo avvertimento a Conte: “Iv c’è, decisiva in Parlamento, decisiva per la tenuta di questa legislatura, perché senza di noi non c’è maggioranza”.

E allora, “se sui temi c’è accordo la maggioranza va avanti fino al 2023, e potrà eleggere un presidente della Repubblica non sovranista”. Renzi si fa forte dei numeri in Senato e del tavolo politico che si è aperto giovedì, per il quale avverte che non c’è un tempo illimitato: fino a fine mese. Chiede un contratto di governo alla tedesca. Non a caso a puntellare le sue parole manda una scena di Gigi Proietti che scorre le pagine di un contratto, con il refrain “Qui te s’inculano. Qui ce l’inculamo”. Messaggi non esattamente sottili. Dopo di lui intervengono solo fedelissimi, che esprimono solidarietà a lui, alla Boschi e pure a Lotti. Ettore Rosato, i ministri Teresa Bellanova, Elena Bonetti. E i parlamentari Mattia Mor, Lisa Noja, Luciano Nobili. Tra deputati e senatori in molti aspettavano l’incontro di ieri per porre qualche problema politico. Ma la notizia dell’avviso di garanzia mette il silenziatore al dissenso. “Complotti” che funzionano al contrario.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

2 replies

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.