Addio alla Bonino: non mancherà a nessuno

(Filippo Facci – Libero quotidiano) – Fu Marco Pannella, suo mentore, a dirle la cosa più cattiva, a demolire il suo protagonismo autocelebrativo. Emma Bonino, infatti, aveva appena annunciato che lei «aveva un tumore» ma che avrebbe eroicamente continuato le sue battaglie eccetera; e allora Marco, al Corriere Della Sera, disse così: «Io di tumori ne ho due», e il resto della frase (frase pannelliana, riportarla tutta brucerebbe l’articolo) stava a dire: ho due tumori e non rompo i coglioni, perché ci vuole coraggio. Poi d’accordo, i due erano in dissidio politico.

Ma poi Pannella per quei tumori ci è morto, e resta politicamente immortale, la Bonino è viva ma politicamente è morta. Non esiste più. Non rappresenta più niente, le nuove e semi-nuove generazioni non sanno chi sia. Lei di questo non ha percezione, e sono cose che succedono a certi anziani pieni di sé, fa un po’ pena, e speriamo che lei non legga questo articolo.

Lo scriviamo a margine della presunta notizia che Emma Bonino e Benedetto Della Vedova hanno lasciato +Europa, che non è un canale televisivo ma uno dei partitelli riformatisi dopo il Big Bang dello storico Partito Radicale. La Bonino ha ventilato l’ipotesi di dimettersi da senatrice (ventilato e basta) mentre Benedetto Della Vedova, per cui lo scrivente ha la massima stima, e che di +Europa era il segretario, ha abbandonato la poltrona anche perché è diventato sottosegretario agli Esteri del governo Draghi. Nota: al prossimo congressino del partito, la Bonino e Della Vedova sarebbero stati fatti fuori lo stesso.

LE LOTTE

Ora, nel proseguire una cosiddetta narrazione su Emma Bonino, si tratta di far convivere il rispetto per le sue battaglie civili (condivise perlomeno da una parte di italiani e di lettori) con la trasformazione di Emma Bonino anzitutto in una donna di potere (tendenza voltagabbana) inconsapevole di essere perlopiù una reliquia di se stessa e della sua arroganza.

Che fatichi a scendere dal proprio piedistallo è anche comprensibile. È stata una figura storica del femminismo italiano (quello vero) e più volte parlamentare, europarlamentare, Commissario europeo dal 1995 al 1999 (molto apprezzata) e ideatrice della Corte penale internazionale, delegata per l’Italia all’Onu, ministra del commercio internazionale, nel 2011 fu l’unica italiana inclusa da Newsweek tra le «150 donne che muovono il mondo», dopo Pannella è stata l’unica a veder ribattezzare una lista col suo nome («Lista Bonino») e a prendere anche dei voti.

Da principio fondò associazioni abortiste e praticò personalmente aborti quando ancora erano illegali, cosa per cui molti cattolici la odiano ancora. Marco Pannella la trasformò in parlamentare a soli 28 anni. Partecipò alla disgraziata campagna contro il capo dello Stato Giovanni Leone, chiedendogli scusa quando lui compì 90 anni.

Compartecipò a tremila iniziative per combattere la fame nel mondo, si fece arrestare dai comunisti polacchi per il suo sostegno a Solidarnosc, fece approvare mozioni contro le mine anti-uomo che mutilavano i civili, contribuì a istituire il Tribunale internazionale per i crimini nell’ex Jugoslavia, incontrò il Papa, il Dalai Lama, fu segretaria del Partito Radicale quando ancora esisteva, riuscì a farsi appoggiare dal governo Berlusconi per diventare commissario europeo, sconfinò in cento Paesi messi sotto embargo o colpiti da feroci dittature, contribuì a ridimensionare i disastri compiuti dal commissario europeo antidroga Pino Arlacchi, fece propaganda contro le mutilazioni genitali femminili (infibulazioni) e poi tornò alla politica romana, si candidò qua e là: la Bonino ne ha fatta una più del diavolo e di Marco Pannella, stratega di ogni cosa ma sempre un passo indietro.

Pannella non diventò mai un uomo di potere, lei sì. Pannella non scese mai a compromessi, lei sì. Anche così ottenne incarichi e divenne «Emma for President». Lei probabilmente non rinnegherebbe nulla, ma non le piacerebbe che ri-mostrassero le foto in cui praticava aborti con una pompa per bicicletta e aspirava il feto in un barattolo di marmellata.

