Tempo di mea culpa

(open.online) – Una situazione «al di là delle più rosee aspettative». Massimo Galli, direttore del dipartimento di Malattie Infettive al Sacco di Milano, è sorpreso dai numeri registrati in Italia in merito all’epidemia di Coronavirus. Quando ad aprile il governo Draghi aveva deciso di allentare le misure di contenimento, il medico era stato tra coloro che avevano messo in guardia dai rischi.

«Alla luce della situazione di allora, c’era il 10% di probabilità che le cose andassero bene», dice al Corriere della Sera. «È andata così e ne sono felice». A contribuire è stata soprattutto la campagna vaccinale, che nelle ultime settimane è riuscita a ingranare «comportando una svolta che non sarà temporanea». L’immunizzazione, inoltre, sembrerebbe aver funzionato meglio da noi che in altri Paesi: «Merito anche degli anziani che hanno fatto in modo di esporsi il meno possibile al virus. Ma anche – sottolinea – dei nostri inviti alla prudenza».

Consigli che qualcuno aveva letto come catastrofisti, ma che secondo Galli, anche alla luce del presente, non lo erano: «Quell’etichetta mi è stata attaccata per motivi politici e molto poco nobili». Alla luce della situazione, dunque, per il medico non c’è possibilità che in autunno andremo incontro a un’ondata simile a quella dello scorso anno. Ma l’importante è non perdere in ritmo: «Vanno vaccinati il più possibile i giovani per poter riaprire le scuole in sicurezza a settembre». E non bisogna solo guardare alla fasce scoperte di casa nostra, ma cercare di superare le difficoltà a livello mondiale: «Esistono interi Paesi in Africa e in Sudamerica che non hanno mai visto nemmeno un vaccino».

7 replies

  1. Ha funzionicchiato…

    Tanto si è capito che a settembre richiudono tutto. Pure Draghi ha detto che i vaccini potrebbero essere inefficaci contro le “varianti”. L’estate è un po’ come l’ora d’aria per i carcerate.

    "Mi piace"

  2. Nella speranza che ora – per tutta l’ estate – faranno tracciamento e sequenziamento dei nuovi casi per studiare varianti e immunizzazione (o meno) dei vaccinati alle varianti in circolazione, altrimenti saranno cazzi amari in autunno!

    Piace a 1 persona

  3. dai che l’OMS rinomina le varianti
    l’inglese sarà la Alpha
    la sudafricana la Beta
    la brasiliana la Gamma
    le due indiane Delta e Kappa
    L’alfabeto greco ha 24 lettere.
    ma la Epsilon, Zeta, Eta, Theta e Iota sono già stati prenotate per rappresentare le varianti
    già osservate ma poco diffuse.

    dai pure, che ce ne rimangono 14

    "Mi piace"

  4. «Vanno vaccinati il più possibile i giovani per poter riaprire le scuole in sicurezza a settembre»

    come no, a proposito: ma delle reazioni avverse non ne parla più nessuno?

    Lo sapete che il marinaio Paternò, quello morto marzo scorso (assieme ad un pulotto e ad un caramba) per lo stesso lotto Astronzata, è stato ufficialmente riconosciuto dalle indagini come vittima di una reazione avversa da vaccino?

    E quanti altri come lui?

    E intanto fanno pure gli Astradays per far diventare il vaccino trendy tra i gggiovani.

    E poi il 31 maggio scorso, c’erano meno morti e solo 300 casi di adesso, con tutte le cure e i 4 fantastici vaccini a nostra disposizione, e intanto abbiamo quasi 10 volte il numero di casi di allora.

    Scommettiamo che entro giugno, l’epidemia sparisce, alla faccia dei vaccinisti con la penna?

    "Mi piace"

    • Teso, si sono vaccinate decine di milioni di persone, in un contesto in cui sono morte solo in Italia più di centomila persone, e tu ti stai rovinando il fegato per un singolo caso, e pure dubbio? Perché non ti iscrivi su tinder, e provi a vedere se c’è qualcuna che te la dà?

      "Mi piace"

  5. E’ cambiato quello che sceglieva gli articoli per Infosannio? Oggi gli argomenti più importanti sono la liberazione di Brusca e le condanne dellì’Ilva. Nessun articolo riportato. Si sta facendo informazione o distrazione?

    "Mi piace"