Ci vada Boccia a fare la guardia civica

(di Savino Balzano – ilparagone.it) – Se ieri Boccia avesse dichiarato in conferenza stampa e a reti unificate “ho preso il muro fratellì!” avrebbe fatto certamente una figura più dignitosa: sbugiardato dal Governo, sorpassato persino da Renzi su certi temi, ha recitato invece una parte da non dormirci più la notte.

Quella degli “assistenti civici” è l’ennesima dimostrazione di quanto alcuni sostengano ormai da anni: lo Stato, guidato da questa politica insana e asservita ai potenti, non persegue più l’interesse collettivo e generale della nazione.

Lo Stato si astiene, durante questa pandemia lo abbiamo visto fare diverse volte, e quello che è fondamentale comprendere è che astenersi non vuol dire non esercitare una scelta o non assumere un indirizzo ben preciso: quando la società è divisa da interessi contrapporsi, l’astensione dello Stato corrisponde al sostegno offerto a chi fisiologicamente è più forte e potente, il Capitale.

Questa non è una roba veterocomunista, questo è l’articolo 3 della Costituzione: non basta affermare l’eguaglianza tra i cittadini, dal momento che è compito della Repubblica assumere un atteggiamento attivo al fine di rimuoverne gli ostacoli.

Astenendosi, è molto semplice, lo Stato protegge gli ostacoli.

Durante la pandemia lo abbiamo visto e rivisto: lo Stato, provando a distrarre l’opinione pubblica con la fregnaccia dei runner, è intervenuto con estremo ritardo nel sospendere le attività produttive al nord, costringendo i lavoratori nelle metropolitane a contagiarsi e a portare il virus a casa alla famiglia; lo Stato con estremo ritardo e resistenza ha riconosciuto la malattia ai lavoratori in quarantena, ai quali chiedeva di scontarla a proprie spese, mediante il ricorso alle ferie o ad altre spettanze; lo Stato per lungo tempo si è astenuto dal riconoscere i seppur minimi ammortizzatori sociali necessari a far fronte alla perdita di reddito di molti lavoratori e, anzi, non volendo fare debito pubblico, ha ben pensato di costringere le aziende a farne di privato per sostenere il sistema con la bufala chiamata Decreto Liquidità; lo Stato si è ritratto a qualsiasi assunzione di responsabilità diretta circa la gestione della crisi, scaricando su Regioni e Enti locali le responsabilità e delegando alle aziende l’assunzione delle precauzioni necessarie a mettere i lavoratori in sicurezza, esimendosi persino dall’operare controlli seri sui luoghi di lavoro.

Ed è così che l’Italia si è trasformata in una gigantesca Taranto di morte, con la povera gente dilaniata dal bisogno di lavorare e dalla istintiva lotta volta a tutelare la propria salute e quella dei propri cari.

E dopotutto che ha fatto lo Stato con le acciaierie di Taranto? Si è astenuto che tanto come da copione a prenderla in saccoccia sono sempre loro, gli ultimi: lavoratori e cittadini.

Il Capitale per definizione è interessato al profitto e non nutrirà alcun interesse diretto alla salvaguardia della salute e della vita: solo lo Stato, nazionalizzando quegli stabilimenti, potrà assumersi questa responsabilità, quella di tutelare lavoro e salute, proprio come la Costituzione gli ordina con gli articoli 4 e 32.

E l’ultima pagliacciata degli “assistenti civici” è coerente con la condotta che questa politica tiene ormai da tempo: è stato individuato il nuovo nemico pubblico numero 1, che forse sarebbe meglio definire il nuovo distrattore pubblico numero 1, la “movida” e lo spirito di perdizione dei giovani, e piuttosto che farsi carico delle esigenze di ordine pubblico conseguenti, lo Stato propone un bando per 60 mila volontari.

Come se il mondo del volontariato non fosse già abbondantemente sfruttato per mal celare forme di lavoro gratuito (anche nel pubblico, basta guardare al mondo della cultura e dei musei), qui si pensa bene di delegare ai volontari persino il compito di presidiare le strade. La cosa è grave, si arriva addirittura a sostenere che questi volontari debbano mettersi a disposizione dei Sindaci e del Governo: piuttosto che essere le istituzioni a servire il Paese e il suo Popolo, qui si arriva a rovesciare la dialettica e a pretendere che sia il Popolo a genuflettersi a questa gente qui.

Non basta: nell’idea originaria parrebbe fosse contenuta la clausola per cui questi assistenti dovessero essere individuati tra i precettori di reddito di cittadinanza o altri ammortizzatori sociali.

L’idea era (e per questa gente forse lo è ancora) quella di concepire un sussidio di inclusione e lotta alla povertà, magari senza contribuzione previdenziale, come forma di retribuzione vera e propria e sticazzi l’articolo 36 della Costituzione.

È una vergogna e pensare che tale proposta indecente sia il frutto dell’ingegno di Boccia e Decaro, due esponenti del Partito Democratico, gente che si professa di centro sinistra, fa veramente salire il sangue alla testa: chi rappresentano, chi tutelano, chi garantiscono? Su quale Costituzione prestano giuramento questi individui?

