Alessandro Di Battista, riforma Cartabia: leggete come la definisce Di Matteo

(Alessandro Di Battista) – Mentre ormai ogni giorno si parla di saluti romani (si parla più oggi di fascismo e anti-fascismo che negli anni ’70 quando si sparava) succedono cose che meriterebbero un po’ di attenzione in più dato che toccano la carne viva delle nostre vite. Chi allunga l’età pensionabile con la scusa dei costi è lo stesso che alcune settimane fa ha approvato una riforma della giustizia (leggete come la definisce Di Matteo) che garantirà impunità ai colletti bianchi. E i reati dei colletti bianchi costano alla collettività infinitamente di più di quota 100. Eia Eia Alalà!

15 replies

  1. Intervista al pm antimafia, ora al Csm, sul suo nuovo libro ora al Csm, sul suo nuovo libro

    “È il momento più buio per noi toghe. E la legge Cartabia vìola la Carta”. “I nemici sono tanti: non solo mafiosi, ma anche nelle istituzioni”

    (DI MARCO LILLO – Il Fatto Quotidiano) – Consigliere Antonino Di Matteo il titolo del suo nuovo libro è ‘I nemici della giustizia’. Chi sono?
    Sono tanti. Non solo mafiosi corrotti e criminali. Si annidano nelle pieghe delle istituzioni e della politica e anche della magistratura. Non possiamo far finta che questo momento non sia uno dei più bui della storia della magistratura. I mali diffusi come metastasi nel corpo della giustizia sono il correntismo, la corsa sfrenata alla carriera, la gerarchizzazione degli uffici di procura e il collateralismo con la politica.
    *** Perché ha scritto con Saverio Lodato questo libro in questo momento così poco felice della magistratura?
    Non possiamo far finta di stupirci. Dobbiamo indignarci e non nascondere la verità. Sono tanti quelli che vogliono approfittare di questo momento difficile per regolare i conti con i magistrati che hanno saputo esercitare il controllo di legalità anche sul potere finanziario e politico. C’è una logica di rappresaglia ma anche di prevenzione per il futuro. Vogliono vendicarsi ed evitare che la magistratura possa essere troppo incisiva. Ecco perché ho ritenuto di far sentire la mia voce. Non mi piace questo andazzo. La magistratura sembra rassegnata a subire l’attacco frontale di chi vuole trasformare le procure in organi collaterali e serventi rispetto al potere esecutivo.
    *** C’è un intero capitolo nel libro dedicato alla riforma Cartabia. Quali sono i rischi maggiori?
    La ritengo una delle peggiori riforme degli ultimi 30 anni. L’Europa chiedeva di accelerare i processi ma se fosse stata in vigore la riforma Cartabia, processi importanti come quello per il crack Parmalat, la strage di Viareggio o per le violenze nella scuola Diaz di Genova nel 2001, si sarebbero conclusi nel nulla. Questa normativa presenta per me aspetti di evidente incostituzionalità. Va nella stessa direzione del processo breve voluto dal premier Berlusconi e dal ministro Alfano nel 2009. Allora però ci fu una forte reazione. Gli organismi rappresentativi della magistratura, i movimenti e partiti che allora insorsero oggi sono silenti o addirittura favorevoli alla riforma Cartabia.
    *** Poi c’è il tema dei criteri di priorità stabiliti dal legislatore. Quali sono i pericoli?
    Questo punto mi preoccupa ancor più dell’improcedibilità. Le maggioranze parlamentari del momento dovranno individuare le priorità dell’azione penale. La maggioranza di turno potrà ad esempio in futuro stabilire che bisogna perseguire prima la criminalità da strada e poi, solo se resta tempo, i reati di corruzione o tipici dell’abuso di autorità. Così si mina l’obbligatorietà dell’azione penale e l’autonomia e indipendenza della magistratura. Non è solo un problema della casta della magistratura. Intravedo un grave pericolo per i cittadini e le minoranze che si oppongono alla maggioranza di turno.
    *** Nel libro dedica un capitolo intero ai referendum sulla giustizia. Ci spiega perché è contrario?
    Premetto che la Costituzione prevede lo strumento referendario anche per cambiare le norme della giustizia. Nulla da dire quindi sul metodo. Nel merito invece sono contrario a cinque dei sei quesiti. Il sesto, quello sulle firme necessarie per presentare le candidature al CSM, per me è inutile perché non serve a evitare lo strapotere delle correnti.
    *** Lei è contrario soprattutto alla separazione delle carriere. Perché?
    Il primo piano in tal senso era quello di Rinascita Democratica di gelliana memoria. Poi è diventata una bandiera di Forza Italia e del centrodestra nella seconda repubblica. L’appiattimento dei giudici sui pm è un falso storico. Basta vedere le statistiche: i giudici disattendono spesso le richieste dei pm. Inoltre sul passaggio da una funzione all’altra i paletti sono già alti. Negli ultimi 15 anni poco più del 2 per cento dei pm è diventato poi giudice e meno dello 0,5 dei giudici ha compiuto il passaggio inverso. La separazione delle carriere porterebbe, se non immediatamente in maniera inevitabile, alla sottoposizione del pm all’esecutivo e comunque consacrerebbe una figura del pm estranea alla cultura della giurisdizione.
    *** Perché non sarebbe giusta la riforma della responsabilità civile?
    Si dice che i magistrati che sbagliano devono pagare. Messaggio suggestivo ma che si basa su presupposti sbagliati. Esiste già la responsabilità penale con decine di magistrati sotto processo. Poi c’è la responsabilità disciplinare che viene fatta valere più frequentemente per noi magistrati che per altre categorie. Anche la responsabilità civile già c’è. Anche se solo per dolo e colpa grave. La normativa attuale prevede l’azione del cittadino che si ritiene leso contro il Governo per chiedere i danni. In caso di accertamento del dolo o della colpa grave, è il Governo a potersi rivalere sul magistrato. Con il sì al referendum si consentirebbe al cittadino l’azione diretta contro il magistrato. Vedo alcuni rischi: innanzitutto si determinerebbe un’incompatibilità in capo al magistrato chiamato in causa. Inoltre i magistrati che devono giudicare una controversia, civile o penale potrebbero essere indotti a favorire la parte più forte, che ha i mezzi per rivalersi sul magistrato. Tra una multinazionale e un lavoratore il giudice sarà sereno nel giudizio?
    *** Nel libro c’è un riferimento alla sentenza Trattativa. L’appello ha ribaltato il primo grado assolvendo Marcello Dell’Utri e i Carabinieri. Cosa ha pensato?
    Bisognerà attendere le motivazioni. Però alcune cose si possono già dire. Intanto non siamo stati solo noi pm a valutare certe condotte. Il giudice dell’udienza preliminare ha ritenuto giuridicamente corretta l’impostazione accusatoria. E poi la Corte di Assise – dopo 5 anni di processo e centinaia di udienze – ha scritto 5.500 pagine per motivare la condanna. Non voglio scendere nel merito delle responsabilità penali degli imputati. Però una cosa voglio dirla: sono a posto con la coscienza e sono orgoglioso di aver contribuito con i miei colleghi, pm e giudici, a far emergere fatti oggi incontestabili che solo la nostra tenacia ha fatto riemergere da archivi nascosti e polverosi. L’opinione pubblica aveva il diritto e forse anche il dovere di sapere che nel periodo delle stragi Cosa Nostra ha agito nell’ottica di un dialogo a suon di bombe con lo Stato. Nessuna sentenza potrà mai cancellare i fatti storici emersi in quel processo.

