Il “costo psichico” dei tamponi secondo il ministro Brunetta

(nextquotidiano.it) – Anche quando ha ragione Brunetta riesce ad avere torto. E’ diventato virale il video in cui il ministro della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, spiega la logica che si nasconde dietro il green pass ovvero quella del costo psichico che il tampone per tutti.

Secondo il Ministro il sottoporsi al tampone giornalmente crea uno stress tale per cui, alla fine, i non vaccinati vorranno vaccinarsi. Una visione un pochino eccessiva, forse. In questo momento le istituzioni dovrebbero compiere lo sforzo di dividere i no-vax dai timorosi, non sottoponendo indistintamente tutti allo stress “psichico” dei tamponi.

Intanto, dal 15 ottobre grazie al green pass i dipendenti pubblici “torneranno tutti in presenza” : “si partirà organizzativamente dagli addetti agli sportelli e dagli uffici. Entro una, massimo due settimane, a rotazione anche gli altri. Ma dal 15 ottobre la regola per tutti sarà la presenza”. A ribadirlo, in un’intervista a ‘Il Messaggero’, è il ministro per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta. “L’unico punto sensibile – sottolinea – è la sostenibilità dei trasporti. Stiamo facendo un’analisi di impatto. Ci saranno delle fasce orarie più elastiche per ingressi e uscite”.

Per quanto riguarda il distanziamento negli uffici, spiega Brunetta, “il Cts determinerà le nuove regole. Nell’attesa, dove non è possibile mantenere il distanziamento, sarà possibile una organizzazione a rotazione, per fasce orarie”.

Il lavoro agile, spiega ancora Brunetta, “avrà quattro condizioni, che a breve dettaglieremo in un decreto ministeriale e in apposite linee guida: la regolazione nel contratto, alla quale sta lavorando l’Aran con i sindacati, un’organizzazione del lavoro per obiettivi e monitoraggio dei risultati, una piattaforma tecnologica dedicata e sicura e la verifica della customer satisfaction. Lo smart working sperimentato sinora nella Pa è stato utile nell’emergenza, ma non è stato un vero lavoro agile”. Lo smart working, spiega ancora, “si può fare solo se migliora i servizi e l’efficienza dell’amministrazione”.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

4 replies