Vilipendio della democrazia

(Anna Lombroso per il Simplicissimus) – Il baritono più applaudito alla soirée della Scala da cumenda e sciure che volevano il bis, qualche giorno fa se n’è uscito con una frase che in un paese attento alle regole costituzionali varrebbe un impeachment: “le vaccinazioni, ha proclamato spericolatamente, non sono solo lo strumento che ci ha salvato ma una sorta di referendum sulla scienza. Sino a ieri sera s’è vaccinato 86% cittadini sopra i 12anni, se aggiungiamo chi non può farlo e guariti siamo al 90%. Questo referendum è stato vinto 9 a 1 a favore della scienza. Dobbiamo essere riconoscenti ai nostri cittadini che hanno messo l’Italia all’avanguardia nella considerazione all’esterno“.

In una volta sola ha dunque  vilipeso l’istituto più rispettoso della libera espressione della volontà popolare, retrocedendolo a pronunciamento virtuale ancora meno significativo del voto per i partecipanti dei reality, ha offerto una interpretazione aberrante della reputazione internazionale del Paese come il riconoscimento di una leadership di repressione, sorveglianza e lesione dei diritti, esercitata per nascondere le responsabilità politiche di decenni di tagli alla sanità, demolizione della ricerca consegnata all’industria, mentre le imprese del settore perdevano prestigio e competitività, infine ha smentito di fatto la necessità di imporre vergognose discriminazioni attraverso uno strumento di controllo ed emarginazione, essendo stato raggiunto il risultati desiderato dell’86% dei vaccinati e il 90% dei “salvati”.

Ma l’aspetto più deplorevole della dichiarazione del Presidente Mattarella consiste nell’aver promosso a libera espressione della volontà di cittadini elettorali la risposta obbligata a un ricatto che imponeva la scelta tra il sottoporsi alla  somministrazione di un prodotto che è stato sì testato, ma solo grazie al fatto che si sono prestati a fare da cavie milioni di cittadini più o meno volontariamente e consapevolmente.

E difatti  la “distribuzione”, presentata e rivendicata come un atto di responsabilità e coscienziosità dei decisori,  è iniziata  prima che tutti gli step, cui solitamente viene sottoposto un farmaco, fossero conclusi, grazie a quella che viene definita dalle autorità  la Emergency Use Authorization,  ovvero l’approvazione emergenziale.

Tanto è vero  che per l’Agenzia Europea del Farmaco  i vaccini sono ancora sottomessi alla CMA, Conditional Marketing Authorisation (autorizzazione al commercio condizionata) la procedura utilizzata  per accelerare l’approvazione dei medicinali “durante un’emergenza sanitaria pubblica o per affrontare esigenze mediche non soddisfatte” ed è in ragione di ciò che il Governo ha fatto ricorso a un espediente vergognoso per imporre surrettiziamente l’obbligo che non ha il coraggio di istituire.

E infatti il derby è stato vinto 9 a 1, ma grazie alla campagna di intimidazione, minaccia  e persuasione che da “morale” è diventata via via sempre più violenta e minatoria, trasformandosi nel ricatto esplicito che ha estromesso dalla società, dal lavoro, dall’istruzione, dei servizi pubblici che la collettività paga, i disobbedienti, condannati all’ostracismo, al linciaggio e all’apartheid.

Così non stupisce l’entusiasmo con il quale sono accolte le banalità della più alta carica di uno Stato espropriato di sovranità per via degli appetiti di classi borghesi che vivono da decenni una quarantena, arroccate nei loro palazzi e nelle loro case signorili a celebrare la distanza che li separa dai poveracci e che, come se non bastasse, invitano a imitarli nelle precauzioni salvifiche e nei riti apotropaici della salute dopo averli depredati di diritti, servizi, assistenza, cure.  E d’altra parte si tratta dell’ennesimo esempio dell’applicazione di un approccio coloniale in patria, dove una classe egemone dimostra la sua benevolenza facendo accedere ad un siero la popolazione chiamata a pagarlo tramite il bilancio dello Stato e ricordando che si tratta di una generosa elargizione che dimostra la superiorità del sistema occidentale che riserva ai suoi popoli la salvezza negata ai paesi poveri.

