Giustizia, la rabbia dei 5Stelle: “Basta, così ci provocate”

PRESCRIZIONE – SISTO (FI) INTERVISTATO: VIA LA RIFORMA DI BONAFEDE


(di Luca De Carolis – Il Fatto Quotidiano) – Ciò che i 5Stelle non vogliono (ancora) urlare lo sibila un deputato di mattina, dentro Montecitorio: “Se vanno avanti così sulla giustizia io mi faccio esplodere”. Vuole farsi detonare, il grillino della vecchia guardia che ha appena letto le dichiarazioni a Cusano Italia Tv di Francesco Paolo Sisto, sottosegretario forzista alla Giustizia: “Metteremo mano alla riforma della prescrizione di Bonafede, il processo eterno finirà”. Un attacco alla gola del Movimento. “Parole provocatorie e irricevibili” le bolla il capogruppo dei 5Stelle in commissione Giustizia alla Camera, Eugenio Saitta. Vorrebbero dire molto di più, i grillini. Ma fiutano la botola di Sisto, che li morde per spingerli ad andare in frontale contro la ministra Marta Cartabia (nella foto). E il M5S non vuole e non può ancora arrivarci. Anche se è molto preoccupato, dopo l’incontro di lunedì sera tra la ministra della Giustizia e i capigruppo di maggioranza. Perché di fronte ai partiti Cartabia ha tirato fuori i risultati dei tavoli tecnici dentro il suo ministero sulla riforma del processo civile e di quello penale.

E i Cinque Stelle hanno sentito proposte da allarme rosso: partendo delle due ipotesi di riforma della prescrizione, una processuale (tempi massimi per iniziare i procedimenti, e poi termini per completare i vari gradi di giudizio) e un’altra sulla falsariga della proposta dell’ex ministro Orlando, con una sospensione a tempo della prescrizione per i vari gradi. Ma ad agitare i grillini è anche l’idea di rendere inappellabili le sentenze da parte dei pm, fino all’ipotesi che sia il Parlamento a indicare con atto formale i reati su cui indagare in via prioritaria. “L’80 per cento delle proposte sul processo penale non sono accettabili” riassumono. Ed è quello il nodo. Non è un caso che ieri al Fatto Luigi Di Maio lo abbia precisato: “Per noi le priorità sono la riforma del processo civile e del Csm”. Sul resto, è la linea dei 5Stelle, meglio non forzare. E possibilmente non toccare. Certo, il Movimento non vuole ancora andare allo scontro: “Non c’è ancora nulla di scritto, non abbiamo neppure una bozza del pacchetto Cartabia”.

Ma l’umore è plumbeo e il sospetto di un’affinità di linea non casuale tra la ministra e Forza Italia monta, anche nei colloqui ai piani alti. Così la deputata Angela Salafia conta fino a dieci, ma lo dice: “L’unica ragione per cui siamo entrati nel governo Draghi è difendere le nostre battaglie, e la prescrizione è una di queste. Il lavoro fatto si può sempre migliorare, ma non si può buttare via”. Però lì fuori c’è sempre Forza Italia ad attizzare il fuoco, con la capogruppo in Senato, Anna Maria Bernini: “Le critiche dell’ala giustizialista alla ministra Cartabia confermano che le linee generali della riforma illustrate ieri alla Camera vanno nella giusta direzione”. Verranno giorni difficili, per i Cinque Stelle.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

14 replies

  1. Giorni difficili x i 5*
    Non sia mai che gli chiedano di rinunciare alla poltrona in cambio di un minimo di coerenza,

    "Mi piace"

    • E PIANTALA!
      Ma ti vorresti far passare ancora per 5s deluso?
      Ma chi ci crede, con tutto questo ASTIO CONTINUO e neanche l’ombra di sostegno?
      Vai dal tuo capitone, va’…

      Piace a 1 persona

      • @anail
        Molto probabilmente ami il letame dove sguazzi,
        Continua a votare i delinguenti con cui spartisci il gruzzoletto e non rompermi i cabasisi,

        "Mi piace"

      • Grezzo, oltre che IRRIMEDIABILMENTE ignorante. Il letame lo fornisci tu ad ogni piè sospinto a questo povero blog.
        E tu non ci sguazzi… LO SEI E LO RAPPRESENTI.
        Non sei neanche degno di lavare i calzini sporchi di Bersani che tanto disprezzi, dopo aver votato LEGA.
        Pensa tu da che pulpito.
        La fissa di queste “spartizioni di gruzzoletti” deve derivare da qualche rimorso di coscienza, eh, delinGuente?
        Non sono terminologie che mi si attaglino, a te sì, è evidente…

        "Mi piace"

  2. E chi lo dice che verranno giorni difficili?C’è tanta euforia in giro,basta ascoltare il sottosegretario ai trasporti Cancelleri e le giravolte del ministro degli esteri lator dei messaggi di Biden.

    Piace a 2 people

    • @anail
      Dici di non sguazzare nel letame, eppure difendi giornalmente la banda di mafiosi che occupano le stanze del potere romano, lo difendi e ne declami le bonta, dovresti fare piu attenzione alla melma che freguenti.

