Alessandro Di Battista: si può fare politica anche senza un seggio

(Alessandro Di Battista) – Un tempo credevo che l’onestà fosse la caratteristica più importante per un politico. Oggi non lo penso più. L’onestà dovrebbe essere un prerequisito per fare attività politica ma oggi più che mai penso che chi decide di voler rappresentare il Popolo italiano in primis dovrebbe avere coraggio.

Coraggio di andare controcorrente, coraggio di schierarsi, coraggio di sfidare le strumentalizzazioni. Coraggio di mettere a repentaglio la propria carriera politica se necessario.

Guardate questa foto. Ho preferito postare questa che altre immagini raccapriccianti che mi hanno inviato da Gaza. Sono bambine che piangono l’ennesima carneficina fatta dall’esercito israeliano. Il raid di ieri ha fatto, per adesso, 15 morti (tra i quali una bimba dell’età di mio figlio) e quasi 100 feriti.

Gaza è l’unico luogo al mondo dal quale neppure si può fuggire quando piovono le bombe. Quanti sono i politici che hanno il fegato di schierarsi. Quanti coloro capaci di ricordare che l’esercito israeliano occupa illegalmente da decenni la terra dei palestinesi? Chi ha il coraggio di dire che il governo israeliano porta avanti politiche di apartheid e di discriminazione razziale? Praticamente nessuno!

Hanno tutti paura. Sì paura! Paura di mettersi contro i potenti della terra. Paura di dire che quella della Pelosi a Taiwan non è diplomazia ma solo una provocazione che non serve a nessuno ancor meno a noi europei. Paura di criticare la NATO, l’organizzazione che più di ogni altra ha destabilizzato il pianeta negli ultimi 30 anni. Paura di dire che oggi BlackRock, Vanguard e altri fondi di investimento danno ordini ai governi di mezzo mondo. Paura di dire che l’invio di armi in Ucraina e la conseguente corsa al riarmo altro non è che (come diceva Assange) uno sporco trasferimento di miliardi provenienti dalle tasse dei cittadini alle multinazionali degli armamenti. Mega fabbriche controllate in parte proprio dai fondi di investimento. Hanno tutti paura.

Meglio parlare di Calenda, degli accordi elettorali, di chi si candida e dove si candida. “L’essenziale è invisibile agli occhi”, soprattutto a quelli dei politici professionisti che pensano che senza un seggio non si possa fare politica e, dunque, per quel seggio sono disposti a vendere madre, padre, orgoglio e dignità. Grazie a Dio non sono come loro.

32 replies

  1. Beh, oltre che “grazie a Dio”, puoi dire grazie a te stesso: ognuno di noi è “libero” di decidere da che parte stare.
    Hai ragione, ci vuole coraggio e molta determinazione e forza per essere contro i potenti. Ma ci vorrebbe anche un’idea di progetto per capire cosa e come si può fare. Mi dici la tua? Io sono davvero molto stressata in questo periodo, e non la ho ancora capita. Grazie!
    p.s.: mi piace come scrivi, ed anche quello che scrivi. Ma te lo richiedo: puoi perdere qualche tempo per scrivere anche la tua idea di progetto di cui sopra? Perdona la mia stupidità…..

    Piace a 1 persona

  2. Di Battista è un purista, idealista, dalla parlata sciolta e grandi ideali, graziato dalla natura davanti alle telecamere, fa finta di non capire che fuori dai palazzi si puo’ fare politica ma non incide, sono solo opinioni e parole al vento, e la verità per lui è ben più amara: nessuno lo vuole, non nei partiti del sistema di cui il Movimento è diventato carta da parati, troppo scomodo con temi troppo forti che nessuno ha voglia di sentire. Qui si va molto terra terra, Aggressore-Aggredito, questo è tutto

    Piace a 1 persona

  3. Ma come!!!
    Sono tutti incavolati neri e da domani o forse doman l’altro a Bruxelles si riuniranno tutti i nipoti dei noti nazisti criminali di guerra condannati e giustiziati per decidere quali sanzioni adottare contro il popolo di Gaza perché non vuole farsi macellare dagli israeliani e cerca la libertà

