Di Battista: “M5S irrilevante. Ora faccio battaglie politiche e vorrei Raggi con me”

L’ex deputato del Movimento 5 Stelle: «Candidarsi? Si vedrà. Intanto costruiamo iniziative»

(Emanuele Buzzi – corriere.it) – Il ritorno in piazza (a fare comizi), il futuro del Quirinale, il vaccino, la suggestione di un progetto comune con Virginia Raggi: Alessandro Di Battista esce allo scoperto e traccia uno spaccato a trecentosessanta gradi dell’agenda politica e sociale, con qualche presa di distanza dai suoi ex colleghi M5S e lo sguardo rivolto soprattutto ai «diritti economici e sociali». L’ex deputato è in tour per le piazze d’Italia (sabato sarà nel Leccese) e aumentano le voci riguardo a un suo ritorno in campo.

Lei dice che è probabile tornare a votare nel 2022. Nel caso, è pronto a correre per il Parlamento?
«Faccio battaglie politiche insieme a migliaia di cittadini ed è il miglior modo per costruire. Poi si vedrà».

Ha aperto all’idea di un nuovo movimento: come se lo immagina? Progressista, populista, con che collocazione?
«Mesi fa dissi a Bersani che l’urgenza sono i diritti economici e sociali. Lui era d’accordo. Si parte da qui».

Intanto è tornato in piazza. Quanto, per lei, questi comizi sono un test?
«È importante vedere quanto consenso abbiano determinate battaglie».

Virginia Raggi intanto dice che lei va ascoltato.
«La ringrazio. Sono sempre più convinto che abbiamo perso una grande sindaca».

Le piacerebbe cooptarla in un progetto insieme?
«Qualora ci fosse un progetto assolutamente sì».

Un anno fa affermava che i 5 Stelle, sotto la reggenza Crimi, erano diventati come l’Udeur. È ancora così? Cosa le ricordano oggi?
«L’Udeur toccava più palla. Il M5S oggi è drammaticamente irrilevante».

Sono troppo schiacciati sul Pd?
«Più che sul Pd sono sudditi più o meno inconsapevoli del Draghistan».

Conte ha detto che non è irreversibile la scelta di non partecipare a programmi Rai. Grillo ha commentato: «Specialista in penultimatum».
«Problemi interni di un movimento che ho lasciato per ragioni politiche».

Ma cosa pensa della decisione di non partecipare ai programmi Rai?
«Che se si crede in una decisione la si porta fino in fondo».

C’è qualcosa che potrebbero fare per convincerla a rientrare nel M5S?
«Dovrebbero disconoscere il 90% di quello che hanno fatto in questi ultimi 9 mesi. Non credo che abbiano il coraggio di farlo».

Berlusconi ha lodato il reddito di cittadinanza.
«Captatio benevolentiae. Vuole il Quirinale. Tra un po’ dirà che ho fatto bene a leggergli la sentenza Dell’Utri sotto casa».

Intanto i partiti si dovranno sedere a un tavolo per eleggere il nuovo capo dello Stato. Lei chi vorrebbe come presidente?
«Gustavo Zagrebelsky. Al Paese serve un amante della Costituzione».

È favorevole a introdurre nella Costituzione il limite di un solo mandato per il Colle?
«Sì, trovai indecente la rielezione di Napolitano».

Lei ha sempre dato un giudizio negativo del governo, ma c’è qualcosa che salva in questo esecutivo?
«Fatico a salvare qualcosa di un governo composto da Salvini, Berlusconi, Renzi e presieduto da Draghi».

Si è detto favorevole al vaccino: cosa pensa della somministrazione agli under 12?
«Ho molti dubbi. Se esistesse in Italia una casa farmaceutica pubblica ne avrei di meno».

Il Covid come ha cambiato la politica?
«Doveva convincere i politici sulla necessità di rafforzare lo Stato. Invece si sta tornando a privatizzare ogni cosa».

7 replies

  1. Girerei l’intervista alla cortese attenzione di Marco Travaglio. Vi leggerebbe molto del suo pensiero e dovrebbe conciliarlo,non so come,con il suo appoggio a Conte.

