Nato per mentire

(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Sempre premesso che Putin è il nuovo Hitler, per giunta con le metastasi al cervello; premesso che in Ucraina non esistono più nazisti da quando i nostri giornaloni hanno rimosso gli articoli sulle svastiche del battaglione Azov e simili opere pie; premesso che le bombe al fosforo fanno male se le usano i russi, mentre […]

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

116 replies

  1. Nato per mentire

    (di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Sempre premesso che Putin è il nuovo Hitler, per giunta con le metastasi al cervello; premesso che in Ucraina non esistono più nazisti da quando i nostri giornaloni hanno rimosso gli articoli sulle svastiche del battaglione Azov e simili opere pie; premesso che le bombe al fosforo fanno male se le usano i russi, mentre quando le sganciavano gli italiani a Fallujah erano manna dal cielo; ecco, premesso tutto ciò, domandiamo per un nostro amico un po’ duro di comprendonio: ma perché non si può stare toto corde col popolo ucraino aggredito da Putin e dire “né con la Nato né con Putin”, visto che tutti ripetono (tranne Putin) che la Nato non c’entra nulla con l’Ucraina e che l’apparentamento fra l’una e l’altra è una fake news del pazzo del Cremlino? Il nostro amico è rimasto spiazzato dai titoli “Attacco ai confini della Nato” (Stampa), “Bombe sulla Nato” (Giornale), “Strage ai confini della Nato” (Corriere), “Guerra ai confini della Nato: missili sulla base di addestramento” (Rep).

    Si riferiscono ai 30 missili russi che hanno distrutto il cosiddetto International peacekeeping and security center di Yavoriv, a 25 km dal confine polacco: una base militare di 390 kmq, brulicante di soldati ucraini e occidentali. Washington ha subito minacciato rappresaglie per “difendere il territorio Nato”: e non si vede a che titolo, visto che ha escluso di avere “militari coinvolti” né lì né nel resto del Paese. Ma s’è scordata di avvisare la sua ambasciata a Kiev, che ha twittato un peana ai “soldati eroici di Usa, Polonia, Lituania, Regno Unito, Canada e altri che addestravano le forze ucraine” e smistavano le armi made in Usa e in Ue. Il che dimostra che, in barba alla ridicola risoluzione del Parlamento italiano, inviare armi non porta alla “de-escalation”, ma all’escalation. Non solo. Quella di Yavoriv è una base Nato camuffata: dal 1995 è segnalata sul sito della Nato e ha ospitato tutte le esercitazioni Nato anti-Russia. Infatti il Giornale la definisce “sede Nato”, La Stampa più pudicamente un “centro di addestramento utilizzato anche dalla Nato”. Insomma: più che i confini della Nato, i russi han bombardato la Nato. Che sta da 27 anni in Ucraina, pur assicurando di starne fuori. È una notizia coi fiocchi, che dovrebbe far arrossire chi nega qualsiasi nesso fra Ucraina e Nato e iscrive al “partito di Putin” chiunque osi dire il contrario. Ed è la prova che i migliori amici del popolo ucraino non sono quelli che stanno “con la Nato contro Putin”. Ma quelli che non stanno “né con la Nato né con Putin”. Far parte della Nato presenta almeno il vantaggio che, se ti attaccano, gli altri soci ti difendono. Se invece ti tieni la Nato in casa nascosta in cantina, ti attaccano e non ti difende nessuno.

    Piace a 7 people

      • “… dovrebbe far arrossire chi nega qualsiasi nesso fra Ucraina e Nato e iscrive al “partito di Putin” chiunque osi dire il contrario. Ed è la prova che i migliori amici del popolo ucraino non sono quelli che stanno “con la Nato contro Putin”. Ma quelli che non stanno “né con la Nato né con Putin.”

        Questo mi fa dubitare moltissimo dell’onestà intellettuale di Travaglio.
        Nessuno nega le colpe della Nato, ma qui si tratta di soppesarle e non elencarle.
        L’Ucraina è un paese con un leader democraticamente eletto che sta subendo l’aggressione brutale da parte di un dittatore che non minaccia solo la sovranità ma anche la libertà e la democraziandel popolo ucraino, oltreché del suo.
        E tutte le colpe della Nato non cambiano il nocciolo del problema.

        PUTIN Vs UCRAINA, è questa la verità.

        Invece il perfido Travaglio (a questo punto credo ci sia anche della perfidia) sposta l’attenzione sullo scontro NATO Vs PUTIN.
        Giustificando in questo modo la posizione di chi non sta né con l’Ucraina né con Putin, perché questo vuol dire non inviare armi agli ucraini e non sanzionare la Russia, consegnando una giovane democrazia alla dittatura putiniana, tipo Bielorussia.

        Travaglio è un narciso che per fare l’anticonformista alla Orsini ha scritto un sacco di cazzate. Come quando perculava Biden perché ci avvertiva di una imminente invasione, salvo poi colpevolizzarlo perché sono stati proprio i suoi avvertimenti ad incoraggiare Putin all’invasione.
        Anche in quel caso, il sagace Travaglio per non farsi infinocchiare da Biden e dalla Nato, ha dato ragione al dittatore Putin che infatti dichiarava di non avere la minima intenzione di invadere l’Ucraina.

        La Nato è il Santo Gral dei putiniani più o meno consapevoli.

        Travaglio per me ha rappresentato un delusione totale, rimane una brava persona ed un bravo giornalista (anche se piuttosto incarognito) ma non è in grado di restituire un quadro veritiero della realtà, almeno secondo me.

        Mi fa piuttosto schifo leggere articoli e commenti in cui compare spesso la parola “Nato”, “Biden” e mai le parole “popolo ucraino”, “democrazia”, “resistenza”, “libertà”.

        "Mi piace"

      • @Gsi

        Era in risposta al tuo post.
        Forse dovremmo definire bene cosa vuol dire onestà intellettuale.

        @Gatto

        Nun esagera’, perché se continui così tra un po’ parlerai di “massoneria deviata” anche tu.
        E siccome di capriole ne ho viste troppe, da pro Di Maio a Vaffanculo Di Maio, da europeisti a sovranisti e poi di nuovo europeisti, da togliamo i partiti dalla RAI a prendiamoci un canale TV (da far gestire a quale Di Maio, lo statista o il deficiente?), da uno vale uno a uno non vale un cazzo (se ne sono accorti solo dopo aver sentito “Draghi grillino”) e via saltellando, sono piuttosto disorientato, non puoi nemmeno assestare bene i tuoi vaffanculo.
        Sembrano dei Brachetti, cambiano con la stessa facilità, disconoscendo i panni vestiti un attimo prima.

        Meglio un massone orgoglioso di esserlo che un finto democratico. Qui e pieno.
        Almeno sai come relazionarti, forse un compromesso si trova.
        Nun fa scherzi he?

        "Mi piace"

      • @Gatto

        Volevo scrivere “ti riferirai anche tu alla massoneria senza precisare “deviata” ogni qual volta c’è ne sarà da parlar male”.
        Come fa chi schifa la massoneria tout court.
        Insomma, volevo ironizzare sulla tua recente vicinanza alle posizioni di Travaglio.

        Ci sono un sacco di convergenze strane.
        Uno parte con Montanari e Orsini e poi si ritrova con Povia e Salvini.
        Si affianca a Travaglio e si ritrova a braccetto con Gatto.

