Notizie dall’interno

(Massimo Gramellini – corriere.it) – La frontiera dell’Indicibile si restringe sempre di più. Questa settimana ci siamo giocati un altro tabù, trasformando in materia di dibattito, addirittura processuale, quel che era sempre appartenuto a una dimensione vergognosa dell’esistenza, al punto che si prova imbarazzo a dargli il nome con cui tutti lo chiamano, preferendone uno più arcaico: flatulenza. L’aria ha cominciato ad appesantirsi in Francia, da dove è trapelata la notizia che il calciatore Marcelo era stato cacciato di squadra perché dopo una sconfitta, nell’atmosfera mesta dello spogliatoio, aveva emesso sonorità inequivocabili e apparse a tutti come irridenti, in quanto esplose durante il solenne discorso di contrizione del capitano. Ma a rendere il clima irrespirabile è stata la scoperta che una giornalista del Tg1, Dania Mondini, aveva denunciato i suoi ex superiori per averla assegnata alla stessa stanza di un collega non in grado di trattenere «flatulenze ed eruttazioni».

L’indagine dirà se la querelante è stata oggetto di stalking o di mobbing, che ovviamente è esecrabile in ogni sua forma. Ma in questa storia c’è già di sicuro una vittima, ed è l’incolpevole Flatulo in preda ai flussi e riflussi della vita. Magari intorno ai suoi meteorismi giravano piccole leggende aziendali, però il passaggio dall’ufficiosità all’ufficialità è sempre dirompente e lo costringerà a barricarsi in stanza o a emigrare nello smart working. C’è poi una seconda vittima accertata, ed è il buon gusto, ma pare che si sentisse poco bene da tempo.

8 replies

  1. Solo una scorreggina come il nostro poteva affrontare “professionalmente” questa “COMICA” nostrana, e’ nel suo elemento naturale.

    "Mi piace"

  2. Non c’era un personaggione, presidente di non so quale grande Paese, che non ha potuto controllare i propri gas intestinali di fronte a una principessona di non so più quale regno? Perché un certo giornalista non ne scrive?

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...