I pifferai magici

(Francesco Erspamer) – È sulle pagine di Giorgio Colli, grandissimo filosofo italiano ignorato dai tanti che gli preferirono e continuano a preferirgli cialtroni da talk show, che ho capito l’importanza di parlare al proprio presente con durezza. L’alternativa (un tono prudente e conciliante o addirittura desideroso di approvazione) porta a visioni consolatorie e intrattenenti, come fanno da sempre gli americani e ormai, sulle loro orme, gli intellettuali e i giornalisti europei. Le rilevazioni confermano che lo scorso luglio è stato il mese più caldo di sempre, a continuare una tendenza iniziata alcuni decenni fa, in perfetta sincronia con il trionfo globale del liberismo e dei suoi dogmi, privatizzazioni e deregolamentazione, come a dire, tutto il potere ai più avidi e stronzi (i “vincenti”), appiattiti sul presente e sui loro egoismi e dunque disinteressati alle conseguenze di medio e lungo termine delle loro azioni. Ma la gente non ascolta: come i ratti della favola dei fratelli Grimm, segue incantata i pifferai magici dei social e della televisione lasciandosi annegare nel fiume dell’illusione.

Anche il negazionismo del Covid e in generale l’irrazionalismo della destra e l’individualismo della sinistra hanno questo scopo primario, al di là dell’ingenuità di alcuni militanti: squalificare la scienza come già sono state squalificate la cultura, la politica e la religione, ossia tutte le strutture che svolgevano una funzione disciplinante, mettendo in discussione e limitando la libertà di esprimersi e realizzarsi privatamente. Le mascherine e i vaccini sono poco più di un pretesto: ciò che importa ai forzati del piacere immediato e alle multinazionali che lo spacciano, è impedire che la coscienza dell’imminente catastrofe ambientale ponga fine alla belle époque dell’irresponsabilità, restituisca potere allo Stato sottraendolo ai miliardari e alle celebrity, riduca drasticamente sprechi e lussi, restauri comportamenti morali che subordino al bene comune i diritti dei singoli, attraverso vincoli, censure e controlli.

So bene che il partito dei consumisti compulsivi (pensavo che anche in Italia ci fosse la crisi: mai viste sulle strade tante Mercedes, BMW, SUV, macchinoni) e degli adoratori della libertà personale è vasto, arrogante e pronto a tutto pur di conservare i propri privilegi, a cominciare da quello, patetico ma distruttivo, di sentirsi indispensabili e speciali, il sale della terra; so bene che l’egemonia ce l’hanno loro, materiale e ideologica, e che solo quando sarà troppo tardi, e forse neppure allora, lo sconsiderato saccheggio delle risorse sociali e naturali verrà fermato, per non dire della bellezza del mondo (ormai ai più interessa soltanto l’avvenenza fisica). Né ho alcuna fiducia nella possibilità di un ravvedimento dei liberisti e dei liberal: che dopo di loro venga il diluvio gli va benissimo visto che il “dopo”, come del resto il prima (la disprezzata Storia) non li riguarda. Solo la strenua resistenza di coloro che ancora pongono le proprie comunità e tradizioni al di sopra di sé stessi potrebbe salvare il pianeta, la civiltà, l’Italia. Ma non potremo concederci scrupoli o esitazioni perché gli edonisti non ne hanno.

3 replies

  1. Queste sono le Parole da dire, ma mancano di un collaterale indispensabile da afferrare, interiorizzare e ripetere come un mantra: non é giusto far pagare ad altri il mio comfort, e ci sono *miliardi* di cosiddetti altri chi io non vedró mai ma che sono ogni giorni coinvolti dal mio stile di vita in una maniera della quale io sono sicuro non vorrei esperire un cacchio perché fa troppo schifo. Ë quella che chiamo “Giustizia”. E la “ingiustizia* che vivo ogni giorno che mi sveglio ed uso il “mondo” a portata di mano.

    "Mi piace"

  2. Continuo a pensare che l ‘essere umano (homo sapiens) sia giunto per ultimo su questo pianeta e sarà il primo a scomparire. Forse stiamo fissando la data della sua scomparsa?

    "Mi piace"

  3. Purtroppo la “scienza” – cioè i medici che noi chiamiamo “scienziati” – si sono ampiamente squaliificati da soli. E tutti ci sono caduti. Devo ricordare un piccolo elenco?
    E’ come un’ influenza; le mascherine non servono; idrossiclorochina; vigile attesa; virus clinicamente morto; non ci sarà un’ altra ondata; ospedali pieni/no ospedali vuoti; vaccino italiano pronto e migliore; astrazeneca over/under/over/ under…; virus uscito dal laboratorio
    /impossibile virus uscito dal laboratorio; basta una dose/ci vuole la terza dose; … Oltre ad andare a cercare col lanternino i più improbabili Paesi che “vaccinano più di noi” (giusto un paio e le performances non sono granchè, come si vede).

    Un modo per far vaccinare molti renitenti sarebbe far scegliere il vaccino, ma Astrazeneca costa poco, quindi per i vecchi…
    Direi che la percentuale di vaccinati raggiunta, nonostante tutto questo ambaradan, sia già al di là di ogni realistica aspettativa.
    Meglio accontentarsi, direi, ma sanno che da noi si può calcare la mano. Ora sono tutti indaffarati solo ad “accogliere” migliaia di Afghani. Per quanto riguarda il Covid laggiù assoluto silenzio: saranno “naturalmente immuni” come (erano) gli indiani?

    Tutto pur di non occuparsi di scuola, trasporti, sanità, lavoro, povertà autoctona, in vertiginoso aumento. I bambini italiani poverissimi non fanno pena: non ce li mostrano mai. Ed i nostri “prenditori” ora prenderanno anche decisioni di sanità pubblica: un nuovo escamotage per non spendere in presidi, demansionare, licenziare e… far capire anche ai più renitenti che sono i nostri padroni. Anche del nostro corpo e della nostra salute.
    E i sindacati già calano le braghe. Come al solito: devono conservare la “poltrona” o anche solo i “permessi sindacali”.

    "Mi piace"