Walter Ricciardi: “Servono i richiami del vaccino o da gennaio si rischia una nuova fiammata” 

(open.online) – Il professor Walter Ricciardi, consigliere del ministero della Salute, mette oggi in guardia dal rischio di ripresa dell’epidemia di Coronavirus a gennaio. E propone di dare il Green pass soltanto ai vaccinati e ai guariti. «Se non ampliamo il numero di vaccinati con la prima dose e se non somministriamo rapidamente la terza avremo una risalita forte, più di quella che vediamo ora. Avverrà presumibilmente tra gennaio e febbraio. Di sicuro però la mortalità sarà più ridotta di quella delle prime grandi ondate proprio grazie ai vaccini, che comunque un po’ proteggeranno», pronostica Ricciardi in un’intervista a Repubblica.

Per l’esperto «la durata del Green Pass è un tema politico organizzativo. La protezione anticorpale è una parte, poi c’è quella cellulare. La cosa importante è vaccinare e rivaccinare. Israele ci ha detto che dopo sei mesi ci vuole una dose di richiamo per tutti i cittadini. Ci arriveremo anche noi».

Ma nel colloquio con il Messaggero il professore è più netto: «Finora i Green pass hanno funzionato, ma sono convinto che, per la stagione invernale che ci costringe più al chiuso e a contatto con gli altri, bisognerebbe rivederne la concessione limitando la libertà solo ai vaccinati e ai guariti dal Covid».

E questo perché «chi non è vaccinato può accedere ad alcuni luoghi o usare alcuni servizi come i trasporti a lunga percorrenza anche mostrando il tampone effettuato 48 ore prima. Sono dell’idea, invece, che il tampone sia il punto debole del sistema. Non assicura la protezione e la non trasmissione del virus, se non al 30%. Ecco perché gli accessi ai luoghi pubblici o a quelli di lavoro andrebbero limitati solo ai vaccinati con Green pass, escludendo la possibilità a chi ha un tampone valido».

8 replies

  1. Dov’è il problema nel fare una terza dose di vaccino? Non c’è. Cosa aspettano a “eliminare” tutti quegli idioti che nelle manifestazioni urlano frasi senza senso? Persino una dimostrazione no mask in un supermercato di Bologna hanno fatto quegli imbecilli, con le persone che guardavano senza dire niente, aah se ci fossi stata io che pieno di vitamina C gli avrei dato 😬

    "Mi piace"

    • A “eliminare”? Ma bene! Però i fascisti sono gli altri. “aaahh se ci fossi stata io che pieno di vitamina CA gli avrei dato” … ma allora se sei così convinta e vuoi dargli una lezione, perché non ci vai? Non mi dire che avrai paura di questo No Vax untori “idioti” e via dicendo …
      Ma sai cosa c’è di più bello in questo tuo commento pregno di odio nero e rabbia, che tu ti senti pure dalla parte del giusto, che ti sembra normale scrivere cose del genere in un luogo pubblico perché tale è un luogo dove si commenta liberamente. Una volta, signora Paola, si sarebbe vergognata di scrivere una cosa del genere in pubblico, ora non solo lo fa ma lo urla ai quattro venti con fierezza.
      Mi spiace per lei, perché non sa minimanente cosa è la parola vergogna. Ma io comunque glielo dico con tutto il cuore, si vergogni … e abbia almeno un giorno la decenza di chiedere scusa per frasi così violente, tossiche ed intolleranti. VERGOGNA!

      "Mi piace"

    • Poche parole efficaci, VERGOGNATI per questa tua violenza verbale. E non fare la leoncina da tastiera, scendi in piazza contro di loro se dici di essere così piena di coraggio. Almeno mettici la faccia in queste cose orribili che dici.

      "Mi piace"

  2. Per la cronaca (e senza entrare nel merito dell’articolo che non ho letto):
    questo e’ il tizio che nella primavera 2020 diceva che le mascherine non servivano a quelli “sani”, ma dovevano essere indossate solo dai contagiati… (ho ancora link del video con sue dichiarazioni…).

    Cio’ detto, qualche giorno fa son passato in una farmacia dove facevano tamponi in serie (uno ogni 6 minuti) in un ripostiglio(!) (MISURATO indirettamente verificando le piastrelle a terra) di metri 1,00 x 1.60 posto all’interno dei locali della farmacia stessa (probabilmente ex-deposito delle scope).
    Inutile dire che ovviamente non era dotato di finestra ne’ di aspiratore.

    Puo’ una farmacia (COMUNALE!!!) che incassa circa 50.000 Euro al mese dl soli tamponi… agire in questa maniera (ovvero… probabilmente ampliando il contagio anziche’ essere “strumento” per ridurlo)???

    Qualcuno conosce i requisiti che deve avere una farmacia per poter effettuare questo tipo di operazione che certo non e’ paragonabile alla misurazione del peso e che magari necessita di un “filo” maggiore di sicurezza (e di privacy)?

    "Mi piace"

  3. “Se hai una patologia pregressa muori di Coviv. Se ti vaccini e muori è colpa delle patologie pregresse.” Viva il (b)accino e dosi ad oltranza per tutti, vivi o morti.

    "Mi piace"

  4. Prendo, non me ne voglia, da Andrea Zhok: vademecum del vaccinato 1)Siamo disposti a derubricare qualunque problema dovesse subentrare a coincidenza o fatalità, perché non può essere altro, lo hanno garantito gli esperti invitati da Floris. 2)Siano incrollabilmente sicuri che le case farmaceutiche (esentate legalmente dal pagare per eventuali danni) agiscano con trasparenza e per il bene universale dell’umanità (e chi non ci crede è un Giuda).3) Siamo convinti che: non esistono cure, ma solo il proiettile fatato dell’inoculazione di massa. (Le cure non protocollate sono troppo poco verificate, santo cielo! Gli unici trattamenti accettabili anche se poco verificati sono quelli nuovi fiammanti e sotto brevetto: lo ha giurato sulla testa dei suoi figli il CEO di Pfizer). Credo quia absurdum.

    9

    "Mi piace"