Vittorio Feltri: “Per la prof. Viola bere un bicchiere è come spararsi”

(Vittorio Feltri – Libero quotidiano) – Sta prepotentemente diventando di moda il proibizionismo più becero. […] Non bastasse la lotta al tabacco, ora si tende a fare la guerra al vino, dopo che l’Irlanda, Paese ad alto tasso alcolico, va dicendo che fa male, provoca cancri in ogni parte del corpo, in una parola uccide. Io, nonostante l’età, ho deciso di suicidarmi sia con il tabacco sia con il nettare degli dei, ma confesso di avere molte difficoltà bevendo e aspirando a farmi secco e finire al cimitero.

La lotta all’alcol in Italia è stata promossa da una gentile signora, Antonella Viola, biologa e docente all’Università di Padova. La studiosa concorda con il Paese nordico sulla nocività del vino, equiparabile a quella della nuvolette azzurre aspirate per puro godimento.

In sostanza, la famosa biologa equipara il Valpolicella, di cui faccio uso anche se non smodato, a un colpo di pistola che ci manda all’altro mondo abbastanza in fretta. Significa che per lei l’80 per cento dei nostri connazionali si candida a un decesso precoce, posto che trincare è una consuetudine in ogni famiglia perbene.

Io stento a crederle. Sbevazzo da 60 anni, pur senza esagerare, e ora che mi avvicino prepotentemente agli 80 la prima cosa che faccio non appena rientro la sera in casa è quella di assaporarmi un elegante spritz, che mi fa scordare tutte le grane vissute in giornata.

Il vino buono non è un veleno ma un toccasana, come dimostra il fatto che molti centenari italiani sorseggiano gai un po’ di bianco e un po’ di rosso senza dare retta alla menagramo docente all’Ateneo di Padova dove, per altro, chi non beve peste lo colga.

La scienziata, nel suo attacco al Refosco e similari, aggiunge che berne qualche calice danneggia il cervello. Mi viene così il sospetto che la cara Antonella Viola, pur sputtanando il vino, non se ne sia privata in dosaggi abbondanti. Non è una accusa, questa, ma una semplice ipotesi. Già la vita è difficile e non sempre lieta, se poi dobbiamo seguire gli insegnamenti della cara Viola e dei suoi colleghi ci conviene morire subito, ma sani.

16 replies

  1. Il COVID non attacca più come prima e sti poveretti non possono mica campare(o Campari?) solo con la loro retribuzione,ma devono rimanere sull’onda della ribalta e allora scadono a dire cose che sanno pure i bambini.
    Si beva pure il succo di pomodoro che io so ultilizzare sicuramente meglio….senza essere dittatore…Salute

    Piace a 1 persona

    • La dott.ssa Viola ha solo riportato un dato ormai conclamato .
      Bere vino, anche occasionalmente, aumenta del 27% il rischio di tumore al seno .
      ( Vale anche per altri tipi di tumore, purtroppo)
      Poi, ognuno , fa liberamente le sue scelte.
      L’importante è essere informati e consapevoli del rischio.
      Magari, mia opinione, il buon umore che può dare un bicchiere di vino, combatte il rischio.

      Piace a 1 persona

      • “Poi, ognuno , fa liberamente le sue scelte.”:
        come coi vaccini, vero? Allora, perché non facciamo pagare le cure anche a chi beve e fuma, come si suggeriva spintaneamente a quelli che non si volevano vaccinare? O li lasciamo a casa dal lavoro, finché non smettono, questi viziosi che non sono altro, intasatori di reparti di oncologia, che sottraggono letti utili ai virtuosi, eh FENOMENI?

        "Mi piace"

  2. A una ha dato alla testa la tivù, all’altro l’alcol. Io me ne frego di entrambi e continuo a non bere e a non guardare, nel senso di ascoltare, la tivù.

    "Mi piace"

  3. Ma lo sanno a Bruxelles che la prima cosa che Noè piantò, sceso dall’Arca, fu la vite e che alle Nozze di Cana Gesù stesso cambiò l’acqua in vino? O sono tutti musulmani?
    Ma parlare invece di cocaina, no?

    Piace a 4 people

  4. La dottoressa Viola ha reso nota una verità scientifica, se non convince leggete i commenti, e se non bastano passate alla lettura dell’editoriale.. Berghem alta naturalmente.

    "Mi piace"