Ci vada Boccia a fare l’assistente civico, la indossi lui quella pettorina ridicola, e lo dimostri per davvero quel senso civico che la sua proposta è assai lungi dal rappresentare: il suo sì, che è uno stipendio conforme a quanto prescrive la Costituzione; i suoi sì, che sono emolumenti sufficienti a garantirgli un’esistenza “libera e dignitosa”.

Oppure ci vada Decaro, se proprio ci tiene, che tanto è abituato a farsi riprendere “per caso”, mentre va in giro platealmente a chiudere i parchi pubblici della città di Bari.

E questi sono gli stessi che vanno in TV a commuoversi per pensionati e immigrati: ipocriti!

2 replies

  1. Che articolo del cavolo! Non se ne sono scritte abbastanza di stronzate sugli assistenti civici?

    Gli assistenti civici saranno tutti volontari, non pagati, che offriranno ai Comuni e agli enti locali la possibilità di potenziare i controlli nelle strade, nelle spiagge e nei luoghi della movida. Potranno poi essere utilizzati per potenziare l’assistenza alle categorie più fragili, dagli anziani ai bambini. Saranno simili agli assistenti sanitari che hanno aiutato i contagiati durante il periodo di picco del contagio, portando a domicilio medicine o cibo, offrendo pasti gratis ecc.Molti di loro nella fase 2 sono tornati a lavorare, per questo i Comuni si appellano a nuovi volontari che sdaranno impiegati dai sindaci per le attività sociali e per collaborare al rispetto del distanziamento sociale: li potremo vedere al mare a regolare l’accesso alle spiagge libere o davanti ai parchi e ai mercati a contare gli accessi. Daranno sostegno poi alla parte più debole della popolazione consegnando spesa e pacchi di prima necessità. Il bando è rivolto «a inoccupati, a chi non ha vincoli lavorativi, anche percettori di reddito di cittadinanza o chi usufruisce di ammortizzatori sociali». Alla selezione possono partecipare « tutti i soggetti maggiorenni e residenti o domiciliati in Italia». Non è richiesto alcun titolo di studio. I partecipanti dovranno avere «dimora abituale» nel Comune dove intendono prestare supporto e questo garantisce una maggiore conoscenza del territorio. Gli «assistenti civici» non riceveranno alcun compenso. I volontari presteranno il loro «supporto» a titolo gratuito sino ad un massimo di tre giorni a settimana, e per non più di 16 ore settimanali, sulla base delle indicazioni fornite da ciascun Comune nel quale operano. Saranno «coperti» dall’Inail in caso di infortuni e avranno una polizza assicurativa di responsabilità civile verso terzi in caso di eventi che lo richiedano Saranno formati dai Comuni a cui spetterà « pianificazione, organizzazione, formazione ( ove necessaria), coordinamento e monitoraggio delle attività svolte dagli assistenti civici». Saranno sempre i comuni a comunicare alla Protezione civile di quanti volontari hanno bisogno e ad attivare poi le necessarie assicurazioni. Porteranno una casacca o una pettorina con su scritto “Assistente civico” e davanti il logo della Protezione civile nazionale, dell’Anci e del Comune in cui prestano il servizio. Non possono fare multe, non sostituiscono né la polizia né i vigili urbani. Non sono «ronde di controllo». Sono volontari «distributori di buona educazione». «Ci ricorderanno, con gentilezza, nei luoghi di assembramento che occorre ancora qualche sacrificio per tutelare i nostri cari e non vanificare gli sforzi fatti fin qui».E se qualcosa non funziona, gli assistenti civici «dovranno prevenire e semmai segnalare alla Protezione civile comunale eventuali inosservanze». Sono a tempo, fino al 31 luglio.

    "Mi piace"

  2. No, non ne sono state scritte abbastanza di stronzate sugli assistenti civici. Ne mancava una: la tua.
    Chi cazzo sono questi “distributori di buona educazione”? In base a quale titolo distribuiranno “buona educazione”? Chi dà a questi tizi la patente di “beneducato”? Forse che prelevare un vitellone dal divano e dalla Playstation e dargli una pettorina colorata ne fa un saggio, un sapiente, uno che ha titolo per andare a fare la morale agli altri?
    Che minchia di competenze hanno questi scappati di casa, se anche gente che di diritto ne mastica deve districarsi tra DPCM, decreti legge, ordinanze del Ministero della salute e ordinanze delle regioni per capire cosa è consentito o no? Pensate che questi incapaci e incompetenti riceveranno una scienza infusa per il solo fatto di avere un patacchino con scritto “assistente civico”? O che siano santi e puri per il solo fatto di essere “volontari”?
    Io non voglio nessun “distributore di buona educazione”, non voglio nessun frustrato che, ricevuti i galloni da caporale, va in giro a spadroneggiare e viene a dirmi come mi devo comportare. Non riconosco nessuna autorità, nessuna autorevolezza e nessuna meritevolezza a questi individui.
    Che vadano a fare qualcosa di veramente utile: se è il volontariato che cercano, si iscrivano a una delle associazioni di volontariato serie, quelle che non ti rendono un distributore di un cazzo, ma ti danno occasioni di formazione per fare veramente del bene.
    Ah scusate la formazione costa tempo e fatica. Allora che se ne tornino alla Playstation, e non rompano i coglioni alla gente.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.