Grillo trasforma il presunto stupro di una donna in una commedia da teatro. E il figlio lo mima

(Luca Telese – tpi.it) – Il gioco delle maschere intorno alla ragazza ferita: c’è un dettaglio apparentemente marginale, e in realtà incredibile nelle due principali testimonianze che abbiamo visto scorrere a Non è l’Arena sul caso di Ciro Grillo. Immagini che sono una perfetta fotografia sintetica di questa orribile vicenda, uno stupro denunciato e negato.

Nella prima c’è una donnaParvin Tadyk (madre di Ciro Grillo) che addirittura nega al cronista che la interroga di essere se stessa: “Non sono io”. E che per un lungo periodo in cui il suo dialogo è registrato dalla telecamera rifiuta sdegnata ogni domanda sul processo che incombe su suo figlio e sui suoi tre amici, gli stessi su cui grava l’accusa di stupro.

“Non sono io, le assomiglio”, un copione da teatro dell’assurdo che potrebbe avere persino un senso – il dolore, il riserbo, il diritto-garanzia della difesa esercitato fino allo stremo – se non venisse dalla stessa donna che sui social, invece, si è buttata nella mischia. Ha preso parte, ha lottato, ha puntato il suo dito di accusatrice contro la ragazza. Una donna che ha attaccato un’altra donna con queste pesantissime righe: “C’è un video che testimonia l’innocenza dei ragazzi, dove si vede che lei è consenziente: la data della denuncia è solo un particolare”.

Consenziente. Sono tutte “consenzienti”, secondo la difesa, le ragazze che denunciano uno stupro. Tante ragazze, tante storie diverse, ma sempre questa identica argomentazione: ci stavano e poi hanno inventato la violenzaConsenzienti, dunque, le ragazze di “Terrazza Sentimento”, consenzienti anche quando viene somministrata loro la droga dello stupro, consenzienti le due turiste stuprate dai carabinieri a Firenze, consenziente la ragazza stuprata a Cagliari al Poettoconsenziente, ancorché ubriaca perfino l’educatrice di un centro per minori in provincia di Ravenna, rinchiusa in una stanza e violentata per una notte (e poi inseguita da tre video diffusi dai suoi molestatori). Consenziente anche Martina Rossi, morta in Spagna, secondo il sospetto dai magistrati, mentre cercava di fuggire ad un tentativo di stupro.

Il consenso (che non c’è) e il rituale del video (che c’è sempre più spesso): che poi è il nuovo modo di esibire la preda nel tempo dei social. Per spiegare al mondo che quella donna, quella ragazza, sono una tua conquista di maschio seduttore. Si mima l’immaginario del porno, perché non si conosce la lingua dei sentimenti.

Così in quelle righe, la signora Parvin correggeva il tiro della famosa video lettera di suo marito Beppe Grillo: e in teoria – ovviamente – ha tutto il diritto di difendere suo figlio, se crede. Ma è già un fatto opinabile se si esercita questa facoltà per difendere la scelta (orribile in ogni caso) di girare un video durante un festino (e addirittura di diffonderlo). Figuriamoci se poi una madre prende una posizione così difficile e inappellabile contro una ragazza (che fra l’altro non può difendersi), e lo fa tra un commento e l’altro a mezzo social: dopo aver varcato questa soglia diventa incongruo negarsi o denegarsi.

Dopo si perde il diritto di dire: io di questa storia non voglio parlare, non disturbatemi. Perché di questa storia (e di questa ragazza) si discute da quando Grillo ha scelto, a freddo, di attaccarla. E invece la signora Parvin dice di se stessa: “Si sta sbagliando, non sono io, non so di chi parla”. Salvo poi, alla fine dell’intervista, dire all’inviato, passando ad un tu corrivo: “Tanto lo sai che non parlo”.

Non è finita. Il fatto davvero curioso è che nella stessa puntata Massimo Giletti mostrava con sconcerto un’altra intervista in strada, ad un altro dei ragazzi indagati, Edoardo Capitta e specificava: “Dobbiamo avvisarvi: ‘se è lui’, perché come vedrete è accaduto qualcosa di strano”. Ed infatti la scena dell’intervista è questa: anche il ragazzo che l’inviata di Giletti identifica come Capitta si nega e anche lui nega di essere se stesso: “Non sono io. Non deve chiedere a me. Abitiamo nello stesso palazzo, uno al primo e uno al quarto piano. Io non so nulla di questa storia. Se volete un parere – dice il ragazzo con tono paradossale – dovete chiedere a lui”.

E sarebbe forse persino confortante pensare che si trattasse di una vera denegazione, di una resipiscenza, del bisogno di fuggire da se stessodalla propria terribile responsabilità. In questo lungo dialogo con la giornalista, in cui il ragazzo tiene il volto completamente coperto da cappuccio, occhiali e mascherina per non farsi riconoscere, mentre armeggia nervosamente con delle calcomanie per il tuning della sua macchina, aprendo e chiudendo il baule dell’auto, aprendo e chiudendo lo sportello di una Fiat 500, il giovane per un attimo si lascia sfuggire un “sì” (alle domande ripetute sulla propria identità) ma poi torna a negare sul filo del paradosso. Sarebbe bello che non fosse lui, e che fosse dunque qualcuno che (inspiegabilmente) si finge lui, pur negandosi. O sarebbe bello se fosse il rimorso a farlo agire in questo modo.

E invece non è così: Parvin TadjkCapitta e Ciro Grillo (anche lui inseguito con conseguente scena muta) non negano se stessi per istinto, ma seguono un’attenta strategia mediatica e difensiva. E fra l’altro, con la gag del “non-sono-io” mimano a loro volta un modello più celebre: Beppe Grillo. Non è disagio. Non è riserbo. È un format teatrale.

È lo stesso gioco di Grillo quando si faceva inseguire dai cronisti con la sua tuta con occhiali effetto Mosca e lampo fino al viso sulla spiaggia di Bibbona, lo stesso di Beppe con una maschera di plastica da maiale, a Roma, davanti ai giornalisti (capito il fine messaggio?), lo stesso di lui con una maschera da tigre, o con il trucco da clown. Così questo diventa un dettaglio rivelatore di molto altro.

È Grillo che ha preso in mano la linea difensiva del gruppo nell’imminenza del rinvio a giudizio con una mossa disperata, forse – la scelta di attaccare la ragazza – ma anche terribilmente spietata e lucida. Una scelta che arriva, dopo il lungo silenzio, con l’idea di fare terra bruciata e di campionare i capisaldi di una nuova linea difensiva minimale e ustoria in cui nulla è lasciato al caso: “i ragazzi con il Pisello di fuori”, “La ragazza ha denunciato dopo otto giorni”, “il giorno dopo è andata a lezione di kitesurf”.

Un video apparentemente spontaneo, lo sfogo forse eccessivo ma comprensibile di un padre, si è detto (con molta superficialità). Ma come vediamo di spontaneo in quel video (come nella linea di tenuta degli indagati e degli interessati) non c’é proprio nulla. Tant’è vero che nel famoso dialogo con Fabrizio Corona, uno dei tre, Lauria, dice: “Io quando l’avevo visto non ero d’accordo”. Dunque il video era stato visto primadiscussovalutato dal pool dei difensori e dai ragazzi.

È un diritto di difesa anche quello, si potrebbe obiettare. E lo è, a patto che nessuno dimentichi il fatto che la ragazza è stata trascinata nella polvere, screditata, indagata (addirittura da un perito che ha dovuto rimangiarsi i suoi primi proclami inquisitivi) sottoposta a indagine e dubbio ma – soprattutto – investita da una vera e propria bomba mediatica.

Questa ragazzaadditata al pubblico ludibrioridicolizzataesibita come un trofeo sui social e sulle chat, sta subendo (di fatto) un secondo stupro, per effetto di questa gogna pubblica: ha mandato un messaggio all’istruttore dicendo che ci è caduta? Ha preso le sigarette quella notte? Le era già accaduto?

Non chiede soldi, come spiega la famiglia, non vuole un euro di risarcimento, come ha raccontato Gianluigi Nuzzi su La Stampa. Ma tuttavia lei oggi non può permettersi il lusso giocoso di dire “Non sono io”, perché tutti nel suo mondo sanno che è lei. Questa ragazza non può fermare i video e le foto che girano su di lei quella notte. Questa ragazza non può mettersi un cappuccio, una maschera da tigre o da maiale, non può dire “Non sono io”, come un attore che recita una parte, nel confine sottile tra la commedia e il dramma.

