Più multi più guadagni. Cosa c’è nel contratto integrativo della polizia locale di Roma

Il sindaco ha deciso che a Roma, fino al 20 per cento degli incassi per violazione del codice della Strada, andranno ad arricchire gli stipendi dei comandanti

(GIANLUCA DE ROSA – ilfoglio.it) – Più multe, stipendi più alti. All’interno del contratto integrativo firmato dal sindaco di Roma Roberto Gualtieri c’è un piccolo comma che potrebbe far tremare automobilisti e scooteristi romani. All’articolo 29 del contratto si legge che parte dei proventi delle multe potrà essere utilizzato per: “Erogare una quota aggiuntiva di retribuzione di risultato […] fino a un massimo del 20 per cento”. In pratica, i premi di produzione dei comandanti della Polizia locale saranno legati al numero di multe comminate. Più il tesoretto da verabali sarà ricco, più denaro da distribuire nei premi ci sarà. L’articolo 208 del codice della Strada stabilisce per legge che almeno il 50 per cento dei fondi derivanti dalle multe debba essere destinato a opere di sostituzione, manutenzione e ammodernamento della segnaletica stradale, all’acquisto di mezzi e attrezzature per i vigili e alla manutenzione delle strade. La restante metà dei proventi delle multe può essere utilizzata per le stesse finalità o, mediante delibera di giunta, ad altre attività. Il sindaco però ha deciso che a Roma, fino al 20 per cento degli incassi per violazione del codice della Strada, andranno ad arricchire gli stipendi dei comandanti.

A onor del vero, la scelta di Gualtieri è legata a una regola inserita recentemente all’interno del nuovo contratto integrativo nazionale della dirigenza degli enti locali: l’articolo 29 del contratto firmato da Gualtieri con i sindacati è praticamente la copia dell’articolo 59 del contratto nazionale.

La cosa comunque ha subito scatenato la reazione delle opposizioni capitoline. Antonio De Santis, consigliere della lista Civica Raggi ed ex assessore al Personale attacca: “Le risorse derivanti dall’articolo 208 del Codice della Strada sono notoriamente utilizzabili, ad esempio, per l’assunzione di nuovi agenti o per il rifacimento delle strade, questo rende l’iniziativa molto opinabile, sebbene sia legittima. Invece di usare le multe per migliorare gli stipendi dei comandanti, Gualtieri avrebbe potuto utilizzare le possibilità offerte dal recente rinnovo del contratto d’area per assimilare i comandanti a capi dipartimento, e cioè a dirigenti di fascia più alta. Gli stipendi sarebbero aumentati lo stesso, ma in maniera più trasparente e senza legare i premi alle multe”.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica, Roma

Tagged as: , , ,

5 replies

  1. Ovvio che sapendo che un quinto della multa va a loro … ora multeranno anche i tricicli …

    Altra pessimissima idea a Roma, dopo quella di premiare con un sostanzioso bonus chi non si allontanava per malattia …
    Un sindaco piddino penso sia il giusto contrappasso per chi ha creduto alle sirene tv non riconfermando la Raggi.

    Escludo comunque che gli elettori imparino la lezione: alle prossime elezoni rieleggeranno un fantoccio della casta che dichiarerà che con lui Roma risorgerà più bella e più superba che pria

    Piace a 2 people

  2. Riepilogando:
    – i romani pagheranno i netturbini per non “ammalarsi”;
    – e poi pagheranno i vigili urbani per massacrarli di multe.

    Premesso che un sindaco che si rispetti prenderebbe a calci in cxxo chi non lavora, quale sarà il prossimo passo?
    La butto lì: i romani pagheranno il Papa per concedergli la cittadinanza vaticana, o per rivedere il Concordato.

    Daje, Robbè!!!

    "Mi piace"

  3. Se la sono cercata ! E i romani hanno quello che si meritano ! La prossima volta non avranno altre occasioni , volevano tornare a delinquere e questo é il risultato, adesso i soldi ci sono per strapagare i nullafacenti e ripristinare” il mondo di mezzo” non c erano prima ? Gualtieri ministro! si accontenta del misero stipendio da sindaco ?

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...