    "Mi piace"

  2. non è possibile che la riforma della giustizia cartabria sia cosi schifosa come osa definirla DI MATTEO, l’ha approvata anche giuseppi e l’hanno votata sia bonafede sia gigino e poi tutto il fu mv5*
    in fin dei conti draghi è un grillino, anzi tutto il governo è composto a maggioranza grillino,

    "Mi piace"

    • E’ giovane, si e’ sentito confuso, insicuro, la luce era spenta, eppoi tutti lo pressavano di qui e di la’…

      "Mi piace"

      • adivarg ies ‘ehcrep on et a :idniuQ .enoizaniccav id atseihcir al eregnipser atsiv ‘e is ,atnicni odnesse ,ietsoc ehc otirefir otats ‘e iT .acima aut alled ailgif alla osseccus ‘e ehc leuq id odraugir la ,ias ,otamrofni onos iM
        id ideihc e ,aticni ies :elibissop ‘e non ‘oic ehc itramrefnoc ossop ,oveilir id inoizamrofni otloccar reva opoD
        .aicudiF id atsinnetnA’lla erup otseihc oH !ENEB ATON .ossets ol ataniccav orebberva’l atlum alled alodec al otuvecir reva opod ,otsopsir nah im ,onemmeN ?ideipaicram ied olovics ollus aiggehcrap o ,inneronim idepimlap odnatlusni ihcrap ien av o ,isednalo iloccoz id odnabbartnoc len aciffart o ,etnemanitsednalc atargimmi ‘e esrof acima aut alled ailgif al ,otseihc oh ,esroF .enoizaniccav al onnad it e .enoizaniccav al erevecir

        "Mi piace"

      • Questo me lo “prende” e la versione corretta no?

        MA CHE LATRINA DI ALGORITMO ALLA DIARREA CHE TI ESCE DALLE ORECCHIE!

        "Mi piace"

  3. Una domanda per il dottor Di Matteo:

    Una paginetta di auguri per dell’utri sul corriere della sera (cairo editore), secondo lei, è uno spazio pubblicitario come un altro??

    Piace a 1 persona