    Piace a 1 persona

  4. Non mi sono mai piaciuti quelli che dicono grazie a Dio sono meglio degli altri. Quelli che puntano sempre il dito contro gli altri e mai contro se stessi. Non mi fido certo delle chiacchiere dei politici ma non mi fido neanche di chi ragiona come te. La visita di Pelosi non sarà servita a nessuno certo, tranne che ai taiwanesi. Ma tanto adesso dirai che è colpa della Nato se la Cina vuole prendersi Taiwan. E chissà come mai la gente di Taiwan non ne vuole sapere di stare sotto gli artigli cinesi. Così come quella di Hong Kong. Ma queste cose ti sfuggono sei troppo impegnato a puntare il tuo santo dito

    "Mi piace"

    • Francesco
      Non amo i cinesi, anzi sono a favore dell’indipendenza di formosa
      Ma dire che la mummia pelosi abbia fatto bene a far vedere che è lei che comanda non ha portato un miglioramento della qualità della vita ai taiwanesi, visto i rapporti cordiali e commerciali con la Cina erano ottimi,
      E con l’inasprimento dei rapporti e il massiccio armamento fornito dallo zio Sam i soli che ci guadagnano sono le industrie delle armi

      Piace a 1 persona

      • E’ ottimo un rapporto quando sai che la Cina continua a dire che sei solo una sua provincia che presto o tardi, ma più presto che tardi dovrai sottometterti? La tensione tra Cina e Taiwan dura da decenni. Io non so proprio come si fa a dire che i rapporti erano ottimi. Commerciano fra di loro perchè conviene a entrambi. Che poi gli USA ci hanno messo le mani a causa delle loro politiche imperialiste è ovvio. Ma il punto è che cosa vogliono i Taiwanesi? Non certo stare sotto la dittatura Cinese.

        "Mi piace"

      • X Francesco:

        di sicuro gli americani non si mobilitano per liberare i popoli oppressi, sennò la Pelosi andrebbe in visita anche a Gaza.

        Capito ipocrita e trollonzo?

        Non ho problemi a dire che Dibba è molto meglio di te e dei poltiici di professione.

        "Mi piace"

  5. Si può fare politica senza avere un seggio,ma pure abbaiare alla luna senza costrutto.Penso che di Battista,finché ha tutta questa visibilità e tutti questi “nemici”, debba sporcarsi le mani e impegnarsi direttamente ( sempre che il movimento lo voglia), dire in parlamento le cose che dice avrebbe ben altra rilevanza

    Piace a 2 people

    • A lei risulta che in parlamento qualcuno che denuncia abbia mai avuto qualche rilevanza ?crede ancora che in parlamento ci sia democrazia ? Se si , mi illumini!!

      "Mi piace"

  6. Si può aiutare Alessandro Di Battista in maniera molto semplice: il suo canale YouTube ha oltre 90 mila iscritti e i social media possono essere eccellenti strumenti per espandere idee e opinioni. Chi lo ritiene, si iscriva.

    Piace a 2 people

  7. Di Battista dovrebbe sapere che l’onestà fa parte integrante del coraggio. Il disonesto ” coraggioso” è un bullo, un guappo, un brigante da strada. Salvo D’acquisto era carabiniere e aveva fegato.

    "Mi piace"

  8. …a quindic’anni immaginavo anch’io,
    che un uomo onesto, un povero minchione,
    potesse in qualche modo aver ragione:
    Furbo per Dio!

    Non vidi allora che barattati i panni
    si fossero la frode e la giustizia:
    Ah, veramente manca la malizia
    a quindic’anni!

