Massimo Fini: “Il rito del dono, lezione per il virus”

(Massimo Fini – massimofini.it) – Una settimana fa The Blank Contemporary Art, un’organizzazione culturale che si occupa da una decina d’anni di arte contemporanea, organizzata da un gruppo di ragazze che adesso vanno per la quarantina, mi ha invitato al loro Festival ArtDate. L’argomento era il dono nelle opere di artisti contemporanei, anche stranieri, io dovevo invece parlare del dono dal punto di vista economico. A causa del Covid il festival per queste ragazze si è risolto in un bagno di sangue, molti artisti stranieri non sono potuti venire e ovviamente mancava il pubblico. Nonostante Bergamo non sia una città attualmente tranquillizzante (ma anche Milano è in “zona rossa”), ci sono andato per gratificare la serietà e lo sforzo di queste ragazze che mi avevano contattato già ai primi di maggio (e poi non datemi del misogino, stronze). Per me, che ero il solo presente fisicamente, c’erano addirittura due allampanate tipe che traducevano per i sordi.

Dunque il dono. Per migliaia di anni, dall’8000 al 3000 avanti Cristo circa, nel periodo paleolitico e poi neolitico, la sola forma accettabile di scambio è stata quella del dono e del controdono. Lo scambio, che era fra tribù, collettivo, non era quasi mai contestuale, avveniva in tempi diversi e non aveva un contenuto economico, né necessariamente il controdono andava alla tribù che l’aveva fatto. Forse nessuno meglio di Marcel Mauss ha spiegato il singolare circuito del dono e del controdono, in Melanesia chiamato kula, che significa circolo, ma abituale in quasi tutti i popoli che si affacciavano sul Pacifico: “Un anno una tribù parte dalla sua isola a bordo di una nave vuota e fa il giro dell’arcipelago tornando carica di doni. L’anno successivo un’altra tribù fa lo stesso giro in senso inverso. E così via. Non necessariamente la tribù dà i suoi doni  a quella da cui li ha in precedenza ricevuti, capita che li dia a una tribù terza, ciò che conta è che questa sia inserita nel giro del kula” (M. Mauss, Teoria generale della magia).

Lo scambio individuale, detto gimwali, è proibito o comunque malvisto perché incrina l’unità e la solidarietà del gruppo che in quelle società è il valore in assoluto primario. In tali società non esiste nemmeno il concetto di economia, perché l’economia nella vita tribale si diluisce, si confonde, si incorpora in una così fitta rete di rapporti sociali, religiosi, magici, interpersonali, di amicizia, che è pressoché impossibile isolarla ed enuclearla dal resto. Poiché il controdono è abitualmente superiore al dono, alcuni economisti classici hanno affermato che in realtà si tratterebbe di un prestito ad interesse. Ed in effetti i pellerossa dicono (o dicevano) che “il dono è un peso che si mette sul gobbo di colui che lo riceve”. Ma si tratta di una questione di onore e di prestigio che nulla ha a che fare con l’economia. Nulla illustra meglio questa concezione di quello straordinario istituto che è il potlach, dove un capo tribù distrugge quanto più può della propria ricchezza proprio per dimostrare la sua potenza (oppure l’intera tribù la sperpera – noi moderni che abbiamo il concetto di investimento diremmo così – in banchetti, feste nunziali o altro genere di gozzoviglie). Bisogna quindi rassegnarsi al fatto che il primitivo non è un homo oeconomicus e che la storia non è una inevitabile ascesa verso il mercato e il denaro i cui presupposti sarebbero stati presenti fin dalle età più antiche.

Col progredire dell’evoluzione, se vogliamo chiamarla così, le tribù e le stesse famiglie si sparpagliano, per cui il circuito del dono e del controdono man mano si disperde. Già Esiodo ne Le opere e i giorni (VIII-VII secolo a.C.), aveva notato un cambiamento essenziale, alla tribù, al clan, dove la solidarietà è implicita perché l’individuo progredisce o perisce con esso, si sostituisce il vicino di cui il poeta ha un giustificato orrore. Perché il vicino lo si aiuta pensando che a sua volta, quando saremo in una qualche difficoltà, aiuterà noi. C’è quindi un calcolo, che se non è ancora propriamente economico  in qualche modo gli assomiglia.

