Tira un’aria di censura: notizie e opinioni “filtrate”

Nelle trasmissioni televisive, soprattutto in quelle del servizio pubblico, tira una brutta aria di censura. Chi non si allinea al verbo atlantista-bellicista viene bollato come putiniano. Però ci risulta che esista ancora la Costituzione a tutela della libertà di espressione.

(Maurizio Belpietro – laverita.info) – Tira una brutta aria e non solo per i fumi che s’innalzano dalle città ucraine bombardate dai missili russi, con il pericolo che uno di questi colpisca un sito nucleare. No, il clima sta peggiorando anche nelle redazioni dei giornali, dove ormai i giornalisti sono stati arruolati come combattenti per la libertà e indotti a sguainare le stilografiche contro Putin. Come abbiamo detto e scritto più volte, il presidente della Federazione russa è l’invasore e il principale responsabile di quello che sta succedendo. Tuttavia, se si vuole evitare il peggio, se cioè si intende scongiurare lo scoppio di una guerra mondiale, la soluzione non è inviare armi all’Ucraina, affinché il conflitto si allunghi e magari si espanda, ma è costringere i principali attori a sedersi intorno a un tavolo. Vale a dire che per fare la pace o anche soltanto raggiungere una tregua o un cessate il fuoco è indispensabile che Russia e Stati Uniti si parlino. Senza i secondi, e senza un’Europa che appoggia tutto ciò che viene deciso a Washington, Kiev avrebbe già alzato bandiera bianca. Se l’esercito ucraino resiste non è solo perché vuole difendere il proprio territorio, ma soprattutto perché l’America ha messo in mano a ogni soldato un lanciarazzi o il telecomando di un drone. Dunque, il cessate il fuoco non può passare necessariamente che dalla Casa Bianca. Solo quando Biden e Putin si parleranno sarà possibile far tacere i cannoni, a meno che – come osserva qualche commentatore americano – gli Usa non intendano combattere fino all’ultimo ucraino.

Quanto scriviamo (da settimane, non da ieri) a noi sembrano considerazioni di buon senso, ma per tornare all’atmosfera che si respira nelle redazioni di giornali e tv, il buon senso non pare avere più diritto di cittadinanza. Anzi: ad aver perso il diritto garantito dalla Costituzione, ossia quello di esprimere liberamente le proprie opinioni, è chi non canta in coro, sostenendo una guerra a Mosca senza se e senza ma. Da giorni, infatti, si è aperta la caccia ai putiniani d’Italia, anzi alle spie del Cremlino. Dopo l’intervista su Rete 4 al ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov, la politica ha cominciato ad avere voglia di bavaglio. L’idea di mettere la mordacchia alla stampa è da sempre una vecchia aspirazione di quasi tutti i partiti, prova ne sia che, pur facendosi paladino della libertà di espressione, non c’è gruppo o schieramento che in Parlamento abbia mai voluto seriamente cancellare la norma che condanna alla galera i giornalisti. Eh già, mentre tanti onorevoli si preoccupano del sistema di informazione che vige in Russia, dicendo che i cronisti che non si allineano al pensiero unico di Putin rischiano la galera, il Parlamento italiano continua a mantenere inalterata una legge che punisce con una pena da sei mesi a tre anni i reati a mezzo stampa. Sì, magari all’opinionista sgradito non si mandano i sicari sotto casa, ma gli agenti sì e qualche collega ne ha avuto testimonianza diretta.

Tuttavia, anche senza ricorrere a metodi estremi, ovvero ai carabinieri, l’aria che tira è quella di censura. Così come invocato da Mario Monti ai tempi del Covid, quando disse che quando c’è un’emergenza bisogna ridurre la libertà della stampa, adesso che siamo in guerra si intende creare una specie di Minculpop, ovvero un ministero che vigili sulla corretta informazione. Vale a dire che le notizie vanno corrette, anzi filtrate, lasciando al regime il compito di decidere quali abbiano diritto di essere diffuse o rappresentate e quali invece debbano essere censurate. Mi ha fatto una certa impressione vedere Carlo Fuortes, amministratore delegato della Rai, dire di fronte ai parlamentari del Comitato che vigila sui servizi segreti che i talk show dovranno cambiare e che alcune persone non dovranno più essere invitate. Chi è Fuortes per decidere quali opinionisti abbiano diritto di esprimere le proprie idee? È stato forse eletto dagli italiani? No: è pagato dagli italiani per fare un servizio pubblico e dunque dovrebbe essere al loro servizio. Sono loro che scelgono, con il telecomando, chi sia giusto ascoltare e chi sia giusto zittire. Non è un burocrate, ancorché caro al Pd o designato da Palazzo Chigi. Ma ancor più di Fuortes, che non mi risulta abbia alcuna esperienza nel mondo dell’informazione, mi ha colpito l’intervento di Andrea Romano a Piazzapulita, dove l’onorevole del Partito democratico pareva voler dare lezione di giornalismo a Corrado Formigli. Si può dissentire da alcune opinioni del conduttore de La7, ma non si può sostenere che non sappia fare il proprio mestiere, mettendo a confronto, e a volte facendole scontrare, tesi diverse. Chi è Romano per stabilire che cosa sia giusto mandare in onda e che cosa no? Che titolo ha per dettare le regole dell’informazione? A parte aver contribuito alla chiusura dell’Unità e di Democratica, due testate che inspiegabilmente erano state affidate alle sue cure, non mi pare che abbia altri requisiti. Ma forse è proprio questa la ragione: avendo accompagnato al cimitero l’una e l’altra, è un killer perfetto di ogni voce libera.

5 replies

  1. Non comprerei mai il quotidiano di Belpietro e non voterei mai il suo partito, ma da un po’ di tempo in qua approvo tutti i suoi articoli, anche di più di quanto approvi quelli di Travaglio.

    Piace a 1 persona

    • Strano ma vero , ultimamente gli articoli di Belpietro sono diventati molto condivisibili , chi lo abbia portato a smettere di essere becero e molesto rimane un mistero? ( minga trop)

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...