Il Salvini “draghista” fa flop in tv

Ricordate quando Matteo Salvini era la star incontrastata dei talk show? Con i conduttori che se lo disputavano, mani giunte e in ginocchio, neanche fosse Cristiano Ronaldo o Angelina Jolie?

(pressreader.com) – di Antonio Padellaro – Il Fatto Quotidiano . Ricordate quando Matteo Salvini era la star incontrastata dei talk show? Con i conduttori che se lo disputavano, mani giunte e in ginocchio, neanche fosse Cristiano Ronaldo o Angelina Jolie? A tal punto riconoscenti, se finalmente appariva, e abbacinati come i pastorelli al cospetto della Madonna di Fatima, da apparecchiargli intere trasmissioni, quanto è buono lei, perché si esibisse nei pallosissimi comizietti, impossibili da interrompere come un’emozione in luna di miele? Be’, se vi siete dimenticati del Salvini superstar, poco male, visti gli ultimi, implacabili ascolti culminati, si fa per dire, con il Salvini superfiasco di sabato sera. Quando, intervistato a In Onda da Concita De Gregorio, ha raccolto un ascolto, o meglio un pianto, del 3,83 % (597mila spettatori). Quasi doppiato su Rete 4, alla stessa ora, da Stasera Italia, la trasmissione concorrente condotta da Veronica Gentili: 5,72-5,97% (916- 996mila spettatori). Sono sfaceli che possono avere tra le varie concause il contesto televisivo, con il pubblico a cui si rivolgeva, quello di La7, più orientato a sinistra e quindi meno propenso a dare retta al leader leghista. Può esserci poi l’incombente concorrenza, anche televisiva, di Giorgia Meloni, percepita dal pubblico come più autentica e ruspante rispetto all’ex Capitano, criticato per le troppe parti in commedia, poco di lotta e troppo di governo. Uno che nel non troppo fertile immaginario sovranista, viene accostato ai cacciatori di poltrone (argomento che la leader di FdI, per carità di destra, evita di sollevare). Del resto, i fanatici del Salvini con la bava alla bocca dedito alla caccia all’immigrato, stentano a riconoscerlo: la mattina entusiasta di Mario Draghi, il pomeriggio che si vaccina e alla sera zitto e mosca sui parlamentari del Carroccio in piazza con i No-Vax e i No-Pass. Può essere infine che, dài e dài, anche il nostro sia rimasto vittima della sindrome di Matteo Renzi, la cui sola visione comporta un’immediata pressione sul telecomando, e non certo per alzare il volume. Anche in questo i due Matteo sono gemelli.

16 replies

  1. “Può essere infine che, dài e dài, anche il nostro sia rimasto vittima della sindrome di Matteo Renzi, la cui sola visione comporta un’immediata pressione sul telecomando, e non certo per alzare il volume.”
    AAhhahah, in effetti è quello che faccio appena li vedo, non riesco a sentire le loro voci neanche per 10 secondi.

    Piace a 2 people

  2. Sabato,1 quando Concita ha sbolognato il povero Caselli per dare spazio a Salvini con Berlusconi al telefono, mi ha davvero urtato il sistema nervoso

    Piace a 2 people

  3. In questo caso lo sfacelo, tra “le varie concause del contesto televisivo” ha un’altra causa: la Concita, fuori luogo in un programma che funzionava, insopportabile nella spocchia e non affidabile nelle valutazioni pseudo-giornalistiche

    Piace a 3 people

  4. Spett.le direttore Padellaro, certamente il Salvini odierno è una frana, politicamente e d’immagine in tv, ma questa estate con la sciaquetta, la De Gregorio, che ci propina la rete, è inguardabile e vomitevole. Se so che itra gli ospiti sono presenti personaggi di un certo livello, riesco a guardare, tipo, il procuratore Gratteri, un Giornalista (nota la G maiuscola) che non lecchi il culo a Draghi e al governo dei…migliori….lo so sono pochini e tutti di max 2 testate e sappiamo quali. Ma quando ti fanno una intervista (intervista?) a Sabino Cassese viene semplicemente il voltastomaco, soprattutto se paragoni le interruzioni fatte a Gratteri e il monologo concesso al nulla di Cassese. Una conduzione veramente squallida di una donna senza vergogna nel fregiarsi del titolo di giornalista. Inguardabile.

    Piace a 4 people

  5. Due inutili personaggi. Salvini , un essere mentalmente scollegato, un crapulone che riesce a dire tutto e il suo contrario diverse volte nel corso della stessa giornata . La signora De Gregorio semplicemente raccapricciante nell’ intervista a Gratteri: mi sono vergognata io per lei che ormai non è più una giornalista ma una giornalaia al soldo di chi la paga.

    Piace a 3 people

  6. Lo squallore e la supponenza di Concita sono ineguagliabili, il dr Caselli è stato un grande signore.Io l’avrei mandata a fan culo in diretta.

    Piace a 2 people

  7. Padellaro, esimio giornalista sempre da me assai stimato, però, qui ha la vittoria facile, eh.
    Non già per il Matteo papeetiano, che è sulla via del tramonto da un pezzo nonostante coloro che strenuamente continuano a votarlo, quanto per il fatto che la Concita (sic) sia una delle più nefande forme di giornal(ett)ismo italiota, demenziale e sempre e comunque di parte (cioè di destra-benché-sedicente-sinistra), riesca a tramutare in sterco tutto quel che dice e fa, nel suo terrificante programma televisivo – che io non ho mai visto per aver spento la TV da anni e anni, se non per il video con Gratteri, postato in questo blog da qualcuno qualche giorno fa; ci tengo a precisarlo.
    Insomma, con un programma da e per cerebrolesi del genere, poteva chiamare Gandhi e traformarlo in Hitler solo per le puttanate che vengono dette, tra lei (ri-sic) e Parenzo, mi spiego? Salvini poi… pure ci mette del proprio e continua a far sempre più pena. 🤷🏼‍♂️
    Come si pensava che potesse andare? 🤦🏼‍♂️

    Piace a 1 persona

  8. Concita è una perfetta dama di compagnia, al di là della simpatia è Parenzo che regge il programma anche se gli invitati parlano tutti la stessa lingua

    "Mi piace"