Sorvolando poi questa storia a volo d’uccello, inizia l’era dei grandi Imperi fluviali, mediorientali: Sumeri, Assiri, Babilonesi, Ittiti, Harappa, Egizi. Qui la ricchezza è accumulata nelle mani di un re, imperatore o faraone che sia, di origine divina o egli stesso un dio (sia detto di passata, in Oriente non si è mai concepita la figura di un capo supremo che non avesse origine divina, solo questa origine lo legittimava al comando, un riflesso moderno di questa concezione si ha nel Giappone dove il Mikado è stato un dio fino a quando gli Americani vincitori non lo costrinsero a dedivinizzarsi ) che, attraverso la sua burocrazia, distribuisce la ricchezza ai sudditi. Entra in campo però anche lo scambio individuale che è basato sul concetto di equivalenza. Poiché è diventato ormai in larga misura indispensabile lo scambio individuale, una volta osteggiato, è consentito ed è sottratto al regime faticoso e dispendioso del dono e controdono, ma deve avvenire secondo certe equivalenze prefissate fra bene e bene in modo che non ci sia profitto di una delle parti a scapito e con danno dell’altra. Oppure, se vogliamo vederla da un’altra angolazione, il guadagno deve essere uguale per entrambe. È insomma la condanna del mercante. IlA perché lo spiega bene Aristotele nell’Etica Nicomachea: “L’esistenza stessa dello Stato dipende da questi atti di reciprocità programmata… quando esse venga a mancare non è più possibile alcuna forma di compartecipazione, mentre è proprio tale compartecipazione che ci tiene uniti”. Come sottolinea il filosofo anche qui i valori primari restano l’unità e la solidarietà del gruppo. Questo modo di pensare lo si riscontra ancora in alcuni popoli che chiamiamo “tradizionali”, e che sono stati fra noi fino a epoche recentissime. Per  i Curdi, finché sono esistiti come tali, e gli Hunza, popolo dell’Asia centrale, il furto è punito più dell’omicidio, perché l’omicidio può avvenire in seguito a ira, onore, gelosia, cioè per i tradizionali moti dell’animo che, checché se ne dica oggi, non sono comprimibili, mentre il furto, a meno che non sia compiuto in stato di necessità, allora viene perdonato, incrina la fiducia e la solidarietà del gruppo.

La solidarietà oggi, in epoca di Covid, viene richiamata un po’ da tutte le Autorità proprio perché in epoche di calamità la solidarietà e l’unità di un popolo è particolarmente necessaria. Ma di questa solidarietà in giro, a dispetto di tutti gli altisonanti proclami, se n’è vista pochissima. Ha prevalso la paura reciproca (“noli me tangere”). In quanto agli uomini politici non fan altro che strumentalizzare la situazione per loro fini particolari e addirittura Silvio Berlusconi, il “delinquente naturale” come l’ha definito la Cassazione, si propone come “padre nobile” non solo della destra (chiamiamola in tal modo, anche se così si fa un insulto alla Destra), ma del Paese, proprio in nome di questa solidarietà.

Ribadisco un concetto che mi è proprio e caro: si stava meglio quando si stava peggio. Persino nel paleolitico.

Il Fatto Quotidiano, 28 novembre 2020

13 replies

  1. Bellissimo articolo!
    Massimo Fini ci ha dato di che pensare.
    Sono scritti come questo che possono funzionare da catalizzatore per
    il nostro accrescimento culturale, cognitivo e comprensivo della realtà
    attuale che, non dimentichiamolo mai, è legata con un filo rosso
    ininterrotto a quella dei nostri lontanissimi avi.

    "Mi piace"

    • Sì, bellissimo finché Fini si è limitato a farci la storia del dono (che non è merito suo), poi, appena parte con i suoi commenti, mi scade.
      Forse lui non VEDE i segni della SOLIDARIETÀ tra le persone, ma ci sono, per chi è disposto non solo a vedere, ma anche a partecipare.
      Lui non mi sembra il tipo.

      Piace a 1 persona

  2. (non datemi del misogino, stronze) bella frase per donare un sorriso a chi ha conosciuto dei misogini veri, ma questione a parte, forse, il contenuto del dono, sarebbe dovuto essere traslato sul quattrino e sull’avidità e avvizzimento che ingenera nel versante della solidarietà umana; quattrini e apparenza sono i bignami di questa società in cui la solidarietà è divenuta un costrutto e bene fasullo e, di male in peggio, sovente usata come arma ricattatoria; quindi, che si studi antropologia o etnografia dei popoli del mondo non cambia la sostanza del baratro in cui la società occidentale , ricca ma ancora bigotta, tecnologica, industriale e improntata al profitto, è sprofondata perdendo, invero da non molto, la dimensione magica dei rapporti umani e insieme ad essa i suoi riti celebrativi; invece siamo scivolati in doni amorali e promiscui con la svendita della propria carne e del proprio cervello per sintonizzarsi con la ritualità tecnocratica, elettronica e distanziata imposta dagli oggetti di comunicazione di massa. Se hai bisogno di qualcosa il ricco non indice un potlach, ma le istituzioni forgiano associazioni come strumenti di tramite tra il bisogno, la ricchezza e stabilità di uno stato moderno, per come si concepisce; Il dono è quindi un gesto isolato, più di amore che di ritualità, in quanto nella nostra cultura si parla di regali, intesi come doni senza interesse di ritorno; il dono è la celebrazione di un percorso di amore e un simbolo di pietà e forza, cosa che non riesco a vedere più in nessun dove.

