Alfredo Altavilla (Ita Airways) ha parlato di licenziamenti indiscriminati. Ma a quanto pare ai sindacati va bene così

Il presidente di Ita, Alfredo Altavilla, parla di licenziamenti indiscriminati e insulta i più stretti collaboratori. Ma a quanto pare va bene così o comunque la cosa non desta troppa preoccupazione.

(DI MAURO DEL CORNO – Il Fatto Quotidiano) – Il presidente di Ita, Alfredo Altavilla, parla di licenziamenti indiscriminati e insulta i più stretti collaboratori. Ma a quanto pare va bene così o comunque la cosa non desta troppa preoccupazione. Dopo che il Fatto ha dato conto dei contenuti dell’audio di una riunione del comitato direttivo dell’azienda, in cui il manager parla della volontà di licenziare al termine dei 4 mesi di prova la metà dei 1077 dipendenti provenienti dalla Alitalia, le bocche restano cucite o socchiuse. La Fit Cisl si schiera addirittura in difesa del manager. La Uilt non commenta, la Filt Cgil tace. Curioso, visto che tra i propositi di Altavilla ci sarebbe quello di ridurre la sindacalizzazione della forza lavoro.

Nessun commento dal ministero del Tesoro che possiede il 100% di Ita Airways, nata dalle ceneri di Alitalia, e ne designa i vertici. Il governo peraltro ha sinora negato al Parlamento l’accesso ai documenti in cui sono contenute le richieste della Commissione Ue sull’operazione Ita. I sindacati, come detto, sono molto “abbottonati” a eccezione dell’Usb. La Uilt sceglie il “no comment” mentre dalla Filt Cgil non giunge nessuna risposta. La Fit Cisl arriva a spendersi a favore di Altavilla: “A noi – replicano – non risulta che tratti male i lavoratori, anche perché non è lui che tratta direttamente con loro, ma il middle management”. Quello che invece ci risulta è che non siamo ancora riusciti a definire un contratto aziendale e quindi auspichiamo la riattivazione della trattativa interrotta a suo tempo”. L’estrema prudenza dei sindacati si spiega evidentemente con la volontà di non disturbare le trattative in corso con l’azienda. Solo l’Usb si espone: “Il presidente Altavilla è fuori controllo, non può restare un minuto di più. Siamo di fronte a un comportamento intollerabile”.

Dal fronte politico, il deputato di Liberi e Uguali, Stefano Fassina, annuncia una nuova interrogazione parlamentare: “Il presidente di Ita Airways è inadeguato a un grande vettore nazionale. Disapplica Ccnl e art. 2112 del codice civile ed elimina lavoratori iscritti a sindacati. Governo prenda atto”. Sempre da LeU, anche Nicola Fratoianni rimarca l’inadeguatezza del manager “dimostrata sinora dai fatti, dal disprezzo nei confronti dei lavoratori e delle loro famiglie e a cui si aggiunge un linguaggio del tutto fuori luogo”. Il senatore di Fratelli d’Italia, Massimo Ruspandini, responsabile nazionale Trasporti di Fratelli d’Italia, scrive in una nota: “Trovo preoccupanti e pericolose le parole del manager di Ita”.

7 replies

  1. Dove sarebbero gli insulti agli stretti collaboratori? Comunque, sindacati e dipendenti hanno le loro colpe nello sfacelo pluriennale di Alitalia, ma non sono nulla rispetto alle responsabilità di cosiddetti manager super pagati che in una tragica successione di scelte strategiche demenziali hanno portato all’estinzione di una compagnia aerea un tempo prestigiosa, con buchi di miliardi coperti da uno stato inerme

    "Mi piace"

  2. Apprezzo il suo commento. Solo che quel “non sono nulla” riferito alle responsabilità dei vari manager mi sembra un poco troppo. Nessuno, nella faccenda Alitalia, potrà mai battere i veri predatori di soldi pubblici: la politica, i sindacati, i dipendenti e gli ex dipendenti con pensione da nababbi.

    "Mi piace"

  3. “… Curioso, visto che tra i propositi di Altavilla ci sarebbe quello di ridurre la sindacalizzazione della forza lavoro….”!!!
    da quando in fit, uilt e filt ci sono sindacalisti?

    "Mi piace"

  4. Ha fatto bene.
    Un plotone di parassiti con paghe fuori da ogni riferimento con altre categorie di lavoratori. Spesso percepite restando fermi.
    Privilegi e bonus per il personale viaggiante sconosciuti alla concorrenza straniera.
    Così, quando sono arrivate le compagnie low cost si sono ritrovati col q.lo scoperto.
    E la miriade di sigle del sindacalismo di base ha continuato a pretendere di mantenere i privilegi di sempre tanto erano sicuri che avrebbe pagato Pantalone.
    Se ne sono fottuti che gli aerei viaggiassero semivuoti e con costi di esercizio esorbitanti.
    Compagnia che ha sempre puzzato di destra e che ha prodotto Schifezze mediatiche come la vegana No-Vax Daniela Martani, malata di protagonismo e seriamente compromessa dal punto di vista mentale.
    La festa è finita, andate affanq..

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...