Al Pd non resta che chiudere tutto: fare il lockdown

(di Pino Corrias – Il Fatto Quotidiano) – La questione, sia detto con rammarico, è poi questa: ma se il Partito democratico non è in grado di governarsi, come può pretendere di governare? Perduto nella sua geografia vietnamita, ha cambiato 7 segretari in 14 anni, dall’antico Veltroni multitasking, all’ultimo Zingaretti, malinconico, ma stavolta finalmente imbufalito dal perpetuo assedio dei cacicchi con voglia di intrigo e di bufera.

Virus o non virus, il suo spettacolo non cambia, offrendosi sempre travolto da lotte intestine e da correnti che nessuno saprebbe distinguere in quell’intrigo di liane scorsoie e personali rancori – da Guerini a Marcucci, dai sindaci ai Giovani turchi – mentre l’intero mondo guarda e vive altrove. Negli anni ha sfinito i suoi elettori, barcamenandosi in mille incertezze. Ha perduto le sezioni su strada per concentrarsi sulla gestione del potere nei Palazzi, dissolvendo nell’indistinto il suo cuore politico. Ha suicidato la sua gloriosa testata l’Unità, ridotta prima all’irrilevanza, poi al fallimento, con coda di debiti rimasti in capo all’ultima Concita, titolare del cerino acceso. Ha subito due scissioni, quella di Bersani e quella di Renzi. Una a sinistra e l’altra a destra, che certifica il capolavoro di masochismo politico, oltre a darci la misura del marasma mentale.

Il tutto mentre la buona sorte e l’autodistruzione balneare di Salvini gli riaprivano le porte dei 5Stelle, con il governo il più europeista di sempre. Sfilato in un mese di colpi di scena. Con Mario Draghi a inaugurare il gran finale, grazie all’ultimo complotto di Palazzo & di Partito, anche quello europeista, ma con altri fini: il malloppo di Bruxelles.

Quanto durerà ancora il malanno? Non funzionando l’immunità di gregge, né i vaccini, resterebbe il lockdown che chiude tutto. Oppure il miracolo.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

18 replies

  1. C’aveva ragione Peppino e c’ha ragione Marione. E che vogliamo farlo scrivere a questi il RP?
    P.s. Repubblica parla di rimborso spese.

    "Mi piace"

    • Scusate, commento a un altro articolo.
      Dite a questo qua sotto che noi non votiamo oer ora. E che l’ultima volta che abbiamo votato, per punizione, abbiamo votato esattamente come lui.
      Quello che si è sbagliato però è lui, che avrebbe fatto meglio a votare il Kapitone, suo naturale rappresentante.

      Piace a 1 persona

    • Saggezze buddiste, dedicato a chi di rabbia repressa scopia

      “Se tu sapessi ciò che la tua rabbia ti sta facendo, fuggiresti da lei come dal peggior veleno.”
      “Tu non verrai punito per la tua rabbia, tu verrai punito dalla tua rabbia.”

      "Mi piace"

      • per questo sei piddina. Non provi rabbia. E il MARCIO lo giustifichi sempre, anche quando ce l’hai dentro casa.

        Più che il buddismo potè solo non aprire più infosannio.com, con tutti i suoi troll, da jerome “il pazzo” a bruna gazzelloni la vacca grassa.

        E fu così, solo così, che la malattia sparì. All’istante.

        "Mi piace"

      • Io la mia ” rabbia” l’ho espressa non votando da 20 anni il PD di RENZI,MARCUCCI e similari
        Tu invece la esprimi abbaiando come un cane randagio contro tutto e tutti non in linea con le tue esternazioni chiassose e volgari
        di offendere le persone che la pensano diversamente da te.
        Se non ti è chiaro il concetto, sei un uomo inutile, non hai la capacità del pensiero di stabilire rapporti e connessioni logiche tra le idee, che è a fondamento del conoscere e dell’agire

        Piace a 1 persona

      • correzione 10 anni, non 20
        “Io la mia ” rabbia” l’ho espressa non votando da 20 anni il PD di RENZI,MARCUCCI e similari

        "Mi piace"

      • essere definito INUTILE da te è un onore al merito, visto che consideri utile bersani, cioè l’essenza profonda del concetto di inutilità applicata al piddi. E’ tanto utile, quel CIALTRONE di bersani, che non è MAI contato un cazzo quando si trattava di dare direzioni precise e concrete nell’azione di governo. Non ha inciso in NIENTE su tutta la linea politica, di fatto da sempre. IL VUOTO, IL NULLA.

        L’unica cosa che ha fatto, da quando campa di politica politicante, cioè da quando era bambinetto, il tuo INUTILISSIMO utile bersani sono state “le lenzuolate” (termine abominevole), con la riduzione MODESTISSIMA sui costi delle assicurazioni rc auto, costi che tuttavia sono continuati a essere enormi e pari solo al pizzo che ti chiede la camorra. Basta solo confrontare i costi di oggi (anche solo 100 euro per una rc auto), cioè costi normali, con quelli del tuo utile bersani dopo le sue LENZUOLATE dell’inutilità (si superavano i 1000/1500 euro in un batter di ciglia, ma si arrivava facilmente anche sui 2000 euro, un vero furto di stato, che era nei fatti complice delle assicurazioni (fondiaria e unipol) che facevano cartello tra loro).

        Tieniti il tuo UTILE bersani. E lasciami in pace nella mia inutilità.