68 replies

  1. Io direi basta .. l’arrampicata sugli specchi per dire che Grillo aveva premeditato la performance del video? Se anche fosse?
    Che importanza ha? Non si è sputtanato abbastaza?

    "Mi piace"

  2. “Nella prima c’è una donna, Parvin Tadyk (madre di Ciro Grillo) che addirittura nega al cronista che la interroga di essere se stessa: ”

    Nientedimeno? Ha negato di essere lei davanti alla telecamera di Massimino.
    Allora è colpevole.

    Piace a 2 people

    • Stalkerano come dei pazzi furiosi !! Che tv di m. tutto sommato Telese potrebbe persino fare a meno di fingersi giornalista!! Ha le spalle coperte dalla potente famigliola ..

      "Mi piace"

  3. Caro Telese, ti rispetto e ti seguo sempre con interesse, ma quando ti metti con Giletti sembrate voi gli stupratori e lo fate solo per interesse del cachet che prendi tu e Giletti. Se venissi inseguito da un o una vostra inviata per fare domande e al momento che io vi comunico che non voglio essere intervistato, penso che il vostro dovere sia di lasciarmi perdere. Ma continuate a fare stolker e per la verità io sarei capace di menare chiunque non rispetta la mia volontà di non riprendermi. Per cui è il modo di fare stolking della trasmissione che dà fastidio. Con affetto andate affanc….

    "Mi piace"

  4. Condivido il contenuto dell’articolo.

    Quella ragazza non può negare di essere lei stessa, gira per la città con la paura di essere addidata, e quella mentecatta della moglie di Grillo gioca a negare la sua identità per non rispondere di quanto scrive lei stessa sui social.
    Fa la sua bella cazzo di propaganda contro la ragazza (che vorrebbe far passare da troia e truffatrice) a vantaggio del figlio (che presenta come un ragazzo sporcaccione, che sarà mai signora mia).
    Sperando di trovare un bel branco di militanti pronti a sostenere le ragioni della potente famiglia Grillo.
    E quanti ne trova!
    Uno schifo!
    Se hanno diffuso quel video intenzionalmente, diffondendo immagini porno della ragazza, fanno schifo!
    La famiglia non CHIEDE un euro a quanto pare!
    Quindi la ragazza deve essersi sputtanata, sottoponendosi a questo calvario, perché è complice di un complotto leghista per delegittimare quello che non è più il M5S ma l’Udeur 1.0 (neanche 2.0 visto che non hanno nemmeno una piattaforma)?

    Se Renzi fosse grillino, molti di voi ne parlerebbero bene anche durante la fase saudita.
    Siete tristi.

    "Mi piace"

    • “Quindi la ragazza deve essersi sputtanata, sottoponendosi a questo calvario, perché è complice di un complotto leghista per delegittimare quello che non è più il M5S ma l’Udeur 1.0 (neanche 2.0 visto che non hanno nemmeno una piattaforma)?”
      ——————————————-

      Quindi stai dicendo che non c’è alternativa alla colpevolezza dei ragazzi?
      Ma allora non occorrono le indagini e i processi. Che li fanno a fare?

      Sostenere che le uniche “alternative” siano COLPEVOLEZZA o COMPLOTTONE PLURI LEGHISTA MASSONICO CON SACRIFICIO SESSUALE ANTI M5S, cioè una non alternativa seria, è una pessima fallacia logica.

      Nel processo non contano un cazzo i “militanti pronti a sostenere le ragioni della potente famiglia Grillo”.
      Quindi non si capisce che se ne farebbe la moglie di Grillo dei “militanti” che, a tuo dire, starebbe cercando. Se ne trova tanti fanno irruzione in aula durante il processo?

      “potente famiglia Grillo”

      Ti stai confondendo con Don Rodrigo de I Promessi Sposi.
      I Grillo vengono sputtanati tutti i giorni da tv e giornali. Sono benestanti, ma è scorretto dire che siano “potenti”, come fossero dei tiranni che godono di speciali immunità o favoritismi.
      Il potere ce l’hanno i giudici, la stampa/TV e il Parlamento. Se il M5S non ha fatto leggi pro Ciro, allora la storia dei “potenti” è una cazzata.
      Oltretutto l’avvocato dei potenti non è il loro.

      Piace a 1 persona

      • GUIDO
        Se c’è qualcuno che ha già emesso la sentenza è la famiglia Grillo, non io.
        Di quale passaggio illogico parli?

        Chi ha detto che Ciro è innocente? I Grillo!

        Io non ho mai detto che la ragazza è innocente, constato solo che ci sono elementi per non escluderlo.

        Quindi i “tenente colombo” improvvisati che trovano strano il comportamento della ragazza e spostano l’attenzione su di lei per delegittimarla, parlando di quello che dovrebbe essere di competenza di un tribunale, li trovo penosi.

        Qui la questione in gioco non riguarda piu l’innocenza o la colpevolezza, ma il comportamento squallido della famiglia Grillo.

        Un comportamento privo di ETICA, scandaloso a vedersi in qualcuno che aveva la pretesa di cambiare il Paese in meglio, combattendo anche gli abusi di potere.

        Fidatevi! Se il M5S manda affanculo Grillo ha qualche chance di farcela.
        Ma è fondamentale che alle prossime elezioni non su parli di erezioni.

        "Mi piace"

    • Quando leggo commenti chiaramente faziosi, che negano la realtà dei FATTI (al di là della verità processuale che, al momento, non c’è) provo anch’io tristezza e, quanto più certe persone cercano di nascondere la verità dei FATTI, tanto più sono penose.

      Qui, anche se ci fosse stato il consenso ai vari abusi sessuali, sarebbe servito come minimo il consenso per la divulgazione del video fra gli amici e i conoscenti dei vip genovesi. E qui mi fermo.

      Credo che abbia ragione Dante quando dice”Non ti curar di lor ma guarda e passa”.
      Se essere grillini equivale a essere faziosi fino allo spasimo, sono ben contenta di non esserlo più.
      Evidentemente avevo preso una cantonata.

      @ Andreaex

      "Mi piace"

  5. Magari evitare di andare da Gilletti.. potrebbe in qualche modo evitare un altro sputtanamento di questo sedicente giornalista! Ma tanto ha le spalle coperte dalla potente famiglia della moglie, ecco perché potrebbe permettersi una migliore onestà intellettuale che non riesce proprio ad ottenere! Per l oggetto della diatriba forse sarebbe meglio lasciare fare alla magistratura, non continuare a fare processi e stalkeraggio in tv!!

    "Mi piace"

  6. Non capiasco: tutti garantisti e poi si parla come se i processi fossero già finiti.

    Dal punto di vista politico è però tutto chiaro: fatto fuori Grillo (che ha fatto tutto da solo), ora, per completare la fagocitazione di quello che resta dei 5stelle nel PD (il che alla “Destra” va benissimo: il PD si occupa al solo di immigrati e di gay, lasciando tutto il resto a loro) occorre far fuori Conte che aveva resistito, nel gradimento degli Italiani, nonostante le continue critiche, sputtanamenti e prese in giro coram populi.
    Già se ne sente l’ odore, tra mille distinguo.
    La lotta è impari: vuoi mettere le “forze” di Conte contro la famiglia Letta? E per di più con un PD ancora in gran parte in mano ai renziani anche sul territorio (Emilia Romagna, Toscana,…)?
    Non c’è pezza.

    Piace a 2 people

    • @ Carolina
      Il processo non spetta a noi, sicuramente, ma certi fenomeni di malcostume e di spettacolarizzazione del caso personale (si può dire? Sono nel politicamente corretto?) danno molto da pensare su un leader politico che diceva di voler fare di Travaglio il ministro della giustizia. Vi ricordate, o l’ho sentito solo io?

      Questa dovrebbe rimanere una storiaccia privata. Grillo l’ha resa pubblica quando si è visto perso.
      Quella che chiami “la fagocitazione del M5S nel PD” è stata una manovra pensata e voluta da Grillo stesso per occultare e magari archiviare la vicenda privata. Questo è l’uomo Grillo: fatevene una ragione.