        Questa guerra schifosa ha avuto il merito di far capire a ciascuno di noi, nel bene e nel male, da che parte stare.
        Ha fatto chiarezza.
        Per mo,ti evidentemente concetti come libertà e democrazia sono barattabili come il gas.
        Tu alla democrazia non ci credi, non sei accusabile di incoerenza.

        "Mi piace"

      • «Nun esagera’, perché se continui così tra un po’ parlerai di “massoneria deviata” anche tu.».

        A te sfugge che sono stato io l’unico qui a parlare di “massoneria deviata”, proprio per mettere i puntini sulle “i” negli sproloqui di certi che, te compreso, scrivevano semplicemente “massoneria” con ciò intendendo che fosse tutta senza distinzioni “deviata”, mentre in realtà lo sono solo i massoni.

        Ma vedo che con le menti sopraffine che girano su Infosannio, non è servito a un cazzo: tranqui, i miei vaffanculo non saranno mai in pericolo!

        PS: visto che non è la prima volta che lo fai, si scrive “eh” non “he”.

        "Mi piace"

      • Ah, ex, volevi scrivere “ti riferirai anche tu alla massoneria senza precisare “deviata” ogni qual volta c’è ne sarà da parlar male” come fa chi schifa la massoneria tout court?

        He (cit.), non è proprio la stessa cosa!

        Non sono io che si è avvicinato alle posizioni di Travaglio, ma il contrario (ovviamente non sulla guerra che prima non c’era), prova ne sia che proprio Untu in un suo commento scrisse: “Sembra GATTO, ma è Travaglio”!

        Non occorreva una guerra per far chiarezza, comunque una certa incoerenza l’ha senz’altro acuita. Certo bisognerebbe ben definire la differenza abissale che esiste tra “coerenza” e “sistematicità”, cosa assolutamente dirimente, ma questo è un altro discorso e troppo lungo da poter affrontare in poche righe…

        "Mi piace"

      • Non vado troppo lontano, Andreaex,
        Per me onestà intellettuale è saper dire o scrivere a prescindere dagli opportunismi e dalle convenienze.
        In sintonia con quanto suggerisce la propria coscienza.

        Ma anche non approfittare, in un confronto dialettico, di debolezze di un avversario in campi diversi da quelli su cui si discute. (Metodo boffo per intenderci).

        Ma anche distorcendo di proposito concetti di chi si ha di fronte in una contesa come quella su cui si sta discutendo questi giorni.
        Per esempio quando qualsiasi obbiezione si faccia alla narrazione dei 7 tg italoamericani sulla guerra in Ucraina diventa, per qualcuno, la prova provata di puttinismo.

        Sto guardando ora Travaglio dalla Gruber: stima totale.

        Piace a 2 people

    • A ridaglie Co sti vaccini. Ve li sognate anche la notte. Si chiamano Sieri genici Sperimentali, Ok. Gatto Silvestro fattene una ragione.

      "Mi piace"

      • “Si chiamano Sieri genici Sperimentali, Ok. Gatto Silvestro fattene una ragione”.

        Ah ah ah!

        Guarda che con me sfondi una porta aperta, coglioncino: non ho certo bisogno di farmene una ragione! Ma chi vi paga lo sa che li spendete tutti in Tavernello? Il dubbio viene che tu non abbia capito un cazzo di quello che ho scritto.

        Ho usato il termone “vaccini” altrimenti qui i Gsi di turno avrebbero spalancato, smarriti, come al solito la boccuccia, stile pesciolino rosso nella boccia…

        "Mi piace"

      • Sai che me ne cale a me se si chiamano vaccini o sieri, Gattone. Quel che è certo è che per te son sempre una fissa dalla quale non riesci mai a venirne fuori.

        "Mi piace"

      • Scusa pezzo di merd4 se ho la fissa di essere a casa dal lavoro senza stipendio a un passo dalla pensione che non posso avere perché si sono interrotti anche i contrributi, per degli ipocondriaci insulsi come te, imb3cill3!

        E tu parli di democrazia (virgola) rotto in cul0?

        "Mi piace"

      • Il cumulo scemate che scrivi a tutte le ore sono tipiche di un nullafacente che vive di rendita.
        Quindi piantala di fare la vittima e di insultare. E vai a farti una torta di crocchette, rintronato.

        "Mi piace"

      • “tipiche di un nullafacente che vive di rendita”: sei fortunato di essere dietro una tastiera a scrivere le tue troiate da vigliacchetto.

        Ti farei passare la voglia, diversamente… (sì è una minaccia, imb3ill3!)

        "Mi piace"

    • La signora dice che Putin e la tv russa raccontano un sacco di balle e fanno propaganda.
      Stesse cose che dice Travaglio dei giornali e della tv nostani/a
      Certo Travaglio non è biondo e non indossa un collare sgargiante in bella mostra per simboleggiare 🇷🇺🇺🇦

      "Mi piace"

    • Questa bella signora che ha osato protestare contro la carogna russa probabilmente non la vedremo più, quindi chi elogia i rutti quotidiani di Travaglio si prenda due minuti di riflessione…..

      "Mi piace"

    • Hai ragione, i nostri propagantisti sono più bravi. Da noi basta un Innaro qualsiasi che fa fa vedere una cartina e subito interviene la contraerea.

      Piace a 2 people

  2. Più si scoprono altarini e omissioni e bugie con le gambe corte, più si finisce per comprendere che la pazzesca iniziativa del satrapo Russo aveva motivazioni non del tutto infondate

    Almeno io, scopro per la prima volta :
    – che il governo Ucraino seminava il terrore nel Donbass mediante forze militari o paramilitari (tipo battaglione Azov, di ispirazione nazista, descritto da un servizio de “La Stampa” anni fa, servizio introvabile ora, ma guarda che disdetta! , nella emeroteca digitale del giornale). 14.000 vittime, tra cui donne e bambini, in 8 anni, nelle aree russofone. Più i 35 morti causati dalla scarica di razzi, probabilmente regalo degli Ucraini, ieri.
    – che da qualche lustro militari della NATO scorrazzano “Como Pedro por su casa” in Ucraina, includono soldati ucraini nelle loro manovre che vengono realizzate anche entro le frontiere ucraine
    – che mentre diplomatici, stranieri vengono evacuati e all’Occidente si richiedono armi e ospitalità per milioni di sfollati (in modo che Zelensky possa fare la sua guerra di difesa con comodo) quel pseudo centro brulicava di militari della NATO, probabilmente impegnati a spacchettare i Javelinas , Stinger e cia. omaggiati da quelli che fingono di volere la pace..

    Mi sta costando sempre di più definire Putin un pazzo assassino tout court

    Piace a 5 people

  3. Putin non è un pazzo, solo un sincero democratico dittatore che sta devastando una Nazione ed un popolo con dei pretesti per nascondere la volontà di riavere il controllo geopolitico della zona. Se non fermato subito, cercherà il pretesto o creerà l’incidente per proseguire oltre l’Ucraina, coinvolgendo le altre nazioni confinanti. Visto che siamo un popolo senza memoria, ricordiamoci come stavano i nostri nonni sotto i bombardamenti e quello che hanno vissuto, con morti e città devastate. L’azione criminale di oggi di Putin non deve essere giustificata con la domandina “e allora prima in Iraq, Afghanistan, Libia, ecc. (sino magari ad arrivare a quello che fecero i Romani a Cartagine)?” (forse tralascerei il caso odioso dell’ex Jugoslavia, perché estremamente diverso politicamente) sui precedenti crimini (commessi in nome di altrettanto schifosi interessi economici ben precisi), ma deve essere prontamente ostacolata e fermata. Rileggiamoci dove e come iniziò la seconda guerra mondiale e quello che accade oggi vi suonerà come un dejavu.

