Abolire il reddito di cittadinanza è fuori dalla realtà: il governo si mostra insensibile ai bisogni

(Paolo Maddalena – ilfattoquotidiano.it) – La manovra di bilancio del governo Meloni si caratterizza per la povertà delle innovazioni e per una continuità al ribasso con le manovre degli anni precedenti. Questo provvedimento è soprattutto contro gli interessi degli indigenti, poiché abolisce, a partire dal primo gennaio 2024, il reddito di cittadinanza (che ha salvato dalla povertà assoluta oltre un milione di persone).

Al riguardo si prevede la distinzione fra inabili al lavoro e idonei al lavoro stesso. Per i primi resta un aiuto economico inferiore al citato reddito di cittadinanza, per i secondi si prevede invece un programma di formazione e collocamento al lavoro.

Si tratta di una norma fuori dalla realtà perché non tiene conto che ciò che manca sono proprio i posti di lavoro che non esistono più a causa dell’avvento del sistema economico predatorio neoliberista, avallato dai governi degli ultimi trenta anni con leggi incostituzionali, che hanno inciso negativamente sull’economia italiana e, conseguentemente sui posti di lavoro, procedendo alla privatizzazione e alla successiva svendita di quasi tutto il demanio pubblico del popolo costituito. Tra l’altro, dall’Ina, dall’Eni, dall’Enel e dall’Iri che conteneva 1000 aziende pubbliche e 600 mila dipendenti lasciati sul lastrico.

I vari governi hanno puntato sull’attività delle imprese, le quali non hanno investito in azioni produttive, ma in prodotti finanziari evitando di produrre beni e posti di lavoro. La Meloni avrebbe dovuto proteggere l’economia italiana rinforzando il demanio pubblico con opportune nazionalizzazioni e ha proceduto invece sulla linea dei precedenti governi ponendo tutto sul mercato in modo che la nostra ricchezza fosse acquisita dagli stranieri.

Con la cancellazione del reddito di cittadinanza la Meloni ha dimostrato che il suo governo è un governo di estrema destra insensibile ai bisogni e alle sofferenze di tutti i cittadini. Ella si sta invece preoccupando di tutelare ancor di più gli interessi dei miliardari, per i quali sta pensando a un nuovo condono fiscale per il rientro dei capitali dall’estero. Una proposta che peraltro non sarà certamente accolta perché i nostri miliardari ritengono molto più utile per i loro interessi mantenere la sede fiscale in Olanda, in Lussemburgo o in altri Paesi offshore.

Sulla stessa via si pone l’innalzamento del tetto al contate a 5000 euro considerato che i poveri e le persone normali certamente non camminano per strada con tali rotoli di soldi. Nel programma ci sono anche alcuni piccoli doni ai compagni di governo, come quello dell’innalzamento della flat tax (tassa piatta al 15%) al tetto di 85 mila euro.

Altre insignificanti elargizioni riguardano gli aiuti alle imprese e gli aiuti alle famiglie. Appare inconsistente anche l’aumento della tassazione sugli extra-profitti delle aziende energetiche dal 25%, previsto da Draghi, al 35%, laddove, trattandosi di speculazione illegittima di dette imprese medesime, dovrebbe riguardare tutti gli extra-profitti e non una parte di essi.

Insomma con questo atto la Meloni dimostra che il suo governo non ha ancora programmato una politica economica seria che ponga al primo posto l’eguaglianza e la libertà di tutti i cittadini e il progresso materiale e spirituale della società, come prescrivono gli articoli 3 e 4 della Costituzione.

Si tratta di una manovra di bilancio che è ben lontana dal risolvere i problemi giuridici e economici in cui versa l’Italia soprattutto in questo momento aggravato dalla crisi economica dipendente dalla pandemia e dalla guerra in Ucraina, la quale richiede una unità di indirizzo e di guida ed invece, come colpo finale, la manovra stessa dà via libera all’attuazione della proposta di legge Calderoli relativa alle autonomie differenziate.