Non le piacerebbe dover rispiegare come potè fare il ministro nel centrosinistra dopo esser stata eletta nel centrodestra. Come potè, cioè, essere eletta coi berlusconiani e prenderne i voti, lasciare il seggio per fare il commissario europeo sino a rientrare a Roma sulla sponda del centrosinistra, e passare a sostenere Romano Prodi che le offrì un ministero. E, anni dopo ancora, diventare una delle più convinte sostenitrici di Mario Monti e dell’ingresso della Turchia in Europa.

L’AUTO BLU

Marco Pannella, negli ultimi tempi (suoi), di lei disse il peggio: «Ho parlato coi medici del suo tumore, e posso dire che non ha motivo per essere allarmata Il suo problema è quello di far parte del jet set internazionale Io vado in giro a piedi o in taxi, non ho auto nera o blu». Sempre negli ultimi tempi (suoi), Pannella disse che «Io e lei non ci consultiamo, non ci sentiamo mai, con me non parla Sono intervenuto io per farla inserire nel governo Letta, in tutte le sue nomine c’entravo sempre io. Lei invece lavora molto, ma mai con noi».

Poi c’è un episodio che per qualche radicale è uno spartiacque: vedere Emma Bonino festeggiare l’anniversario del Concordato a Palazzo Borromeo, questo dopo che aveva combattuto il Concordato per tutta la vita, da anticlericale militante. Sino a poco tempo prima, ogni 20 settembre, Emma festeggiava la Breccia di Porta Pia coi compagni anticlericali. Poi eccola presenziare all’anniversario della firma dei Patti Lateranensi all’ambasciata italiana presso la Santa Sede: c’erano le più alte cariche ecclesiastiche e naturalmente il segretario di Stato Vaticano.

Era ministro, certo, ma poteva mandare un sostituto. Ancora oggi, se andate sul sito dei Radicali, trovate tutto l’architrave della campagna storica contro i Patti Lateranensi e il Vaticano. I Radicali peraltro sono stati quelli che hanno portato al Parlamento Europeo il problema dell’Imu che il Vaticano non pagava.

Chi è Emma Bonino? È una signora che nel 1979 manifestò davanti all’ambasciata dell’Iran contro l’imposizione del chador alle donne iraniane: e che il 21 dicembre 2012 però era in Iran e indossava il velo per incontrare le autorità iraniane. È una signora che incontrò il Dalai Lama ma che restò zitta quando il governo Prodi, di cui faceva parte, nel 2006 rifiutò di incontrare il Dalai Lama per non contrariare gli amici cinesi. Chi è la Bonino? La risposta peggiore è quella attuale, del 2021, perché non fa che riformulare la domanda: Emma Bonino? Chi è?

7 replies

  1. Ma soprattutto: chi c..zo è filippo facci (ridere)?!!

    Una faccia di mer*a che voleva fare l’anti-Travaglio e invece gli tocca fare il cogl..ne su Libero.

    Piace a 1 persona

  2. Siamo sicuri che non la vuole più nessuno? Qualcuno molto affezionato alle “rose” inutili come la Bella e la Boschi,
    un posticino nel cerchio magico si? E’ liberale ,democratica , anche radicale ma di sinistra, ma anche di destra,
    largo alle donne, perfetta.

    Piace a 1 persona

  3. a poi c’é chi sostiene che filippetto faccimesciato non sappia leccare le terga… perfino quelle raggrinzite della bonino la tumorata… pare ritiene siano di suo gusto…!!!

    "Mi piace"

  4. Ecco un altro nipotino di Mubarak,nostalgico della sacra Romana chiesa,militante nelle crociate contro le toghe rosse…Hai dimenticato una perla nella carriera della Bonino l’approvazione di tutte le guerre sciagurate scatenate dagli americani che te o Facci e i tuoi datori di lavoro,avete sempre approvato.La differenza tra te e la Bonino è anzi una totale assonanza:servi entrambi di un unico padrone lei del suo narcisismo tu del tuo editore(e stendiamo un velo pietoso)

    Piace a 1 persona

    • @adriano58
      Non avevamo dubbi in proposito.
      Il Nipote Enrico, la Nonna Emma e lo zio Mario sono tutti membri della stessa
      famiglia e in una famiglia unita e solidale nessuno viene lasciato indietro.

      "Mi piace"

    • Spero proprio di no, Adriano.
      Per il veleno che ha cacciato fuori quando Conte cercava responsabili, in nome anche dell’europeismo, non vedrebbe un posto “tra noi” (del futuro polo, se mai si farà) neanche in figurina.
      Per Draghi, invece, si è sdilinquita… allora vada con la serpe, ché sono 2 egocentrici arroganti e 2 Giuda fatti e finiti. Si meritano.

      "Mi piace"