Cyberfaccedaculo

Estratto dell’editoriale di Marco Travaglio sul Il Fatto Quotidiano del 04/08/2021 dal titolo “Cyberfaccedaculo” – Qualcuno forse ricorderà che, tra le poderose ragioni della guerra dei renziani e del resto del centrodestra al Conte-2, insieme all’imprescindibile Mes, ai tecnici del Recovery e al Ponte sullo Stretto, c’era la fondazione o agenzia pubblico-privata per la cybersicurezza, coordinata dal Dis presso Palazzo Chigi. […] Il 9 dicembre, in Senato, l’Innominabile strillò: “Così si aggira il Parlamento. Se nella legge di Bilancio ci sono norme sulla governance del Recovery e sulla Fondazione per la cybersicurezza, votiamo no” (lui che nel 2016 aveva tentato di piazzare l’amico Carrai a capo di un’Unità di missione sulla cybersecurity a Palazzo Chigi, poi stoppata da Mattarella). Il 30 dicembre Conte insisté col progetto, anche perché l’Italia rischiava di perdere i 2 miliardi Ue. Ma, oltre ai renziani, insorse pure il Pd: Linkiesta, mai smentita, scrisse che “Zingaretti, Orlando e tutto il vertice Pd hanno notificato a Conte che questa Agenzia non si farà mai”.

23 replies

  1. Allora erano tutte scuse buone solo a creare le condizioni per poi far cadere Conte, e allo stesso tempo creare un governo con tutti dentro, probabilmente nel loro disegnino un bel governo di tutti ma senza il m5s…..

    Piace a 1 persona

    • @Rob Erto

      Certo, il M5S “dentro” gli ha rotto proprio le uova nel paniere.

      Ora grazie al M5S “dentro” i reati contro la pubblica amministrazione (corruzione e concussione) diventeranno improcedibili nel momento stesso in cui arrivano vagonate di soldi.

      Tra l’altro il M5S “dentro” aveva accettato la schiforma Cartabia senza nemmeno le timide richieste di Conte.

      Da “dentro”, si diceva, possiamo controllare meglio, da fuori no.

      Bene, noi da fuori ci eravamo accorti che la riforma Cartabia era una schifezza, bastavano intelligenza e cultura di medio livello per capirlo.

      Loro da “dentro” l’hanno capita bene la schiforma ma hanno finto di non capirla per amor di poltrona, col sostegno del guro che vuole salvare dal processo il suo pargolo prepotente, arrogante, una merda di persona a prescindere che ci sia stato o meno lo stupro (anche se l’ipotesi dello stupro di gruppo è molto più convincente della gang bang consenziente).

      “Dentro” è meglio?
      Vallo a dire alle vittime di reati in processi improcedibili.
      Dentro e meglio se a prenderlo – ti faccio immaginare dove – non sei tu!

      Sempre a tifare Rob Certo?

      "Mi piace"

  2. del presunto attacco alla regione Lazio non mi è chiara una cosa
    se è stato un ransomware che ha preso in ostaggio i dati, e che chiede un riscatto per liberarli,
    si può parlare di atto terroristico nel caso in cui il SW non sia particolarmente diffuso nell’area
    e praticamente nessun altro l’abbia ricevuto, altrimenti è un volgare atto d’estorsione
    che nulla ha a che fare con l’attività specifica dell’attaccato, checché ne straparli Zingaretti,
    è banale pesca a strascico che ha trovato il pollo giusto nel posto sbagliato.

    anche se ho avuto modo di ricevere una mail confezionata in modo perfetto:
    mittente tra quelli da cui avrei potuto riceverla, oggetto coerente con l’attività che
    svolgeva il mittente e con i lavori intercorsi tra noi, quello che mi ha salvato è stato il fatto
    che era fuori tempo massimo e quindi non giustificata, ma per il resto era ben confezionata,
    dunque il giudizio corretto in merito si può dare solo vedendo il messaggio origine del tutto.

    dopo che ho scritto, per scrupolo ho cercato se altri ne hanno parlato e se c’erano notizie in merito
    ed ho trovato che la seconda ipotesi parrebbe la più accreditata, avrebbero identificato il SW
    nel RansomExx già noto per essere stato utilizzato contro enti statali di altri paesi
    immagino lo usino contro enti per via della gran quantità di dipendenti scarsamente istruiti
    in informatica e facilmente attirabili nella rete del click su documenti contenenti il codice maligno.

    la cosa grave non è il tanto il metodo dell’attacco ma il risultato che esso ha ottenuto
    parlano di sottrazione di dati e di criptazione di dati, che ovviamente sono cose differenti.

    la prima può essere attinente si allo spionaggio, ma bisogna vedere di che dati si tratta, dato
    che avere un elenco nomi utente – password – dati in chiaro dell’utente, è roba che poi si vende
    nel rinomato dark webbe, più che essere utilizzato da attori statali dediti allo spionaggio
    mentre la seconda è estorsione pura e semplice, che gli frega ai russi (come attori statali solitamente
    chiamati in causa) della campagna vaccinale nel Lazio, ora poi che saremmo già oltre il 60% di vaccinati.