    Piace a 3 people

    • Davide,
      Mi sa che l’articolo di Travaglio non l’hai letto…
      Neanche questa “news” ti fa capire che cosa si combinava in Ucraina da 27 anni?
      Mi sa che non era proprio una paranoia di Putin quella della Nato ai suoi confini, che faceva esercitazioni e addestramento, sotto mentite spoglie (perché un paese non Nato non dovrebbe avere basi Nato, o no?), illudendo gli ucraini di essere accolti e difesi in caso di guerra…e preparandola e aizzandola, nel mentre…
      Ecco perché Zelensky sbraita e pretende…
      Ma come? Fate tanto gli sboroni, ci coinvolgete, armate, addestrate contro il nemico, che non ERA ANCORA nemico… e poi?
      Quando quel mite agnellino si rompe le scatole, vi tirate indietro, invece di scatenare una bella guerra mondiale? Eh, no…
      Come dite? Ah… a voi non interessa partecipare, ma procurare un bel conflitto lungo e sanguinoso che indebolisca la Russia, l’Europa e i loro reciproci rapporti, che occulti le vostre figuracce in Afghanistan e migliori i sondaggi elettorali in vista del mid term.
      Anche perché, questa volta, partecipare vorrebbe dire, con tutta probabilità, ricevere bei confettoni nucleari a casa vostra… e non sia mai che le guerre non si svolgano, A VOSTRA CURA , sempre a casa e col qlo DEGLI ALTRI.

      OK, capito…👌🏻

      Piace a 6 people

      • Gentile Anail, l’articolo di Travaglio (che tra l’altro giudico un ottimo giornalista) l’ho letto e riletto e ho postato il mio pensiero (condivisibile o meno). Il senso del mio intervento è questo: non stiamo a perdere tempo con la dietrologia, ma impariamo dal passato per cercare di trovare una soluzione, altrimenti la quarta guerra mondiale la si combatterà con la clava. Cordialità.

        "Mi piace"

      • Gentile Davide, non si tratta di dietrologia, ma di capire l’origine, le cause degli eventi (appunto: “impariamo dal passato”), senza le quali non si possono neanche trovare le soluzioni.
        Sugli auspici concordo assolutamente.
        👋🏻

        "Mi piace"

      • Gentile Anail, a mio parere personale (e nel pieno rispetto delle sue, ovviamente diverse), le motivazioni del sincero democratico dittatore Putin (per me da sempre) per l’attacco dell’Ucraina mi sembrano deboli, a meno che la semplice intenzione di aderire alla NATO di un Paese dotato di un governo democraticamente eletto, o il voler proteggere regioni (Crimea e Donbass) che già erano sotto il controllo e l’influenza russa siano ritenute imprescindibili. A mio parere, le vere intenzioni siano altre, come già esposto in precedenza. Cordialità.

        Piace a 1 persona

      • Davide, sembra che tutte le spiegazioni sull’accerchiamento della Russia da parte della NATO, che si stringe sempre più da 30 anni, e lo stesso articolo di MT, che dici di aver letto, siano per te acqua fresca… Sono condizioni geopoliticamente insostenibili per qualunque stato…o almeno per qualunque “impero” da sempre contrapposto.
        Hai sentito le lezioni di geopolitica di Dario Fabbri, che Adriano ha postato?
        E lo sai che cosa disse Putin in risposta alla negazione di entrare nella Nato?
        “Se non ci volete come amici, allora significa che ci volete come nemici?”
        Quali altre intenzioni ravvisi mai, se c’erano rapporti economici e commerciali sempre più stretti tra Europa e Russia?
        Cui prodest?
        La loro interruzione conviene, forse, a noi o a loro? O agli USA, che vedevano nel gigante che si sarebbe creato (Europa +Russia) un temibile competitor?
        Mah.
        Comunque se hai notizie e/o ipotesi che sfuggono a tutti gli esperti, dimmi…sono tutta orecchi, anzi occhi🤓

        Piace a 2 people

      • Consiglio di farvi un giro sul sito ufficiale del Battaglione Azov dove sono in bella mostra foto che ritraggono i militari neonazisti a fianco di altri militari con la bandierina a stelle e strisce dello zio Sam. La storia si ripete, ma sembra che qualcuno voglia riprovarci col copione della guerra URSS in Afganistan e con gli USA che aiutano estremisti (che siano islamici o nazisti a loro va bene lo stesso) e regalano armi!
        https://web.archive.org/web/20180219152640/http://azov.press/ukr/do-polku-azov-zavitala-bagatonacional-na-inspekciyna-grupa

        Piace a 3 people

      • Gentile Anail, ovviamente la pensiamo in modo diverso e abbiamo un percezione diversa dei fatti, ma rispetto il suo pensiero. Apprezzo la sua ironia, e da persona ironica quale è senz’altro anche lei, capirà che nulla posso con i miei modesti mezzi per contrastare chi motiva con tanta sapienza le proprie idee. Cordialità. A si biri mellusu.

        "Mi piace"

    • “Visto che siamo un popolo senza memoria, ricordiamoci come stavano i nostri nonni”

      stavano affianco dei nazisti (tedeschi, rumeni, moldavi, cecoslovacchi e polacchi, quelli ucraini stavano più a ovest),
      sul lato occidentale del Dnipro, in Ucraina centrale, se per caso fosse carente in geografia come lo è in storia,
      a sparare contro i russi e gli ucraini e a mettere a ferro e fuoco i paesi in zona, qualche volta con gli abitanti dentro

      chi, purtroppo, per obbligo di leva, chi per adesione volontaria all’ideale fascista che voleva
      sottomettere quelle terre, dopo averne sottomesse altre.

      non mi pare un gran esempio

      "Mi piace"

      • Gentile Marco, i miei nonni e bisnonni non furono mai al fianco dei fascisti e nazisti (forse al contrario dei suoi, non so) Le do una notizia: non tutti gli Italiani erano schierati con il regime o suoi fiancheggiatori, e ricordo molto bene i loro racconti e sulle conseguenze che portò il regime sulle loro giovani vite di persone semplici ed umili (operai, minatori e contadini). Sempre dai loro racconti, la maggioranza del popolo italiano non era per nulla favorevole alla dittatura fascista e alla distruzione e ai disastri che l’entrata in guerra portò. Le parole dei miei nonni e ciò che trasmettevano nei loro racconti ed insegnamenti per me valgono più di ogni libro di storia e geografia. Cordialità.

        Piace a 1 persona

      • Gentile Fabrizio, avevo già visto quanto da lei segnalato. Spero però che sia chiaro che io non difendo gli USA e la NATO, o la Cina o la Russia o chi altri per le porcherie che hanno compiuto e che compiono in giro per il mondo (specie lontano da casa propria), con motivazioni spesso pretestuose che nascondono ben altri obbiettivi. Cordailità.

