Conte e l’elemosina di Draghi

Giuseppe Conte pagherà il prezzo di una legge elettorale diabolica, pensata per far vincere le ammucchiate instabili.

ROMA ATREJU 2021 IL NATALE DEI CONSERVATORI

(Gaetano Pedullà – lanotiziagiornale.it) – Mentre la Meloni rilascia interviste alla stampa estera come se fosse già premier, chi dovrebbe contrastarla con la coalizione di sinistra continua a esibirsi nelle nuove e più esilaranti puntate di “Oggi le comiche”. Letta che insegue Fratoianni, Calenda che insulta Bonelli, Di Maio che cerca spazio con Tabacci… mancano solo Stanlio e Ollio.

Così le destre se la ridono, nonostante siano ugualmente divise e rissose, anche perché possono contare su una copertura di tv e giornali che minimizza i colpi bassi tra Fratelli d’Italia e Lega – in attesa di quelli da codice penale se toccherà a loro Palazzo Chigi – mentre le botte a sinistra non hanno bisogno di essere enfatizzate, tanto sono sconcertanti e plateali.

Chi può accendere un cero alla Madonna per essere riuscito a restare fuori da una tale caciara è Giuseppe Conte, che pagherà il prezzo di una legge elettorale diabolica, pensata per far vincere le ammucchiate instabili, ma perlomeno può presentarsi agli italiani con un bel bagaglio di cose fatte e una proposta seria sulle nuove cose da fare.

Un assist in questo senso gliel’ha fatto Draghi, che con il Decreto aiuti bis definito “straordinario” ha messo in tasca ai lavoratori appena cento euro lorde in sei mesi, cioè un’elemosina. In questo modo diventa chiaro – anche di fronte alle menzogne dei mezzi d’informazione – cosa vuol dire stare davvero dalla parte delle famiglie e delle imprese, al contrario di chi ha adottato l’agenda Draghi (a sinistra) o gli si è inginocchiato (a destra), prima di dargli un calcio e farlo cadere.

16 replies

  1. Qualsiasi cosa succeda in Italia o è colpa di Conte o pagherà Conte. Il termine capro espiatorio è nato con Conte. La prima volta in cui Conte non sarà colpevole di qualcosa avvisatemi.Temo però che dovrò aspettare i Tartari come nel deserto di Buzzati.

    Piace a 4 people

    • Chi rompe paga e i cocci sono suoi. Oppure
      Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino
      Oppure
      Chi col dito il cul si netta tosto in bocca se lo metta cosicché avrà pulito tanto il culo quanto il dito.

      Piace a 3 people

  2. Pedullà, se il tuo Conte, anziché piangere per essere stato sedotto e abbandonato dai piedini, si ricordasse che anche nel 2018 vigeva la stessa legge elettorale e, ciò nonostante, il movimento, con una dura battaglia sconfisse il sistema che quella legge aveva approvato per eliminarlo, tapperebbe la bocca alla Lombardi e darebbe campo libero a Alessandro Di Battista, a Virginia Raggi e ai tanti grillini che ancora ci sono.

    Piace a 3 people

    • Strabiliato il 33 per cento del 2018 è irripetibile perché è stato il.concatenarsi di varie circostanze. Per i 5s votarono anche elettori di destra del PD ti ricordi l’endorsment di Ivano Marescotti l’attore romagnolo comunista duro e puro il quale disse che avrebbe M5S. Sono circostanze irripetibili.

      Piace a 3 people

      • Ho menzionato il 33%? Sicuramente non starebbe sotto il 10%. E se l’eventuale incremento dipendesse dalla diminuzione delle astensioni le percentuali degli altri diminuirebbero.
        Io, comunque, continuo a domandarmi perché Conte, quando Draghi, secondo me, stava per rinunciare all’incarico, fece quel discorso del tavolino con il quale augurava al presidente incaricato di riuscire a formare il governo. Erano arrivate dall’alto pressioni alle quali un uomo rispettoso delle istituzioni non poteva sottrarsi?

        "Mi piace"

    • Ben detto! Conte deciditi a mettere in campo Di Battista e la Raggi… Grillo non rompere i cogliendo, e mettiti a lavorare!

      "Mi piace"

  3. meglio pochi ma buoni sappiamo tutti che lo zoccolo duro degli elettori 5 stelle si aggira intorno al 13 tutti i voti in più ricevuti sono umorali e cambiano secondo chi e’ più in voga al momento.Basta solo che si facciano le cose onestamente e il popolo avra in paramento la forza politica che più difende i deboli. avranno il mio piccolo insignificante voto

    Piace a 1 persona

  4. Dio deve amare tantissimo i grulli per averne creati così tanti, infatti Servono tantissimi grulli per mantenere negli agi un ristretto numero di furbi.

    "Mi piace"

  5. La colpa non è mai dei sistemi elettorali ma degli elettori. Bisogna andare al voto ,come si dice, con scienza e coscienza, senza buttare la crocetta in modo acritico a chi hai sempre votato o a chi la spara più grossa

    "Mi piace"