Il Panthéon di Macron

(Pietrangelo Buttafuoco) – Che tenerezza però, i moderni. Emmanuel Macron è su di giri: Joséphine Baker, ballerina e cantante, è la prima nera a trovare sepoltura tra i grandi del Panthéon. Le spoglie della vedette dai gonnellini di banane morta nel 1975 riposeranno nel tempio dei grandi di Francia quali Marie Curie, Victor Hugo, Emile Zola. Macron non fa che vantarsela come una conquista della civiltà “inclusiva” e tutto questo quando poi nei secoli cosiddetti bui, nel sovranistissimo Medioevo, molti africani erano già sugli altari, nientemeno che santi e dottori della Chiesa. Da Agostino d’Ippona, il numida, passando per San Calogero – dal colore della pece più scura – fino a San Filippo il Nero. E senza Black Lives Matter cui inginocchiarsi.