      Piace a 1 persona

      • A me Grillo piaceva solo come comico, quindi non ho alcuna “ragione” da farmi.
        Come osservatrice ho notato però che due anni fa, quando saltò fuori il fattaccio, mi aspettavo che tutti i media (e la politica, allargando il discorso a tutto il M5stelle, il vero bersaglio) ci si buttassero sopra come stanno facendo ora. Invece… silenzio. Ma poche settimane dopo il M5stelle si alleò col PD.

        Sarà stato un caso, forse l’ accordo era a buon punto anche prima, ma dopo la nascita del Governo ci sono stati due anni di silenzio .
        Ora sta per scendere in campo Conte, che gode ancora di buoni sondaggi. Sarà un caso che la storia ritorna fuori , con tanto di Jene (Mediaset) dopo due anni di assoluto silenzio? Cosa e’ successo in questi due anni? Richieste di denaro, tentativi di accordo, ulteriori ricatti? E’ solo un caso che la Bongiorno sia il difensore della parte che si ritiene lesa? Il video è stato confezionato (improvvidamente è un eufemismo!) da un individuo chiaramente esasperato e fuori di sè dalla rabbia : cosa è successo in tutto questo tempo?

        Sia chiaro, le dichiarazioni di Grillo sono inascoltabili, e lo abbiamo detto tutti, ma è anche vero che non è stato ancora concesso il rinvio a giudizio: si va ancora con i “si dice” riguardo al fatto. Grillo è, inoltre, un privato cittadino, non un anziano e sposato Presidente del Consiglio, e il fatto si è svolto tra maggiorenni coetanei, non con minorenni nipoti di Mubarak…

        Sia chiaro: nessuno sconto in caso di colpevolezza. L’ unica cosa che occorrerebbe ricordare è che il colpevole è il figlio del fondatore di un Movimento, non tutto il Movimento da lui fondato. Sarebbe stato come se i guai dei genitori di Renzi fossero serviti a delegittimare l’ intero PD. E Renzi era presidente del Consiglio. Mi pare che il PD non sia stato minimamente toccato dai fatti personali della famiglia di Rignano, ed in fondo neppure Renzi.

        "Mi piace"

  7. Ok ma con questo pippone Telese che vuole dire, che la signora Parvin non poteva negarsi all’intervista di strada? avrebbe dovuto per la gioia sua e di Giletti? e perchè non andare direttamente in trasmissione con Telese in studio, ovviamente… lì lo spettacolo sarebbe lecito e apprezzabile forse? (articolo inutile)

    "Mi piace"

    • Gentile Carmen io ero molto piccola ai tempi, ma ricordo la camminata imperturbabile di Enrico Cuccia, con le mani dietro la schiena (mi pare) imperturbabilmente in silenzio mentre i cronisti lo inseguivano.
      Così si dovrebbe fare. Nessuno è obbligato, in strada, a rispondere alla domande di chiunque gli corra dietro. Ci mancherebbe altro! E su temi tanto sensibili, poi!
      Dovrebbero tacere tutti, sempre.
      Ma la cosa è da tempo confezionata in modo che, se non rispondi, hai qualcosa da nascondere. Non servono più i giudici: il vero tribunale, quello che conta agli occhi dell’ opinione pubblica, lo fanno le Jene (Mediaset) o i giornalisti di Cairo, ecc… quando ti tampinano in strada.
      E traggono loro – i loro conduttori – le conclusioni che “servono”. Ai loro padroni, ovviamente.

      Silenzio e marciare, come faceva invariabilmente Cuccia, dovrebbe essere la regola.

      "Mi piace"

  8. Telese, qui non mi sei piaciuto per niente.
    Già nel leggere “Giletti” ero esterrefatta.
    Adesso il “metodo Giletti” sarebbe in difesa della ragazza STUPRATA?
    E chi l’ha stabilito, tra l’altro, che lo stupro sia avvenuto?
    Questo articolo completamente di parte trasuda tutti i valori distorti che vorrebbe proclamare come verità assolute.
    I primi a mettere i fari sulla vicenda e i suoi protagonisti sono proprio loro, fingendosi dalla parte della PRESUNTA vittima, in un modo squallido e disumanizzante.
    Stalkeraggio, caccia al colpevole, linciaggio mediatico, finta difesa di valori, finti cavalieri dal bianco cavallo in difesa della fanciulla inerme…che infilzano con la spada per farne un trofeo…
    Non c’è un solo pensiero empatico, compassionevole per nessuno, nel “metodo Giletti”, solo bassa propaganda ed espressione di cultura del capestro, utilizzazione feroce delle vicende umane.
    Una specie di CITOFONO amplificato, come Salvini insegna.
    Ma non erano quelli “garantisti”?
    Orrore sopra orrore.

    Piace a 1 persona

    • @Anail
      “chi l’ha stabilito che lo stupro sia avvenuto?”
      Liana, non ho parole. La ragazza, messa a quattro zampe mentre uno dopo l’altro lal penetrava, a un certopunto è svenuta e dopo si è ritrovata in un letto nuda avvolta da una coperta.
      Prova a immaginare la scena, da donna donna non è ripugnante?

      "Mi piace"

      • @Adriana
        Possiamo solo dire che ci sono elementi che possono far pensare ad uno stupro.
        Lo stabilirà un processo se i ragazzi sono colpevoli o innocenti.

        Qui la questione non riguarda più lo stupro per ora solo ipotizzato ma il COMPORTAMENTO di Grillo padre.

        Ma voi vorreste averle persone così arroganti vicine di casa? Con un potere mediatico, politico ed economico notevoli pronti ad utilizzarlo come un maglio in caso di conflitto?
        A prescindere dalle ragioni?
        E questo che chiederei ai difensori a prescindere di Grillo.

        Grillo non ha la statura etica per fare il leader.
        È questo il DATO incontrovertibile.

        "Mi piace"

      • @Adriana,
        al di là che lo stupro ci sia stato o meno – che per quanto mi riguarda non cambia di un trattino il mio disprezzo nei confronti della marmaglia artefice di tale miserevole bassezza* – anche il tuo mi sembra un argomentare sempre ad personam, giacché altrimenti, non potresti non esserti accorta dell’osceno, morboso e spropositato processo sadico-mediatico volto al pregiudizio, alla malafede e a una sordida e sistematica propaganda sulla quale poggiano qualunque doppia morale per farla convergere sulle loro tesi (anche le più miserevoli, le più insignificanti, quale di questo articolo).

        *Non è perché Grillo ti sta antipatico (e quindi nessuna indulgenza!) che ciò autorizzi laqualunque ad affibbiare a lui, alla moglie e al figlio ogni mostruosità a priori. Quello lo facevano nel Medioevo, Adriana, e non dovrebbero farlo le democrazie, non dovrebbero, se no qualcosa non funziona. E’ un “elemento” alla portata di chiunque questo.

        Infine, prova a immaginare un processo in cui mancasse la difesa e ci fosse solo l’accusa, la quale parlasse anche a nome della difesa, non si potrebbe nemmeno parlare di processo, vero? Bene, è esattamente ciò che i Giletti, i Telese e marmaglia simile da lungo tempo fanno impunemente! Con la testardaggine e l’accanimento che neanche i tiranni di quei tempi là…

        Piace a 1 persona

      • @Beyond
        L’articolo di Telese non mi è piaciuto, infatti avevo scritto “basta”…
        Alcune cose che hai scritto di getto non le capisco. E’ evidente che deve esserci un processo e che ci sarà la difesa degli imputati, ho chiesto forse di condannarli e buttare la chiave? Mi sono un po’ risentita con chi nega -a priori- lo stupro.

        Grillo non mi sta antipatico: ho capito dopo qualche anno, e dopo diversi spettacoli e letture del blog, che non è la persona che io credevo. Io non so come tu valuti le persone, io le valuto dalle contraddizioni fra quello che dicono -generalmente ammantato di nobili ideali- e quello che fanno concretamente (generalmente lontano da quegli ideali generosamente profusi a parole).

        "Mi piace"

      • @Adriana.
        Cit. “Alcune cose che hai scritto di getto non le capisco”
        Evidentemente anch’io alcune cose che hai scritto di getto non le capisco; giacché questa tua “postulazione”:

        “Liana, non ho parole. La ragazza, messa a quattro zampe mentre uno dopo l’altro lal penetrava, a un certo punto è svenuta e dopo si è ritrovata in un letto nuda avvolta da una coperta. Prova a immaginare la scena, da donna donna non è ripugnante?”

