Massimo Fini: “Renzi, lo scalpo di Zinga e questo Stato di Polizia”

(di Massimo Fini – massimofini.it) – E così, con l’ultima pennellata, Matteo Renzi ha completato il suo capolavoro, una sorta di Monna Lisa al contrario, appesa per i piedi o col celebre viso rivolto verso il muro.

Il 21 luglio 2020 l’Unione europea, grazie ai buoni uffici di Angela Merkel, ma anche al lavoro diplomatico di Giuseppe Conte, ci aveva accordato 209 miliardi di Recovery Fund. Veniva così messa in tavola un’appetitosa torta che solleticava i famelici appetiti dei soliti noti. Bisognava far fuori Conte che avrà anche, come tutti, i suoi limiti ma è un uomo integro e quegli appetiti avrebbe saputo tamponare. È allora che Renzi, in combutta col Presidente Emerito Mattarella e col futuro Onnipotente Mario Draghi, incomincia a tirare la corda per far cadere un governo che avrà avuto anche i suoi limiti, ma era sufficientemente coeso (al 97 per cento, il restante 3 rispecchiava Renzi) perché un partito come il Pd ha certamente più affinità con i 5Stelle che con Matteo Salvini e Forza Italia.

I 5Stelle sono uno strano animale politico, una specie di Democrazia cristiana degli anni Duemila, con in pancia sia fattori di sinistra, prevalenti (reddito di cittadinanza per dirne una), sia fattori di una certa destra antiatlantica e antiamericana rappresentata simbolicamente da Alessandro Di Battista, sia fattori del tutto propri, i più interessanti a mio parere: l’antimodernismo coniugato con l’ecologismo (no al Tav, anche se poi han dovuto ingoiare il rospo, no al ponte sullo Stretto, no alle trivellazioni, no alle grandi opere sì alle piccole). L’operazione riuscì al catto-boyscout e il governo cadde, in piena pandemia, cosa che si è permessa solo l’Olanda ma per motivi molto più seri.

Il governo Conte, durante le tre settimane della crisi, fu paralizzato e certamente si deve anche a questo il ritardo nella campagna vaccinale, oltre che alla criminale ingordigia delle case farmaceutiche che non contente di far già soldi a palate si sono create un superadditum di profitto violando i contratti e vendendo sottobanco al miglior offerente.
Intanto nelle more fra la caduta del governo Conte e l’insediamento del nuovo governo, Matteo Renzi, mentre noi comuni mortali non potevamo quasi uscir di casa, trasvolava Regioni, Stati, continenti, per andare a incontrare, pagato 80.000 dollari (non olet) il principe saudita bin Salman, accusato dagli Stati Uniti di essere il mandante dell’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi. Questo, insieme al regime più sessista del mondo, il Renzi lo chiamava “nuovo Rinascimento”.

Poi arrivò finalmente l’Onnipotente “che tutto dà e tutto toglie”, accolto da un consenso planetario, il banchiere e finanziere Mario Draghi.

È noto e arcinoto che i banchieri e finanzieri hanno un particolare penchant, quasi un amore, per le classi più svantaggiate ed economicamente più deboli. Loro gli amici li hanno in altri quartieri, in Europa e negli Stati Uniti.
In più l’Onnipotente ha messo nei posti che contano militari e gendarmi di ogni genere e uomini della destra salviniana (chiedo scusa alla Destra) oltre che sottoposti del pregiudicato Berlusconi. Si è creato insomma, approfittando della pandemia che aveva già permesso di calpestare quasi tutte le libertà personali, un vero e proprio Stato di polizia.
È a questo punto che Zingaretti deve essersi chiesto se non fosse assurdo che un partito come il Pd, che nonostante tutto viene da una storia di sinistra, appoggiasse un governo di tal genere, di destra, turboliberista, poliziesco.

Renzi ha quindi ottenuto, dopo Conte, anche lo scalpo di Zingaretti e disgregato ulteriormente il Partito democratico.

Questa è la mia personalissima lettura. Ma dice un vecchio proverbio “tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino”. E se l’indignazione che ha colto Zingaretti diventasse comune anche ai 5Stelle e a LeU, e questi se ne andassero dal governo lasciando l’Onnipotente in braghe di tela?