    Piace a 2 people

  2. Dibba ha cambiato canale pure lui, il suo target non sono più le piazze, ma la ” classe media” che incontra al chiuso, con le solite chiacchiere a chi ha problemi un po’ meno stringenti, quanto valga quel target che lo segue non si sa, ma quasi sicuramente sotto lo sbarramento, la Raggi resti dov’è x riprendere le briciole del movimento dopo Conte

    "Mi piace"

  3. X Carmen, pensala come ti pare.

    Per il resto.

    Dibba è immenso, ma non perché è alto.

    Gigino di Maio e Re Travicello Conte Giuseppi chiaramente non ne stanno facendo una buona, ma almeno Gigino la Frottola fa carriera, Giuseppi non andrà molto oltre Natale.

    Pensate solo a questa frase:

    Un anno fa affermava che i 5 Stelle, sotto la reggenza Crimi, erano diventati come l’Udeur. È ancora così? Cosa le ricordano oggi?
    «L’Udeur toccava più palla. Il M5S oggi è drammaticamente irrilevante».

    Sono troppo schiacciati sul Pd?
    «Più che sul Pd sono sudditi più o meno inconsapevoli del Draghistan».

    Conte ha detto che non è irreversibile la scelta di non partecipare a programmi Rai. Grillo ha commentato: «Specialista in penultimatum».
    «Problemi interni di un movimento che ho lasciato per ragioni politiche».

    Ma cosa pensa della decisione di non partecipare ai programmi Rai?
    «Che se si crede in una decisione la si porta fino in fondo».

    C’è qualcosa che potrebbero fare per convincerla a rientrare nel M5S?
    «Dovrebbero disconoscere il 90% di quello che hanno fatto in questi ultimi 9 mesi. Non credo che abbiano il coraggio di farlo».

    È favorevole a introdurre nella Costituzione il limite di un solo mandato per il Colle?
    «Sì, trovai indecente la rielezione di Napolitano».

    Lei ha sempre dato un giudizio negativo del governo, ma c’è qualcosa che salva in questo esecutivo?
    «Fatico a salvare qualcosa di un governo composto da Salvini, Berlusconi, Renzi e presieduto da Draghi».

    Notare bene: Buzzi fa un discorso che non ha senso costituzionale: nella Costituzione c’é scritto che il mandato presidenziale dura SETTE ANNI.

    Punto.

    Non c’é nessun limite perché non c’é nessuna necessità di dire altro. Se si fosse pensato al prolungamento di un mandato così lungo, lo avrebbero scritto ma a quel punto un ventennio come nel fascismo lo avresti fatto con due proroghe. E’ incredibile che per giustificare Napo Orso Capo abbiano fatto uno strappo così evidente.

    "Mi piace"

    • Come mai hai dovuto sottolineare di pensarla come mi pare, questo è sicuro, ragiono sui fatti, te lo ricordi quando faceva opposizione sfrenata alla Lorenzini sul free vax? Ora è diventato vaccinista, quando blandivano i no vax con ragionamenti ambigui, ora gli sono contro, quando andavano dai gilet gialli ora chi rinnega e chi si è convertito alla classe media, un bel mucchio di chiacchiere fondate sull andare contro, contro per principio, per slogan, ma tranne per il green pass. Hanno lasciato il loro popolo senza rappresentanza, sono milioni di persone che non li vogliono sentire nemmeno nominare, non sono io a pensarla come mi pare. Ora si rivolga al suo pubblico da definire, ne ha facoltà, ma non alla gente che li votarono in massa,, non solo no vax, non solo no green pass ma sicuramente no movimento e reminiscenze di movimento. Con i miei migliori auguri

      "Mi piace"

  4. Che tristezza far parte di un progetto e non rendersene conto. I giornaloni e le tv stanno gonfiando il suo io e lui si lascia fare. C’è bisogno del suo popolo all’interno. Che si guardasse dai nemici dei suoi amici.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...