        A casa mia significa prendere per verità inconfutabili verità che tanto inconfutabili non sono poiché – fino a prova contraria – non sono ancora nè evidenti né dimostrate ma basate solo su enunciati (già accettati per fede) dell’accusa… E questo non è ripugnante. Anzi è democratico.

        "Mi piace"

    • questi sono garantisti con i MAFIOSI. E solo con i mafiosi.

      Lo STUPRO lo hanno messo come assioma. Perchè giletti dice che c’è stato…

      E’ un paese di pagliacci, MAFIOSI, pezzenti e italiani.

      FA SCHIFO al cazzo, usando un eufemismo.

      "Mi piace"

      • @Andrea
        E basta parlare a sproposito di cose che non c’entrano un cazzo con l’argomento trattato.
        Che c’entra la mafia?
        A me Grillo sta MOLTOOOO sul cazzo, lo ritengo un prepotente con uno scarso senso dell’etica.
        Ritengo che sia stato proprio lui ad aver affossato il M5S ben prima del video sul pisello di Ciro.
        Ha avuto il merito di contribuire a fondarlo, il demerito di aver contribuito ad affondarlo.
        Lo posso dire?
        O devo temere chi gli lecca il culo?

        Cazzo c’entrano i mafiosi?
        Chi attacca Grillo diventa automaticamente un indifferente verso la MAFIA?
        Di cosa parli Andrea? Non fare la “Viviana for ever” di Grillo!

        Io per i mafiosi, e solo per loro, ripristinerei la PENA DI MORTE (per chi si è macchiato di decine di omicidi).
        Sedia elettrica, iniezione letale, impiccagione, decidete voi!
        Costruirei prigioni speciali per loro.
        E’ un metodo brutale, incivile, ma l’alternativa a quel metodo è ancora più brutale e incivile.
        Non si può rimanere indifferente alle botte che prende Abele per non fare troppo male a Caino.

        Caino dobbiamo sicuramente educarlo, nel frattempo iniziamo a bastonarlo.
        I processi di civilizzazione di una società durano decenni.
        L’educazione è la vera soluzione ma solo nel lungo periodo.

        Quindi faccio proprio fatica a capire queste tue associazioni.
        I tuoi paralleli con la mafia a chi critica Grillo.

        "Mi piace"

      • @andreaex

        O non sai leggere oppure fai finta di NON capire.

        “Ma non erano quelli “garantisti”?” (Anail)

        I GARANTISTI difendono i MAFIOSI. Quindi se grillo fosse stato un mafioso e/o del centro destra lo difendevano, anche avesse stuprato una bambina di terza elementare. PUNTO.

        Che grillo ti stia sul cazzo lo scrivi su tutti i muri, peccato che tu non abbia capito che il problema non è grillo, ma quei paraculi EX 5 stelle, che dopo aver messo il culo sulle poltrone romane, son diventati come le boldracche di madre ignota.

        Cosa cazzo c’entri grillo lo vedi solo tu. grillo non conta più niente. Gli EX portavoce dei cittadini oramai fanno quello che vogliono e usano conte come statuetta da esibire per puntare a un 10% e al posto fisso, in nome della democrazia diretta, della trasparenza, dei cittadini, del ricambio in politica perchè non sia una professione fino alla tomba e oltre da defunti.

        NON sono io a difendere grillo, ma sei TU che lo attacchi a prescindere. Son cose diverse, come i mafiosi e le persone perbene.

        Se tu attaccassi questo governo INDECENTE, FATTO DI INDECENTI, E CHE NON FA UN CAZZO forse sarebbe meglio. Ma vedo che draghi ti deve piacere molto più di grillo.

        Io di grillo me ne sbatto i coglioni, di draghi no, considerando che fa CAGARE.

        “I processi di civilizzazione di una società durano decenni. L’educazione è la vera soluzione ma solo nel lungo periodo.”

        La pace nel mondo. La fine della povertà in africa e pure nel mondo.

        "Mi piace"

    • @Anail

      Ma chi vuole difendere il METODO GILETTI?

      Ma se da quel PESSIMO METODO esce una verità?

      La verità non va considerata perché è emersa nella trasmissione della D’Urso col pisello?

      Stano modo di ragionare.

      Una verità è una verità. PUNTO.

      "Mi piace"

      • Andreaex,
        dove mai ho scritto che qualcuno volesse DIFENDERE il metodo Giletti? Forse Telese l’ha fatto, con quest’articolo.
        E non ho neanche scritto o sottinteso nulla che avesse a che fare con la verità nella trasmissione.
        Non me la aspetto certo da Giletti, non mi interessa proprio che dica verità o bugie.
        Neanche la verità PROCESSUALE si può considerare la verità tout court, ma me la aspetto dai magistrati, comunque, non da Giletti.
        Ho solo detto che quel modo di fare “giornalismo” è ulteriormente stuprante, in genere, per tutti i protagonisti, vittime comprese.
        È un metodo squallido. L’ho detto con altre parole, ma il concetto è questo.
        Rileggi ciò che ho scritto, perché temo che tu non abbia colto.
        O forse lo confondi con il commento di qualcun altro. Capita, se ce ne sono così tanti.

        Piace a 1 persona

    • Adriana,
      ma perché TU hai visto il video?
      Io no, mentre ho letto l’intervista alla ragazza.
      Come mai, se la cosa è così evidente, non hanno subito rinviato a giudizio i 4 stupratori?
      Questo si chiedeva Grillo, anche se hanno mandato in onda quasi sempre solo la parte degli 8 giorni di ritardo per la denuncia…
      Questo è il link postato da Guido:

      https://www.open.online/2021/05/03/caso-grillo-verbale-ragazza-detto-amica-violentata-fece-spallucce/

      È una versione diversa da quella che ho letto io… Figuriamoci. Se non corrispondono neanche le sue interviste, e queste col video, di che cosa possiamo essere sicuri?
      Se questa versione fosse quella vera, come mai si sono sempre concentrati su questa ragazza, mentre l’altra ha continuato a dormire con tranquillità per ore?
      E se, un quarto d’ora prima dell’appuntamento per il kite surfing, la ragazza era ancora nella casa incriminata e stava male…com’è che poi, alla lezione, c’è andata?
      In un quarto d’ora si è ripresa da una violenza di gruppo e da tutti i sintomi dell’ubriachezza? Mah.
      Non è uno sport così leggero e rilassante.
      E che sia andata a fare kite surfing, subito dopo, è un FATTO.
      Comunque, io direi che non siamo in grado di giudicare.
      Non abbiamo gli strumenti.
      Non è che devo IMMAGINARE una scena come quella che mi hai descritto, e DA LÌ pensare di poter dare un giudizio, solo perché sono anch’io una donna.
      Non me lo sogno nemmeno.
      Giudico questo articolo e le modalità tipiche di Giletti, che non mi pare siano civili, ma solo l’ennesimo “stupro” di gruppo: il nostro e quello della nostra intelligenza, se glielo consentiamo.

      "Mi piace"

    • Tu stai confondendo la morale, che è personale, con la verità assoluta.
      Nessuno di noi sa cosa sia accaduto, se c’è stato il consenso oppure no.
      Qui nessuno sta dicendo che sia certa l’innocenza dei ragazzi, al contrario di chi dice o fa intendere che sia certa la colpevolezza perchè sarebbe impossibile che una donna possa voler fare certe cose.
      Mi sembra un pò poco per sbattere delle persone in galera.

      Qui parlano delle principali fantasie erotiche femminili:

      Fantasie erotiche, parla la sessuologa: “per le donne la più diffusa è quella di prostituirsi o di fare del sesso di gruppo”
      http://www.strettoweb.com/2020/01/fantasie-erotiche-donne-sesso/959646/

      DOMANDA: puoi escludere al 100% che una donna, che forse ha perso i freni inibitori per l’alcol, possa acconsentire a fare sesso con più uomini?

      Se si può escludere al 100%, allora gli uomini sono colpevoli. Ma se non lo si può escludere al 100%, che si fa?
      Li condanniamo per nostra empatia verso la donna?

      Piace a 1 persona

      • @ Guido
        Può darsi che una ragazza abbia scelto di comportarsi come una pornostar…
        Ma farsi riprendere e veder circolare immagini del suo corpo presso gli amici dei vip non credo assolutamente fosse la sua sua volontà. Casi del genere sono già successi . Vi ricordo il suicidio di una ragazza di Napoli che, pur avendo acconsentito al video, si rese conto del dramma in.cui si era messa e non.ha retto.

