Una maturità sempre più difficile

MARIO DRAGHI BCE

(Gaetano Pedullà – lanotiziagiornale.it) – Che puzza di conformismo e di servilismo culturale dietro la santificazione a mezzo stampa dell’eccellentissimo Mario Draghi, il regista delle privatizzazioni selvagge degli anni ’90 (altro che santo!) incredibilmente dimenticate da gran parte dei nostri coraggiosi giornalisti, tanto abili – quando serve – a scovare i più minuscoli peli nell’uovo. E che amarezza immaginare in uno stesso Governo chi ha combattuto quel sistema e chi ne ha beneficiato, l’impeto ideale e riformista dei 5 Stelle e la conservazione dello status quo di conservatori e sovranisti.

Questo è il mondo che ci aspetta con l’incoronazione dell’ex presidente della Banca centrale europea, al quale da domani gli iscritti M5S dovranno decidere se dare o no il consenso dei loro portavoce in Parlamento. Una scelta non facile, perché lasciare Draghi a spartire con Lega, Forza Italia e Pd i duecento e passa miliardi dei fondi europei è la mossa politicamente più stupida che si possa fare.

La Notizia, pur essendo un giornale dichiaratamente militante contro le caste, a partire da quelle economiche e politiche, ha troppo rispetto per gli attivisti del Movimento per dire a chicchessia cosa fare, se fidarsi come si è sempre fatto (indovinando) del fondatore Grillo e di leader lungimiranti come Conte e Di Maio, oppure seguire quell’istinto che mai in passato avrebbe fatto dire sì a un Esecutivo con gli uomini di Berlusconi o dei due affidabilissimi Mattei.

Di inviti alla responsabilità, e di rospi da ingoiare (per quanto mai grandi come Draghi), se ne sono visti tanti, ma il voto sulla piattaforma Rousseau è la più grande prova di maturità (e di identità) per una collettività politica. L’Italia messa in ginocchio dalla pandemia ha bisogno della saggezza dei suoi cittadini, e al popolo M5S tocca l’onere di essere l’unica base elettorale a pronunciarsi.

E a spingere questa inedita soluzione di governo, oppure spedire la prima forza parlamentare sull’Aventino, mentre altri banchettano – c’è da scommetterci – con le pietanze offerte dal Movimento: dal Reddito di cittadinanza alle politiche ambientali ed energetiche sostenibili, dalla Giustizia alla riduzione delle diseguaglianze. Tutto questo vale meno di un Draghi premier?

19 replies

  1. Insomma sediamoci tutti a tavola è l’invito di tal Gaetano Pedullà ai grillini, perché il banchetto è davvero corposo e succulento, stile proci alla corte di Penelope, e qui la ricompensa è grande (200 milardi). Al diavolo la coerenza!
    Che giornalismo penoso

    "Mi piace"

    • Io, prima di commentare chicchessia , mi preoccuperei di aver capito fino in fondo ciò che si è letto . Sinceramente , vorrei che mi mostrassi, la parte dell articolo, dove si invitano i 5stelle ha partecipare alla grande abbuffata che il porco di rignano dell’arno con la sorprendente complicità di Mattarella ha preparato per i soliti ladroni ed alla quale il “santo” draghi firmerà in calce a futura memoria.

      Piace a 1 persona

  2. Pedullà sei una checca isterica armato di un’infinita spocchia.
    Troppo facile E COMODO, stare fermo a puntare il dito contro questo e quello.
    questo “BANCHIERE” in fondo è uno CHE DOPO ESSERE RIMASTO ORFANO SI E’ IMPEGNATO ED E’ RIUSCITO NELLA VITA CON GLI STUDI.
    Almeno questo glielo riconosci? O credi che sia stato allevato da Soros e atri poteri forti?

    Che naturalmente sono contrapposti al non potere degli sfigati FRUSTRATI E FALLITI NELLA VITA.

    Piace a 1 persona

    • Povero “orfanello”… che però ha studiato dai Gesuiti. Hai idea di quanto costa la retta… ti garantisco che aveva le “spalle ben coperte”!
      Io invece ho perso mio padre, ucciso durante una rapina, all’età di 18 anni e ho continuato a studiare, lavorando di giorno e preparando gli esami di notte…

      "Mi piace"

      • MARK TWAIN

        Lodevole la tua intraprendenza e perseveranza in un momento così difficile della tua vita. Non è da tutti.
        Ma qui non di tratta di fare a gara a chi fa più sacrifici.
        Draghi sembra molto più onesto, molto più perbene del politico medio. Sembra avere più etica.
        Non per meriti suoi ma per i demeriti dei politici (in larga misura incompetenti e/o poltronari e/o mazzettari)
        Tra l’altro lui oppone alla incompetenza della maggior parte dei politici, la sua competenza.
        Perché almeno la sua competenza è indubbia.
        Degli altri conosciamo la loro incompetenza.
        Bisognerà vedere dove le forze politiche indirizzeranno la sua competenza.

        "Mi piace"

      • Forse che i genitori gli hanno lasciato un’eredita’ per istruirsi? Sai capita pure che certi giovani eredi preferiscano sputtanarsi tutto dandosi alla bella vita.
        E comunque, ricco o povero che sia, STATE LANCIANDO STUPIDE ED IGNOBILI ACCUSE AD UNA PERSONA CHE È DIVENTATA QUEL CHE È ATTRAVERSO LO STUDIO.
        O pensi che i ruoli che ha ricoperto gli siano stati dovuti per appartenenza ad una cosca mafiosa?
        ABBI RISPETTO PER LA CULTURA, lMBEClLLE.

