Il sindaco Massimo del sovranismo caciarone il tv

di Andrea Scanzi – Il Fatto Quotidiano) – Il centrodestra sta pensando a Giletti come sindaco di Roma. Si parla pure di un’ipotesi poro Porro. E si candida persino Sgarbi. È tutto straordinario. Giletti è una delle figure mediatiche più odiate da sinistra e grillini. Da un punto di vista prettamente tecnico, Giletti è uno dei conduttori più abili. Sa fare tivù, ha i tempi giusti e – se vuole – è un ottimo intervistatore. La sua conduzione è molto dominante, come quelle di Vespa e Santoro. Essere suoi ospiti non è facile e neanche troppo divertente, perché a casa Giletti comanda solo Giletti e (quasi) tutti gli altri sono pedine. Non conta quel che dici, conta che tu rispetti la partitura ferrea che lui ha in testa (e in scaletta).Giletti è criticato per la sua conclamata sbornia salviniana, ma è sempre stato un uomo di centrodestra. Una sorta di democristiano 2.0 finto incazzato e senz’altro populista. Quasi sempre filo-governativo, prima garbatamente berlusconiano e poi smodatamente salviniano. Per un po’ semi-grillino (quando lo ha cacciato la Rai), per fortuna mai granché convinto da Renzi.

Due sere fa, a Non è l’Arena, stranamente non c’erano né Salvini né Meloni. Giletti suole “intervistarli” con trasporto messianico. Ascolti discreti (4,8% di share prima parte e 5,7% seconda parte). Lo storytelling (?) era avvincente. Momento Covid con l’immancabile Bassetti, ormai monolite nero di sovranisti e minimizzatori para-negazionisti. Spazio poi al “Momento Cazzata”, al quale Giletti tiene moltissimo e che domenica è stato affidato a Fusaro. Giletti è bravissimo a far dire cose irricevibili (che spesso lui pensa) a facce impresentabili: in questo modo lui si salva, ma il messaggio passa. E il messaggio era che, per Fusaro, la mascherina valesse la camicia nera. Dunque Conte come Mussolini e Speranza nuovo Farinacci. Daje Diego! A far le veci del governo da zimbellare, l’immancabile viceministro 5stelle Sileri, un brav’uomo che da mesi adora interpretare – chissà poi perché – il ruolo del punching-ball.

Giletti ha quindi sdoganato televisivamente l’immacolato Buzzi. Ottima idea! Eticamente sublime, soprattutto. Mentre Bonini e Sabella provavano a ricostruire la realtà, Buzzi faceva il martire, l’avvocato diversamente simpatico di Carminati cercava di dimostrare come il suo assistito fosse una sorta di promoter turistico di Roma e Giletti dichiarava sornione di avere adesso ancora più dubbi sull’ipotesi di candidarsi sindaco.

L’apice è stato però il finale. Dai Caraibi è comparso tal Mirko Scarcella, definito a casaccio “guru di Instagram”. In breve: tal Scarcella lavorava con Vacchi, poi i due hanno litigato e adesso Vacchi attacca Scarcella alle Iene e Scarcella attacca Vacchi da Giletti. (E uno sticazzi non ce lo metti?). In studio c’era Annalisa Chirico, che sfoggiava un sottopancia leggendario: “Direttrice di Chirico.it”. Quasi come se io, domani, andassi a Otto e mezzo e mi facessi presentare così: “Ecco Scanzi, direttore della pagina Facebook di Scanzi”. Roba da Tso immediato. Tal Scarcella era molto su di giri e attaccava tutti. Giletti, un genio nel fingere di scandalizzarsi, un po’ si dissociava per fini legali e un po’ simulava sdegno per la maleducazione dell’ospite. In realtà, ovviamente, godeva come un riccio erotomane. Il dialogo (tra sordi) ha raggiunto l’apice quando tal Scarcella ha inquadrato con la webcam sua moglie (in mutande). Altissimi livelli. In un siffatto Circo Barnum del sovranismo caciarone, ho però avvertito la dolorosa assenza della donna barbuta, di Gasparri vestito da Wonder Woman e di Salvini che fa Tarzan. Sarà per la prossima volta, sindaco Massimo.

12 replies

  1. Che un pagliaccio lavori in un circo (mediatico e non) ci sta bene, ma che lo stesso pagliaccio voglia pure diventare sindaco di Roma mi pare un poco sopra le sue capacità. Ok che sino alla tanto incapace Raggi abbiamo avuto nani e ballerine (spesso di seconda fila) messi li solo a pulire la poltrona con le chiappe (i meno dannosi), ma una domanda nasce spontanea. Per mandare facilmente a casa una incapace ci vuole un pagliaccio ( che non saprebbe dirigere manco una riunione di condominio) oppure nessuno dei rimanenti bravissimi politici si sente di metterci la faccia e vincere a mani basse contro una piaga come la Raggi?

    "Mi piace"

  2. V’immaginate la squadra? Il Cazzaro in Gilet, più Sgarbi più Gasparri. A scelta, uno dei tre sindaco, gli altri due vicesindaci. Rivivremmo l’anno dei 4 imperatori, che fasti sarebbero, Anche se uno di meno. Scherzi a parte, Raggi e sempre Raggi. Meglio una persona seria e preparata che 3 moschettieri della cialtroneria

    "Mi piace"

  3. No vabbé è un ottimo intervistatore non si può sentire, anche con l’inciso se vuole. Prego recuperare intervista a Catherine Deneuve, non so se si scriva così: non è riuscito a fatle una domanda che sia una. Lui pensava di avere in studio un’attricetta venuta dal grande fratello, del tipo borgatara de Tor Marancia, cui chiedere dei suoi amori, soprattutto di quello con Mastroianni. Lei lo ha incenerito per mezz’ora.

    "Mi piace"

  4. Chiunque non sia Virginia Raggi ha bisogno anche dei voti provenienti dal famoso Mondo di Mezzo per vincere, e non può essere casuale, dopo tante voci di corridoio su candidati più o meno probabili e/o presentabili, questo improvviso invito in trasmissione di un siffatto personaggio (l’incipit della pagina di Wikipedia è, testuale: Salvatore Buzzi è un criminale italiano). A non voler pensare troppo male, questo come minimo dimostra come la candidatura di Giletti a sindaco di Roma non sia solamente una delle tante boutade, il minimo che si possa concludere è che stia davvero sondando il terreno. L’altro estremo, a voler pensare malissimo, è che siamo già al do ut des.

    Va detto che Giletti non si è mosso affatto da stupido (tipo il duo Salvini-Calderoli a fine Maggio, con la genialata di organizzare un incontro su temi riservatissimi in un ristorantino tra il chiaro e il fosco; del resto, essendo gente che che pensa solo a magnare, il livello è quello). Se l’intento era quello di scambiare due chiacchiere riservate con uno dei più noti personaggi-ponte tra il mondo politico e quello affaristico-malavitoso, il modo migliore per farlo non è certo quello di farlo in segreto col rischio di farsi beccare, ma sotto gli occhi di tutti, tanto un quarto d’ora tra i camerini lo si trova sempre.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.