    (Rassegnazione – G. Giusti)

    Piace a 1 persona

  9. Almeno Di Battista lancia idee su cui riflettere.Fa appunto politica. Le.persone che danno solo risposte sono le più pericolose perché hanno già imposto le domande e le questioni di cui parlare

    Piace a 1 persona

  10. Lei è come loro, invece, e purtroppo.
    È il calenda dei 5s. Condizioni, condizioni, e ancora condizioni.
    Come se la politica fosse il proprio giardino, e non un servizio per il popolo.
    Non l hanno allontanata loro, i mille calendapdrenzibrunettabonelli.
    È lei, come con la boschi, che li fa vincere facile, come se dovesse allearsi con loro e non dare una mano al movimento.
    Se è come penso, è l ennesimo sgarbo a Conte. E ultimo. Suo e di grillo. Volete che perda male sperando che, essendo una persona corretta, lasci a voi il movimento o quello che rimane.
    Come un renzi qualunque.
    Ricordi dolo che lei è quello che è perché io e tanti altri abbiamo votato e sostenuto i 5s.
    Lei è quello che è per il popolo che l ha votata ed ha creduto in lei. Non per grillo. È al popolo che deve gratitudine. Ed è il momenti di restituire quello che le è stato dato.
    Meglio fare l opinionista ben pagato, ma li le lasciano dire ciò che gonfia il suo ego proprio perché non influisce.
    È loro prigioniero, altro che libero.
    Che delusione

    "Mi piace"

    • È colpa di Di Battista se il M5* dal 32% si trova in queste attuali condizioni?
      Una cosa è certa: quel 32% fu raggiunto anche per merito suo.

      "Mi piace"

    • Far del bene agli asini si ricevono calci,
      E i commenti di molti lo confermano
      Dibba fatti gli affari tuoi e lascia perdere questa massa di asini itaGGliani, non ne vale la pena.

      "Mi piace"

  11. Minuti Palestinesi come il Davide che fu, di fionda muniti e viventi tra stenti e giganti Israeliani, come il Golia che oggi è, ben armati fino ai denti a determinare gli eventi e tanti moderni eterni Pilati ovunque sparpagliati che stanno a guardare senza interferire chè ad intervenire c’è da rischiare di calpestare qualche pesante piede…occhio non vede ed al potente non rode…quanto tempo ancora servirà per cambiare questa triste realtà, semmai avverrà, dipenderà dalla buona volontà che pare latitare in chi potrebbe tanto fare, non sol là ma pure altrove, anziché starsene a guardare i cadaveri passare…sul perché della carenza si dovrebbe interrogare la coscienza generale prima che la conseguenza uccida pure la speranza.

    Piace a 6 people

  12. Non avrà mai successo perché questo paese è pieno di italianicchi ominicchi soprattutto nelle generazioni ad un passo dalla tomba

    "Mi piace"

  13. Alessandro se leggi, buttati dentro questa mischia da truffa di circonvenzione di incapaci chiamate elezioni politiche, perché il disegno della futura repubblica presidenziale, con modifica della Costituzione, va nel senso di assoluto asservimento a chi dei bambini di Gaza e dei figli della povera gente, non frega proprio nulla, sacrificabili nella logica del potere…..il posto in parlamento ora serve, non per ottenere una qualche vittoria in merito, impossibile su un percorso già definito e programmato nei minimi dettagli, ma almeno per testimoniare che dentro le istituzioni ” democratiche” italiane qualcuno ha avuto il coraggio e la dignità di opporsi! È necessario essere lì, nella fossa dei leoni, perché la voce di denuncia ed opposizione resti nella memoria delle future generazioni, quando sarà chiarito dalla storia chi realmente era dalla parte giusta. ….da fuori non è possibile, perché è il qui ed ora che conta! Stiamo sottovalutando un pericolo imminente da amnesici e distratti da uno scientifico, programmato, effetto di distrazione di massa. ….la guerra è alle porte e la Repubblica presidenziale italiana deve essere pronta a servirla!

    "Mi piace"

  14. Certo che si può fare politica senza un seggio: si può anche fare il letterato senza scrivere un libro, il professore senza una cattedra, l’ avvocato senza uno studio, il contadino senza un campo, l’ allevatore senza pecore…
    O no?
    Quello che è certo è che nessuno potrà mai criticare la concretezza dell’ operato politico, la stupidità di un libro, l’ inadeguatezza della cultura, le condanne dei clienti, il fallimento dei raccolti, la moria delle bestie…
    Insomma, guai sporcarsi le mani e millanta vie di fuga pronte a rifare una verginità e procurarsi una nuova, creativa sopravvivenza in caso di … noia…
    Non ha fatto mica alcun “patto con gli elettori”, lui… Mica scemo…

    "Mi piace"