        "Mi piace"

    • sicuramente stai parlando di te stesso, poveretto fai pena, bisogna capirti, non sempre la vita è gentile con i grulli.
      Ma non ti disperare, esiste anche la croce rossa, puoi sempre andarci, un pasto caldo non te lo negheranno,
      Però non dire che sei del pd, altrimenti ti fanno pulire i cavoli verza.

      "Mi piace"

  3. “Pietanze”
    Ovviamente si riferisce al modo di vederle degli altri, ma è strano associare la parola pietanza diritti.
    Mi vengono dei dubbi.
    Soprattutto quando le pietanze son ben altre.
    Perché i 209 miliardi di € sono una pietanza per tutti, perché nessun partito – chi più chi meno – è esente da fenomeni di clientelismo, ed il clientelismo si traduce in sperpero di denaro pubblico (oltre ad annichilire i diritti dichi aveva titoli e meriti).

    Grillo, ad esempio, vuole un ministero.
    Cos’é? Una pietanza? Sicuramente non è una legge che difende un diritto o limita un abuso.
    Per il momento sappiamo che si tratta di poltrone da acquisire per nobili ideali.
    Ma sempre di poltrone si tratta.
    Per cui, per il momento, la pietanza a cui si riferisce questo giornalista molto, troppo vicino al M5S, che invita ad entrare nel governo ed evitare l’Aventino, potrebbe essere una bella partita di poltrone per chi sta al vertice.

    Spero che i nobili ideali non servano a nascondere o giustificare le pietanze.

    "Mi piace"

    • “Per il momento sappiamo che si tratta di poltrone da acquisire per nobili ideali.
      Ma sempre di poltrone si tratta.” Poi magari un giorno ci spiegherai pure come fai a raggiungere “nobili ideali”, definizione che mi piace e che condivido, senza le “poltrone da acquisire”. Per me, guardi il dito (poltrone) e non la luna (nobili ideali), un po come altri qui dentro che lanciano ogni sorta di epiteti a chi non la pensa uguale a loro. Pietanze, era riferito non ai 5s ma chi non ha, come li chiami tu, quei “nobili ideali” per i 209 miliardi.

      Piace a 1 persona

  4. I soldi arriveranno spalmati in 10 anni, non tutti in una botta.
    Se banchettano sui soldi, ovvero li sperperano in regalie, l’Italia affonda e affondano pure i partiti del governo accozzaglia.

    PD e LEGA che governano insieme è uno spasso.
    I sovranisti europeisti sono uno spasso.
    Porti chiusi e aperti insieme è uno spasso.

    Se metà PD si rifiutasse, subentrerà Giorgina Sarebbe il massimo. Le comiche in parlamento. Credibilità sotto lo zero.

    "Mi piace"

  5. CAPISCO LA SUA PERPLESSITA’ SONO PIENEMENTE D’ACCORDO,MA DOBBIAMO CAPIRE CHE NON STARCI DENTRO VUOL DIRE VANIFICARE IL LAVORO DEL PRESIDENTE CONTE,VUOL DIRE NON METTERE DEI VETI SU COME SPENDERANNO I SOLDI DEL RECOVERY.PURTROPPO DOBBIAMO TAPPARCI IL NASO E CONTROLLARE. MIO MODESTISSIMO PARERE DI CITTADINO SCHIFATO DA POLITICI CORROTTI COLLUSI.

    "Mi piace"

  6. Comunque la comunicazione 5 stelle fa ridere.

    Qui NON si tratta di allearsi al delinquente b. e al pezzp di mer_da verde, si tratta di mantenere i punti portati a casa a fatica ed eventualmente ottenerne altri. Infine controllare i 200 miliardi. Ma deve stare DENTRO al governo, NON fuori!

    Se la racconti così i dibba dibba (buono a far soldi per sè andando in tv), le lezzi e le larcchie la DOVREBBERO SMETTERE DI ROMPERE I CO_GLIONI! Sti ROMPI co_glioni nemmeno più il voto degli iscritti considerano, ma solo loro stessi e le loro idee BALORDE!

    Stanno SOLO ROMPENDO I CO_GLIONI e intorbando le acque di fango, quando servirebbe compattezza, barra driita, poche idee chiare, motivazione e decisione.

    Sono dei balordi!

    "Mi piace"

  7. comunque oggi sul blog delle stelle non sono riuscito ad entrare, pur essendo iscritto,,,mi dà sempre errore di password….ho cambiato la password una volta e me l’hanno accettata…poi ho fatto il login ed è uscito di nuovo errore…..speriamo non mi abbiano cancellato ..ero iscritto da diversi anni,,,vorrei sperare che il mio voto conti qualcosa, anche se non sono stato mai sicuro che fosse cosi’..

    "Mi piace"

    • La famosa lotta al DIGITAL DIVIDE, una delle grandi bandiere del M5S, si è concretizzata nel DIGITAL DAVIDE!
      So’ soddisfazioni.
      🙂

      "Mi piace"

  8. Pedullà hai cambiato idea in 24 ore ? Faranno quello che vogliono quelli e noi non possiamo stare li a mantenere il sacco. Ci faranno passare per loro collaboratori con tutta la stampa e televisioni a disposizione. Se diremo di no a questo o a quel provvedimento ci sarà sempre una maggioranza alternativa a noi a votarla in parlamento ricorrendo ove fosse necessario anche ai voti della Meloni. Noi faremo la figura dei superflui che stanno solo li a dire di no ma senza nessuna efficacia. Ricordi il Tav ? Quello che è successo in quel caso accadrà tante volte: il pd o settori ampi di esso voteranno per accontentare le lobby insieme a Salvini ,Berlusconi e la Meloni.

    "Mi piace"