      "Mi piace"

  3. E’ il momento di colpire, e colpire duramente, per il bene della Patria: la casta dei pm delinquenti è sulle ginocchia, e gli scappati di casa per continuare a guadagnare il loro stipendio voteranno sì a qualunque cosa

    "Mi piace"

    • E per difenderci dalla “casta dei PM delinquenti” vuoi che la magistratura tutta sia succube della “casta dei POLITICI delinquenti”?

      Mi sembra un’ottima soluzione, complimenti.
      Una magistratura forte coi deboli e debole coi forti fa gioire tutto il popolo.

      Piace a 1 persona

      • Deve anche capire il pover F., per i piccoli fans dei politici delinquenti cancellare quanto fatto in materia di Giustizia è una priorità, resta solo da capire se anche il succitato F. partecipi alla mangiatoia o si uno dei tanti decerebrati che godono a farsi mettere le mani in tasca

        "Mi piace"

      • Già, se c’è qualcosa che non mi ha fatto pentire di aver votato M5S è proprio la riforma dell Giustizia.

        "Mi piace"

  4. Angelo Rinascente Maragliano (medico)
    Ma come si può pretendere di riformare la Giustizia con decine di parlamentari inquisiti, condannati, corrotti fino al midollo? Due governi son caduti sulla prescrizione, l’arma dei potenti per sfuggire alla legge. Ancora c’è qualcuno che crede di poter incidere nell’applicazione di una legge equa per tutti i cittadini? Il Parlamento è ridotto da tempo a una palestra di bulli, nominati in funzione di approvazioni di norme utili ai corrotti e agli indagati, per sfuggire alla Legge. Berlusconi, Salvini, Renzi e Meloni non permetteranno che, dopo aver fatto cadere due governi, possa passare una riforma della giustizia. Questo governo è nato con la garanzia che tutto ciò che nel precedente governo era stato fatto per cambiare, venisse stoppato, in un percorso di volgare e arrogante RESTAURAZIONE. Riforma della Giustizia, grandi opere inutili e dannose, veri serbatoi di ricchezza e di voti per i soliti noti, nuova legge elettorale da fare per il mantenimento in vita della cricca e per la sua conquista del potere, Recovery fund, PdR. Questo il collante del governo Draghi. E la prova sono alcuni ministri e vice ministri “chiave” nominati in funzione del raggiungimento di questi obiettivi. Il M5S, il PD e LeU sono alla “prova del 9”: se lasciano che tutto ciò accada, specie la riforma della Giustizia e le grandi opere inutili e dannose, oltre la legge elettorale e l’elezione del PdR, pagheranno un prezzo salatissimo e lasceranno che l’Italia torni indietro di vent’anni.

    "Mi piace"

  5. @ viviana v.
    La “prova del 9″ è già stata fatta con l’oscena ammucchiata a spartirsi poltrone e strapuntini.
    La piena restaurazione dell’ancien regime sta accelerando e questi (illusi o in malafede?) ancora
    a domandarsi, come il Totò rintronato dalle sberle in un celeberrimo sketch, :”Mo’ vediamo questo
    dove vuole andare a parare.”
    Bisogna essere sordi, ciechi e pure imbecilli per non aver ancora capito che cosa sta succedendo.

    "Mi piace"

  6. Anna Maria Bernini: “Le critiche dell’ala giustizialista alla ministra Cartabia confermano che le linee generali della riforma illustrate ieri alla Camera vanno nella giusta direzione”

    BENE, siamo nella ‘giusta direzione’.

    APPENA GENNAIO SCORSO E’ STATO PRESCRITTA LA STRAGE DI VIAREGGIO, accaduta meno di 12 anni fa!

    32 persone MORTE IN CASA LORO E PER QUESTO NON CONSIDERATE INCIDENTE SUL LAVORO (aggravante).

    Ma ci rendiamo conto o no?

    E a Casale Monferrato continuano a crepare, nel TOTALE SILENZIO, dell’amianto ETERNIT, anche questo PRESCRITTO.

    Cioé, la gente continua a morire illegittimamente per un reato PRESCRITTO.

    Questo è quello che vuole la marmaglia PD+LEGA+FI+RENZI (quello che ‘dovremmo riformare la prescrizione’ dopo la sentenza Monferrato Eternit, 2014).

    MA CI RENDIAMO CONTO O NO?

    Come è possibile che i cittadini di Viareggio non facciano mai proteste? Il PD gli ha messo la mordacchia o cosa?

    Roba da incatenarsi davanti a Montecitorio!

    I 5 STELLE ESCANO SUBITO DAL GOVERNO.

    Non diano alla BOLDRINI CIELLINA la possibilità di distruggere ogni stato di diritto in Italia!

    Piace a 1 persona

  7. Per Aloysius
    il fanatismo e l’ignoranza sono la peggiore cecità
    Purtroppo anche quelli che contestano i 5 stelle ne sono affetti
    Non ci salveremo mai

    "Mi piace"