        "Mi piace"

    • All’epoca la guerra iniziò senza testate atomiche che invece oggi abbondano negli arsenali USA e Russi! Come lo fermeresti Putin, con una guerra nucleare? Mi sa che Putin non sia il più fuori di testa sul pianeta!

      "Mi piace"

      • Gentile, non credo che il migliore modo per fermare Putin sia quello di fare finta di nulla al pensiero ” che ce ne frega a noi dell’Ucraina”. Ma sono curioso di sapere come la risolverebbe lei situazione. Cordialità.

        "Mi piace"

    • Certo, bisogna vedere le cause, bisogna capire i perché. E allora bisogna capire perché Hitler ce l’aveva così tanto con gli ebrei, qualche motivo ce l’aveva no? Avevano in mano l’economia mondiale cazzo! Quindi sì. ok, Hitler ha sbagliato, però le lobby ebraiche… Poi i cecoslovacchi, con tutti quei tedeschi dei Sudeti che venivano perseguitati dal governo ceco. Ha fatto proprio male a mandarci la Wehrmacht? E i polacchi? Erano senza colpe i polacchi? Via su… era una provocazione continua… e la Prussia orientale separata dal resto della Germania. Non sono tanto sicuro che Hitler qualche ragione non ce l’avesse. Giusto? E’ molto diverso il ragionamento?

      "Mi piace"

      • Però i Polacchi la colpa c’è l’avevano, eccome! Perché i tedeschi non avevano una Danzica e loro si? Sarà stata colpa della geografia, ma ci hanno messo del loro a non riparare al danno della deriva dei continenti, con un po di condiscendenza, senza bisogno di un’occupazione! .. era così semplice!

        "Mi piace"

      • Ironia di bassa lega.
        Non risulta che la Polonia volesse puntare missili atomici su Berlino prima di essere invasa. O che un agguerrita simil- Nato volesse accerchiare i tedeschi per farne un sol boccone.
        Capisco che chi ha il paraocchi a stelle e strisce senta il bisogno di fare un parallelo Putin-Hitler secondo le direttive della propaganda pro mortifera Nato che per giustificare la propria aggressività deve sempre costruire nell’immaginario collettivo l’idea dell’esistenza di un Male Assoluto da annientare a suon di bombe, ma il paragone è un tanto al sacco, dai.

        "Mi piace"

  4. Giorgio Bianchi, fotoreporter italiano si trova in questo momento a Donetsk tra i bombardamenti ucraini. “Qui dove mi trovo si possono sentire i rumori degli attacchi ucraini e ho dovuto cambiare più volte il programma di lavoro”, ha dichiarato a l’AntiDiplomatico

    Qui per vedere tutta l’intervista e la testimonianza di Giorgio Bianchi

    Piace a 4 people

    • Grazie Tracia, preziosa come sempre.
      Hai notato che lega il ripristino dei corridoi umanitari all’allontanamento dei battaglioni ucraini?
      No, perché nei media passa che i russi prima li aprono e poi bombardano i civili in uscita… Contrariamente a quanto spiegato dagli esperti (gen Bertolini ad es.): l’uscita dei civili conviene ai russi perché possono prendere la città e conviene all’ucraina NON farli uscire, proprio per impedire la “conquista”.
      Sono disgustata, Tracia.

      Piace a 2 people

      • Si, è vero Ansil,
        Ieri sera quel concetto dei russi che SICURAMENTE bombardano lori i corridoi umanitari è stato ribadito anche dal tg3 di mezzanotte immediatamente prima che dirottassi il telecomando su un altro canale.

        Sono capitato sul Grande Fratello. Altra farloccata televisiva.
        Ma almeno li si sa a priori che le menzogne sono parte integrante del programma e non propinate per fare propaganda di guerra.

        PS
        Non chiedermi chi ha vinto perché ho spento tutto dopo due secondi.😅

        "Mi piace"

      • 😆 Ignoro totalmente, quindi non ti chiedo nulla, ma capisco che cosa intendi.
        Io, per evitare la cirrosi epatica da propaganda spudorata, mi rivolgo al canale 418- home & gardentv: ristrutturazioni di case.
        Ieri la Panella, che stimo, ha montato una televisione del dolore, gridando ALL’ORRORE, mentre mostravano persone del tutto tranquille, ben vestite e protette, che facevano la fila per salire su un treno.
        Poveri, lasciavano le loro case, per carità, ma tra quelle immagini “colorate” , che potevano essere girate in una qualsiasi metro italiana, e l’orrore ce ne passa.
        Quello l’ho visto altrove.
        Non fanno altro che sottotitoli per spiegare alla gente QUANTO si devono commuovere e impietosire.
        Già ci stanno propinando immagini farlocche, tipo quelle descritte nel video… quelle tragiche si spiegano da sole, se sono davvero tragiche, senza bisogno che ci suggeriscano quali sentimenti dobbiamo provare e VERSO CHI.
        Sono arrivata a livelli tali di schifo che cambio canale a velocità supersonica!!
        Immagino che coloro i quali si abbeverano continuamente di quello, acriticamente, siano ormai “andati”:
        completamente imbottiti di m., come bravi soldatini della “democrazia senza censure”.
        Un solo nome: ASSANGE.

        Piace a 1 persona

      • Anail, hai visto la Gruber ieri sera ?

        le condizioni della vice Zelensky:
        Il governo ucraino sa qual è la verità e ha il coraggio di dirla;
        la verità è una sola;
        il presidente è il popolo, il popolo si riconosce nel presidente;
        no-fly zone subito sulle centrali nucleari;
        e intervento militare degli USA in Ucraina;
        garanzie internazionali occidentali, da parte di USA e GB, per l’Ucraina per il dopoguerra;
        Crimea e Donbass restituite all’Ucraina, dopo periodo di monitoraggio internazionale;
        né il riconoscimento delle repubbliche del Donbass né della Crimea né la neutralità dell’Ucraina possono costituire base di trattativa con la Russia.
        domanda di Gruber circa le vittime odierne a Donetsk e sul rimpallo delle responsabilità del bombardamento, la risposta è stata che i russi sparano sui (loro) civili per attribuire la responsabilità agli ucraini. Gli ucraini, ha aggiunto poco dopo, sono credenti e sono per l’amore.

        Chiedete a Steinmann
        il giornalista Steinmann in collegamento con Mentana ” Il missile a Donetsk è ucraino come affermato dai cittadini e Irussofoni di Donetsk hanno intercettato il missile evitando un numero maggiore di vittime.
        il vice premier ucraino cala le carte: Gb e Usa che ci hanno armato e spinto alla fine ci sosterranno militarmente nella guerra”
        Chi non vuole la pace e perchè ?

