Gli incazzati se ne vanno, i blocchi stradali restano

(Pietrangelo Buttafuoco) – Un segno dei tempi – dei ben tristi tempi, di cui tutti siamo gregge – è quello del Raccordo Anulare a Roma dove invece che dalla gente brutta e incazzata perché la benzina costa più di due euro al litro, e se non si viaggia non si lavora, sono i fighetti ambientalisti sciuè sciuè a bloccarlo. Che tempi, che tempi (oltretutto residenti nella Ztl, dove per andare a prendere l’aperitivo non serve la Panda inquinante ma il monopattino elettrico).

2 replies

  1. “i fighetti ambientalisti sciuè sciuè” 😒🙄
    Mamma mia che becerume…e i comunisti con l’eskimo, che non si lavano mai? E le femministe coi peli sulle gambe?
    Tutto l’armamentario dei fascisti inside, il ritrattino, o meglio la caricatura, da incorniciare al bar, come quella dell’ebreo avido e maligno, buona per chi vuole concetti semplici con cui etichettare il “nemico”.
    Ma poi… “ambientalismo”? Per un ultra destro così? Vade retro, Satana!
    Noi ci nutriamo di uranio e pisciamo idrocarburi, mica come voi femminucce isteriche…

    Ps ho il dente avvelenato da quando ho letto un unico suo libro (ignoravo) e non potevo farcela a finirlo, per quanto traboccava filofascismo.

    Piace a 1 persona

    • Ma guarda, prima ancora che fascista… Buttafuoco è un coglionazzo (poi… lo so che le due cose siano da sempre associate in un unico concetto, eh vabbè). Lassastà. Un disperato. Lo si evince dai suoi articoli (?!?!?!) da quattro righette falzeh che su IS vengono ogni tanto riportate (immagino per metterle alla berlina del pubblico ludibrio, altrimenti non si spiega). Ribadisco: un coglionazzo senza futuro.

      "Mi piace"