        "Mi piace"

      • @Adriana

        Nessuno ha mai pensato che si giusto divulgare scene di sesso senza il consenso di tutti i partecipanti. Se ciò è accaduto, è chiaro che chi l’ha fatto ne pagherà le conseguenze legali.

        Piace a 1 persona

  9. andreaex

    “Io non ho mai detto che la ragazza è innocente, constato solo che ci sono elementi per non escluderlo.”
    ———————————————–

    Abbi pazienza, ma sei tu che hai fatto questa domanda retorica:
    “Quindi la ragazza deve essersi sputtanata, sottoponendosi a questo calvario, perché è complice di un complotto leghista per delegittimare quello che non è più il M5S ma l’Udeur 1.0 (neanche 2.0 visto che non hanno nemmeno una piattaforma)?”

    E’ come chiedere: “la ragazza dice il vero o credete a babbo natale”?
    Se escludi altre alternative, è chiaro che stai implicitamente affermando che l’unica alternativa è che la ragazza dica il vero.

    Riguardo ai “tenente Colombo”, credo che sia legittimo avere dubbi, e porsi delle domande, se si è convinti che qualcosa non va nei racconti di quella serata.
    Lo facciamo tutti i giorni su tutti gli argomenti, e non capisco perchè solo in questo caso dovremmo tacere.

    Io ci ho trovato delle cose illogiche nel racconto della ragazza, ma potrebbe essere che invece sono rincoglionito io e non comprendo cose ovvie.
    Si dovrebbe discutere argomentando sulle affermazioni di presunte vittime e presunti carnefici, mentre invece noto che c’è come una sorta di politically correct della morale che ci impone di non contestare la versione della presunta vittima, se non a rischio di essere fatti passare come gente immorale e senza sentimenti.

    Piace a 1 persona

    • @ GUIDO:

      “Abbi pazienza, ma sei tu che hai fatto questa domanda retorica:
      “Quindi la ragazza deve essersi sputtanata, sottoponendosi a questo calvario, perché è complice di un complotto leghista per delegittimare quello che non è più il M5S ma l’Udeur 1.0 (neanche 2.0 visto che non hanno nemmeno una piattaforma)?”

      E’ come chiedere: “la ragazza dice il vero o credete a babbo natale”?
      Se escludi altre alternative, è chiaro che stai implicitamente affermando che l’unica alternativa è che la ragazza dica il vero.
      ———————-

      No Guido, la mia domanda non era retorica. Era una semplice domanda.
      Una “osservazione” che va a favore della ragazza, nulla più.

      Una osservazione, non una ASSOLUZIONE come sostieni tu.
      Una osservazione doverosa visto che molti grillini hanno parlato di complotto senza averne la benché minima prova.

      Questo se analizziamo in modo logico quello che ho scritto.

      IL TEMA POLITICO E’ POLITICO.
      IL TEMA POLITICO E’ GRILLO.
      La ragazza stuprata non sarà un nostro leader di partito.
      La ragazza stuprata non condizionerà la nostra politica.

      Spostare la vicenda dal piano politico a quello processuale è solo un modo per distrarre l’attenzione dalle responsabilità di Grillo padre.

      A ME DEL FIGLIO DI GRILLO NON FREGA UN CAZZO!!!
      Mi auguro che lo stronzetto sia davvero innocente.
      Ed in una certa misura non mi interessa nemmeno la ragazza, anche se può dispiacermi per la gogna mediatica a cui si è sottoposta per chiedere giustizia.

      DOVE STANNO quelle teste di cazzo grilline che davano per scontato l’interesse economico dietro la denuncia della ragazza (visto che Grillo e milionario)? Non hanno nulla da dire?

      "Mi piace"

      • @ andreaex:
        “IL TEMA POLITICO E’ POLITICO.
        IL TEMA POLITICO E’ GRILLO.
        La ragazza stuprata non sarà un nostro leader di partito.
        La ragazza stuprata non condizionerà la nostra politica.”
        Spostare la vicenda dal piano politico a quello processuale è solo un modo per distrarre l’attenzione dalle responsabilità di Grillo padre.”
        ———————————————————————-

        Io ho risposto inizialmente al tuo commento del 4 maggio 2021 ore 23:01, e non ci ho trovato nessun “TEMA POLITICO” in quel tuo commento. Quindi non capisco cosa avrei spostato per “distrarre l’attenzione dalle responsabilità di Grillo padre”. Il tuo commento è li e ognuno lo può leggere e verificare se c’è il “TEMA POLITICO” in quelle tue affermazioni.

        Io è da parecchi mesi che critico le scelte politiche di Grillo, quindi non mi strapperei i capelli se non fosse più il garante del M5S. E non so neanche se voterò il M5S alle prossime politiche; se nascesse un altro movimento, con Di Battista leader, forse voterei questo.

        Sul video di Grillo, non partecipo al “tiro a bersaglio” perchè COMPRENDO cosa passa per la testa di un padre, anziano, il cui figlio, dichiaratosi innocente, rischia di finire parecchi anni in carcere. E lui sa che un “figlio di papà” benestante non avrebbe vita facile in carcere.
        E bada bene che COMPRENDERE non è sinonimo di GIUSTIFICARE. Vuol dire semplicemente mettersi nei suoi panni. Avrei COMPRESO anche il padre della ragazza, se avesse fatto la stessa cosa a favore della figlia.

        Piace a 2 people

      • GUIDO
        Lo avrei compreso anche io come padre.
        Capire sì, coprire no!
        Non ho figli ma se ne avessi non farei di tutto per proteggere mio figlio.
        Neanche essere padre lo giustifica.
        Se mio figlio stuprasse una ragazza IO LO VORREI IN GALERA.
        Gli starei molto vicino ma non mi sognerei mai di far venire meno il risarcimento alla vittima.
        Non gli farei mai mancare il mio affetto ma dovrà stare col suo cazzo di pigiama a righe.
        In altre parole non lo difenderei a prescindere solo perché è mio figlio.

        Il TENGO FAMIGLIA italiota mi ha stancato.

        È sintomo di una mentalità mafiosa.

        Che a farlo sia un leader dimostra solo la sua PICCOLEZZA di uomo.

        Non c’è l’ho con te e condivido anche alcune cose da te espresse ma non puoi scrivermi che è carente dal punto di vista logico quanto ho scritto.

        "Mi piace"

  10. Mi pare giusto, @Guido. Ma purtroppo è sempre una questione di “tifo”: o sei buono o sei cattivo, o sei pro o sei contro.
    Legga la mia risposta alla signora Adriana delle 15.32.

    Piace a 1 persona

    • CAROLINA

      Peccato che il TIFO non è quello contrario alle tue opinioni.
      Il TIFO è tipico di chi maneggia i fatti per farli aderire alle proprie opinioni.
      Si riconoscono i tifosi perché cambiano opinione così, senza un perché. Basta seguire le evoluzioni del partito, coincidenti con le loro.
      Perseguono gli interessi del partito o dello schieramento di cui fanno parte o per il quale simpatizzano.
      Ritengono che sia giusto FARE SQUADRA per difendere la verità.
      Peccato che spesso è proprio chi vuole “fare squadra” ad occultare la verità.

      "Mi piace"

  11. Quello che mi rende perplessa è (oltre al fatto che stiamo commentando dei “si dice” come fossero atti di un processo finito con un verdetto di colpevolezza), è la “scusante” del comportamento della ragazza che pare non si sia difesa ( sempre che abbia voluto farlo, non si sa)perchè obnubilata dall’ alcool. Quindi non lucida nè padrona di sè.
    Bene. Vediamo i fatti.
    Tutti i ragazzi passano insieme la nottata – fino al mattino – al Billionaire, dove non si va ad aranciaa e chinotto. In tante ore dovevano essere tutti strafatti quanto meno di alcool. Vanno a casa di Grillo (in queste condizioni) e bevono ancora. Quindi erano tutti ubriachi. Se le ragazze non erano in sè perchè ubriache – e quindi non rispondono delle loro azioni – perchè presumiamo che non lo fossero anche i ragazz? Saranno stati piebnamente coscienti di quello che facevano? Loro sì e le altre no?

