Le piaghe d’Egitto

(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – La sapete l’ultima? “Destra avanti se vince il Sì”. “Ecco il Parlamento se vince il Sì: destra avanti in entrambe le Camere”. Lo scrive Repubblica, dunque dev’essere vero: pare proprio che la legge costituzionale approvata dal Parlamento quattro volte in due anni da tutti i partiti tagli un terzo dei parlamentari, ma solo quelli di 5Stelle e centrosinistra, lasciando intatti quelli di Lega, FdI e FI. È l’unica spiegazione, a meno di ritenere che la vittoria o la sconfitta alle elezioni non dipenda da quanti elettori hanno i partiti, ma da quanti eletti ci sono in totale. Altro che riformina: questa è una rivoluzione copernicana, una svolta mai vista nella storia dell’umanità. Ma pure un formidabile elemento di ottimismo per i giallorosa: per sorpassare in scioltezza le destre e vincere le Politiche, cercare di prendere più voti di loro è inutile; basta votare No al referendum, cioè conservare 945 parlamentari, e sarà un trionfo.

Ma, inoltrandosi nell’articolo, affiora una spiegazione alternativa: lo studio dell’Istituto Cattaneo a cui si riferisce – una simulazione del prossimo Parlamento col taglio dei parlamentari e la nuova legge elettorale proporzionale, alla luce dei sondaggi attuali – ha il grave torto di contraddire le ragioni del No sbandierate da Repubblica. Infatti dimostra, dati alla mano, che ridurre i parlamentari non comprime la rappresentanza (l’Italia in Europa ha il più alto numero di eletti in rapporto agli abitanti e lo conserverà anche dopo il taglio) né esclude le minoranze (i partiti presenti nell’attuale Parlamento ci tornerebbero anche in quello ridotto). Dunque Repubblica pensa bene di manipolarlo e, già che c’è, di fare un po’ di terrorismo, come se i suoi lettori fossero scemi: se votate Sì, poi vince la destra (che naturalmente, con gli attuali sondaggi, vincerebbe anche col No). Buon segno: se il livello della propaganda è così miserevole, il fronte del No dev’essere alla disperazione. Come quello del Sì alla schiforma renziana, che nel 2016 minacciava una serie di sfighe epiche “se vince il No”: uscita dall’Europa, crac delle Borse, crollo della produzione, tracollo dell’occupazione, niente più cure contro il cancro e l’epatite C… Ora il copione si ripete, ma contro il Sì. La vittoria della destra è solo il trailer. Seguiranno, prossimamente sulle varie testate del Giornalone Unico, altre puntate della serie “Se vince il Sì”: a parte il ritorno delle piaghe d’Egitto al gran completo, cavallette incluse, moriremo tutti di Covid, oppure sopravviveremo, ma con emorroidi lancinanti; pioverà sempre e gli ombrelli saranno vietati per legge; Porro e Vespa andranno in onda a reti unificate h 24; la Nutella saprà di merda; e ci sarà una grande morìa delle vacche, come voi ben sapete.

13 replies

  1. Marco, sappiamo bene che ti diverti come un matto sviscerando le ridicole e penose manifestazioni dei tuoi “colleghi” giornalai (per loro, giornalisti è troppo, il giornalismo è un’altra cosa). Anche noi lettori ci facciamo delle belle risate. Ma forse – e qualche altro tuo lettore l’ha già commentato – gli editoriali potrebbero superare questa fase per incidere sulla realtà sociale, civile, politica. Insomma, ragionare su cose serie….anche se ammetto che è molto serio che l’informazione sia scaduta a minimi mai visti, producendo menzogne, omissioni, distorsioni a comando che purtroppo influenzano molte teste permeabili. Basta vedere i rigurgiti del fronte del no nel prossimo referendum. Chi l’avrebbe detto sei mesi fa?

    "Mi piace"

      • Naturalmente per gli informati è meno utile, ma per i disinformati è sempre utilissimo, infatti ora lo giro a mia madre che si ostina a comprare repubblica.

        Questi articoli secondo me sono comunque utilissimi per girarli a persone disinformate o informate male.

        "Mi piace"

    • Pian pianino anche la claque inizia a prendere le distanze dal MegaDirettore… Diplomaticamente, raschiandosi due, tre volte la gola, con pudico rimbrotto, non certo senza un pallido rossore sulle gote, ma comunque, se non distanze vere e proprie, almeno restando guardingamente nei dintorni e non appiccicaticci come prima, con la lingua srotolata a mo’ di trampolino di lancio per il salto con gli sci…

      "Mi piace"

  2. Il gruppo editoriale dei campioni di arrampicamento su specchi e specchiere (Repubblica-Espresso-Stampa & C.), non sapendo più cosa inventarsi per affosasare il SI alla riduzione dei parlamentari, cerca di spaventare qualche gonzo della “sinistra” italiana con lo spauracchio della “destra che avanza”.

    "Mi piace"

    • Sentite questa news appena lanciata dalle agenzie di stampa:
      “Diagnosi congiunta dott. Zangrillo/crocerossina Santa de Che’ per i loro illustri amici: non è il Covid la causa dei ricoveri, ma è la gonorrea. Il covid attacca i signori di una certa età con patologie pregresse. ”
      Non c’entra nulla con l’editoriale di Travaglio, ma mi sembra tanto una fake.

      "Mi piace"

  3. se questa é la sedicente sinistra…. meglio il SI e la destra al governo… almento il nemico non é camuffato…!!!

    una sedicente sinistra camuffata che fa leggi di estrema destra: art. 18, buona scuola, legge fornero, l’elenco delle porcate fatte dalla sedicente sinistra sarebbe lungo…!

    insomma, una sedicente sinistra che di fatto non é altro che una destra estrema, che si camuffa di sinistra, che fino ad ora ha impoverito i poveri e arricchito i ricchi…!!!

    Piace a 1 persona

  4. Si ci fa tanto ridere, ma non è un divertissement. A fare campagna per il si ci sono solo il fatto e il manifesto, che insieme hanno forse la metà dei lettori di Repubblica. Il martellamento fino al 21 compreso è necessario, come voi ben sapete. Punto. Due punti.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.