Di Matteo: “Grave e anormale che non si riesca a catturare un latitante come Messina Denaro”

(ilsicilia.it) – “È grave che la latitanza di Matteo Messina Denaro, condannato all’ergastolo per questi fatti, si protragga da 27 anni. Così come per 43 anni si protrasse latitanza di Provenzano. Situazioni di questo genere non possono non essere anche, in parte, il frutto di coperture istituzionali e politiche. Non è normale che per 27 anni, o 43 anni, non si riesca a catturare un latitante”.

Lo ha detto ieri sera il magistrato Nino Di Matteo alla presentazione del libro del magistrato Sebastiano Ardita “Cosa nostra S.p.A.”, a Palazzo Platamone di Catania.

“E per Messina Denaro – aggiunge – la gravità è acuita dal fatto che è stato uno dei protagonisti della campagna stragista. Questo lo pone in condizioni, potenzialmente perché è uno dei pochi depositari di segreti inconfessabili, di brandire un’arma micidiale di ricatto nei confronti di chi ha ancora molto da nascondere su quella fase di storia recente”. 

“VIA D’AMELIO STRAGE NON SOLO DI MAFIA”

“Da pochi giorni è trascorso l’ennesimo anniversario, il 28° della strage di via d’Amelio. E non è vero che non sappiamo nulla o che gli sforzi giudiziari sono stati tutti inutili. Dopo gli iniziali depistaggi ed errori già dal 1996 le indagini dei processi hanno consentito di accertare passaggi importanti… Quella di via D’Amelio non è stata solo una strage di mafia. Ed è necessario proseguire il percorso di accertamento della verità senza azzerare tutto, ma partendo dalle acquisizioni consacrate correttamente, colmare i vuoti di verità”. Ha aggiunto il consigliere del CSM Nino Di Matteo.

“PERICOLOSO MINIMIZZARE POSSIBILE RITORNO ALLE STRAGI”

Poi Di Matteo si è tolto un sassolino dalla scarpa: “Quando si scrive che lo Stato ha vinto e Cosa nostra è stata sconfitta, quando si dice e si scrive con assoluta certezza che la parentesi stragista è stata solo una parentesi limitata che non si ripeterà mai più, io penso che queste persone, questi studiosi, questi storici, forse si accostano con superficialità al problema. Perché in Cosa nostra si sono alternati nel tempo momenti di sostanziale ed apparente pace con lo Stato seguito da momenti di attacco allo Stato. Come si può dire che si è abbandonata la strategia di attacco alle istituzioni nel momento in cui nel 2013 – quindi non 20 anni fa – un collaboratore di giustizia come Vito Galatolo, ritenuto attendibile non solo dalle Procure ma anche da sentenze, ha raccontato, con tanto di riscontri, dell’acquisto di tritolo per colpire un magistrato a Palermo (cioè proprio Di Matteo, ndr) . E questo lo dico per porre il problema della non scontata fine del periodo di violento attacco alle istituzioni”.

“INDOSSAI LA TOGA PER LA PRIMA VOLTA ACCANTO LA BARA DI FALCONE”

“Io sono entrato in magistratura poco prima delle stragi. Da tirocinante  – conclude Di Matteo – ho vissuto a Palermo il periodo delle stragi. Ho indossato per la prima volta la toga che avevo appena comprato in piena notte, alle tre di notte, al palazzo di giustizia a Palermo accanto alla bara di Giovanni Falcone. Mi batterò con tutte le mie forze perché chi, non solo nella magistratura, occupa indegnamente le istituzioni, non sporchi la memoria di chi è morto per il nostro Paese e per le istituzioni che quelle persone servivano nell’interesse dei cittadini e del popolo italiano”. 

9 replies

  1. E’ una atroce ma scontata verità: anche se Matteo Messina Denaro non fosse mai stato cercato, in 27 anni sarebbe stato necessariamente trovato, sia pure per sbaglio, semplicemente per il calcolo delle probabilità.
    Sarebbe infatti più facile che un cammello passi per la cruna dell’ago piuttosto che qualcuno, che sicuramente non si è mai allontanato dalla sua terra, possa sfuggire comunque ad una qualsiasi delle maglie dell’apparato istituzionale nelle sue infinite articolazioni territoriali.
    Se ciò è avvenuto, vuol dire necessariamente che tiene ancora sotto ricatto parecchie persone e che la sua latitanza rappresenta la loro assicurazione sulla vita (in libertà!).
    Quando non godrà più di queste criminali protezioni e verrà finalmente arrestato (è solo questione di tempo) sarà il segnale che i suoi referenti istituzionali sono morti.

    Piace a 1 persona

    • @Pausilypon
      Solo quando FI si sarà disciolto come neve al sole e il suo fondatore sarà tornato definitivamente nel sarcofago
      da cui è evaso, MMD verrà “casualmente” trovato ma verrà anche trovato il modo di rendere le sue dichiarazioni
      (eventuali) non attendibili, frutto di fantasia e di desiderio di vendetta.
      O forse, e sarebbe la soluzione più semplice, MMD (o un suo sosia) si beccherà una raffica di mitra nello stomaco
      “mentre tentava di sottrarsi alla cattura”.
      Non siamo riusciti a sapere nulla neanche arrestando Riina, Provenzano, Bagarella, Graviano… con Matteo Messina
      Denaro sarà la stessa cosa.
      Alla faccia dei giudici onesti vivi e, soprattutto, di quelli morti ammazzati.

      Piace a 1 persona

  2. Concordo in pieno: riemergerà alla luce del sole senza vita.
    Tuttavia starà molto alla sua intelligenza criminale anticipare ciò che gli dovrebbe apparire già da tempo ampiamente prevedibile, assicurandosi, con tutti gli espedienti possibili e immaginabili, che i suoi compari istituzionali abbiano a scontare, se non la galera (molti di loro sono troppo vecchi!), la damnatio memoriae.
    Sarà il suo ultimo attacco al cuore dello Stato, meno sanguinario ma probabilmente più destabilizzante: costringere gli analisti a riscrivere da cima a fondo la storia d’Italia degli ultimi 50 anni.

    "Mi piace"

  3. Per beccare Matteo Messina Denaro si potrebbe cominciare col pedinare il noto bancarottiere fraudolento Senatore On. Armando Siri (Lega Salvini Premier), magari aspettandolo a Bresso sotto la palazzina intestata alla figlia, quella acquistata col mutuo senza garanzie ottenuto dalla Banca Agricola Commerciale di San Marino.

    Oppure si potrebbe fargli chiedere dal suo capo Salvini se può organizzare un incontro, in fondo lui è stato ai patti e l’emendamento pro-MMD aveva trovato la maniera di infilarlo, gli è andata male solo perchè quei maledetti onesti se ne sono accorti in tempo. Magari accetta, ha proprio l’aria di quello che, quando si tratta di fare un favore, non si tira mai indietro.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.