Furbetti del vaccino, Vittorio Feltri difende Scanzi: “Ha agito per legittima difesa”

(Vittorio Feltri – Libero Quotidiano) – In questi giorni è stata alimentata la polemica contro il furbetti del vaccino, ossia coloro che aggirando i vincoli burocratici sono riusciti in qualche modo a ricevere l’ iniezione salvifica. Il caso Scanzi poi è montato a dismisura diventando uno scandalo francamente eccessivo.

Personalmente disapprovo chi si impossessa di qualcosa che non gli spetta di diritto, tuttavia nella fattispecie dell’ immunizzazione bisogna compiere delle precisazioni, ovvero concedere agli astuti alcune attenuanti che sconfinano in esimenti. Infatti il cosiddetto piano vaccinale non si è rivelato all’ altezza delle attese, per una semplice ragione: scarseggiavano e scarseggiano ancora le dosi necessarie a proteggere tutti dalla malattia. Sissignori.PUBBLICITÀ

Il problema italiano non consiste nella organizzazione, per quanto imperfetta, bensì nella mancanza della materia prima: il siero in grado di sconfiggere il morbo. A causa di tale carenza è aumentata giorno per giorno nella gente di ogni ceto la paura di infettarsi e di fare una brutta fine. Il rischio di andare al cimitero dopo atroci sofferenze era ed è tale da costringere chiunque a trovare una soluzione pro vita.

E così è cominciata la caccia al vaccino. Una reazione del tutto giustificata. Il popolo è ricorso a ogni arma e ad ogni sotterfugio per garantirsi l’ immunità. Qualcuno ce l’ ha fatta, altri no. Ovvio che coloro che sono rimasti a secco siano irritati al punto da condannare coloro che al contrario sono riusciti di sfroso a farsi bucare il braccio.

Non c’ è nulla di più umano, ma è disumano attaccare con ferocia gli individui che hanno conquistato un brandello di salute. Ai quali, compreso Scanzi che mi dà del consumatore accanito di gin, liquido da me mai ingerito, va tutta la mia solidarietà. In assenza di vaccini per la massa è naturale: i cittadini si arrangiano per procurarseli con i mezzi di cui dispongono, inclusa la scaltrezza, giudicata di norma scorretta quando, invece, è l’ ancora di salvezza dei disperati.

In sintesi, mi pare più opportuno prendersela con un governo incapace di assicurare la salute a chiunque piuttosto che con coloro i quali, abbandonati dalle istituzioni, se la sono assicurata per conto proprio. Con destrezza. Ossia un’ arte indispensabile per sopravvivere in un Paese che se non fosse di merda sarebbe addirittura divertente.

11 replies

  1. Il dott. Affrancato dal Bisogno ha decisamente alzato il gomito, ha difeso Scanzi, chissà con quale tipo di prodotto alcolico, dal tratto di penna o lettera 22 sembrerebbe Lambrusco, padano.
    Dottore si ricordi di mettere un’ora avanti le lancette dell’orologio.

    "Mi piace"

  2. Personalmente disapprovo chi si impossessa di qualcosa che non gli spetta di diritto….. FINE. Eri partito bene ma non ce l’hai fatta 🤣😂🤣😂🤣😂🤣😂🤣🤣ossia un’ arte indispensabile per sopravvivere in un Paese che se non fosse di merda sarebbe addirittura divertente.🤣😂🤣🤣grazie a quelli come te quarda come cazzo siamo ridotti 😭😭😫😫😫😫😭😫😫😫😫😭😫

    Piace a 1 persona

  3. In pratica lo difende nonostante che ‘è ricorso a ogni arma e ad ogni sotterfugio per garantirsi l’ immunità’, cioè il contrario di quello che dice il diretto interessato.

    Il beone si crede furbo, pensa che non sia evidente il suo giochetto. Cioè ai lettori di libero potrebbe pure sembrare una difesa.
    Secondo me beve solo grappa, non gin.

    "Mi piace"

  4. Giusto, però come ha detto la Lucarelli, poteva risparmiarsi l’alibi assurdo di essere il caregiver dei suoi genitori (cosa non vera). Il vaccino anticovid l’ha fatto ma ne servirebbe pure uno contro il suo ego smisurato

    "Mi piace"

  5. Traduzione: io o persone a me molto vicine abbiamo fatto lo stesso, o magari anche di peggio (visto il personaggio non mi stupirei se avessero rotto una gamba a una vecchietta per prendere il suo posto), e intanto metto le mani avanti.

    Solo un’ipotesi, e penso che a breve avremo l’eventuale conferma.

    "Mi piace"

  6. Leggo su Repubblica che Figliuolo ha promesso “tra una settimana” (sempre al futuro!) 300.000 vaccinazioni al giorno. Ma ad Aprile non dovevano essere 500.000?
    Non hanno ancora imparato a stare zitti. Neppure i generali.

    Piace a 1 persona