I “furbetti” politici? Son molto peggio le imprese…

(di Gad Lerner – Il Fatto Quotidiano) – Ora che va placandosi la (sacrosanta) furia nei confronti dei tre (o cinque) parlamentari e della quindicina di consiglieri regionali che hanno richiesto il bonus per le partite Iva in difficoltà, mi arrischierò a far notare che i politici furbetti sono risultati essere davvero pochi in proporzione al numero degli eletti.

Non fraintendete. Nei loro confronti non provo alcuna forma di indulgenza. Ma non vorrei che sfogandoci su costoro ci formassimo un’immagine assai deformata del tasso di abusivismo/sfacciataggine/disonestà proliferante nella società italiana.

Nei giorni scorsi “Il Fatto” ha pubblicato le testimonianze di numerosi dipendenti di aziende i cui titolari, pur avendo chiesto la cassa integrazione, li hanno fatti lavorare in nero durante il lockdown. Fonti attendibili ipotizzano che il 30% delle imprese richiedenti sostegno pubblico non avrebbero dimostrato significativi cali di fatturato.

Mi sembra evidente che si tratti di comportamenti illeciti ben più rilevanti in termini numerici e percentuali, oltre che di danno per le casse dello Stato, anche se suscitano decisamente meno scandalo. Ma proprio questo è il punto.

Certa televisione (in stile Rete 4) ci ha abituati a dare la caccia al falso invalido coprendo le responsabilità dei grandi evasori; a mettere alla gogna il singolo peones dimenticando le appropriazioni di denaro pubblico occultate dai vertici del suo partito.

Orbene. Qui non si tratta di fare di ogni erba un fascio. Ad esempio, il dipendente che accetta un’integrazione in nero commette un illecito, certo, ma non comparabile a quello del suo datore di lavoro.

Nei mesi scorsi il governo si è giustamente dato la priorità di fornire assistenza ai bisognosi, senza avere il tempo di mettere troppi filtri. Ora è il momento di verificare chi ne ha abusato. Non accontentiamoci del tiro a segno sui politici.

2 replies

  1. i “controlli a posteriori” sono sempre stati visti come un rischio che è conveniente correre perché se ne sono sempre fatti
    pochi, soprattutto nei confronti delle categorie più influenti.
    E’ come una lotteria in cui è più facile vincere che perdere.
    La vincita, che può essere anche consistente, è immediata, mentre il rischio di venire scoperti è sempre stato talmente
    scarso che, fatti i conti, conviene “prendere i soldi e scappare”.
    Se la macchina dei controlli dovesse veramente cominciare a funzionare per tutti, sarebbe un passo in avanti importantissimo
    nel moralizzare i comportamenti truffaldini a cui gli italiani, ovviamente non quelli a reddito fisso, sono assuefatti da decenni
    di lassismo criminale e criminogeno.

    "Mi piace"

  2. Io.credevo che o controlli co sarebbero stati.Infine abbiamo al governo un partito o movimento di persone oneste cioè i 5 stelle.Purtroppo nessuno svista muovendo e tutto sembra andare avanti come prima.Furbi,ladri,approfittatori contano su questo.Io non ho piu’ fiducia e spero soltanto che i 5 stelle tornino come erano prima,quando frequentavano le piazze.E Conte che fa?

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.