Il Carroccio di Salvini ora è di Zaia

(Gaetano Pedullà – lanotiziagiornale.it) – Viva la faccia, il governatore del Veneto Luca Zaia non fa lo stesso giochino di Salvini, prendendo in giro con una felpa ogni volta diversa le città del Nord o del Sud in cui si reca, e rivela onestamente la vera natura della Lega, un partito del Settentrione, divisivo e con in testa solo l’autonomia dal Governo di Roma. Accreditato di un larghissimo consenso nella sua Regione, il presidente del Veneto mette a nudo un’altra delle grandi contraddizioni del Centrodestra, persino più ingombrante delle idee completamente diverse sulla collocazione politica dell’Italia nell’Unione europea, e cioè la matrice federalista del Carroccio contrapposta all’intangibilità nazionale rivendicata da Fratelli d’Italia, dove conta ancora qualcosa il motto “Dio, Patria e famiglia”.

Sull’autonomia locale, sia ben inteso, ci sono ampie convergenze politiche e popolari, tant’è vero che i referendum del 2017 finirono in un plebiscito di consensi, con i voti raccolti anche dal Movimento Cinque Stelle e dal Pd, oltre che dal Carroccio. Quella riforma però non è mai nata, persino quando la Lega ha governato il Paese, perché una cosa è l’autonomia, un’altra è la sostanziale anarchia pretesa dai leghisti, per di più in una stagione in cui le Regioni hanno assunto un protagonismo mai visto prima, in frequente conflitto con l’amministrazione centrale. Una contrapposizione emersa plasticamente nella gestione della pandemia, dove il ministro per gli Affari regionali ha dovuto impugnare una serie di provvedimenti persino sulle restrizioni sanitarie.

La richiesta di Zaia agli alleati del Centrodestra, con una netta presa di posizione a favore dell’autonomia chiesta dal Nord, spiega finalmente che modello di comunità ha in mente la Lega, avvertendo il resto d’Italia delle nuove disparità economiche a cui si vuole andare incontro, e svelando un’altra verità oltre alle contraddizioni insanabili nella destra e l’illusione della Lega come partito nazionale: nello schieramento di Alberto da Giussano – il personaggio immaginario che per Checco Zalone è un Power rangers – la leadership incontrastata di Salvini è terminata.

5 replies

  1. Ma qualcuno l’ha spiegato a Salvini che è un “dead walking man”?
    Temo che se non gli faranno un disegnino esplicativo lui non si renderà mai conto di dover rientrare nel loculo.

    Piace a 1 persona

    • Qualcuno avrà spiegato a Gaetano Pedullà che il motto ” Dio, Patria, Famiglia”è lo stesso di G. Mazzini che con la dx non aveva nulla da spartire?
      Si può ignorare così la Storia e pretendere di interpretare il presente?

      Piace a 1 persona

  2. Io sono assolutamente contrario all’autonomia delle regioni, piccole patrie del tutto fasulle che io abolirei, TUTTE.
    Sono soltanto centri di spreco, di clientelismo e di potere.
    Tra l’altro, autorevoli studi hanno dimostrato che il debito pubblico spaventoso di questo paese è cominciato proprio negli anni 70, dopo la nascita delle regioni.
    E in questa circostanza della pandemia abbiamo visto quali problemi possono sorgere da decisioni prese in ordine sparso.

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.