Non so chi vincerebbe le prossime elezioni, probabilmente la destra, forse a guida Giorgia Meloni, ma Matteo Renzi ne uscirebbe asfaltato. Diceva il compagno Rino Formica, un socialista onesto, particolarmente meritevole perché è difficile rimanere onesti quando si è circondati da dei ladroni, che “la politica è sangue e merda”. Purtroppo oggi la merda sembra aver coperto quasi interamente il sangue, cioè gli ideali di cui ogni partito, ma direi ogni uomo, dovrebbe farsi portatore.

16 replies

  1. Carissimo Fini, premettiamo dicendo che la politica politicantata che stiamo vedendo in questi giorni ci riporta indietro di qualche secolo… La Firenze dei Medici, della congiura dei Pazzi, del papato, della Repubblica di Siena, Regno di Napoli, e il ducato di Urbino… Non per niente Renzi è di quei posti lì!!! I partiti come bande di affaristi che si sbranano per ogni soldo pubblico su cui riescono a mettere le mani. Ideali… AHAHAHAHAHA!!!
    Il PD di oggi arriva FINALMENTE alla sua fine. Fine che è iniziata nel momento in cui D’Alema ha scoperto che non era malaccio andare in barca con Tronchetti Provera, invece che con un metalmeccanico. Fine che è iniziata con: “ABBIAMO UNA BANCA?”, di Fassino a Consorte. Fine che è iniziata con Violante che in parlamento rivela che avevano rassicurato Berlusconi che non gli avrebbero toccato le televisioni. Fine che è iniziata quando i figli del PCI hanno deciso di cancellare la parola “LAVORO” dal loro vocabolario.
    Da questo suicidio della sinistra italiana cosa ne viene fuori?
    La nascita di Grillo e Casaleggio. Dalla padella alla brace… Il movimento di tutti gli incazzati che si sarebbero tagliati il braccio pur di non votare più il partito della “FU” Sinistra. Con delle parole d’ordine da asilo Mariuccia: “Uno vale uno”;
    paraculate tipo: “Nè destra, nè sinistra”; ultimo, il Parlamento da aprire come una scatoletta di tonno…
    Un partito in cui regna IL CAOS TOTALE, prova ne sia il centinaio di parlamentari che lo ha abbandonato strada facendo, ma che, nel momento giusto vede sempre riapparire Grillo che gli ricorda: “Aho, ma che cazzo state facendo? Il movimento l’ho creato io e lo distruggo come mi pare!”, alla faccia di statuti, regolamenti, direttori, probiviri, organi di controllo e fesserie simili…
    Sotto questa caduta di calcinacci ci siamo noi, che da tutta la vita aspettiamo un partito di sinistra NON COMUNISTA perbene, onesto e coerente, da votare senza vergognarsi. Si realizzerà prima o poi? Un partito di civiltà, che REALIZZI LA NOSTRA CARTA COSTITUZIONALE. CHIEDIAMO TROPPO???

    Piace a 1 persona

    • Gentile, quello che lei chiede è ciò che tutto il popolo italiano chiede, sia che sia di destra che di sinistra. Gente che agisca seriamente ed onesta. Credo che mai la nostra classe politica sia stata di un livello così basso, come quello che ha raggiunto di recente con le ultime vergognose vicende. Cordialità.

      "Mi piace"

      • Davide, scusami ma permettimi di farti un appunto. La destra italiana non è la destra francese di Giscard D’Estaing, o in Germania di Angela Merkel. La destra italiana è ugualissima al dottor Stranamore: appena sente la parola destra, gli scatta subito il braccio teso… Eeeeehh, è così, che ci vuoi fà? MAGARI FOSSERO CAPACI ANCHE LORO DI COSTRUIRE UNA DESTRA NON FASCISTA!!! MISSION IMPOSSIBLE!!!

        "Mi piace"

    • Gentile, lei conferma ciò che sostengo. Tutta la classe politica italiana è marcia e svenduta sino al collo. Il popolo italiano (che sia di formazione o idee di destra, di centro o di sinistra) deve pretendere che a rapprentarlo siamo persone perbene. Il discorso non può essere circoscritto alla sola cosiddetta sinistra o alla cosiddetta destra. Cordialità.