        Piace a 5 people

      • E certo, Tracia… perché, dopo quello che ci spiega Travaglio, capiamo che li hanno armati, addestrati e ILLUSI.
        Ci sono cascati come polli (polli stronzi, però, perché comunque consideravano di affrontare una guerra… mondiale) e ora pretendono!
        Non so come definire personaggi così, a tutti i livelli.
        Delle persone, dei loro popoli, se ne stracatafottono.
        Ci sono solo interessi geopolitici ed economici.
        Siete stati USATI, cari ucraini, mentre anche voi credevate di usare (per entrare in EU, ma soprattutto nella Nato), e continuerete ad essere usati per prolungare una guerra che fa comodo solo agli USA, mentre distrugge noi europei… in tutti i sensi.
        Con le autosanzioni, con le divisioni politiche, con la barbarie delle guerre che sanno sempre aizzare ALTROVE, per i loro porci comodi.
        Ma almeno che affiori la verità…la propaganda dei media ci sta soffocando, però critichiamo quella dei russi, che, essendo loro più “rudimentali” e spudorati, si sgama subito.
        Qui siamo dei veri maestri dell’inganno.
        Ci cadiamo noi per primi… e ce ne convinciamo pure!

        Piace a 2 people

      • sul canale telegram ieri ha postao un video e delle foto … veramente terribili, non guardarle … sul missile a donetsk. La propaganda (il giornalismo verifica le notizie, oppure ti da entrambe le versioni, se ti riporta la versione di una sola parte è propaganda a sua volta, non giornalismo, e purtroppo anche il Fatto on line lo fa spesso) non ne ha praticamente parlato, ha solo detto che secondo gli ucraini il missile lo hanno tirato i russi, e fine del caso.
        Poi, su Rai 3, in un servizio sulle bombe a Kiev, è comparso un pezzo dei filmati di Donetsk, con un uomo anziano che piange disperato.

        Da vomito.

        Piace a 2 people

      • Io, invece, oggi ho sentito (sulla 7, mi pare) descrivere il fatto come “missile russo intercettato per fortuna dagli ucraini, ma, purtroppo, non del tutto. E i russi sono andati ad ovest e da lì l’hanno lanciato su donesk…”
        Cioè rendetevi conto che, pur di dire che il missile era russo, hanno posizionato i russi nelle postazioni ucraine e viceversa…e i russi volevano bombardare i russofoni, ma per fortuna ci hanno pensato gli ucraini a difenderli, purtroppo non riuscendoci del tutto… del resto sono 8 anni che li difendono strenuamente!!
        🤮

        Piace a 1 persona

    • Canfora bastonato da Gramellini e Riotta ? Questi possono solo pulire la suola delle scarpe a Canfora . Sotto qualsiasi punto di vista
      A prop. ieri la Rai ha fatto passare i morti di Donetsk come vittime di un missile tirato dai russi .
      Vabbene la propaganda , ma questi non si vergognano davanti a nulla

      Piace a 4 people

      • Paolabl, fai leggermente orrore.

        Ma non sei l’unica. Ho sentito vecchiette baciarosari galvanizzate dai reportage delle nostre tv Italo americane, tirar fuori espressioni anche peggiori delle tue.

        "Mi piace"

    • La settimana scorsa con l’ospedale di Mariupol avete pestato un merdone, siete pronti anche per il missile di Donetsk?….. si attendono chiarimenti ma quando si parla di russi…….

      Piace a 1 persona

  5. “Qualcuno lo dice con lo sguardo sofferto, qualcun altro con una smorfia saccente, ma alla fine tutti i fautori della Pax Putiniana, dal professor Orsini al cantante Povia, concordano nel farci sapere che «la situazione è più complessa».

    Cioè, vorreste negare che Putin sia un despota intriso di volontà di potenza che ha in uggia le nostre libertà? «Sì, forse, in parte, ma non proprio: la situazione, infatti, è più complessa. Se la Nato non lo avesse sfidato, lui mai e poi mai avrebbe bombardato. Non ci credete? Significa che rifuggite la complessità».

    Portando il ragionamento all’estremo, chi vuole cercarlo troverà sempre un qualcosa avvenuto «prima» della violenza che contribuisce a spiegarla, se non a giustificarla. Lo stupratore va condannato, ci mancherebbe, ma se la ragazza non avesse indossato la minigonna… Lo svaligiatore di case è colpevole, colpevolissimo, però si tratta di un disperato che non andava messo nelle condizioni di non avere più nulla da perdere… Anche il lupo della favola era mortificato dalla purezza fin troppo ostentata dell’agnello. Il quale, sia detto per inciso, non beveva affatto sotto di lui, ma sopra: il classico effetto ottico costruito in studio dagli americani.

    Ci stanno facendo venire il complesso di non essere abbastanza complessi. Consoliamoci pensando alla più straordinaria caricatura della complessità: quel don Ferrante che riusciva a negare la peste con dovizia di argomenti, pur avendola addosso. Ma forse anche Manzoni era un sempliciotto.”
    Massimo Gramellini

    Questo è l”argomentare di Gramellini sul Corriere oggi.
    I calvinisti come lui pensano di aver ragione a prescindere.
    Orsini e Povia pari sono.
    Il Dombass 2014 e i battaglione Azov rimosso anche dai loro archivi.
    La loro alternativa al trattare col nemico ( la Russia e Putin) e’ la guerra totale, che però sarebbe meglio facessero gli altri.
    Purtroppo , l’unica alternativa alla guerra mondiale è il dialogo con chi ha invaso l’Ucraina causando indicibili sofferenze sia agli ucraini , sia al suo stesso popolo.
    Gianni

    Piace a 2 people

      • Che ci sia gente di essere concorde
        con l’imbecille Gramellini, no, non posso accettarlo tutto ma non questo.

        "Mi piace"

    • In effetti ciò che mi procura fastidio è il fatto di dover condividere nuovamente le opinioni di un paraculo come Gramellini. Rimane comunque valida la “Grande Regola”, secondo la quale le vicende umane non sono Teoremi con soluzioni univoche, tra due posizioni non esiste la “Ragione Assoluta” e il “Torto Assoluto”… ma una cosa è certa preferisco essere sottoposto alla “Dominazione Americana” rispetto alla “Dominazione Russa”, e sfido chiunque a dissentire. Certo, si tratta di scegliere il “meno peggio”, che comunque è preferibile al “peggio”!!!

      Piace a 2 people

      • Sono d’accordo che Putin è un dittatore, ma non mi si venga a dire che l’america è un paese democratico, basta vedere come vengono fatte le elazioni e come è da chi finanziate. In Italia abbiamo avuto stragi di cui non si sono mai visti i veri colpevoli, dietro i quali c’erano i servizi segreti italiani e americani. Non sarebbe il caso di uscire dalla nato? Non sarebbe il caso di ripudiare veramente la guerra, e assumere una posizione neutrale e non continuare a fare i maggiordomi degli americani?

        Piace a 1 persona

      • Guardi Twain
        che qui ci sono persone più anziane di lei e che non la pensano come lei.
        Quindi quella figura di padre nobile che lei attribuisce a sé, sembra esagerata.

