Vittorio Feltri: “Visita a Putin. Papa Francesco rischia di essere sbranato”

(Vittorio Feltri – liberoquotidiano.it) – Breve premessa. Personalmente non sono mai stato un baciapile però neppure un anticlericale, tanto è vero che ho vari amici preti. Non solo, ogni anno devolvo l’8 per mille alla Chiesa ben sapendo che solo le parrocchie sono capaci di fare sul serio del bene ai bisognosi. Qualcuno, per contestarmi, afferma che il clero è pieno di pedofili, il che dovrebbe indurmi a disprezzare anche gli oratori dove io, invece, sono stato allevato senza che nessuno mi insidiasse. 

Non se lo aspetti.... Rossiya-1, minacce al Papa sul canale di Solovyev (su ordine diretto del Cremlino?)

Indubbiamente coloro che molestano i bambini sono numerosi, alcuno di essi forse sarà un uomo di fede, tuttavia la pedofilia non è una specialità dei monsignori. Mi risulta che trionfi pure tra i geometri, i periti tecnici, gli impiegati di banca, cioè in tutte le categorie. Per cui questo non è un tema che leda la reputazione di parroci e curati. Ciò detto, passiamo – con un notevole salto logico – all’intenzione del Papa di fare visita a Putin al Cremlino per pregarlo di sospendere il conflitto con l’Ucraina che già mi sembra ridotta maluccio. Ammiro la buona volontà di Francesco che alla sua età avanzata e con una gamba che assomiglia a Kiev, tutta rotta, sia disposto ad affrontare un viaggio tanto lungo per recarsi in Russia e conversare con lo Zar. Io sono un uomo semplice e pratico e le consiglio di parlare con il suddetto despota al telefono, il quale mi pare che funzioni perfino a Mosca. 

Tra l’altro, Santità, mi risulta che Vladimir non l’abbia invitata a casa sua e non abbia nemmeno risposto alla sua richiesta di essere ricevuta nel Palazzo che fu il simbolo del regno comunista. Caro Pontefice, non insista, il capo della cristianità non deve andare in bocca al lupo col rischio di essere sbranato, le conviene predicare a distanza, ben sapendo, tra l’altro, che Putin non è l’uomo più ragionevole della Terra, benché anch’egli abbia qualche motivo per essere incavolato, ma non al punto di cancellare l’Ucraina dalla carta geografica. In altri termini, caro Papa, e mi scusi la brutalità, cosa si aspetta da un eventuale e improbabile colloquio col tiranno? Non penso che costui si inginocchi e chieda perdono a Dio per le sue malefatte. Riconosco che la sua iniziativa tesa a incontrare il leader russo sia un atto di coraggio. Temo soltanto che sia temerario. 

6 replies

  1. farebbe quello che dovevano fare i coloni ( coj–i) usa europei, il giorno dell invasione, Il risultato sicuramente non sarà risolutivo, ma è sempre un buon esempio come conferma quanto sò coj–i

    "Mi piace"

  2. Feltri prende ispirazione da Razzi “Santo Padre, fatt le cazz toi!
    Amico, fatt le cazz toi, e non rompere i vogliono più ehhh, e andiamo avanti!”
    Uomo avvisato…..

    Io invece mi auguro che l’incontro Bergoglio-Putin ci sarà a breve, quale segnale chiaro per tutti quei politici e capi di Stato, sepolcri imbiancati, che continuano a sponsorizzare e armare la guerra.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...