Roma, Pippo Franco si candida con Michetti: “Potrei fare l’assessore alla Cultura”

(tpi.it) – “Voglio rilanciare la Cultura a Roma”. Con queste parole, in un’intervista al Messaggero, Pippo Franco ha annunciato la sua candidatura alle prossime elezioni comunali a Roma, nella lista del candidato sindaco di centrodestra Enrico Michetti. Il presentatore e comico ex bagaglino, oggi 80enne, ha spiegato che sarebbe interessato al ruolo di assessore alla Cultura: “Certamente il mio indirizzo è quello, un indirizzo artistico. Sono stato anche pittore e ho fatto il liceo artistico. Come assessore posso pure essere d’aiuto”.

La sua proposta da assessore sarebbe quella di “partire dal multiculturalismo”, per “aprirsi alle altre culture, interfacciarsi”. Pippo Franco ammette di non conoscere nel dettaglio la proposta di Calenda di un museo unificato su Roma, ma afferma: “Tutto quello che va ad incrementare questa idea è per me ben accetto”.

Nell’intervista al Messaggero, l’attore e cabarettista dichiara di essere stato convinto dalla proposta di Michetti, non rivelando le sue inclinazioni politiche né i suoi voti nelle precedenti elezioni. Franco con la sua candidatura vuole proporsi come “un punto di riferimento per coloro i quali non sanno a chi rivolgersi. Gli scrittori, i giovani pittori”.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica, Roma

Tagged as: , , ,

22 replies

    • Ah ah ah.
      Comunque se cancelli gli ultimi 30 anni non deve nemmeno vergognarsi di essere nato.
      Io mi ricordo un film con Califano che adoravo.
      Infatti se vivesse il povero Franco potremmo metterlo dove?

      "Mi piace"

      • Ricordo che Pippo Franco ha fatto anche altri due film indimenticabili:

        NERONE.

        e CIAO MARZIANO.

        Entrambi curiosamente attuali, il primo parla dell’uomo forte e l’altro dello straniero stralunato.

        Da rivederli con gioia.

        E poi la canzone America, che ce vengo affà con la sedia elettricat del Connecticat.

        "Mi piace"

  1. Nel livello medio esistente nei partiti del centrodestra, un Pippo Franco non sfigura sicuramente. È in linea con altri prodotti tv catapultati da Mediaset alla politica per asservire gli interessi del proprietario.

    "Mi piace"

  2. Non ho capito se dice sul serio o se sta solo spoilerando la trama del suo prossimo film, destinato (come del resto i precedenti) a suscitare al massimo qualche risata di compassione.

    "Mi piace"

  3. Non capisco perchè se in gara ci sono la Lorenzini e un Calenda non ci possa stare dignitosamente Pippo Franco.

    "Mi piace"