Fenomeni

(Giuseppe Di Maio) – Ma ci rendiamo conto che sòla è stato Draghi? L’hanno sussurrato, annunciato, pompato, protetto, osannato; e mentre la banda suonava la marcia trionfale del suo ingresso a palazzo Chigi a stento riuscivamo a vederne la nuca. Non ha parlato che dopo settimane. Quando l’ha fatto, ci ha riempito di sviste, di gaffe e di cacchiate per tutto un anno e mezzo. Uno che pure quando se n’è andato lo ha fatto con le parole degli altri. Vabbè che il discorso glielo avevano scritto, ma cazzo: parlava di sé in terza persona come i bambini, come i cretini. O forse pensava davvero che “l’alto profilo”, riportando fedelmente le parole di Mattarella, ormai è un indiscutibile sinonimo di Mario? Mi pare che l’establishment sia capace solo di tirare fuori fenomeni dal proprio cappello.

Già, perché il fenomeno è uno che è stato assoldato con preciso contratto: far fuori Conte, il suo magnifico operato (sia nel primo che nel secondo governo), distruggere i 5 stelle, polverizzare la loro maggioranza parlamentare, ed essere gratificato con l’elezione a Capo di Stato. Il compito non era difficile: sopra di lui, avanti a lui, dietro di lui, al suo fianco, c’erano tutto lo Stato, le bande dei partiti, i padroni delle lobby, la stampa, gli amici internazionali, tutti sperando di archiviare al più presto la parentesi di reale democrazia imboccata dall’Italia. Ma in un anno e mezzo il fenomeno non è stato capace di fare una mazza. Non ce n’erano emergenze quando Conte fu fatto fuori, e semmai, l’unica, è un’emergenza sociale e politica da cui il nostro paese non riesce ad emanciparsi da secoli.

Invece il fenomeno delle banche ci ha vaccinato con più difficoltà di prima, ci ha fatto una riforma della giustizia richiesta solo dai ladri, ha smantellato gli interventi di Stato nell’economia, ha distribuito cariche a piene mani, ci ha precipitato in una guerra di prima linea. E siccome a giudicare è la stampa italiana, quelli del fenomeno sono sembrati altrettanti successi. Ma quando poi giudicano gli altri, l’Europa ad es, ti bocciano la riforma Cartabia e senza clamore di rotative, come se tutte le angosce patite dai giudici italiani e i loro anatemi non fossero mai esistiti. Eppure era facile, come poteva perdere. Dice: giochiamo… “Er mazzo ‘o famo noi, c’avemo tutti l’assi e, quanno nun ce l’avemo, baramo pure”, così non se rivortano le carte sur tavolo de la storia. (“In nome del papa re” di L. Magni).

Ma finalmente è stato smascherato. Sono bastate domande chiare, che pretendevano altrettante chiare risposte, e il fenomeno s’è liquefatto. Ha stracciato il contratto, e ha sbattuto la porta. Non era stato ingaggiato per una cosa tanto difficile: rispondere al bambino (Conte) che tra la folla ha gridato “il re è nudo!” Ovvero, il re è un servo, e manco dei migliori. Lui credeva ancora di essere circondato da palme festanti persino dei grillini, ma ormai non era più così e, piuttosto che farsi scoprire per la sòla qual era, ha preferito sparire.

Sto pensando seriamente a una class action contro un altro fenomeno saltato fuori dalle maglie di questa legislatura. Col mio cognome si annoverano: governatori, alti prelati, magistrati, illustri clinici, artisti (fotografi, fumettisti, attori famosi) e persino un capo mafia, “Tore ‘o guaglione” (Salvatore Di Maio), ma mai un voltagabbana, un traditore di proporzioni così smisurate. Uno che ha tradito la sua parte dopo esserne stato il vertice, e l’ha tradita solo per invidia. Tutti coloro che portano il mio cognome si sentono insozzati dal suo gesto e sarebbe giusto risarcirli.

17 replies

  1. Inutile prendersela con Draghi dopo 55 fiduce, il tradimento di Giggino e l’espulsione di quelli che non si sono piegati.
    È tempo di autocritica e bisogna rimediare.

    Piace a 4 people

  2. altrimenti puoi cambiare tu e tutti gli altri, sfregiati da quella m…da

    MINISTERO DELL’INTERNO
    Cambio o aggiunta del nome e/o del cognome. Maggiorenni
    Il cittadino che intende cambiare o modificare nome e cognome deve essere autorizzato dal Prefetto
    Chi può fare la richiesta
    La persona interessata deve presentare la domanda con marca da bollo da € 16.00 – annullata con un tratto di penna – indirizzata al Prefetto della provincia di residenza o del luogo dove si trova l’atto di nascita, completa di dichiarazione sostitutiva di certificazione.

    Piace a 1 persona

  3. Il 59%, degli italiani è convinto che la colpa della caduta di draghi, sia stata del movimento.. davanti al risultato del sondaggio, cosa può fare Conte per far cambiare idea ad un ammasso di pecoroni? Manco con la bacchetta magica ce la farebbe!! Il (purtroppo ma ancora per poco) pdc, posto a capo di un governo d’emergenza (ce n’era uno bravo ma è un dettaglio 🤬), trovata la pappa pronta, la tavola imbandita, avrebbe dovuto espletare qualche dovere e poi far tornare la politica al suo ruolo, quello di governare una nazione.. siccome il suddetto, essendo persona di alto lignaggio e credendosi unto dal signore, pensava in cuor suo che tutti pendessero dalle sue labbra e che qualsiasi sua parola, fosse assolutamente considerata perfetta e da seguire senza la minima contraddizione.. invece qualcuno ha tirato su la testa, qualcuno che per anni nonostante il lavoro prodotto, le leggi eque e lungimiranti, è stato bastonato perché fuori sistema delle lobby e dagli inciuci, dileggiato più possibile e financo, tradito da una cospicua parte dei suoi portavoce(oramai la parola democrazia è decaduta), insomma, questo qualcuno, ha proposto delle scelte sagge e prodighe per una parte della popolazione e non solo, scelte per un futuro migliore per tutti, ponendo una domanda semplice, quella di andare incontro ad una forza politica che ha esclusivamente a cuore, il bene della popolazione tutta e non solo di una parte, come invece il suddetto pdc🙈, aveva in mente.. bene, ora c’è la possibilità di prendere in mano il proprio destino e fare del movimento la forza politica, di cui l’Italia ha bisogno, spurgato da vigliacchi, avrà modo veramente di esprimere la sua essenza!!! La volontà di essere quello che Casaleggio voleva fosse!! Il partito più antisitema che ci potesse essere!! E forse il 59% dei pecoroni, potrebbe capire di chi fu veramente la colpa!!

    Piace a 3 people

  4. Draghi semplicemente odia l’Italia e gli Italiani.
    Almeno dai tempi di “whatever it takes” ( 2012 se non ricordo male)
    Solo chi odia il nostro Popolo almeno quanto lui poteva invitarlo a Palazzo Chigi.

    Piace a 1 persona