Genova, apre la porta e trova un cinghiale addormentato sullo zerbino

(di Lara Tomasetta – tpi.it) – Trovato un cinghiale addormentato sullo zerbino di casa. E’ successo ad un abitante di un palazzo di via al Poligono di Quezzi, a Genova, nella parte alta della Valbisagno, che ha immortalato l’incredibile scena pubblicata dal sito GenovaQuotidiana.com. Sorpresa, paura e preoccupazione di tutti gli inquilini dello stabile per la presenza dell’ungulato. Sono subito stati avvertiti gli agenti del nucleo della polizia regionale che gestisce la fauna selvatica in ambito urbano. I poliziotti dopo avere sedato l’animale con una delle cerbottane in dotazione lo hanno portato via con un furgone.

Fra le ipotesi per spiegare quanto accaduto a Quezzi è che l’animale sia anziano: “E’ poco reattivo”, ha commentato chi lo ha trovato. Probabilmente l’animale è entrato nell’edificio e, dopo tanti tentativi di tornare all’aperto, ormai sfinito, si è addormentato sullo zerbino forse per evitare il gelo del pavimento.

La Liguria è una delle regioni dove è stata riscontrata la peste suina nei cinghiali, l’animale sarà quindi sottoposto agli esami del caso, per altro in città i cinghiali sono ormai una presenza quotidiana nelle strade delle alture e nel letto del torrente Bisagno, ma è la prima volta che qualcuno se li è trovati addirittura in casa.

Le Guardie regionali che, una volta provveduto alla cattura e trovato un luogo idoneo, dovranno abbattere l’esemplare. Così, nel peggiore dei modi, si conclude la storia del cinghiale che si era addormentato nella casa degli uomini.

Categorie:Cronaca, Interno

Tagged as: ,

6 replies

  1. Per quale motivo abbattere il cinghiale ? Povera bestia, si è rifugiata , sfinita nel posto più bestiale…. quello dove abitano e dominano gli umani! Forse perché gli abbiamo distrutto ogni altro luogo per vivere! Sorpresa, paura e preoccupazione per gli inquilini. …..che invece sono rassicurati e giulivi quando citofona il cazzaro per chiedere ” ma lei spaccia? ” e nessuno interviene per portarselo via…..Altro che peste suina. ……l’ epidemia in corso da decenni in Italia un altro tipo di peste…….quella da crateri al cervello!

    Piace a 1 persona

  2. Povera bestia. Fa venire in mente il pd, che fra qualche mese finalmente si accascerá in pompa magna sul suo, di zerbino.

    E se decidessero di tenere il prossimo Convesso con la gigantografia permanente di questa foto alle loro spalle sarebbe davvero catartico: anche meglio se accompagnata da un motto adeguato ai lavori in corso. “Il vecchio cinghiale se ne va, ma i vecchi porci rimangono” sarebbe un’ottima scelta.

    "Mi piace"