Cara Giorgia Meloni, sui reati contro la Pubblica amministrazione perché sta con i ladri?

(di Peter Gomez – ilfattoquotidiano.it) – Cara Giorgia Meloni, le chiacchiere stanno a zero. È francamente sconcertante assistere alle scelte del suo partito e della sua maggioranza in materia di tangenti. Il 6 dicembre lei ha difeso le proposte di riforma della giustizia presentate dal ministro, Carlo Nordio, spiegando di essere “garantista nella fase di celebrazione dei processi e giustizialista in fase di esecuzione della pena”. Un’affermazione che i fatti si sono subito premurati di smentire. Ieri, confermando il voto in commissione, la Camera ha stabilito che i condannati definitivi per corruzione e altri gravi reati contro la Pubblica amministrazione possano scontare la loro pena senza trascorrere nemmeno un giorno in prigione. Con una furbata indegna di un movimento politico abituato a richiamarsi all’insegnamento di Paolo Borsellino, Fratelli d’Italia ha approvato un emendamento al decreto rave (una norma in teoria dedicata alla repressione dei party illegali) in base al quale corrotti e corruttori avranno diritto ai cosiddetti benefici carcerari anche se non hanno collaborato con la giustizia.

Amministratori pubblici e politici che hanno violato il loro giuramento sulla Costituzione approfittando degli incarichi per arricchirsi alle spalle dei cittadini potranno così ottenere permessi premio, affidamenti in prova ai servizi sociali, lavoro esterno, semilibertà o detenzione domiciliare anche se non hanno restituito il maltolto o fatto i nomi dei loro complici. La legge entrerà in vigore non appena il decreto sarà approvato in Senato. Ed è facile prevedere che avrà ampia eco in tutta Europa finendo per danneggiare lei, il suo governo e l’intera comunità nazionale. Cioè tutti noi.

Dopo gli arresti di nostri concittadini, le perquisizioni e i sequestri di centinai di migliaia di euro in contanti avvenuti all’Europarlamento di Bruxelles i media di tutto il mondo parlano di italian connection. All’estero, mentre noi qui sottolineiamo (giustamente) come lo scandalo del denaro del Qatar riguardi per ora la sinistra, si guarda poco agli schieramenti politici e molto alla nazionalità dei personaggi coinvolti. Per i Paesi del Nord siamo i soliti italiani, tutti spaghetti, mazzette e mandolino.

Cara Meloni, lo sa benissimo anche lei. Se nei prossimi mesi lei andrà in Belgio e a Strasburgo per chiedere una revisione del Pnrr o una mano per far fronte alla crisi energetica, i cosiddetti Paesi frugali, dopo quello che è accaduto, diranno a chiare lettere: noi non vogliamo aiutare quei ladri degli italiani. Se poi lei arriverà a quegli incontri con un Parlamento e una maggioranza che, con il cortese soccorso di Italia Viva, ha di fatto abolito, o almeno attenuato, il carcere per i ladri di Stato, tutte le nostre richieste resteranno lettera morta. E per lei e per noi ci saranno solo critiche, dileggio e insulti. Purtroppo tutt’altro che immeritati.

Tenere fuori dal carcere chi è stato definitivamente condannato per aver rubato soldi pubblici, tradendo così i cittadini, la Costituzione e il mandato elettorale, non significa favorire la sua riabilitazione come prevede la nostra Carta. Significa solo inviare ai corrotti un messaggio preciso: non parlare, non tirare in ballo altri, stai zitto e non preoccuparti per il tuo futuro!

Cara Meloni, francamente tutto questo ci lascia senza parole. E siamo certi che come noi siano oggi sbigottiti pure molti dei suoi elettori. Davvero i ladri di Stato per lei contano talmente tanto da essere disposta a giocarsi per loro faccia e reputazione? In attesa di una sua risposta, gradisca i nostri saluti.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

15 replies

  1. gent.ma SIG.RA MELONI, lei sembra molto meglio di quella maggioranza , un po’ cialtrona, che la sostiene. Ed allora vada avanti secondo coscienza ! La vera rivoluzione starebbe qui !!!!!

    "Mi piace"

    • Sig. Giuseppe, mi scusi, ma c’è un detto: Dio li fa poi li accoppia, nessuno dei tre è migliore dell’ altro, quindi mani sui cappelli e Dio ce la mandi buona.