    inoltre sembra che ci siano pure problemi sui dati archiviati in backup, o in sistemi
    di disaster recovery, e questo è grave perché toglie l’unica vera arma da opporre,
    un vaffa ai delinquenti, si spiana tutto e si ricostruisce, tempi lunghi è vero, ma non si paga altro.

    se notizia fosse vera, ci sono due effetti, il primo è che bisogna pagare, sperando
    che diano le chiavi per lo sblocco e non una pernacchia sonora lasciandoti in mutande,
    il secondo è che i gestori del sistema informatico risultano con uno profilo lavorativo un po’ troppo sovrastimato,
    per essere clementi, dato che il sistema di salvataggio non deve essere accessibile se non dagli addetti e,
    se altri hanno avuto accesso allora i permessi sono stati dati a troppe e mal fidate persone
    che non avevano le competenze necessarie e neppure la reale necessità di avere quegli accessi.
    inoltre una attività di criptazione richiede che i sistemi risultino o lunghi nel tempo (fare le cose poco
    alla volta per non destare allarmi e quindi l’attacco sarebbe partito mesi addietro) o, se veloci, i dischi
    rigidi avrebbero dovuto avere una insolita attività non giustificata e credo che esistano sistemi che
    le rilevino e quindi mettano in allarme i responsabili – idem per una eventuale attività non giustificabile
    sulla rete in uscita.

    quello di cui scrive Travaglio è tutta roba a monte di ciò, che deve esistere ben prima e che deve
    avere funzione di controllo su quel che gli apparati statali sensibili attuano di tutto quello che è stato
    studiato al fine di prevenire queste situazioni, ma da noi è solo lotta per la poltrona, posti
    che poi vengono presi dal “Zingaretti” di turno, che spesso parla più per slogan che per competenza
    e che risulterà sempre come giocatore in difesa che piange sul latte versato accusando il cattivo
    d’essere il più cattivo così da dargli l’alibi per la loro incompetenza.

    quindi per il caso specifico è fuori tempo massimo.

    cinghiali e monnezza a parte.

    ovviamente sono i miei 2 copechi

    "Mi piace"

    • Semplice: un dipendente regionale in SmartWorking è entrato in un sito porno, arrecando danno alla sua Regione, sia facendo finta di lavorare sia aprendo la porta a qualche Malware…..

      "Mi piace"

    • Discorso troppo “normale” e serio, e quindi incomprensibile, e anzi sospetto, per una platea di grillini con la bava alla bocca/percettori del reddito

      "Mi piace"

    • È perfettamente inutile rispondere al plurispecializzato di Bologna, che non ha scoperto ancora le notifiche, ma mi piacerebbe capire quando mazzinga avrebbe detto che trattasi di attacco politico. E che il destinatario fosse proprio lui in quanto mazzinga.
      Non avrò mai risposta, forse il renziano f può farcelo sapere.

      "Mi piace"

  3. Semplice: un dipendente regionale in SmartWorking è entrato in un sito porno, arrecando danno alla sua Regione, sia facendo finta di lavorare sia aprendo la porta a qualche Malware…..

    "Mi piace"

  4. segue
    “Il progetto, nato sotto il governo Gentiloni e rimasto nel cassetto sebbene finanziato con 2 miliardi di fondi europei, serviva ad attrezzare lo Stato contro gli attacchi hacker. Ma bastò che lo riproponessero Conte e il capo del Dis Vecchione per scatenare l’allarme democratico: orrore, scandalo, abominio, chissà cosa c’è sotto di losco.
    Il 6 dicembre, prima di bloccare il Pnrr in Consiglio dei ministri, l’italovivo Rosato tuonò: “Guai a inserire nella legge di Bilancio la cybersicurezza”. E la sua spalla dem Delrio rincarò su Rep: “Sulla cybersicurezza, senza il parere positivo del Copasir, non si deve procedere”.

    "Mi piace"

  5. He sì, la lettura di questo articolo ti mette di cattivo umore pure se stai spaparanzato su un lettino in riva al mare sotto un sole splendente ed un venticello carezzevole mentre splendite ragazze ti passeggiano davanti ancheggiando.
    Nei periodi di ferie forse bisognerebbe staccarsi anche da tutto questo schifo politico, basta proibirsi di leggere certi articoli.
    In ferie bisognerebbe leggersi il Messaggero, così ti prendi le ferie anche dalla realtà.
    E ci guadagni in serenità e salute.
    Anzi, ora mi faccio una capatina su Dagospia.
    Ciao ciao

    "Mi piace"

  6. Finalmente Marco ha realizzato che a far cadere Conte non è stata solo Italia Morta ma anche il PD (escluso Zingaretti)…adesso manca capire che c’era anche Leu nel complotto e che Fratoianni si telefonava con la Meloni… Mattarella non aveva molta scelta

    "Mi piace"

  7. Prendo il titolo da un giornale autorevole di destra: repubblica

    Ponte sullo Stretto, il ministro Giovannini: “Entro la primavera il progetto di fattibilità”

    E il M5* muto. 🤦🏻‍♂️
    Ingoiare rospi ti ci abitui ma un ponte è dura. Se il M5* fosse un farmaco avrebbe il bugiardino in uscita a fascicoli settimanali.

    "Mi piace"