Lingue sincronizzate

(Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Dopo un mese trascorso a discutere in tv con gli scudi umani che, in mirabile sincronismo col governo Meloni, schiumavano di rabbia contro il Pos e il pagamento elettronico e si arrapavano come ricci alla parola “contanti”, siamo solidali con loro e con le loro lingue per la prematura dipartita della norma anti- Pos dalla […]

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

12 replies

  1. Lingue sincronizzate

    (Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Dopo un mese trascorso a discutere in tv con gli scudi umani che, in mirabile sincronismo col governo Meloni, schiumavano di rabbia contro il Pos e il pagamento elettronico e si arrapavano come ricci alla parola “contanti”, siamo solidali con loro e con le loro lingue per la prematura dipartita della norma anti- Pos dalla manovra finanziaria, che li costringe a fischiettare, a dire che in fondo non era poi così importante e che, a ripensarci, il pagamento elettronico ha un suo perché. Uno normale andrebbe a nascondersi per la vergogna. Ma questi sono allenati da 30 anni di berlusconismo, che ha esposto le loro facce e le loro lingue a contorsioni ben più temerarie. Il 27 marzo 2006 B. si avventurò sulla storia del comunismo cinese. Testuale: “Nella Cina di Mao i comunisti non mangiavano i bambini, ma li bollivano per concimare i campi”. L’ambasciatore cinese protestò. Ma B. insistette: “È storia! Mica li ho bolliti io i ragazzini. Se poi non si può neanche esprimere una certezza…”.

    I suoi servi furbi, anziché sorvolare per carità di patria, si scapicollarono a dargli ragione. Chi nel merito, come Lucio Malan, attuale capo dei senatori FdI: “Per quanto il governo cinese possa sostenere il contrario, le affermazioni di Berlusconi si riferiscono a fatti dimostrati storicamente, certificati da documenti ufficiali cinesi mai smentiti”. Chi più in generale, come l’attuale presidente del Senato ‘Gnazio La Russa: “Non so nulla dei bambini bolliti, ma la Cina ha poco da arrabbiarsi finché non rispetterà i diritti umani”. Renato Farina, su Libero, lanciò la lingua oltre l’ostacolo: “Ecco le prove: mangiavano i bimbi. Un libro conferma la verità di Berlusconi. E la sinistra, negando, uccide un’altra volta… Berlusconi ha assolutamente ragione”. Filippo Facci, altro noto sinologo, tagliò corto sul Giornale: “Li mangiano ancora… In Corea del Nord ultimamente si sono perpetuati cannibalismi e assassini a scopo alimentare per carestie, inondazioni e disperazione” (il fatto che la Corea non sia la Cina e che B. parlasse di bambini bolliti per concimare i campi, non mangiati, era solo un dettaglio). Purtroppo, mentre Libero e Giornale andavano in stampa, B. tornò sull’argomento, per ritrattare tutto prima che Pechino ci dichiarasse guerra: “Beh, sì, sulla Cina ho fatto un’ironia discutibile, non mi sono trattenuto…”. E pazienza se i suoi scudi umani avevano sudato le sette camicie ravanando su Google a caccia di uno straccio di patacca che corroborasse la sua solennissima minchiata. Lui la servitù l’ha sempre trattata così. Ora, al posto del padrone, c’è una padrona. Ma i servi sono sempre gli stessi. E non rischiano più di perdere la faccia: casomai ne avessero una, l’hanno persa da un pezzo.

    Piace a 13 people

  2. La Russa: “Non so nulla dei bambini bolliti, ma la Cina ha poco da arrabbiarsi finché non rispetterà i diritti umani”

    tutto sommato una sintesi ragionevole.

    Piace a 1 persona

      • Veramente i diritti umani sono oggetto di discussione da secoli in Occidente (non ad opera delle élite, e se anche fosse prova a confutare il contenuto della Dichiarazione del ’48) ed è oggettivo che in Cina non siano rispettati. Che l’ Occidente, poi, lasci ancora a desiderare su questo punto è un altro discorso.

        "Mi piace"

  3. Francamente delle stupidaggini di B. e company si potrebbero riempire tomi, il problema sta sempre lì : ma chi li vota?? Già Zaia al tempo della prima ondata di Covid 19 disse che i cinesi mangiano i topi!! Suvvia bananani siamo e bananani restiamo.

    Piace a 1 persona

  4. Tutti i giornali “politicizzati” hanno perso la faccia. Perché non può essere che, ad es., una norma (mettiamo il MES) è una manna se a proporla è la tua parte politica e diventa una iattura quando la osteggiano (senza peraltro spiegare la giravolta).
    Questi non sono uomini, sono pupazzi.

    "Mi piace"

  5. MERITOCRAZIA APPLICATA AL SERVAGGIO BERLUSCONIANO
    I servi più abili di lingua sono campioni nell’arte sopraffina di ricoprire il kulo flaccido di B. con una uniforme patina di saliva senza sprecarne una sola goccia.

    "Mi piace"

  6. Ci sono delle leggende che ricorrono storicamente. Nella prima guerra mondiale gli eserciti si rinfacciavano la storia che i loro nemici mangiavano i cadaveri degli avversari. Ho sentito per esempio che in Cina quando qualcuno viene giustiziato con la fucilazione, ai famigliari vengono chiesti i soldi delle pallottole utilizzate. La stessa storia viene attribuita ai nazisti tedeschi. Una parte dei soldi che le nazioni utilizzano per le armi vengono dirottati verso la propaganda per creare un consenso con false notizie e falsi account. Maggiore è la possibilità di informarsi e maggiore sono le false notizie che circolino. Gli esempi più lampanti in questo senso sono state quelle che circolano sulla guerra in Ucraina da Bucha, all’uso del Viagra dato ai soldati russi per indurli a stuprare le donne e i bambini

    "Mi piace"