    Mi rende ancora più perplessa il fatto che, subito dopo una nottata e una mattinata del genere, una ragazza ridotta in quel modo abbia lo stesso pomeriggio la forza di andare a fare sci d’ acqua “solo un po’ triste”.
    Dopo una baracca del genere durata molte ore, chiunque, tra vomito ed emicrania, ( e tutto il resto) va bene se ha la forza di stare in piedi…
    Superwoman, quanto meno.

    Sono più di semplici “stranezze”, ma sarà il processo a vagliarle: la presunta vittima ha un’ ottimo avvocato, che è anche senatore, quindi avrà tutto il supporto possibile.

    Piace a 1 persona

    • @ Carolina
      Prova a leggere la deposizione della ragazza e della madre di lei. Solo per farti un’idea ,,,
      Per quanto mi riguarda,anche se i ragazzi saranno assolti continuerò a pensare e a scrivere che certi festini mi fanno schifo e che quei padri che difendono i loro figli minimizzando l’accaduto, definendoli “coglioni” con benevolenza, mi fanno altretttanto schifo.

      Sull’altro tema, quello politico, lascio a voi tutte le considerazioni.
      Io ho già preso la mia deciisione su Grllo e chi lo seguirà: non li voterò neanche sotto tortura.

      Piace a 1 persona

      • So per esperienza anche diretta che tante donne possono inventarsi di tutto, ma proprio di tutto.
        Donna non è “meglio”. Per quanto mi riguarda le maggiori bassezze le ho viste e subite da parte di donne. E sembravano angeli. Anche per quanto riguarda le perversioni sessuali ( cosiddette) abbiano ampiamente raggiunto la parità.
        Quindi, per inveire e giudicare aspetto il processo, cercando per quanto possibile di capire le cose che non mi tornano tenendo sempre in mente che la posta politica in gioco è altissima. E di Grillo non mi potrebbe importare di meno. Si cerca solo di comprendere.

        Piace a 2 people

    • Carolina,
      altro che lo stesso pomeriggio!
      Un quarto d’ora dopo, secondo la deposizione (se è vero ciò che si dice in quell’articolo).
      E sono anche d’accordo sulla storia dell’alcol.
      Com’è che essere ubriachi è un’aggravante per gli uomini e un’attenuante per le donne?
      L’alcol rende SUBITO le donne vittime, anche se maggiorenni e capaci di intendere e volere? E colpevoli i coetanei maschi?
      Mi sembra DISCRIMINANTE e si presta ad abusi della legge…
      Lo capirei solo in un minore, maschio o femmina che sia, che vittima lo è già, in ogni caso.

      Piace a 1 persona

      • @ Anail

        Non sai che l’alcol lo reggono molto meglio gli uomini delle donne?
        Pensi che se io e te bevessimo un litro di vino avremmo gli stessi effetti?
        Tra bevitori, le ragazze che reggono gli alcolici meglio dei ragazzi si contano sulle dita di una mano.
        Il figlio di Grillo è un ragazzone palestrato.
        Come te la immagini la scena?
        Lei intenta a fare smorzacandela e a saltare atleticamente sui piselli di Ciro&Co?
        Ma sì, dai, è la versione della famiglia Grillo.
        O lei tendenzialmente passiva?
        Nessuno lo sa.

        Nel sesso spinto tra etero è il corpo della donna ad essere messo davvero in gioco.
        Stordirla e scoparsela è la pratica tipica degli stupratori, tanto più se sono in gruppo.
        E questo il caso, non lo sappiamo.
        Ma qui c’è una presunta vittima di stupro che sembra debba giustificarsi più dei presunti colpevoli.

        Il solo fatto che la ragazza potrebbe essere stata REALMENTE STUPRATA, dovrebbe suggerire prudenza nelle parole.

        "Mi piace"

      • Infatti temo che queste parole, su cui stare attenti, le stia usando qualcun altro, NON IO.
        Tra l’altro anche in modo piuttosto crudo e volgare che mi urta non poco.
        Io sto aspettando che giudichi chi ne ha i mezzi.
        Comunque, per logica, secondo il TUO ragionamento, che dal punto di vista scientifico ha una base di realtà, la ragazza, un quarto d’ora dopo tutto ciò, visto che, COME DONNA NON reggeva l’alcol, avrebbe potuto andare a fare kitesurf? O avrebbe passato il pomeriggio “a vomiti e pianti”?
        E soprattutto, non è che una si ubriaca, poi va a casa di 4 uomini SCONOSCIUTI a continuare ad ubriacarsi e non si aspetta conseguenze.
        Sei maggiorenne, non sei scema. Ragiona.
        Questa vittimizzazione a priori non ha senso.
        La prudenza consigliala a lei, non a ME che ho sempre tenuto lo stesso ATTEGGIAMENTO più che prudente.
        Non so, mi faccio domande, ma le accuse le sento da ALTRE PARTI.

        "Mi piace"

      • Mi dispice, non posso farci niente,
        mi sembrate piccole.
        Sono arrivato ad una conclusione: le donne sono più cattive degli uomini verso le donne.
        Basati sulle tue supposizioni, mantieni pure le tue convinzioni ma secondo me corri il rischio di dovertene vergognare.

        "Mi piace"

      • Ah, e aggiungo: IO NON ME LA IMMAGINO, LA SCENA.
        Non ci tengo proprio e ti pregherei di non DESCRIVERMI ULTERIORMENTE LE TUE FANTASIE MALATE.
        Non so come facciate VOI, senza aver visto il video.
        Non ci tengo ad immaginarla, perché si chiama FARSI I FILM.
        Non potreste mai fare i giudici.
        E quel litro di vino, se non lo reggo, NON lo bevo.
        Anzi non lo bevo comunque: 1o perché non mi piace, 2o perché non farei mai nulla per alterarmi la coscienza, ma neanche per infilarmi coscientemente in una situazione poco sicura.
        È vero che ho la mia età, ma, a quell’età, l’avrei fatto pure MOLTO MENO.

        "Mi piace"

      • Che vuol dire? Giustifichi lo stupro di una ragazza ingenua, magari un po’ stupida?
        Stai dicendo: se l’è cercata!
        La pratica sessuale a cui ho fatto riferimento era solo per farti intendere che il ruolo della ragazza, se risultasse essere particolarmente passivo, e quello dei ragazzi, particolarmente attivo, difficile parlare della stessa sbornia.
        Risulterebbe che i ragazzi erano molto meno sbronzi della ragazza. Non è un dettaglio. Non volevo parlare di sesso.
        Trovo certi vostri commenti più volgari dei miei esempi.

        "Mi piace"

  12. Che sciocchezze che si leggono.
    Sorprende che debbano essere gli uomini a difendere le donne dalla loro stessa misoginia.
    È per la vostra mentalità che necessitiamo di quote rosa. Siete maggioranza nel Paese e minoranza in Parlamento, chissà perché.

    Un uomo che beve tiene molto di più l’alcol di una donna, quindi se l’uomo fa bere la ragazza (che magari ha solo peccato di ingenuità), poi, se è un pezzo di merda, può pure approfittarne.

    Mio zio alla mia bella e giovane ciginetta, mi ricordo che la invitava a bere un bicchiere di vino a pranzo… “perché altrimenti, tesoro, se ad una festa ti fanno bere poi ti si inchiappettano tuo malgrado”.

    Carolina, e meno male che aspetti il processo per giudicare!
    Ma smettetela di gettare merda sulla ragazza.
    Se vostre allusioni sono sempre volte a screditare la ragazza.

    Sembrate dei Perry Mason al contrario.

    "Mi piace"

    • Nessuno sparge merda sulla ragazza: solo ci sono cose che non tornano e una l’ha indicata, non volendo, proprio lei: se “un uomo tiene più alcool di una donna”( la tenuta all’alcool non dipende dal sesso ma dall’abitudine e da particolari caratteristiche fisiche) come ha fatto la ragazza ad andare a fare sci acquatico dopo una nottata/mattinata del genere? Come minimo non di alza dal letto per due giorni.
      Mi pare piuttosto strano, e non solo questo.
      Tra l’altro mi pare che tutti, ma proprio tutti ( anche lei) una sentenza l’abbiamo già emessa, quindi avanzare qualche dubbio non fa male.

      Parlando delle donne in generale, gentile @Andreaex, si fidi: mai gli uomini capiranno le donne, ma le altre donne si, basta che si giardino allo specchio. Infatti occorrono le quote rosa, nonostante le elettrici siano molte di più degli elettori, ben sanno a cosa una donna possa arrivare. Ormai le donne sono dovunque, nei posti di comando in Occidente( Merkel, Lagarde, Von der Layen, molte Premier nelle nazioni del Nord, Harris, Pelosi, … ma non mi pare che il mondo sia cambiato granché. Che mi dice dell’Amministratrice delegata dell’Arcelor Mittal?