Stupisce invece che, dopo che per lungo tempo il pensiero critico aveva denunciato una scienza che aveva rinunciato a terzietà e neutralità, una ricerca al servizio dell’industria, una divulgazione occupata a mettere il silenziatore  sugli studi di  voci indipendenti sulla salute, sugli inquinanti e cancerogeni, sulle malattie, corporazioni mediche che avevano subito tagli e umiliazioni ai danni dei cittadini intente a tutelare i propri interessi castali, sia ora in atto un processo redentivo per restituire autorevolezza, credibilità e fiducia alla “Scienza”, intendendo con essa una molteplicità di discipline diverse, una gamma di specializzazioni e applicazioni, una greppia alla quale si sono nutriti una varietà di addetti ai lavori che nel tempo hanno partecipato o preferito non vedere crimini e misfatti, perlopiù tumulati sotto sepolcri imbiancati.

Eppure stragi di innocenti, morti per il cinismo di chi in nome del profitto aveva assassinato o ammalato decine di migliaia di lavoratori e cittadini, eppure ancora oggi l’amianto provoca   ogni anno in Italia almeno 6000 vittime, 16 al giorno quasi 2 ogni ora, affette dal mesotelioma, il tipico tumore d’amianto, ma anche da un’altra decina e più di cancri e malattie  invalidanti, eppure ancora oggi a Brindisi, Marghera, Terni viene taciuta la verità che la scienza conosce bene sui  danni e i decessi per cloruro di vinile monomero, tutti effetti collaterali di un Progresso che rappresenta la divinità cui  necessario dedicare sacrifici umani, coperti con la celebrazione dei nostri “eroi” delle corsie e dei laboratori, prestati alla tv del dolore e impegnati a attribuire scandali, dolore e lutti a nemici del popolo, finti invalidi, ipocondriaci compulsivi che consumano farmaci e degenze, esonerando le autorità, gli amministratori, i baroni.

Succede con la Scienza quello che è successo con la politica, lo stato di eccezione è servito a creare l’effetto notte, il buio artificiale nel quale si confondono i delitti, le leggi razziali, le bombe atomiche, il talidomide, le sperimentazioni sadiche e la selezione dei meritevoli di continuare la specie, grazie alla promozione a chiesa che non conosce  e tollera domande, che possiede certezze indiscutibili che si trasformano in armi contro i dissidenti e i perplessi, un monolite, per dirla con Feyerabend, che bisogna approvare, ossequiare e venerare. Né più né meno dell’oligarchia al governo, cui è stata restituita la fiducia dopo anni di disaffezione e disincanto, grazie al ricorso a leggi marziali, repressione dell’opposizione, censura, sospensione dei diritti e delle prerogative costituzionali inneggiate con la hola dei servi sciocchi.

10 replies

  1. che pa… con questo antivaccine. Sappiamo che non è vaccinata. Bene per lei, se la fa stare meglio.
    Ma la smetta di rompere… elucubrando negli spazi della sua mente.

    "Mi piace"

  2. Anna Lombroso la butta in caciara. Mettendo di tutto e di più, strumentalizzando l’osservazione del PdR per non ammettere la mancanza di senso civico e di responsabilità comunitaria sua e di chi non si vaccina. Resta una noiosa e petulante polemista della minchia.

    Piace a 1 persona

    • Il senso civico ce l’aveva anche Camilla CANEPA.

      Non ce l’ha avuto chi ha organizzato gli ‘astradays’ per smaltire le ‘scorte di munizioni’ rimaste nei magazzini dopo che diverse persone erano morte causa questo vaccino ‘salvifico’.

      Mattarella questi rischi, così come TUTTI i politici, non li ha corsi. Qualcuno dovrebbe spiegare come mai questo accade, mentre gli effetti avversi se li pigliano SEMPRE le persone ‘normali’.

      "Mi piace"