        Piace a 1 persona

  6. La riabilitazione di Putin continua, grazie alla incessante propagazione della contesa tra giornalisti, per stabilire chi la dice tutta o chi mente o chi ostenta una analisi storica che giustifichi meglio le ragioni delle parti in campo.
    Quindi quella di Putin sarebbe una reazione all’accerchiamento della Russia da parte della Nato, che manifestamente, come nei paesi baltici o in Polonia, e di nascosto, come in Ucraina, si preparava all’assalto finale al Cremlino.
    Per difendere il suo popolo, e liberare il popolo ucraino dai veri tiranni.
    Come in Cecenia, in Georgia ed in Crimea, e bombardando anche i civili delle zone filorusse (danni collaterali?).
    Una guerra preventiva, quindi, contro l Occidente e il popolo ucraino, permeato da una latente compiacenza al filonazismo del battaglione Azov.
    Quindi stiamo sbagliando i destinatari delle mobilitazioni umanitarie, foraggiando la perfidia dei minacciosi ucraini contro la madre Russia.
    Ed è giusto comprare a mani basse petrolio e gas da Putin, sostenendo la guerra di liberazione russa.
    Altro che abbassare i caloriferi o rinunciare ad una doccia calda in più…
    Meglio che gli ucraini si arrendano subito, altro che resistenza. E dopo di loro i polacchi, gli ungheresi, i popoli dei paesi baltici, i paesi neutrali non Nato (non si sa mai).
    Ma anche i sardi, qualora gli oligarchi russi decidessero di annetterla per difendersi dalla NATO. Sai che bisboccia, hanno i soldi questi, altro che gli europei.
    Grazie giornalisti italiani.
    Continuate così, su ogni argomento, dal calcio, al COVID, alle guerre.
    Dateci le soluzioni a tutto, voi razza superiore le avete. Dovreste essere voi a governare.
    Con un po’ di modestia, senza far vedere che avete sempre la Verità in tasca (o la Pravda?). Metastasi cerebrali da complesso di superiorità?
    A me, persona normale, le vostre schermaglie sulla straminchia fritta della superiorità etica e morale non appassionano.
    Nel dubbio, continuo a sostenere il popolo ucraino come posso. A quello russo, sono certo, ci sta pensando Putin. O mi sbaglio un’altra volta?

    Piace a 2 people

    • La paura, evocata ad arte dagli ultras a stellece strisce, dei cosacchi che si abbeverano alla fontana di Trevi e che ha giustificato tutte le porcherie capitate all’Italia (da gladio alle stragi mafiose e terroristiche) per tenere lontano un partito democratico e antifascista come il PCI dal governo, vedo che funziona sempre.

      Piace a 2 people

    • Un’altro decerebrato che ci dice di abbassare i caloriferi, c’è gente come me che i caloriferi li ha abbassati da tanto tempo. Ora cosa devo fare non accendere piu i termossifoni e stare al freddo per compiacere l’america. Ma va a c……

      "Mi piace"

    • ‘Come in Cecenia, in Georgia ed in Crimea, e bombardando anche i civili delle zone filorusse (danni collaterali?).’

      eccone un altro che ha letto i resoconti delle testate nostrane non sapendo che raccontano una verità distopica

      in Cecenia ci sono i ceceni e parlano sia il russo che il ceceno, e le guerre non erano tra chi parlava una lingua e
      chi ne parlava un’altra ma tra chi voleva instaurare uno stato islamico (rammenta l’ISIS? ecco quella roba li)
      e chi, tra i ceceni, non lo voleva, peccato che questi erano alleati con quelli di Mosca e quindi che si fa?
      attentati nella Russia (ovviamente, per lei, auto-attentati usati come scuse) e da questi è il via alle operazioni
      di pulizia.

      sulla Georgia, ho già scritto, non so se in questi commenti a questo o sotto altri articoli, non è stata una
      guerra ma la risposta ad un attacco al contingente di separazione tra due gruppi che si fanno la guerra
      da ben oltre cento anni

      in Crimea non mi risultano bombardamenti e distruzioni, mi pare abbiano circondato qualche caserma
      ed espulso i militari che non avevano intenzione di cambiare bandiera, ma null’altro
      però potrei ricordare male, nel qual caso mi scuso
      in ogni caso dubito che i crimeani, non ideologizzati, pensino che la loro situazione sia peggiore
      di quella dei vicini, se non per la scarsità d’acqua provocata militarmente dagli ucraini (cosa che credo
      sia vietata visto che grava sui civili tanto quanto le bombe)

      dire la verità o la pravda è la stessa cosa, come dire maidan e dire piazza

      ‘e vostre schermaglie sulla straminchia fritta della superiorità etica e morale non appassionano.’
      però il tempo di scrivere
      ‘Dateci le soluzioni a tutto, voi razza superiore le avete. Dovreste essere voi a governare.’
      a parte la mancanza di qualcosa nella frase, si rende conto che si pone come colui che decide,
      irridendo chi sta contestando, nella posizione di essere uno che possiede una presunta superiorità etica
      che la sostiene? dubito

      "Mi piace"

      • correggo

        “che si pone come colui che decide,….,nella posizione”
        in
        “che si pone,….,nella posizione”

        "Mi piace"

    • Ottavio,
      La riabilitazione di Putin, come la chiama lei, a me sembra che sia, da parte di pochissimi rispetto alla stragrande maggioranza dei piagnoni tifosi di Zelensky, semplicemente l’osservazione che nel mondo non c’è solo il bianco ed il nero. Esiste anche il grigio, specie nelle vicende della storia. E nulla ha a che vedere con la doverosa è sentita solidarietà con tanta povera gente che soffre.

      Piace a 1 persona

  7. Caro Davide, hai ragione putin non si fermerà e arriverà anche a conquistare
    l’Italia. Tu parli di bombardamenti avvenuti durante la seconda guerra mondiale, non pensi che se ci fosse un conflitto di quel genere sarà molto più disastrosa per via dei missili nucleari, in Italia ne abbiamo a iosa nella basi americane? Ti pongo un’altra semplice domanda se il progetto russo è quello di arrivare a una terza guerra come mai non c’è stato un vero impegno da parte dell’occidente di trovare un accordo, (molti ripetono che con putin non si può trattare), in modo da smascherare le bugie dichiarate da putin? Come mai Joe bidet non ha mai parlato di accordo ma continua a soffiare sul fuoco, vedi la richiesta fatta addirittura alla Cina di imporre delle sanzioni?
    Per ultimo ti consiglio di leggere un articolo del 2019 del giornalista Manlio Dinucci censurato dal manifesto in cui troverai alcune risposte alle mie domande

    Piace a 1 persona

    • Gentile Giulio, in parte ho già spiegato il mio pensiero in risposta anail. Non credo che Putin voglia la terza guerra mondiale, ma questa potrebbe essere una conseguenza di una imprevedibile ed incontrollata escalation militare. Cordialità.

      "Mi piace"

  8. “… domandiamo per un nostro amico un po’ duro di comprendonio: ma perché non si può stare toto corde col popolo ucraino aggredito da Putin e dire “né con la Nato né con Putin”?”
    Sempre premesso che Zelensky è un neonazista, per giunta con una svastica tatuata nel cervello. Premesso che gli Stati Uniti e i suoi alleati NATO hanno commesso le peggio nefandezze in giro per il mondo, facendo strage di bambini senza che nessuno muovesse un dito o una lacrima per loro. Premesso che Putin è stato provocato per anni da continue e rumorose esercitazioni militari a Yavoriv, ovest dell’Ucraina, e lui, giustamente, bombarda Odessa, spara sui civili che cercano di fuggire, uccide donne incinte, e si prende pure il Donbass e la Crimea. Sempre premesso che l’Europa fa schifo e i nostri rappresentanti non fanno altro che sganasciarsi dalle risate a Versailles. Premesso infine che le bombe al fosforo fanno male se le usano i russi, mentre quando le sganciavano gli antichi romani su Cartagine erano manna dal cielo.
    Ecco, premesso tutto ciò, oso rispondere che stare TODO CORDE dalla parte del popolo ucraino aggredito da Putin, e dire “né con la Nato né con Putin”, è la capriola dialettica più incredibile che si sia mai vista. Ma se serve a trovare il proprio posto nel mondo, senza risultare eccessivamente mainstream, va bene lo stesso.