      La raccomandazione sarebbe sempre la solita, basta con le riserve indiane e giudicare le persone singolarmente, per quello che mostrano di saper fare e di essere. Non donne e uomini, non gay e etero, non neri o bianchi ma Luca, Lucia, Anna, Carlo, Andrea, Paola, …
      Ma le riserve indiane servono a fare politichese, a distrarci, a dare da mangiare ad infiniti soggetti che in infiniti modi se ne occupano e, perché no, a procurare posti a chi non se lo meriterebbe. A scapito di altri, ovviamente non in”quota”. Magari mogli, figlie, fidanzate…

      "Mi piace"

      • No Caronina, da bevitore (non sono un fine intenditore ma un volgare tracannatore) posso dirti che il fisico di un uomo generalmente regge molto meglio l’alcol di una donna.

        Non ho mai conosciuto donne bevitrici che tracannano quanto gli uomini.

        Quindi la tua conclusione è errata perché è errato il presupposto.

        Ti ricordo che il tema è GRILLO PADRE.
        Il suo comportamento da LEADER (non da padre).

        Ritieni che la verità va accertata in un processo e poi entri nel merito del processo.

        Questo non è essere a favore del processo ma pro cesso.

        "Mi piace"

  13. “Un uomo che beve tiene molto di più l’alcol di una donna…” come anche la “piscia”: MASCHILISTA!

    Questo blog è uno spasso, e pensare che volevo andarmene… ahahahah…

    "Mi piace"

    • Non è così Gatto?
      La corporatura di un uomo lo rende più forte fisicamente. Questo è un dato.

      Perché la maggior forza fisica non dovrebbe tradursi in una maggiore resistenza all’alcol?
      Negare questo, in relazione a questa vicenda, è maschilismo. Sbaglio?

      "Mi piace"

    • Sul comportamento di Grillo padre ovviamente tutto da stigmatizzare ma nulla di penalmente perseguibile.
      Sul fatto della sbronza, lei non se ne accorge ma sta dando ragione ai miei dubbi: una povera donna strafatta e pero più abusata non ha le forze né la voglia di fare immediatamente dopo sci acquatico. Non so se lei lo ha mai fatto, io si, ci vogliono molta forza ed altrettanto equilibrio. Impossibile dopo un( presunto, a questo punto, se così stanno le cose,) mezzo coma etilico causato da una intera nottata di bagordi e una bottiglia di vodka.
      O teneva l’alcool meglio di uno scaricatore di porto oppure c’è qualche cosa che non quadra.
      Non le pare?
      Comunque si vedrà.

      Piace a 1 persona

      • @Carolina

        Le tue parole dimostrano una ignoranza totale, io al posto tuo me ne vergognerei.
        Informati sui casi di stupro, approfondisci prima di stare qui a sparare cazzate, CRETINA!

        C’è l’eventualità che quella ragazza abbia sofferto e soffrirà le pene dell’inferno.
        La tua superficialità nell’analisi di questa vicenda è tremenda, mi indigna.
        Ci sono donne che si sono sottoposte ad anni di analisi senza per riuscire a recuperare un po’ di equilibrio.
        Misura le parole nei confronti della ragazza, le tue sono solo supposizioni.

        L’unica certezza è che GRILLO è una MERDA come persona ancor prima che come uomo politico.
        C’è l’eventualità che quel video sia stato diffuso intenzionalmente per screditare la ragazza: si chiama revenge porn!
        E si chiama revenge porn a prescindere che ci sia o meno stato lo stupro.

        E’ capitato spessissimo che si denuncino casi di STUPRO ACCERTATI come tali anche a distanza di giorni!

        Il fatto che facesse kite surf che cosa significa?
        E’ capitato spesso che ragazze stuprate, per vergogna, si sforzassero di avere un comportamento in apparenza normale dopo lo stupro. Si è in stato confusionale quando si subisce un TRAUMA come quello dello stupro.

        SEI UNA RETROGRADA CHE RAGIONA CON L’ACCETTA.

        Su un tema di una complessità psicologica unica vieni qui a spargere i tuoi sospetti fondati sul nulla e sempre e solo contro la ragazza.

        Vergognose le posizioni delle donne in questo spazio, davvero meschine, evidentemente avranno solo figli maschi.

        "Mi piace"

      • Carolina, mollalo.
        Sono mesi che cerco di avvertire le persone a cui tengo, nel blog, che questo è un elemento NON raccomandabile.
        Esordisce sempre con commenti che mirano ad agganciare risposte, ma se ci caschi e ti permetti di dissentire, ti accusa con ragionamenti illogici ed incoerenti, gira la frittata, insulta, ribalta su di te i suoi stessi argomenti e i suoi fantasmi, contorcendo, in modo per me esasperante, ogni singolo tentativo di seguire il bandolo della logica.
        Se non gli si risponde, si infoga da solo, dando luogo ad uno dei suoi soliti sproloqui anti PA e clientelismo, QUALSIASI sia l’argomento.
        Addirittura, se osiamo NON commentare sotto articoli che LUI ritiene importanti, comincia ad insultare tutto il blog: siete tutti tifosi, collusi, mafiosi, tutti ladri, ignoranti, sicuramente dipendenti della PA. 🤯
        È un concentrato di bias cognitivi ed è falso e contorto, anche con sé stesso. Si fa i film su tutto, attribuisce agli altri ciò che ha pensato lui e non segue i ragionamenti, ma coglie solo, qua e là, nei discorsi altrui, i motivi per attaccare e per sentirsi nel giusto, il più intelligente, il più figo.
        NARCISISMO PURO.
        Su questo argomento, tra l’altro, aveva una posizione del tutto diversa sotto un altro articolo. Spererei per lui che sia solo un troll che cerca di intorbidire le acque, perché, ecco… “TORBIDO” è la parola che userei per descrivere il suo modo di comportarsi.
        Non sperare di poterci ragionare come con un Jonny o un Guido, perché è
        solo melma, sabbie mobili…e se continui a dargli corda, finisce con l’insulto… ma ovviamente saremo noi ad aver buttato la cosa sul “personale”! Ecco perché lo tratto così.
        Conosco già, ho già dato.
        Ogni tanto tento di dialogarci, per educazione, ma ogni volta si rivela impossibile.
        Tempo perso e irritazione massima.
        Mi sono permessa di farti questo ameno “quadretto”, perché non mi capacito di come questo elemento abbia “preso piede”. Ho la stessa impressione di quando, sin dalla prima volta, ho visto Renzi in tutto il suo orrido splendore, ma nessuno lo “vedeva” per ciò che era e per anni ha imperversato. Il genere, in piccolo, è quello: un assoluto e ammorbante narcisista.

        "Mi piace"

  14. E dopo questo SPROLOQUIANTE commento, che andrebbe riportato ad inizio di articolo per mostrare di quale elemento stiamo parlando, non posso che CREDERE a queste sue stesse parole:
    “No Caronina, da bevitore (non sono un fine intenditore ma un volgare tracannatore)”

    E SI VEDE.

    "Mi piace"

  15. Era solo una battuta per dire che se sei un uomo ed un bevitore, l’alcol lo reggi molto bene, anche quando bevi molto.
    Non sono un alcolizzato, non ho la dipendenza dall’alcol, ma sono un buon bevitore quando, so di cosa parlo.
    E non mi ricordo di sbornie in cui non ero in grado di intendere e di volere ma perfettamente in grado di scopare.
    Quando non ero in grado di intendere e di volere, non ero in grado nemmeno di camminare.
    Sto dicendo che c’è stato uno stupro?
    Non lo so, lo stabilirà la magistratura ma il fatto stesso che emergano elementi che lo facciano supporre dovrebbe suggerire prudenza nei confronti di una ipotetica vittima di stupro.
    ZERO EMPATIA!

    Sei una cretina Anail, sposti sempre l’argomento sul piano personale perché sei carente sul piano della logica.
    Sei piccola piccola piccola Anail.
    Le vostre misere osservazioni a commento di questo articolo mi fanno schifo.
    Ed ho spiegato i perché in più di un post.

