La senatrice sia ispirazione per Pd, M5S&C.

Oltre a essere diffuso nelle scuole, come testimonianza straordinaria di amore per le istituzioni democratiche, il testo letto ieri al Senato da Liliana Segre potrebbe servire come modello e fonte d’ispirazione per quella parte del Parlamento che ieri brillava per il suo silenzio […]

(di Antonio Padellaro – Il Fatto Quotidiano) – Oltre a essere diffuso nelle scuole, come testimonianza straordinaria di amore per le istituzioni democratiche, il testo letto ieri al Senato da Liliana Segre potrebbe servire come modello e fonte d’ispirazione per quella parte del Parlamento che ieri brillava per il suo silenzio. Che non chiameremo opposizione (dove e quando?) e neppure sinistra (cosa e chi?) ma che, semplicemente, dovrebbe rappresentare l’Italia repubblicana e costituzionale, contrapposta a quella nazionalista, sovranista e nostalgica chiamata a governare per i prossimi cinque anni.

Non stravolgere la Carta “bensì attuarla rimuovendo gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona umana”. Battersi contro il linguaggio dell’odio e “la violenza dei pregiudizi e delle discriminazioni”. Davanti alla crisi che incombe su famiglie e aziende lanciare il segnale chiaro che “nessuno verrà lasciato solo, prima che la paura e la rabbia possano tracimare”.

Si dirà che sono concetti sentiti in campagna elettorale da chi aveva già deciso di perdere la partita prima ancora di giocarla. Parole, evidentemente, non percepite come sincere perché prive di quegli accenti di verità che solo da una tragedia esistenziale come quella di Liliana Segre possono scaturire. Appena ha smesso di applaudire, la parte del Parlamento che si autodefinisce liberale, riformista, progressista e quant’altro ha intrapreso due iniziative. Le anime morte si sono beatamente appisolate in un lenzuolo di schede bianche. Incapaci perfino di esprimere una candidatura simbolica in cui riconoscersi e nella quale i loro sfortunati elettori potessero riconoscersi. Niente. Nel frattempo, l’opposizione per finta faceva graziosamente pervenire i voti mancanti a Ignazio La Russa, sfanculato dall’alleato Berlusconi in un clima che nella maggioranza è già di fattiva collaborazione.

A questo punto nella minoranza (non so più come chiamarla) è cominciata la consueta tarantella delle accuse reciproche (sono voti tuoi, no sono i tuoi) che garantisce sulla determinazione con cui Pd, M5S e Calenda&Renzi, nel prosieguo della legislatura, si spareranno reciprocamente sui piedi. Per fortuna la senatrice Liliana Segre era già uscita dall’aula, abbracciata ai suoi fiori bianchi e alla nostra gratitudine.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

9 replies

  1. La straordinarietà della operazione “voti extra per la elezione di la russa” doveva avere una caratteristica di base, cioè essere condotta con estrema velocità. Ed è stato così.
    Un tale colpo di mano è possibile solo se organizzato in ambienti molto confidenziali e agevolato da consuetudini relazionali.
    Credo si possa tranquillamente escludere che qualche 5* sia stato avvicinato per ottenerne il voto, perciò il cerchio dei possibili inciucisti si restringe parecchio.

    "Mi piace"

  2. Medusa rediviva.

    Chissà la signora senatore a vita che fa cene eleganti con i boschi e parla di politica nazionale, come ha potuto ..

    "Mi piace"

    • Per poi unirsi festosamente in politica con il figliol prodigo europeo agli Uffizi.. e partecipi a portare la bBarby in parlamento a mettere tasse come se fossero pubblicità! Se i ferragnez come i maneskin vogliono entrare in politica per magnare e per fare politiche SENZA ALCUNA COGNIZIONE DI CAUSA a meno di CANTARLA all’assemblea parlamentare, farsi applaudire e varare!

      "Mi piace"

  3. Troppe parole e troppi pochi gesti da parte della Signora. Nessuna protesta concreta per il “ritorno del Re”, nessuna per i soldi pubblici regalati al principe ballerino ed all’ accoglienza del padre omicida preterintanzionale. E ancora meno per il progetto di Museo del Fascismo a Predappio, con due miliardi stanziati ad hoc dal Piddino Renzi attraverso Lotti.
    Gesti concreti ci vogliono. A parlare, serviti e riveriti, sono buoni tutti.
    Ma se li avesse fatti, tutta la reverenza se la scordava…

    "Mi piace"