    Piace a 1 persona

  9. .mamma mia quante zucche senza semi abbiamo stamattina, tutte riempite di propaganda in difesa degli ucronazzisti, tutti agnellini vittime del dittatore guerrafondaio Putin, peccato che la storia dica il contrario.
    Che popolo di cerebrolesi siamo noi itaGGliani,
    I pesci rossi sono di gran lunga più perspicaci.

    "Mi piace"

  10. Stimo Travaglio, ma questo dire e non dire, questo sottintendere che “Putin, per carità, è cattivo, ma anche la Nato però…” mi sembra ingiusto, soprattutto nei confronti degli ucraini.
    Ammassare truppe al confine ancora ancora poteva essere una strategia, alla quale potevano seguire degli incontri per evitare la guerra (pardon “operazione speciale”) con la pistola posata sul tavolo. A quel punto Putin avrebbe ottenuto gran parte delle sue richieste senza sparare un colpo e senza spargere sangue innocente.
    Ma ora no, va condannato tout-court.

    Piace a 1 persona

  11. In Corsica è in corso una guerra civile da oltre una settimana, tutte le prefetture sono prese d’assalto.
    Ma i giornali e TV ci mostrano i russi che prima aprono corridoi umanitari poi sparano sui civili,
    Cosa che anche il più cretino dei cretini capisce che sono delle colossali fake.
    Per un popolo di beoti questo ed altro.

    Piace a 1 persona

  12. Caro travaglio Seneca nel suo libro Medea dice «il delitto l’ha commesso colui al quale esso giova» la domanda è chi ha commesso il delitto? la Nato che mente o la Russia che fa la guerra? “cui prodest scelus, is fecit? al popolo ucraino che ospita presunte basi nato ma allo stesso tempo fugge e muore insieme ai suoi militari o al popolo russo che soffre ed manda i suoi figli soldati a morire in terra nemica ed amica allo stesso tempo.?Domande che non hanno risposte nel suo editoriale :I massacri hanno sempre una verità patologica e ideologica insieme .Rimane la domanda a chi giova ?

    Piace a 1 persona

  13. “Se non fermato subito, cercherà il pretesto o creerà l’incidente per proseguire oltre l’Ucraina, coinvolgendo le altre nazioni confinanti.”

    Ricordo che la Russia ha il pil della Spagna e in spesa militare spende meno della Francia. E ha già il fiato corto per invadere la sola Ucraina.

    Il minimo che si può dire è che forse si sta leggermente ingigantendo il problema.

    Piace a 1 persona

  14. questo video fa un riassunto della storia dell’ucraina, e fa capire come mai abbia un governo filo-nazista (io pensavo fosse di estrema destra, invece è proprio filo-nazista, coi simboli i culti, tutto).

    E’ un po’ lungo e la prima parte riguarda la storia lontana ma vale la pena per chi vuole capire meglio la situazione

    Piace a 2 people

      • ascoltalo e poi giudicalo, non fare il contrario o rimarrai sempre legata alle tue convinzioni anche quando queste dovessero essere sbagliate

        Piace a 1 persona

      • Scusa, Paola, che cosa vorresti dire…che Tracia è complottista e CONTRO TV (?)?
        … Averne di Tracia, in questo blog!
        Non c’è motivo alcuno per cui possa venire anche minimamente criticata, anzi… è una persona seria, intelligente, corretta e stimabile, preziosissima per i contributi che dà all’informazione di noi blogger, postando articoli estremamente interessanti.
        Se non ci fosse, sarebbe una grossa perdita per questo blog e per me, anche come cara amica.
        Mi spiace che venga attaccata lei, solo perché posta articoli sgraditi a qualcuno.

        "Mi piace"

    • Intendo dire che postano video e articoli complottisti, mi dispiace me è così Anail, è la stessa 💩che gira su Facebook, Jerome aveva anche fatto l’elenco, e sono tanti, ho acvoppiato Tracia scherzosamente a Castellana per gli stessi svarioni

      "Mi piace"

  15. Aggiungo che l’Ucraina sta bombardando da 8 anni il Donbass, e ancora oggi va avanti (ieri il missile a Donetsk, documentato da un giornalista italiano che era in zona da meno di 24 ore), quindi mandarle armi non mi sembra il caso, al di là del discorso di aiutarli a difendersi, perchè comunque quando il pugile avversario è troppo forte si getta la spugna, non si resta sul ring a farsi ammazzare: si salva la vita, è la cosa più logica e sensata.

    Aggiungo ancora che stare senza se e senza ma dalla parte degli ucraini a parte che è ingiusto nei confronti di tutte le altre popolazioni che in questo stesso momento vengono brutalmente assalite (gli yemeniti dall’Arabia per esempio, o i russi del Donbass), è anche un rischio enorme, perchè l?ucraina chiede in tutti i modi e ad ogni occasione, l’entrata nel conflitto della NATO, che porterebbe quasi sicuramente direi, a una guerra mondiale termonucleare immediata. Loro chiedono la guerra mondiale, penso sia sensato prendere le distanze da queste sue richieste.

    Aggiungo che la guerra potrebbe finire in poche ore se si accettassero le richieste della Russia (Crimea e Donbass che sono già sue, e neutralità futura dell’Ucraina che è già così da decenni), ma il problema penso sia che gli USA hanno investito miliardi per la gestione dell’Ucraina e per portarla nella NATO (e finire così l’accerchiamento della Russia con paesi Nato e relativi missili) e ora non vuole mollare l’osso e spinge l’Ucraina, non so come, a farsi massacrare pur di non tornare indietro.

    Aggiungo che capisco coloro che addossano tutte le colpe a Putin-il-pazzo, perchè siamo immersi in una propaganda unificata occidentale, in cui ogni voce contraria viene silenziata e colpita, e se una persona non ha modo o tempo o voglia o mezzi per informarsi meglio è quasi impossibile che possa sfuggire alla narrazione USA dei fatti. Lo dico con rispetto, perchè noto che anche alcuni commentatori intelligenti e informatissimi su altre questioni, tipo la politica interna, su questa vicenda sono su posizioni opposte alla mia, e penso che se sapessero tutto quello che ho scoperto io in un paio di settimane (prima ne sapevo quasi zero, ammetto) cambirebbero radicalmente posizione.

    Piace a 1 persona

    • A F. Castellana,
      Anche io ero nella stessa totale ignoranza, forse anche più, e leggendo qua e là , ed evitando accuratamente i servizi televisivi che sono uniformi nel sostegno acritico agli Ucraini sulla scorta delle immagini tristissime che ci pervengono, sono arrivato ad identiche conclusioni. Dovremmo vergognarci?