    Le vostre repliche sono debolissime e siccome si traduco sempre in goffi tentativi di difendete Grillo jr, la parte più forte in questa vicenda, è ancora più spregevole seminare sospetti sempre e solo nei confronti della ragazza.

    Poiché Grilo padre e un alleato prezioso nello schieramento di centrosinistra, le vostre posizioni ho il forte sospetto che siano legate alle vostre squadre politiche.

    Del resto non siete delle tifose?

    Molte delle azioni contestate alla ragazza come SOSPETTE, pur in apparenza incomprensibili, sono TIPICHE di chi viene stuprata.
    Dovresti informarti di più visto che ti ritieni una donna di cultura.

    SOMARE MASCHILISTE.

    PS: se non volete replicarmi, vista la qualità delle repliche, sono più felice.

    "Mi piace"

  16. Sei solo un NARCISISTA che si dovrebbe curare urgentemente. Sei fisso davanti allo specchio dei TUOI fantasmi.
    Quindi parlare con te non è solo dannoso, è INUTILE. (semi cit)

    "Mi piace"

  17. @ Anail (ma soprattutto per chi dovesse leggerci)

    Ma tu guarda quanta merda mi tira addosso questa donna piccola piccola piccola piccola piccola piccola.
    Scivola sempre sul piano personale, SEMPRE!
    Non mi attacca per un pensiero, legittimamente, magari anche insultandomi se le fa piacere.
    No, preferisce delegittimarmi screditandomi come persona e arrivando a raccontare falsità sulla mia vita privata (di cui non sa nulla se non le poche cose che io ho raccontato e che lei travisa intenzionalmente).

    Per me sei una idiota PER QUELLO CHE SCRIVI, indipendentemente DA QUELLO CHE SEI.
    Se tu cambiassi nick, i tuoi commenti li troverei comunque stupidi, faziosi, in una parola quasi sempre inutili, anche se non sospettassi che sei stata tu a scriverli.

    Il mio giudizio sui tuoi commenti prescinde da te!

    Non si dovrebbe attaccare la persona, semmai il pensiero.
    Non credo che Carolina sia cretina ma credo che i suoi commenti inerenti questa vicenda siano decisamente cretini.
    E sento il diritto/dovere di dirlo, cercando di non offendermi se lei trovasse cretini i miei commenti.
    Ma non mi sono messo a parlare di Carolina in quanto persona, tantomeno l’ho fatto basandomi su quattro stronzate dal vago sapore psicanalitico come sei abituata a fare tu.

    Io sento viltà nella vostre parole.
    Una viltà faziosa, partitica e quindi ancora più detestabile in un caso di ipotetico stupro di gruppo ai danni di una ragazza.

    I miei post rifuggono dal desiderio di ottenere like.
    Raramente metto like ai commenti altrui proprio per evitare la tentazione di compiacere per spingere a ricambiare.
    Pensa un po’ quanto sono narciso!
    Ho spesso posizioni in controtendenza ma sono sempre coerenti con un modo di pensare, giusto o sbagliato che sia, non cambio idea ad ogni stormir di fronda (come fanno i militanti di partito) né faccio il bastian contrario per il solo piacere di farlo.

    Sei una perfetta imbecille Anail ed hai un modo spregevole di relazionarti.
    Non per gli insulti, che potrei anche accettare in un momento di rabbia, ma per le tue critiche personali nei confronti di una persona che non conosci.

    Sei la dimostrazione evidente che la cultura non serve a nulla se non si ha l’intelligenza per usarla.
    E come la benzina in una macchina dal motore malfunzionante.
    Produce un pensiero STERILE di cui tu sei una degna rappresentante.

    MA NON PENSARE CHE QUESTA REPLICA SIA RIVOLTA A TE.

    E’ solo un pensiero rivolto a chi si domanda che tipo di moderazione debba esserci per evitare questo battibecco del cazzo.
    NON MI INTERESSI.
    Se può farti piacere ti informo che i tuoi commenti spesso li salto e non per ostilità nei tuoi confronti, magari sei una brava moglie, una brava madre, una collega rispettabile, una vicina di casa auspicabile, non lo so e non me ne frega nulla.
    Li salto per il nulla cosmico di cui ti fai portatrice.

    "Mi piace"

      • E comunque, per il poco che ho letto perché mi ANNOI PROFONDAMENTE, come pure annoi molti altri, visto il tuo scarso, se non nullo gradimento (l’unica cosa che ti preme), sappi che NON piacerti è per me un GRANDE onore, perché mi distingue dalla 💩che mi rappresenti.
        Ci mancherebbe pure di essere apprezzata da TE… per carità, che umiliazione sarebbe.
        Quindi EVITAMI, invece di rompermi i cabasisi ad ogni piè sospinto, ché per me sei il Bomba di Infosannio.
        Ho ben altri da seguire e del cui apprezzamento mi pregio di essere onorata.

        "Mi piace"

  18. X Andrea; ma il fatto rimane: 1- era strafatta d’alcool e abusata contro la sua volontà = difficile che poi vada a fare kite surf. Non regge l’alcol, l’hai detto te. Come ha fatto a ‘rimettersi’ così presto? 2- era andata a fare kite surf dopo l’ubriacatura+stupro? Questo non è la stessa cosa di ‘denunciare dopo ben 8 giorni’ come dice l’ortottero di S.Ilario. Questa a mio avviso è una cosa totalmente incongrua, per usare un termine lieve.

    Del resto, sennò come mai dopo 2 anni non hanno ancora nemmeno iniziato il processo?

    Piuttosto, è un altro discorso quello dei filmati. Quello adesso si chiama revenge porn ed è un reato APPRESCINDERE dall’avere fatto o meno sesso consensuale.

    Sono due cose diverse ed entrambe potenzialmente illegali.

    Poi pensala come cazzo ti pare, per quel che mi riguarda sentire la Boschi che attacca l’inopportunità di Grillo nel difendere il figlio (che poi ne ha sei, anche se uno finisce dentro per un pò è così fondamentale per la sua famiglia? Qui non parliamo del solito nucleo familiare con 1-2 pargoli), quando lei ha tentato persino di ‘sedurre’ Vegas (salvo poi accusarlo di molestie, se ricordo bene), e che in parlamento diceva ‘il mio babbo è una persona per bene’, la dice lunga sul livello a cui siano scivolati i 5Sedie.

    Piace a 1 persona

    • Ma a me che cazzo me ne frega della Boschi?
      Il fatto che mi stia sul cazzo lei deve indurci a dar ragione a Grillo?
      Quindi per Grillo è facile avere ragione: basta un attacco di un suo oppositore politico ed il gioco è fatto.

      "Mi piace"

  19. Difficile che vada a fare kite surf?
    Ma di che cazzo parlate?
    Io ho fatto windsurf per molti anni.
    Ed il kite è molto simile al windsurf perché la VELA la tieni con il trapezio, ovvero col PESO del tuo corpo.
    Quindi puoi anche non far lavorare le braccia.
    Le braccia in una normale andatura le puoi lasciare anche solo appoggiate sul BOMA e manovrare leggermente quel tanto che basta per mantenere la giusta direzione della vela.

    Lo SCI NAUTICO non c’entra nulla Carolina, la fune nel tuo sport la tieni tu con la forza delle braccia e del tronco.

    Kite e windsurf sono impegnativi fisicamente solo quando fai le manovre ed in particolare i salti.
    Perché in manovra devi sganciarti col trapezio dalla cimetta legata al boma, hai bisogno di estrema manovrabilità e non puoi rimanere agganciato alla vela. In manovra quindi la vela la tieni con la forza di mani e braccia.
    Farsi due bordi è fattibile anche da ubriaco, col trapezio.

    Sto dicendo che lo stupro c’è stato? No, non posso saperlo.

    Ma le vostre valutazioni sono di una superficialità disarmante.

    Ve lo ripeto: è tipico delle donne stuprate fingere di riprendere una vita normale, è una tipica reazione psicologica al trauma dello stupro, informatevi. Alcune vittime di stupro arrivano a convincersi di non essere state stuprate, come se fingere di non aver subito un abuso possa in qualche modo cancellarlo.

    INFORMATEVI.

    Ci sono elementi che fanno pensare ad uno stupro, elementi che andranno accertati.
    Già questo dovrebbe suggerire prudenza nel giudizio verso la ragazza.

    I vostri commenti su questa vicenda sono vergognosi.
    Tristi, davvero.

    "Mi piace"