      "Mi piace"

    • La fine è arrivata quando ha permesso la macelleria messicana a Genova e nin ha chiestonle dimissioni del ministro dell’interno .D’altronde era schierato con il globalismo.Ma du Chi parliamo???Ma mindite una differenza tra fi e pd ????

      "Mi piace"

  2. “Destra […] rappresentata simbolicamente da Alessandro Di Battista”. Davvero!?
    Ma proprio non si finisce mai di imparare!

    "Mi piace"

  3. Sono completamente d’accordo con Lei e, penso a questo punto che siamo davvero entrati in un “dittatura mascherata attraverso la Pandemia” Vedo che nessuno protesta più, nè al governo, tutti dalla parte del padrone, nè il popolo assuefatto e soggiogato dal padrone. La vedo black nei prossimi mesi.

    "Mi piace"

    • Come è ridicolo questo fastidioso pulviscolo di partitini col 2% – LEU, comunisti, ecc. – di pubblicazioni minimaliste che non legge nessuno – IL FATTO, TPI, LANOTIZIA – che fanno editoriali da decenni senza alcun costrutto né ascolto da parte di un partito come il PD che da decenni di sinistra non ha mai avuto nulla! Tuti i governi in cui il Presidente del Consiglio, da Prodi a D’Alema o che il PD ha appoggiato senza manco il gradimento del voto degli italiani hanno sempre allargato la forbice tra ricchi e poveri avendo sempre favorito le fasce medio alte della popolazione…Eppure questo pulviscolo sta ancora li’ a fare discorsi assurdi quando appena si parla di patrimoniale i vertici del PD hanno sempre smentito vigorosamente di pensarci! Come, tantomno, tassare i colossi del WEB e questo essendosi dichiarti contro il reddito di cittadinanza non avendo mai varato provvedimenti che lenissero gli stati più intollerabili di povertà nel popolo! E tutto cio mentre lo stato di miseria assoluta nonotante abbino sempore governato anche loro in questi anni si è dilatato oltre misura! Per questo continuo a considerare ibntollerabile questo livello di mistificazione che vede come un governo “di sinistra” quello che ha preceduto questo semplicemente perché il PD di sinistra non ha mai avuto NULLA!

      "Mi piace"

  4. Come dice quel detto? Le leggi – e le regole, si applicano per i nemici e si interpretano per gli amici…Cosi’ se gente come D’Alema e Bersani hanno commesso le peggiori nequizie preivatizzatorie svendendo asset importantissimi e avendo tentato di farlo con l’ENEL sotto il loro dominio e Zingaretti in regione Lazio ha finanziato le fiction mediaset mentre chiudeva reparti ed ospedali, non fa testo anzi sono cose che si censurano proprio. Se uno come Renzi che ha fatto nascere la sacra alleanza ed ilgoverno tanto gradito al FATTO ed il suo direttore ed essendo sempre lo steso Renzi – ma prima non faceva comodo evidenziarlo – e lo da cadere per motivi legittimi per chiunque sostenga un governo eppoi non gli piaccia la sua azione diventa il demonio….Come è impresentabile un giornalismo discrezionale come questo, davvero…

    "Mi piace"

  5. E quale motivo di merito particolare ha un governo di avere il 93% del consenso se uno come Cartabellotta ha detto che questo virus ci ha colto di sorpresa alla prima ondata, gli abbiamo aperto la porta la seconda e spalancato la via alla terza? Quanti morti ha sulla coscienza Conte ammesso ne abbia una il suo modo di governare tutto propagandistico pro domo propria per questi errori quando la sua tecnica di governo era di rinviare tutto tanto che anche gli operatori sanitari esausti riconoscono che rispetto ad un anno fa non è cambiato niente? Aveva il consenso del 93%? E chissenefrega se con le proprie inefficienze ha raggiunto il più alto numero di vittime di quasi tutti gli altri governi?

    "Mi piace"

  6. Alle 3,39 AM, partorire tutte queste scemenze vuol dire solo una cosa. La psiche traballa, ed è difficile riequilibrarla.

    "Mi piace"