        "Mi piace"

      • correzione da 10 anni ,non 20
        Io la mia ” rabbia” l’ho espressa non votando da 20 anni il PD di RENZI,MARCUCCI e similari

        "Mi piace"

      • “E lasciami in pace nella mia inutilità”

        Se la suona e se la canta , crea una situazione spiacevole lui stesso e poi si lamenta delle conseguenze,
        senza permettere agli altri di dire la loro opinione, insomma fa tutto da solo, é solo colpa sua e poi si arrabbia pure.

        Non in attesa di risposta, fine

        "Mi piace"

      • @andrea
        Ma che cazzo vuoi?
        Troll a me che scrivo da tre anni con lo stesso nome?
        Ma chi ti s’inqla.
        Sei un piccolo fascio represso e frustrato, dillo che ti piace l’uomo forte al potere, quello che ti ordina la posizione da assumere, che ti frusta, ti nutre di supposte tra grida di piacevole approvazione.
        Non essere timido e non creare cortine fumogene inducendo il lettore a credere che tu sia un pentastelluto, esponiti, fai outing e ammetti definitivamente che ti piace il Capitone.
        Come Jijino ne hai nostalgia e ti bagni di notte sognandolo. 🐷🐽

        "Mi piace"

  2. Lo sguardo di Marcucci che è un misto di desolazione e strabismo è la foto perfetta.
    Voglio dire gli hanno cambiato nomi parecchie volte, un altra botta di coraggio su

    "Mi piace"

  3. Il pd è ben rappresentato dal suo pdr,
    Prendiamo napo,padre spirituale del bomba di rignano, nasce monarchico, si trasforma in fascista camicia nera, alla fine della guerra continua a seguire la corrente, avendo un inteligenza cosi cosi, smette la camicia nera x indossare una camicia rossa e si ricicla nel pci, che con le budella del meglio andrebbero impiccati i peggio, una pestilenza che dalla nascita della repubblica ci ammorba con la loro presenza fino ad oggi. Ringraziateli x averci portato in dono il draghi di komodo e buona crecia a tanti.

    "Mi piace"

    • Va bene ogni caxxata, va bene l’odio a priori, ma inventarsi le biografie proprio no.
      Napolitano è del 1925. Sin dall’età di 17 anni era iscritto ad un gruppo antifascista (parliamo del 1942, quindi in piena guerra e in pieno fascismo.)
      Quando sarebbe stato MONARCHICO?
      Ah, ecco perché ha scritto NASCE…intendevi da neonato? E quando avrebbe indossato la camicia nera? Quando obbligavano i bambini ed essere piccoli balilla o idiozie simili?
      Oltre che scalmanato sei disonesto intellettualmente, come quando continui a parlare di Bersani nel PD, ben sapendo, MI AUGURO, ma non ci giurerei, che da quel dì Bersani li ha mollati!
      Parole in libertà, odio represso, chissà verso cosa, in realtà… ma se vai col capitone, credimi, trovi finalmente la tua collocazione naturale…e ce ne sono tanti, lì, come te… ti troverai bene, su coraggio, fai questo passo.
      Lo so che ti piaceva il VAFFA VAFFA , ti ricordava le adunate, eh?… e così ti sei illuso che fossero tornati i tempi in cui quelli come te potevano fare i gradassi in giro…
      Sveglia, sono gli anni 20, ma DEL 2000!

      "Mi piace"

    • Ed ecco la DOPPIA BUGIARDA TACCHINA all’attacco…

      “Esiste un tipo umano, protagonista assoluto soprattutto nella prima metà del Novecento, che coltiva l’intransigenza delle idee ma riesce a coniugarla con la curiosità intellettuale e il confronto con chi la pensa diversamente. A questa “intransigenza dialogante” si contrappone un atteggiamento opposto e speculare: quello della “ortodossia inciucista”. Se i primi sono rivoluzionario-conservatori, i secondi sono reazionario-sovversivi. Giorgio Napolitano appartiene a questo secondo tipo umano, quello che si fa sempre garante dello status quo ma che discretamente ne mina le basi.

      È solo una leggenda metropolitana, ma rientra perfettamente in questo schema il pettegolezzo che a partire dalla somiglianza impressionante fra il Presidente uscente della Repubblica e Umberto II ha teorizzato legami di parentela e figliolanze illegittime che collegherebbero Napolitano a casa Savoia.

      Della discussa casa regnante, in effetti, l’ex dirigente del Pci ha molte caratteristiche umane e politiche. In origine, tuttavia, il giovane Giorgio – nato a Napoli il 29 giugno 1925 da una ricca famiglia liberale – aveva mosso i primi passi nei Gruppi universitari fascisti partenopei, collaborando con il settimanale IX maggio dove teneva una rubrica di critica teatrale. Debutta anche come attore in un paio di piccole parti nella compagnia del Guf al Teatro degli Illusi presso Palazzo Nobili. Anni dopo ricorderà quelle esperienze avallando la discussa interpretazione di Zangrandi sui Guf come palestre di antifascismo mascherate, tesi che oggi gli storici tendono a vedere in chiave alibistica.

      Nel 1944, quando le cose per il fascismo volgono al peggio e in Campania già ci sono gli americani, Napolitano entra in contatto con un gruppo di comunisti napoletani…”

      https://www.ilprimatonazionale.it/politica/storia-giorgio-napolitano-12692/

      "Mi piace"