      Piace a 1 persona

  16. EUROPA 15 Marzo 2022 12:00
    Noam Chomsky: “Insistere sull’adesione nel Messico in un blocco militare guidato dalla Cina sarebbe oltre l’idiozia”
    Le ragioni della totale concentrazione USA-Regno Unito su misure bellicose e punitive e il rifiuto di unirsi a un approccio sensato per porre fine alla tragedia [forse] si basano sulla speranza di un cambio di regime. Se è così, è sia criminale che sciocco.
    …Un’altra possibilità è che Washington sia soddisfatta di come sta procedendo il conflitto. Come abbiamo discusso, nella sua follia criminale, Putin ha fornito a Washington un enorme dono: stabilire fermamente il quadro atlantista per l’Europa gestito dagli Stati Uniti e tagliare l’opzione di una “casa comune europea” indipendente, una questione di vecchia data negli affari mondiali fin dall’origine della Guerra Fredda. Personalmente sono riluttante ad andare fino alle fonti altamente informate di cui abbiamo discusso in precedenza, che concludono che Washington abbia pianificato questo risultato, ma è abbastanza chiaro che si è verificato. E, forse, i pianificatori di Washington non vedono alcun motivo per agire per cambiare ciò che è in corso.

    articolo molto interessante ma troppo lungo, meglio leggerlo qui:
    https://truthout.org/articles/chomsky-peace-talks-in-ukraine-will-get-nowhere-if-us-keeps-refusing-to-join/

    "Mi piace"

  17. “”Zelensky: “800 bombe russe sono la risposta della Nato a nostra domanda”

    “Ognuna delle 800 bombe russe che hanno colpito l’Ucraina è la risposta ad antica domanda sulla Nato, sul fatto se la Nato è veramente disposta ad aprire le porte per l’Ucraina. Se le porte fossero aperte non avremmo dovuto chiedere all’alleanza per 20 giorni di chiudere il cielo sull’Ucraina”. Lo afferma in un video su Instagram il premier dell’Ucraina Volodymyr Zelensky.”””

    Ora dillo, dannato guitto presuntuoso, CHI TI HA ILLUSO, chi ha giocato con le vostre aspirazioni, siete in mezzo al niente, non potevate accontentarvi di entrare nella UE, anche se dalla porta di servizio?
    E ne valeva la pena avere tutti quei morti e defastazioni?
    Per poi dire, scusate mi sono sbagliato, ci hanno preso per il culo!

    Piace a 4 people

    • «Già distrutte le armi italiane mandate agli ucronazi

      Ci sarebbe da ridere delle cronache di guerra dei giornali occidentali e specie di quelli americani che sono fatte guardando un video gioco in cui si parla di migliaia di morti russi, di centinaia di carri armati e di aerei distrutti, di navi affondate, di armi rese inoffensive che sono soltanto nella loro fantasia di bambini incattiviti e delusi , il che non impedisce loro di attribuire alla Russia quei colpi portati alla popolazione civile dai nazisti ucraini: tipo il missile caduto nel centro di Donetsk e attribuito ai russi che sono scesi in campo proprio per difendere la città. O la bufala della nave russa affondata dagli ucraini intorno all’isola Zmeinyy che invece è stata rapidamente presa dai russi i quali hanno fatto prigionieri gli uomini della guarnigione che si sono subito arresi, trasformando la balla dell’eroica resistenza in una ridicola commedia recitata da Zelensky in preda alla droga. Ma si sa la capacità di menzogna è infinita ed è stata talmente stata usata negli ultimi anni che è diventata istintiva, mentre nel contempo le persone hanno perso la capacità di discernimento e si bevono qualsiasi balla. In compenso però non si parla troppo delle le cose che contano, ovvero, tanto per fare un esempio della salva di 8 missili Kalibr che ha completamente distrutto un importante centro sostanzialmente Nato nell’Ucraina occidentale, vicino al confine polacco dove si stavano ammassando i nazisti mercenari che l’alleanza atlantica ha arruolato per trasformare quelle terre in un carnaio. E solo per i suoi interessi.

      La base era chiamata “Centro internazionale per il mantenimento della pace e la sicurezza”, tanto per prendere meglio in giro la gente, e stava accogliendo e addestrando in primi reparti di un’intera brigata di volontari nazisti, circa seimila uomini che avrebbero dovuto combattere i russi. In qualche modo lo ha confermato il sindaco di Leopoli a un giornale israeliano. Aggiungendo: “Sembra che l’intelligence russa abbia ricevuto un suggerimento sulle azioni nella base, prima di decidere di bombardarla”. Infatti esistono diversi “centri per la pace” in Ucraina e l’azione russa è stata particolarmente eloquente rispetto ai tentativi di armare truppe terroriste o mercenarie. Ma la cosa più interessante per noi è che i missili russi hanno anche totalmente distrutto l’enorme deposito di armi fornite dai Paesi della Nato e portate via terra dalla Polonia, visto che i cieli ucraini sono interdetti dall’aviazione russa. Si può dunque presumere senza andare troppo lontano dal segno che siano state distrutte in parte o in tutto anche le armi incautamente fornite dal governo italiano proprio mentre sono in corso le trattative di Gomel e per le quali i cittadini di questo Paese pagheranno un prezzo probabilmente molto alto, senza che peraltro esse siano servite a nulla.

      La cosa singolare in tutto questo è che mentre si soffia in maniera irresponsabile sulla guerra facendo credere che l’Ucraina abbia qualche speranza di sopravvivere, almeno nella sua grottesca forma di burattino nazificato dell’occidente, non c’è alcuna reazione agli attacchi di quello che viene considerato il nemico ad ogni effetto. E per la verità anche Israele non ha replicato all’attacco missilistico iraniano contro la base del Mossad nel Kurdistan iracheno compiuto peer ritorsione contro un’incursione di Tel Aviv su Damasco. Il fatto è che l’Impero e le sue dependances non possono permettersi una vera e propria sfida contro Russia e Cina: lo possono fare nel Netflix dell’informazione, ma non nella realtà. Tuttavia non possono nemmeno affrontare Paesi assai meno potenti come l’Iran nel momento in cui tali Paesi decidono di usare le loro armi, tra l’altro sempre più evolute, contro “qualsiasi” nemico. In questo senso la strategia della minaccia che fino a ora aveva egregiamente funzionato adesso serve molto meno. Sarebbe bene che i cittadini occidentali si risveglino e escano dalla sala cinematografica nella quale sono rinchiusi da troppo tempo.».

      Piace a 2 people

  18. Fico: “Invio di armi compatibile con la soluzione diplomatica per arrivare alla pace”

    urca! eccone un altro perso sulla via delle fandonie pro-nato
    mandare armi ai belligeranti per arrivare alla pace
    neanche La Russa è arrivato a tanto per tenersi la poltrona

    Piace a 1 persona

  19. Sembrate dei detective del web alla ricerca di tutto il male che c’è nella ucraina e nella Nato.
    Per questo avete una visione del tutto distorta dei fatti.
    Non siete amanti della verità.
    Parlate del battaglione Azov per mettere in cattiva luce un Paese ed il suo leader democraticamente eletto, per lo più ebreo.
    Finite così sempre per fiancheggiare Putin, che infatti invade l’Ucraina per denazificarla.

    Il nazionalismo in Ucraina si è alimentato anche e soprattutto in ragione anti Putin.
    È l’effetto dell’espansionismo di Putin, non la causa.

    "Mi piace"