      Piace a 1 persona

      • Sa,CALDERINI, si cercano toni “concilianti “…….in modo da dimostare che non abbiamo pregiudizi negativi; io sono laico fino in fondo . Mi scusi, chi sono i “tre”? Lei che parere ha sul sistema, a partire dal voto dei singoli, che produce le maggioranze ed il governo?

        "Mi piace"

  2. E’ il disco incantato di Gomez sulle sue personalissime priorità, giornalista organico al mainstream più schierato, va bene la sua interrogazione ma domandine anche per lui: perchè è schierato senza sosta e solo a senso unico su argomentazioni a vantaggio di big pharma? perchè si tiene alla larga, come tutti gli altri, dalll’inchiesta sulla presidente della commissione europea da parte della procura europea per le modalità di gestione dell’acquisto congiunto dei vaccini? Perchè nn dice una parola, come tutti gli altri, sulle fake delle Rai che passa le bombe ucraine per russe, perchè nn ha riportato una sola parola, come tutti gli altri, sul caso della Merlino sul trattamento denunciato dai collaboratori? aspettiamo la rivoluzione che Elon Musk sta annunciando, per scoperchiare la censura e manipolazione politica finora applicata alla libera informazione, non ci aspettiamo sorprese

    Piace a 2 people

  3. Non sta’ con i ladri sta’ con i poliziotti questo è sicuro perché è persona che non ruba ma quello che preoccupa è che non sta’ con la povera gente perché è di destra tutto qua’ poi magari alle prossime elezioni l’operaio e il pensionato capiscono per chi votare altrimenti s’ attacca al casso e tirano forte.

    "Mi piace"

  4. In effetti, questo atteggiamento della Pesciola, che stupida non è, verso i ladri di stato, può avere solo quattro spiegazioni, o subisce pressioni insostenibili dai responsabili della sua coalizione, zeppa di processati, indagati, condannati, o lei considera che rubare soldi pubblici è meno grave che rubare un melone (a proposito) o gran parte dei suoi elettori la votano per essere coinvolti nell’assalto alla diligenza della cosa pubblica. O, forse, lo fa perché i provvedimenti anti corruzione sono del Conte 1, quindi da disintegrare a prescindere

    Piace a 1 persona

  5. Ancora non comprendo da dove arrivino articoli e commenti di stima verso questo pdc.
    Certo è per fortuna ancora non è stata trovata direttamente con le mani nella marmellata… basta questo?
    Ogni sua parola e provvedimento non fa che difendere i ladri, non è forse un’aggravante ammissione di complicità?

    Piace a 1 persona

  6. Sono certo che la Meloni avallerà la salvaladri altrimenti non sarebbe stata nemmeno infilata di nascosto nel decreto Rave.

    "Mi piace"

  7. Peter,Peter… ma come solo oggi ti rendi conto?
    Prima non ci pensavi vero?Eppure c’erano tutti i presupposti perchè ciò avvenisse.
    Mi sembra che stai un pò a dormì! Svegliaaaa!

    "Mi piace"

  8. E che ne potete sapere voi? Dimostrazione che dà ragione a Gomez.
    https://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/quot-mi-parlarono-busta-contenente-40mila-euro-diretti-318815.htm
    Tutti indagati e arrestati, tanto che il comune è ancora commissariato per mafia, ma due di loro sono parlamentari europei impuniti. La GdF aveva anche scoperto fondi neri in Lussemburgo legati al soggetto principale, che li faceva gestire da una società di Londra. Tra destra e sinistra, il più innocente ha la rogna.

    "Mi piace"

  9. Ma Gomez dove stava negli ultimi vent’anni? Giorgia Meloni non è piovuta da Marte, ma è stata organica alla destra cialtrona, ignorante, ladra e delinquenziale di Silvio B. La zoccoletta come la chiamava simpaticamente il sultano di Hardcore è stata ministro nei suoi governi. Una volta fatto fuori il suo mentore Fini, si è riciclata con il partito FDI facendo finta di urlare contro tutti, ma i realtà stando buona a cuccia agli ordini del sistema. Non vedo tutto lo stupore di oggi, quando è da 20 anni che Giorgia è solo la carta da regalo di un pacco che contiene solo letame. Una prece.

    "Mi piace"