Una legge che va contro le esigenze attuali che richiedono unità politica, economica e sociale e che invece scardina sin dalle fondamenta l’unità e l’indivisibilità della Repubblica, come prevede l’articolo 5 della Costituzione.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

10 replies

  1. L’Unità rinasce per la quarta volta: «Saremo un giornale di …https://www.corriere.it › politica › 22_novembre_23
    7 ore fa — Il re degli appalti Romeo ha comprato la testata dal fallimento per 910 mila euro. Piero Sansonetti sarà il direttore: «In edicola a metà Il re degli appalti Romeo ha comprato la testata dal fallimento per 910 mila euro. Piero Sansonetti sarà il direttore: «In edicola a metà gennaio. A 71 anni si avvera il sogno della mia vita»

    «Lo slogan sarà questo: “Torna Gramsci, torna l’Unità”», annuncia solenne Piero Sansonetti, che sarà il direttore di questa «resurrezione» (la quarta) del giornale fondato dal padre del Partito comunista italiano 98 anni fa: il 12 febbraio 1924. Alfredo Romeo, re degli appalti inciampato in più di un’inchiesta (Consip compresa), ha appena acquistato la testata all’asta fallimentare, dopo il tracollo dell’era Renzi. L’offerta vincente? Circa 910 mila euro, all’ultimo tuffo.

    Direttore, quindi il glorioso foglio comunista rinascerà in versione liberal «filo Calenda» come si vocifera?
    «Ma non diciamo idiozie. È l’Unità e sarà l’Unità. Sarà un giornale di sinistra, che in questo momento manca in Italia».

    Tornerete anche in edicola?
    «E certo! A metà gennaio dovremmo esserci: sito e giornale di carta, di dibattito e confronto tra idee diverse. Dodici o sedici pagine e una decina di giornalisti. Partiamo a piccoli passi. Dicevo che “torna Gramsci”: garantismo e lotta di classe, adeguata ai tempi, s’intende. La sede sarà in via della Pallacorda, a Roma, nell’immobile dell’editore dove c’è anche Il Riformista, che oggi dirigo e che avrà una nuova guida».

    Per lei è un ritorno a casa…
    «Di più: a 71 anni è il sogno della mia vita che si avvera. A l’Unità ci ho lavorato per più di 30 anni. Ho coperto tutti i ruoli possibili, fino a condirettore».

    Diceva che la sinistra non ha un giornale.
    «C’è Il Manifesto, ma… Il nostro sarà un giornale molto di sinistra. Il Pd sarà il nostro partito di riferimento, ma state certi che ne rivendicheremo autonomia. E avremo rapporti con tutti i partiti del centrosinistra».

    Quindi anche con il M5S?
    «Il Movimento è di destra, non c’entra niente con la sinistra. Sono qualunquisti e populisti: hanno approvato con la Lega i decreti sicurezza, una cosa che più di destra non si può. Noi siamo per il progressismo vero, non per le “manetterie”».

    Parola chiave di questa nuova «resurrezione»?
    «Socialismo. Dobbiamo ridare forza a questa parola, a ogni costo. Il nostro principale editorialista sarà Michele Prospero, filosofo marxista: il Pd non si può salvare se non torna al socialismo».

    NON NE POSSO PIU’ !!!!!!!!!!!!!!

    Piace a 3 people

    • “Il nostro sarà un giornale molto di sinistra. Il Pd sarà il nostro partito di riferimento”
      A posto! 🤣😂😆

      “Il Movimento è di destra, non c’entra niente con la sinistra. Sono qualunquisti e populisti”.
      E l’hanno stabilito loro, quelli “molto di sinistra”!
      Della serie: OGGI LE COMICHE.

      … ma non c’è nessuno che possa impedire questo sfacelo?
      Povera “Unità”: meglio morta, che risorta come zombie.

      Piace a 2 people

  2. Sarà la qualità eccellente della carta ottima per incartare i totani che porterà la tiratura a livelli eccelsi🤔

    "Mi piace"