    "Mi piace"

    • Complimenti, spero di leggere ancora suoi commenti.
      Ho trovato questo interessante e molto appropriato.
      Mi sono venute in mente le “donazioni” per associazioni e ONG dei miliardari, che in realtà scaricano dalle tasse e vanno a supplire (in briciole) alle manchevolezze di Stati senza un quattrino, perchè loro e le loro multinazionali non pagano le tasse.

      "Mi piace"

    • Ti prego di notare che cosa sta succedendo a Bitti, Nuoro, dopo la frana dovuta all’alluvione.
      Persone accorse da tutta l’isola, che dal giorno dopo stanno ripulendo il paese da fango e rocce, nutrite da gente comune e dai proprietari di ristoranti, dissetate da esercenti dei bar. Un tabaccaio ha fatto una ricarica gratis, tramite un’altra persona, ad una donna disabile che non riusciva a raggiungere il negozio col deambulatore, tra massi e fango.
      È stato dichiarato lo stato d’emergenza, ma loro non aspettano e non si aspettano nulla. Si rimboccano le maniche e lavorano, credendo e sapendo che ce la faranno.
      Sono tutti doni, non regali, anche i loro sorrisi, i loro abbracci.

      "Mi piace"

      • Gentile Anail, vero, sono tutti doni, non come i regali che si ricevono alle comunioni, alle cresime e ai matrimoni; ma per donare bisogna essere accolti, non messi in un angolo ad aspettare che anche il mio tetto frani sulla testa; se qualcosa di positivo è rimasto di quella candida sfera che è la solidarietà umana io ne ho ricevuta assai poca, ma posso ricaricare le batterie donando, ed è questo, forse, l’elemento più strano del nostro organismo: ci si stanca di più a non far niente e ci energizziamo lavorando così come si ama di più amando e non trattenendo il sentimento; quindi se avete bisogno di due braccia per spalare il fango dalle strade chiamatemi eh !!

        Piace a 1 persona

  3. Che peccato che non sono riusciti a costruirla la macchina del tempo. pensate se fosse una realtà, ma purtroppo a senso unico cioè senza ritorno nel caso si fosse delusi: pensate che Fini la proverebbe per andare nel neolitico? Io penso proprio di no.

    Piace a 1 persona

    • @cesaregoffredogranese
      Non m’era parso che Fini avesse fatto un’elogio dei “bei tempi andati”, quando l’uomo e la natura non avevano
      ancora consumato un così tempestoso divorzio.
      Era solo una riflessione su come certi rapporti umani, possibili solo in società di limitata complessità, si fossero
      trasformati nel corso della storia fino all’apoteosi del culto del tornaconto personale imposto dal pensiero unico
      globalista.
      Come nessuno di noi si sognerebbe di fare, Fini non ha espresso nostalgia per il neolitico e penso che, anche se
      disponesse di una macchina del tempo, sceglierebbe di non allontanarsi troppo dal suo comodo divano. Ciao!

      Piace a 1 persona

      • Forse hai ragione in parte, comunque essendo un lettore di Fini assiduo apprezzandone l’onestà intellettuale e l’anticonformismo,allo stesso modo constato la sua propensione a un certo sentimento nostalgico
        non sempre realistico.

        "Mi piace"

      • Be’, visto che conclude con “Ribadisco un concetto che mi è proprio e caro: si stava meglio quando si stava peggio. Persino nel paleolitico.” direi che non sia un fan dei tempi attuali!

        "Mi piace"

      • Ma che ne sanno gli ingegneri dei “bei tempi andati” che non conoscono affatto, per la semplice ragione che, per tali eccelse menti, non si può, dove non ci sono i missili che vanno sulla Luna, che “stare peggio, quando si stava meglio”?

        "Mi piace"

  4. Come più volte scritto, l’intellettuale ci deve regalare la possibilità di riflettere su ciò che scrive, magari pur non condividendola. Fini è un antimodernista dichiarato che però sorvola troppo spesso sul fatto che la società è I costumi umani sono in continua evoluzione, anche per via della diffusione della conoscenza. Forse troppo spesso estrapola i suoi concetti dal passato senza tener conto di questo. Detto questo, ad averne di intellettuali così.

    "Mi piace"

    • Gli imbambolati moderni parlano di conoscenza e della sua diffusione, senza accorgersi dell’ossimoro: questa sì che è indiscussa “evoluzione”!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...