Prende forma la sinistra dei pop corn

Archiviata la sinistra della Crusca (vasto dibattito sui termini: merito e sovranità) prende forma la sinistra dei pop corn, intesa come sommo godimento per le smarronate del governo Meloni su decreto rave e medici no-vax (schadenfreude, per i più colti). Del resto, perché biasimare Enrico Letta […]

(di Antonio Padellaro – Il Fatto Quotidiano) – Archiviata la sinistra della Crusca (vasto dibattito sui termini: merito e sovranità) prende forma la sinistra dei pop corn, intesa come sommo godimento per le smarronate del governo Meloni su decreto rave e medici no-vax (schadenfreude, per i più colti). Del resto, perché biasimare Enrico Letta se denuncia “la maggioranza che vuole spaccare il Paese” quando l’uscente segretario del Pd ha fatto proprio di tutto per perdere le ultime elezioni? Sospettiamo con il sottile disegno di mettersi comodo per cinque anni e apparecchiarsi lo spettacolo di quegli altri alle prese con problemi più grandi di loro. Letta aggiunge poi che obiettivo della perfida Giorgia è anche quello di “rendere insignificanti i moderati”, frase da cui traspare l’unico vero progetto dello sgarrupato Nazareno. Cioè sperare che, più prima che dopo, Forza Italia si sottragga alla tenaglia sovranista, FdI-Lega facendo mancare i numeri necessari per governare. Ipotesi non del tutto peregrina visto che sull’amnistia Covid (invisa alla corrente Ronzulli) e sulla conferma dell’ergastolo ostativo (un dito nell’occhio al berlusconismo garantista pro domo sua) il partito di Arcore mostra segni di crescente nervosismo. Con il piccolo particolare, però, che in caso di smottamento dei “moderati”, se e quando sarà, a dare loro un asilo e una prospettiva politica sarà in prima battuta il duo Calenda&Renzi. Coloro che hanno creato il terzo o quarto polo appositamente per gettarsi tra le braccia di Silvio Berlusconi. I democratici avrebbero un altro modo per impiegare utilmente il tempo, condividere con il M5S di Giuseppe Conte alcuni punti di un’opposizione dura e intransigente, e non soltanto a parole stante la produzione di porcate in serie della destra. L’ineffabile risposta lettiana: “Saranno i fatti a portare a una unità delle opposizioni” nasconde dietro il solito fumo doroteo un sostanziale non se ne fa nulla. Ragion per cui bisogna accontentarsi dell’unica opposizione percepibile, quella delle regioni di centrosinistra, Emilia-Romagna, Lazio, Puglia e Campania che vogliono i medici no-vax fuori dagli ospedali. Per Letta un pop corn food delivery, con comoda consegna a domicilio più birretta.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

3 replies

  1. Ancora con sto’ c@zzo di covid, basta non se ne può più. Ci sono tifoserie che parlano per partito preso. Alcune nazioni che non hanno avuto il green fals o sono stati meno rigidi con il covid hanno avuto meno morti. Forse quella che viene spacciata come scienza sono interessi delle lobbi multinazionali del farmaco. Non esiste uno studio serio che restituisca la reale portata del virus, ancora adesso alcuni dicono che sia di origine animale altri che è stato sviluppato in laboratorio. Non dico che il covid non sia esistito, ma ritornare alle restrizioni lo trovo veramente assurdo. Siamo passati dall’emergenza covid alla guerra, dove il nemico comune, secondo i media, è diventato il cattivo, il dittatore spietato Putin.

    "Mi piace"

  2. PROBLEMA O DEVIAZIONE?
    Per due anni ci hanno terrorizzati e messi uno contro l’altro con i vaccini, che sono stati usati dal potere sia per scopi finanziari che per scopi di controllo delle masse mentre i veri problemi erano tutt’altro. E milioni di persone ci sono cascate in pieno. La cosa assurda è che al momento tutti i va-cini che ci siamo fatti sono scaduti, perché duravano pochi mesi o nessuno, tant’è che anche chi di va-cini ne ha fatti 4 si è contagiato (Pfyzer ha confessato in modo molto chiaro che non sono mai stato sperimentati per cui ci hanno usati come cavie, senza preoccuparsi di quello che succedeva al nostro sistema immunitario che si abbassava sempre più, come avviene con troppi antibiotici, mentre lo Stato ha nascosto le reazioni negative che sono state enormi e per alcuni molto pesanti), per cui ora, scaduti tutti vaccini, è come se nessuno fosse va-cinato e siamo tutti uguali, siamo tutti contagiabili e possiamo contagiare tutti alla stessa maniera, per cui, se uno proprio ha paura, può tenere la mascherina in permanenza e lavarsi spesso le mani con l’amuchina. Ma lo Stato è rimasto con moltissime dosi magari già scadute o non adatte alla nuova variante o prossime alla scadenza per cui continua questa ossessiva e martellante campagna di persuasione di stampo terrorista a cui contribuiscono i media.
    Io ho un vicino che ha il terrore delle malattie, che è stato chiuso in casa con la moglie per due anni. Il figlio in un’altra casa ha fatto lo stesso con la moglie. Ebbene, l’altro giorno sono uscita e l’ho incontrato fuori. Dunque, se perfino lui si è convinto ad uscire, c’è speranza.
    Dall’altra parte ci sono gli 80 miliardi di extraprofitti delle multinazionali del Farmaco, come la Pfizer, perché questo fatto dei va-cini è stato il più grande affare delle multinazionali del mondo, dopo le armi. E c’è la truffa di Draghi che, invece di tassare questi profitti illeciti con una tassazione del 25% da cui avrebbe tratto 20 miliardi da rendere ai cittadini invece di buttarli in miseria, o invece di imporre un tetto al prezzo così da evitare questi extraprofitti che hanno fatto salire le nostre bollette, ha fatto una legge, guarda caso, ‘sbagliata’ (lui che è considerato tanto bravo!) per cui invece di 20 miliardi di soldi rubati ci riprenderemo solo un miliardo. Dunque, scrivendo apposta male la legge, ha fatto un grosso favore alle multinazionali, regalando loro 19 miliardi di soldi rubati illecitamente, mentre i media embedded distraggono i cittadini, martellando sugli 8,8 miliardi del reddito minimo, che ora sarà eliminato aumentando il livello già gigantesco della povertà. Ma così va il mondo. I politici proteggono i ricchi a spese dei poveri. E i poveri, invece di prendersela con i ricchi, attaccano quelli ancora più poveri con falsi problemi.
    Siamo come topi chiusi in una vasca che invece di prendersela con chi li ha resi prigionieri, si sbranano tra loro.
    Un tempo spingevano la gente a odiarsi per la religione, poi per la politica. Oggi siamo caduti talmente in basso che ci scanniamo per lo sport o i vaccini o gli aiuti ai più poveri. Le nuove divinità o i nuovi totem sono prodotti agitati dai media ad uso e consumo del potere e la capacità critica della gente diventa sempre più bassa. Sembra di essere tornati al tempo degli untori di cui parlava il Manzoni nei Promessi Sposi. Io sono allibita!

    "Mi piace"